Vai al commento






Sala d'onore


Contenuti popolari

Visualizzazione di contenuti con la più alta reputazione da 13/06/2020 in Risposte

  1. 9 punti
    Platino

    Studio televisivo

    Popolo di Musharna, chi vi parla è Platino. (ehm, aiuto) Sono un vostro concittadino ed ho un annuncio da farvi. Qualche tempo fa il Vostro Governatore Supremo e Capo Eterno del Regno, noto ai più come il Direttore, mi ha affidato un compito arduo: impedire l’alterazione della linea temporale ad opera di ignoti, così da poter allo stesso tempo liberare mia nonna Perla, ex erede al trono di Harmonia, dalla sua prigionia. Questi che vedete al mio fianco sono i miei compagni di viaggio, che mi hanno affiancato nella mia difficile missione. Tuttavia, una volta fatto ritorno dal Direttore, la verità celata dagli inganni si è resa manifesta! Non solo mia nonna Perla non è stata liberata, ma le era già stato somministrato del veleno mortale sotto ordine di coloro che l’hanno imprigionata. E l’ordine è partito sapete da chi? Da lui! *cerca di indica il direttore* (uhm? dovè? vabbè, spero che il significato arrivi lo stesso al pubblico) Adesso mi reputerete un pazzo ad accusare l’uomo più amato del mondo di un crimine tanto abominevole, ma dovete ragionare! É cosí che volete vivere? Come delle marionette comandate a distanza? Guardatevi intorno: ogni giorno é uguale all'altro, ogni vostro gesto é controllato da colui che invece di proteggervi preferisce pensare a se stesso. Vi sta MANIPOLANDO! Io dico BASTA: unitevi a me oggi e ribellatevi al Direttore, affinché il nostro Regno possa risorgere domani. Insieme vinceremo! Insieme ristabiliremo pace e tranquillità nel Paese! Per il Regno di Musharna!
  2. 7 punti
    Chube

    Aggiornamenti in arrivo su Pokémom Millennium!

    Oh finalmente Darki se ne va dal forum
  3. 7 punti
    Ven

    Supporto LGBT

    Buonasera a tutti Non sono solito fare post personali, ma mi sembrava una buona idea parlarne con qualcuno e vista l'apertura mentale della maggior parte delle persone qui ho pensato che fosse un buon posto per parlarne. (Spero sia la sezione giusta) Ho finalmente accettato totalmente l'idea di fare parte della community LGBT e anche se il futuro un pò mi spaventa sto vivendo la situazione con assoluta positività. Sono riuscito con facilità a parlarne anche con amici, cosa che non avrei mai pensato di fare in tempi cosi brevi, e ho ricevuto fortunatamente reazioni positive da tutti. Sfortunatamente non conosco nessuno come me e volevo sapere se qualcuno avesse voglia di parlare un pò (anche per mp), magari discutendo di come è stato per lui il coming out, o che abbia voglia di parlare un pò di come va la vita sotto questo aspetto. Spero di non risultare inopportuno ma non so veramente come parlarne con qualcuno che si ritrovi nella mia stessa situazione
  4. 7 punti
    Perla

    Prigione Tetra

    Ti vorrò... bene... per sempre... * il cuore di Perla smette di battere * Perla si è spenta davanti agli occhi di tutti.
  5. 6 punti
    HeartOfIce

    Supporto LGBT

    Ciao. Io non è da molto che faccio parte della LGBT. Ma ho fatto coming out solo con qualche amico perché ho molta paura dei giudizi e reazioni altri. Soprattutto perché il mio modo di sentirmi risulta incomprensibile ad alcune persone e vedendo come hanno reagito ho preferito tenerlo per me... Sono sempre molto insicuro su qualsiasi cosa e probabilmente continuo a non accettarmi anche se lentamente sento di starmi ad avvicinare a ciò che mi sento. Se ti va di parlare a me farebbe più che piacere, una chiacchierata di certo mi sarebbe di aiuto.
  6. 6 punti
    Porygon-Z

    [Porygon-Z] Welcome to Wonderland

    Sofora e Savory Overworld Slowbro di Galar Party icon Qui sotto i link al primo post, con tutti i lavori, e a Scrubsidian, betamon di Hoenn!
  7. 5 punti
    Darki

    Festeggia l'arrivo della Wiki Pokémon con due nuove bambole in omaggio!

    Salve allenatori! Con l'arrivo su Pokémon Millennium della nuovissima Wiki Pokémon, cosa c'è di meglio di festeggiare con due nuovissime bambole? Da oggi nel PokéPoints Store saranno disponibili Oddish Cromatico Smart Rotom Le due bambole saranno disponibili nel PokéPoints Store in quantità illimitata e gratuitamente ma solo per un periodo limitato! Non fatevele sfuggire! Acquista subito le bambole! Si ringrazia @Porygon-Z per lo sprite di Smart Rotom
  8. 5 punti
    ThiccQwilfish

    Album Fotografico di Pokémon Millennium - Le nostre foto

    Eccomi in tutta la mia sexaggine u.u
  9. 5 punti
    FaviGyaraJ

    Il primo dei tre [LOTTERIA 25/06]

    Hey tu, proprio tu che stai leggendo questo post, pensavi che questi primi giorni di vita del club sarabbero stati monotoni e privi di sorprese? Beh ti sbagliavi! Perché hai la possibilità di vincere di vincere il primo dei tre Pokèmon che hanno deciso di rappresentare me, @SweetRplug e @SilvosferA Il Pokèmon in questione è un bellissimo Goomy arancione scintillante, che avrà - Il mio AO: Pierpaolo - Natura Modesta - Un Nick e un Oggetto veramente unico ...così come sarà unico questo speciale Pokèmon che celebra l'apertura del Fight Pub a voi, coraggiosi avventurieri che dovrete affrontare le prove più difficili per cercare di arrivare alla gloria! COME PARTECIPARE Niente di più semplice, tra le 00:00 e le 23:59 avrete la possibilità di commentare, venire estratti casualmente e portare questo piccolo cucciolo per sempre con voi come ricordo dell'avventura che avete deciso di intraprendere con noi! Buona fortuna! (I vincitori verranno estratti al termine della chiusura del terzo dei tre)
  10. 5 punti
    Hydreigon106

    [Hydreigon106] Let's Get This Over With ~

    I'm back You're mad! - Saikou No Hero - - Pharés - Semplici lavoretti per riprendere un po' la mano dopo qualche annetto ( e in occasione del mio settenario sul forum). Aspetto le vostre opinioni! Come ogni estate ho ripreso la fissa per My Hero Academia, mentre il mio amore per la seconda stagione di Skam Italia si è tramutato in questo! So che nessuno probabilmente ricorderà questo thread but...enjoy! @Kio_ @Macasylveron @Green @Axelf @Gallady @Chube Porygon Prince @Zero. @PeterPan @hitsuga
  11. 5 punti
    Oh no Così mi obbligate a comprarlo
  12. 4 punti
    Kiyro

    Arriva la Wiki Pokémon e tante novità per la community!

    img.dvwpipblinker-forumpost-img { height: 310px; width: 100%; object-fit: cover; } Leggi la notizia
  13. 4 punti
    Porygon-Z

    [Porygon-Z] Welcome to Wonderland

    Nuove targhette Wiki Pokémon Smart Rotom Party Icon C'è molto altro che posterò nei prossimi giorni, stay tuned Qui sotto i link al primo post e agli ultimi lavori!
  14. 4 punti
    SilvosferA

    L'insegna

    Visto che nessuno ha ancora avuto il coraggio di animare questa sezione con un po di sano spam devo rimediare io quindi si accettano commenti brutti non so quanti di voi se ne sono già accorti maaaaaaa cosa ne pensate della nostra alcolica insegna? io personalmente la adoro grazie @Ilperico
  15. 4 punti
    Porygon-Z

    Conferenza Stampa Q&A di Diamond e Il Cassiere

  16. 4 punti
    SilvosferA

    Il secondo dei tre [LOTTERIA 26/06]

    "Deve funzionare, deve funzionare sento che è la volta buona questa è la pietra giusta.. sento che mi sto evolvendo si si lo sento.. sento una ventata di energia fresca" "Shuckle levati da sotto il condizionatore dell'entrata. Impedisci ai clienti di entrare.. sarai anche il proprietario ma se continui cosi, chiamo i Mankey e defenestro anche te" "Ma Ursaring.. Sento che questa è la volta buona sono sicuro che mi sto evolvendo potrò finalmente smettere di usare l'eviolite" "Togliti da li e va ad aiutare Peko e gli altri, non voglio ripetermi" Siamo giunti alla seconda estrazione dei pokemon celebrativi dell'apertura del PuB Premio: Shuckle Shiny: star Ao: Elisa (il mio) Natura: Placida Nickname e Strumento: tematizzati hehehe Per partecipare rispondete a questa discussione durante le 24H di apertura della stessa. L'estrazione sara effettuata alla chiusura della terza estrazione commemorativa. E' ammesso un solo commento a utente per partecipare. Buona fortuna a tutti!!! Io @FaviGyaraJ e @SweetRplug ringraziamo tutti coloro che hanno intrapreso questa avventura "competitiva" con noi
  17. 4 punti
    Charlotte93

    [Charlotte93] La gallery di Carlottina Creations <3

    Buon pomeriggio a tutti! Oggi vi porto invece un lavoretto recente, realizzato per i social di Pokémon Millennium in onore del Black Out Tuesday e per sostenere il movimento Black Lives Matter Dal riadattamento di questo post, è nato successivamente uno sfondo per telefono E poi, posso lasciarvi con solo questi due lavoretti? Beh direi proprio di no! Come avrete potuto ben notare se ci seguite sui social, siamo soliti celebrare gli anniversari dei vari giochi Pokémon. Vi lascio due degli ultimi anniversari a cui ho lavorato, e che mi sono costati ore davanti al PC, soprattutto il secondo, ma di cui sono molto soddisfatta, nonostante le imperfezioni. Beh che dire follettini e follettine, per oggi è tutto! Son qui per qualsiasi cosa
  18. 4 punti
    SilvosferA

    Il Bancone

    "Sgrunf... regalare drink gratis.. i proprietari devono essersi fumati l'erba di Persian.. Sgrunf.. campagna pubblicitaria.. Sberle gratis dovrei distribuire.. altro che i miei ottimi drink" Primo giorno di apertura primo evento omaggio.. @SweetRplug @FaviGyaraJ e @SilvosferA sono lieti di offrirvi un drink a scelta dal balcone di Ursaring.. Balcone? Volevo dire bancone.. scusate ma forse ho esagerato con i Mojito Fantasia. Offerta valida per gli iscritti al club nelle date del 24 e 25 giugno 2020. Fate la vostra ordinazione.
  19. 4 punti
    Rockink

    Meme sugli utenti di PM! :D

    Credo che sia importante metterlo anche qui (???) dunque... @Combo Sei nab
  20. 3 punti
    SilverApricot

    Project X

    Ciao a tutti, vi illustro il Project X che segue. Vi propongo di ideare, studiare e disegnare un’intero pokedex insieme; proprio come se fossimo dei dipendenti di gamefreak e dovessimo elaborare l’uscita di una nuova regione e i suoi abitanti pokemon. Vorrei realizzare con voi un centinaio di pokemon ispirandoci al nostro caro e bellissimo paese. L’idea prevede di lavorare ogni settimana su una linea evolutiva per volta partendo da un obiettivo che posterò; dopo di ché ognuno di voi può partecipare rispondendo alla discussione e dando spunti sulla realizzazione del pokemon della settimana. Attenzione: vi prego di non scrivere solo “bello” oppure “brutto”; argomentate le vostre risposte per esempio “è brutto/sbagliato perché, è un pokemon comune a tutta la regione ma nella realtà quell’animale/pianta vive solo sul cucuzzolo della montagna più alta della valle da osta” questo è un commento logico ed intelligente, oppure “bello, ma la coda non mi convince perché esce dai canoni del family-friendly che è pokemon” altra risposta completa. Non avanzeremo in ordine numerico del pokedex, quindi gli starter teneteli ancora un pochino nel cassetto, voglio prima rodare un po' la situazione e poi ci lavoriamo. Inizieremo lunedì, approfittando che cade il primo giorno del mese. La domenica o quando saremo soddisfatti del risultato, realizzerò il disegno del/dei pokemon in questione, tenete presente che non sono un disegnatore ma ci metterò tutto me stesso; liberissimi di disegnarlo voi o di ridisegnarlo in un secondo momento. È un lavoro di gruppo, spero. (non postatelo ma mandatemelo per mp) Studieremo ogni singolo pokemon non solo dal punto di vista del design, dell’habitat, delle sue abitudini di vita; punteremo a ragionare anche sulle sue statistiche base (qui avrò decisamente bisogno del vostro aiuto perché sono una frana in questo campo), le eventuali nuove mosse e perché no il bilanciamento di nuovi tipi (anche se è un campo moooolto difficile e controverso, per ora comunque ci atterremo ai 18 già presenti e bilanciati) Se tutto andrà come mi auguro, voglio aprire un’altra discussione, come una sorta di side quest, in cui andremo a trattare sempre di questa regione e delle versioni di gioco, andando a pensare e ricavare la key features della regione/generazione, i titoli, la geografia, le palestre, e tutto quello che non ha nulla a che fare direttamente con i pokemon (mostriciattoli); ma di questo se ne parla più avanti. Alcune raccomandazioni: 1. non cerchiamo di fossilizzarci ad inserire tutte le combinazioni di tipi mancanti a forza, se una determinata coppia di tipi non si sposa bene con la regione italiana facciamocene una ragione, la vedremo in una futura. 2. siate originali, e scaviamo nelle profondità della nostra terra (la battuta scavare e terra, giuro è involontaria XD), tirando fuori leggende che solo in italia si conoscono…. tipo il pokemon pastasciutta lo lasciamo ai video trash. 3. siate completamente family-friendly e pensate che è un gioco per bambini, sono assolutamente vietati richiami politici, rimandi specifici ad attività criminali e a dettagliate contrapposizioni religiose. Se vi va di aiutarmi e imbarcarvi in questa avventura, mettete un bel mi piace e io lo saprò, altrimenti il Project X (che sta per la decima generazione perché la nona ci staranno già lavorando in oriente) rischia di morire sul nascere. Per qualsiasi domanda o perplessità, mandatemi pure un mp. REGOLAMENTO DELLA DISCUSSIONE è vietato postare disegni, siano essi realizzati con tecnica digitale che tradizionale, l'unico che può farlo è SilverApricot, perciò girate a lui i vostri disegni attraverso un mp. è possibile postare immagini delle fonti di ispirazione a patto che siano contenute sotto spoiler e senza esagerare con le quantità. vi invito, nel caso di "cito", ad utilizzare solo la parte a voi interessata del post invece dell'intero testo; se vi dovesse servire citare l'intero testo, riferitevi ad esso o taggate la persona che lo ha scritto. questo al fine di alleggerire la lettura a tutti; grazie per la comprensione. POKEDEX (in lavorazione) #001 – ??? #002 – ??? #003 – ??? #004 – ??? #005 – ??? #006 – ??? #007 – ??? #008 – ??? #009 – ??? #010 – RIVOLE #011 – NUTRIWER #012 – ??? #013 – …….. #042 - ??? #043 - DUSTERIN #044 - HAWKAND #045 - ??? ........ #054 - ??? #055 - SEEREAL #056 - HARWHEAT #057 - HARVOAT #058 - HARCORN #059 - HARRICE #060 - HARBUCK #061 - ??? .........
  21. 3 punti
    Kiryu89

    Noobba l' utente precedente

    In questo tread si tagga l' ultimo utente e gli si da del noob Ps: Si noobba una sola volta al giorno
  22. 3 punti
    Porygon-Z

    [Porygon-Z] Welcome to Wonderland

    Ti lanci i codici e te li prendi da solo, tu può
  23. 3 punti
    Darki

    [Ufficiale] League of Legends

    L'avevo vista ma non mi sembrava real, è letteralmente Neeko.. saranno imparentate? lol
  24. 3 punti
    Ozen

    Lande di Harmonia

    E questo è il mio
  25. 3 punti
    evilespeon

    Sala d'attesa tg espi

    Vero sono troppo easy da sconfiggere di solito Uguale direi caro Idem fa troppo banale sennò e non da sorpresa Bella come idea questa Ah ah non posso darti proprio torto XD Mi sta facendo vedere le cose sotto una nuova luce te Ah ah quello sarebbe davvero rivale in effetti XD Blu era tra i più forti in effetti
  26. 3 punti
    Indomitable.Tamer

    [Traduzione] Frozen II - Forest of Shadow

    Capitolo 6 ANNA SENTÌ IL SUONO delle campane e dei passi da qualche parte del castello. L’alba rischiarava, spargendo sul suo viso la calda luce autunnale. Tenendo gli occhi chiusi, Anna si allungò, godendosi l’intimità della sua trapunta, e la morbidezza del suo cuscino. Ancora qualche minuto. Poteva permettersi di aspettare prima di trovare Elsa, chiederle di più riguardo alle capre dei Westens, e dirle quello che aveva trovato l’altra notte nel libro della madre. Dopotutto, era così a suo agio che sarebbe stato un crimine alzarsi, e— I suoi pensieri si fermarono. Segreti dei Segni Magici. Il libro con i sortilegi all’interno. Il libro con la potenziale cura per gli animali. Anna si alzò di scatto, gli occhi si aprirono per essere accecati non dalla luce dell’alba ma dal sole dorato di metà mattina. Aveva di nuovo dormito troppo! Più in fretta di Sven che mangia una carota, Anna si alzò dal letto prima ancora di potersi togliere la trapunta. Afferrò Segreti dei Segni Magici , e con la coperta che svolazzava dietro di lei, sfrecciò nel camerino e si diresse al piano di sotto. Non preoccupandosi di bussare, aprì la porta della vecchia camera da letto dei suoi genitori. Il letto era stato fatto con cura, la cenere fredda nel focolare. Naturalmente—sua sorella a questo punto doveva essere in piedi da ore. A Elsa, per qualche strana ragione, piacevano le mattine. Diceva che la facevano sentire fresca come la neve, mentre facevano sentire Anna fresca come gli escrementi di pollo. Un mal di testa le colpì le tempie. Anche se aveva dormito per ore, era stato un sonno inquieto, perché ci aveva messo ore per rilassarsi dopo il ritorno di quell’incubo d’infanzia. Pensa. Dove potrebbe essere Elsa a quest’ora del giorno? Dalla camera da letto, Anna correva lungo il corridoio per sbirciare attraverso le porte aperte. Elsa non si trovava nella biblioteca e nemmeno nelle camere di consiglio. Forse nella sala dei ritratti? Anna scese al piano di sotto e fece una brusca virata nel pianerottolo—e si imbatté in qualcosa di caldo e solido. Anna volò all’indietro, distesa in terra. Un dolore sordo le scuoteva la schiena, ma per fortuna la maggior parte della caduta era stata attutita dal tappeto. Ahi. “Ehi!” Brontolava dall’alto la grande parete. “Guarda dove vai!” “Tu dovresti guardare dove vai!” disse Anna, e se ne pentì all’istante. Non è quello che una che spera di diventare ambasciatrice del Grande Viaggio dovrebbe dire. “Mi dispiace,” aggiunse, alzando lo sguardo per vedere il vecchio, rugoso volto della Signora Eniola che la fissava dall’alto. “Anna!” La signora Eniola si inchinò, con la sua lunga gonna marrone scuro che contrastava con il fascio di nastri bianchi che teneva in braccio. “Le mie scuse, non ti avevo riconosciuta nella tua...” I suoi occhi andavano su e giù. “Trapunta?” Anna sussultò. Gli ambasciatori Reali dovrebbero anche ricordarsi di indossare abiti adeguati prima di svolgere le loro importanti missioni—e di pettinarsi anche i capelli. I suoi capelli non sembravano tali ma somigliavano ad un nido di uccelli. “Va tutto bene.” Anna si alzò. “Avrei dovuto prestare attenzione.” Come sempre. Si strinse nella trapunta e sembrava che sembrasse più dignitosa della sua camicia da notte verde pallido arruffata e dei suoi piedi nudi. Anna conosceva Eniola come uno dei nuovi abitanti del villaggio che si era trasferita ad Arendelle da Tikaani, e specificatamente come quella che aveva insegnato l’inno nazionale di Tikaani ad Anna. Eniola viveva in un accogliente cottage alla periferia delle fattorie. Tenendo il mento sollevato, Anna chiese, “Cosa vi porta al castello, Signora Eniola?” Eniola sospirò, e le pieghe del suo viso, che già conteneva più linee delle vecchie carte nautiche di re Agnarr, sembravano decuplicare il suo disappunto. “Sono qui per parlare con la regina.” Si morse il labbro. “Tutti noi lo siamo.” Anna inarcò un sopracciglio. “Noi?” Eniola fece un passo indietro per rivelare molti più abitanti in fila fuori dalla Sala Grande, che fissavano Anna. Riconobbe molti dei suoi amici—il caramellaio, il fattore, l’accenditore delle lampade a gas, il mugnaio, i due fabbri, e molti altri. Molti, molti di più. Gli occhi di Anna si spalancarono mentre vedeva che la fila di abitanti di estendeva dalla doppia porta che portava alla Sala Grande a tutto il corridoio attraverso la seconda sala grande e infine verso la galleria dei ritratti. La bocca di Anna si seccò, mentre si chiariva la gola. “Perché avete bisogno di vedere Elsa? Ehm, la Regina Elsa?” chiese. Eniola teneva in mano il suo fascio di nastri, che Anna vide in quel momento che non erano affatto nastri. Erano fili di grano, ma invece delle lunghe pagliuzze dorate che Anna era abituata a vedere dalla finestra della torre, questi erano fili corti e screziati di bianco—ammuffiti e marci fino in fondo e riconoscibili solo dalle teste dei chicchi in cima. Anche mentre Anna li stava fissando, alcuni semi si sbriciolavano in polvere bianca. Prima gli animali, poi il raccolto. Cosa stava succedendo? “Ci siamo svegliati questa mattina,” disse Eniola, “ed è tutto così—ogni cosa!” Gli abitanti borbottavano in accordo dietro di lei. Anna aveva bisogno di dire ad Elsa di tutti questi abitanti—ora. “Chiedo scusa.” Anna distolse lo sguardo dal fagotto nelle braccia della Signora Eniola e si precipitò al piano di sotto in direzione della Sala Grande. “Scusatemi, permesso!” La fila si spostò per permettere ad Anna di passare, e mentre lo faceva, vide che ogni singola persona aveva dei fagotti simili a quello che aveva la Signora Eniola: le zucche, solitamente del colore del tramonto, avevano grandi macchie antiestetiche, e le mele, solitamente rosse, rotonde e croccanti, sembravano avere la stessa consistenza della pasta cruda. Su e giù per la fila, Anna vide bucce di mais essiccate, patate bianche e carote pallide come la panna. Ogni raccolto, ogni verdura, ogni tipo di grano a cui Anna poteva pensare era distrutto. Marcio. La Moria. Anna aumentò il ritmo. Passando davanti ad una donna dall’aspetto feroce, finalmente riuscì ad attraversare le porte e ad entrare nella Sala Grande. La Sala Grande, come suggeriva il nome, era esattamente quello: grande. Era la stanza più grande del castello, con finestre alte e un lampadario scintillante, capace di contenere centinaia di Lord e dame danzanti, il trono di Elsa, e un’imponente fontana di cioccolato tutto nello stesso momento. Una volta, aveva persino ospitato un’intera pista di pattinaggio su ghiaccio quando una tempesta di fine Inverno aveva minacciato l’annuale gara di danza su ghiaccio. Ma ora, per la prima volta da quando Anna poteva ricordare, la Sala Grande sembrava piccola. La fila di persone che tagliava la galleria dei ritratti non l’aveva preparata per la folla di persone che riempivano la Sala Grande. Anche nel giorno di mercato più affollato della storia—poco dopo l’incoronazione di Elsa, quando tutti dovevano venire a vedere la loro nuova sovrana magica—non c’erano state così tante persone. O forse c’erano state, ma la gioia non occupava tanto spazio quanto la paura. La paura riempiva la sala, grande e presente come uno dei Giganti di Terra dei racconti di sua madre. Le voci tutt’attorno ad Anna erano tese, come se si dovessero rompere da un momento all’altro. “Tutto è andato! È tutto distrutto!” “Il mio bestiame! Non si sveglia!” “Mai successo in vita mia! È come se la tessa fosse impazzita!” “Pensate che questo abbia a che fare con i Northuldra?” “No,” grugnì qualcuno. “Re Runeard, che possa riposare in pace, si assicurò che non potessero più creare problemi ad Arendelle.” “E gli animali...” Anna udì uno strano rumore provenire dall’esterno. Sembrava come il suono di un insieme di bambini che imparavano come suonare il violino misto al suono di uno zoo. Sbirciando attraverso la finestra, Anna sobbalzò. Il cortile era pieno come la sala, pieno di contadini e di animali. Le pecore si erano liberate dai loro pastori, e i cani da pastore, di solito così attenti, sembravano distratti, seguendo qualcosa nell’aria che nessun altro poteva vedere. Tutti gli animali sembravano fantasmi che camminavano, il loro pelo e la loro pelle dello stesso colore giallo-biancastro malato. E anche mentre Anna stava guardando, una mucca e due cavalli si inginocchiarono sul terreno, i loro occhi grandi e neri come pezzi di carbone, le loro bocche aperte e le lingue al di fuori fino a quando, improvvisamente, si addormentarono. Lo stomaco di Anna si rigirò. “Scusatemi.” disse più e più volte Anna, mentre provava a farsi strada verso la cima della sala, verso il trono dove doveva trovarsi Elsa. I brontoloni la seguivano mentre lei entrava ed usciva dalla folla, e più di una volta ha dovuto tirare la sua trapunta da sotto lo stivale di qualcuno. Ma con un’ultima spinta, riuscì ad arrivare al trono, il sollievo la pervase quando trovò Elsa lì in piedi, proprio mentre Wael, il giornalista locale, gridava, “Questo non ci aiuterà!” “Wael, “ disse Elsa, “Se solo voleste per favore—” “Ah-ehm! L’inverno sta arrivando.” Le dita macchiate d’inchiostro di Wael stavano gesticolando selvaggiamente. “Non avremo nulla da mangiare! Ci meritiamo delle risposte—ed è vostra responsabilità come regina darci delle risposte e prendervi cura della vostra gente!” Un silenzio cadde sulla Sala Grande alle sue parole. Elsa era in piedi a testa alta, non si tirava indietro, ma Anna conosceva sua sorella. Poteva vedere la lucentezza dei suoi occhi. Non era solo il ghiaccio che brillava alla luce del lampadario. Anche le lacrime. La rabbia, calda e luminosa, travolse Anna. “Non parli a mia sorella in quel modo!” scoppiò mentre raggiungeva il fianco di Elsa. “Anna,” disse Elsa, a voce bassa, “Ci penso io, va tutto bene—” Anna fissò Wael. “No, non è così!” L’uomo lanciò un’occhiataccia. “Elsa sta facendo del suo meglio,” proseguì Anna, le sue parole erano veloci e furiose. “Ha un piano! Sistemerà tutto prima di partire per il Grande Viaggio!” Accanto a lei, poteva sentire il respiro di Elsa. “Anna—” “Che sarà tra soli tre giorni,” disse un abitante dagli occhi stanchi, le sue braccia piene di quelle che Anna pensava dovessero essere zucchine ma ora sembravano più come grandi lumache bianche. “Davvero la regina può—” “Anna—” provò ancora Elsa. Ma Anna non stava ascoltando. Stava prendendo le difese di sua sorella. Elsa poteva essere in grado di rimanere lì ad ascoltare le persone che dubitavano di lei, ma Anna non ne era capace. “Ma certo che Elsa può!” disse Anna, mantenendo il loro segreto incandescente, la promessa del libro misterioso. “ANNA.” Elsa allungò la mano. C’è stato un tempo in cui i ghiaccioli sarebbero spuntati fuori dal pavimento, ma Elsa ora aveva il controllo dei suoi poteri magici. Invece di un ghiacciolo pericolosamente appuntito, questo era solo un gesto—per ricordare a sua sorella di pensare a quello che diceva. “Mi scuso per mia sorella,” disse Elsa alla Sala Grande. Il suo mento era sollevato nello stesso modo in cui Anna ricordava facesse suo padre durante le cerimonie, quando cercava di essere più regale possibile. Anna aprì la bocca per protestare, ma uno sguardo all’espressione di Elsa schiacciò qualsiasi parola le fosse rimasta. Le sue guance arrossirono. La rabbia bruciante si trasformò in bruciante imbarazzo. Cosa aveva fatto? “Comprendo le vostre preoccupazioni,” continuò Elsa, la sua voce calma e tranquilla. “E le condivido. Quello che stavo cercando di dire era che, per dimostrare il mio impegno a risolvere il problema dei raccolti in rovina e degli animali malati, ho deciso di rinviare il mio viaggio fino a quando riuscirò a risolvere questa problematica situazione.” “Cosa?” sobbalzò Anna prima che riuscisse a fermarsi, scioccata del fatto che sua sorella avrebbe cancellato il suo viaggio. Non riusciva a capire a cosa stesse pensando Elsa—e se il rinvio avesse convinto i dignitari e la gente delle altre terre che Arendelle non stava, di fatto, aprendo le sue porte, ma le stava nuovamente chiudendo? E dallo sguardo scioccato sulla faccia di Wael e dal mormorio della folla, Anna sapeva che non era la sola sorpresa da quest’annuncio. Se non si fossero trovate di fronte ad un’enorme folla di cittadini stressati, Anna immaginava che Elsa in questo momento si stesse strofinando le tempie e sospirasse. Ma loro erano davanti a cittadini stressati, e sua sorella non ha mai mancato di essere all’altezza di ciò che ci si aspettava da lei: era la regina, regale e imperturbabile. “Perché,” disse Elsa, parlando in modo che tutti potessero sentirla, “la nave reale e carica con razioni di cibo, mele, frumento, verdure secche, formaggi, lattine di aringhe marinate, e salsicce. Dobbiamo condividere le nostre eccedenze, altrimenti gli abitanti del villaggio con le fattorie colpite dalla Moria ne soffriranno ulteriormente.” Ancora una volta, aveva escogitato la soluzione perfetta—una così ovvia che Anna si chiese perché non fosse venuta in mente a lei. Elsa era così brava a vedere il grande arazzo, mentre Anna si lasciava distrarre da qualsiasi filo le penzolasse davanti in quel momento. “Quella quantità di cibo ci durerà al massimo tre giorni,” protestò Wael. “E cosa le fa pensare che il cibo sulla sua nave non sia andato a male, Vostra Maestà?” C’era qualcosa nel suo atteggiamento da so-tutto-io che faceva venir voglia ad Anna di liberare Marshmallow, il pericoloso pupazzo di neve gigante di Elsa—e fratello minore di Olaf—su di lui. Ma visto che non era un’opzione, dato che Marshmallow era attualmente il custode del palazzo di ghiaccio situato sulla cima della montagna del Nord, si accontentò di fissare Wael. “Perlustrerò la nostra cucina,” si offrì Elsa. Dietro di lei, Kai scarabocchiava una nota su una risma di pergamena, mentre una gentile e castana Olina, in carica per sorvegliare lo staff della cucina, strinse insieme le mani guantate in un profondo pensiero. Niente sfuggiva all’occhio attento di Olina, e Anna sapeva che probabilmente stava già facendo mente locale sul cibo che poteva fornire la cucina del castello. “E se anche quel cibo fosse andato a male?” urlò una voce dalla folla. Anna trattenne il respiro mentre tutti fissavano Elsa. Elsa, comunque, guardava verso una sola persona: Olina. La donna scosse leggermente la testa: la cucina era a posto. Anna espirò, ringraziando che almeno quest’unica notizia non fosse negativa. “Come vostre regina, “ disse a gran voce Elsa, con tono deciso, “Farò in modo che abbiate cibo.” La folla mormorava, ma Anna riusciva a percepire il cambio di tono. La conversazione attorno a lei non vibrava più con l’intensità di una corda che veniva tirata troppo forte. Invece, le parole si allentarono e la conversazione si rilassò mentre gli abitanti del villaggio consideravano la proposta di Elsa. “Penso che sia una buona idea,” disse Tulva. “Io e mia moglie accettiamo.” E i due fabbri annuirono in accordo. “Accetto anche io,” disse Eniola, e presto anche gli altri abitanti del villaggio hanno espresso il loro accordo. Tutti ad eccezione di Wael, che annuì con riluttanza, ma non prima di aver aggiunto, “Bene—ma il Village Crown si assicurerà che lei mantenga la promessa di Anna di trovare la soluzione prime che finiscano i tre giorni.” L’orgoglio riempiva Anna mentre Kai accompagnava gli abitanti scontenti del villaggio fuori dal castello e verso il porto per prendere i rifornimenti dalla nave reale. Aveva voglia di applaudire, ma invece si accontentò di uno strillo silenzioso, e sospirò ad Elsa, “È stato geniale.” Ma Elsa non ricambiò il sorriso. Invece, si avviò verso una delle entrate segrete laterali alla Sala Grande, nascosta alla vista da un arazzo. “Anna,” disse senza girarsi, “possiamo parlare un attimo, per favore?” Il sorriso di Anna scomparve mentre seguiva sua sorella maggiore. Poteva non sapere perché gli animali da fattoria stessero dormendo o perché il loro pelo stava diventando bianco, o perché il cibo del regno sembrava trasformarsi in polvere e cenere, ma era sicura di una cosa: era assolutamente, completamente, al 100% nei guai. “Tre giorni?!” Elsa si girò verso Anna non appena l’arazzo tornò nuovamente al suo posto. “Anna di Arendelle, come diavolo posso sistemare questo casino, e così in fretta?” Anche se Elsa non aveva alzato la voce, Anna poteva sentire la frustrazione che le ribolliva sotto. “Tra questo e Kristoff—” “Kristoff?” interruppe Anna, alzando il sopracciglio. “Che è successo a Kristoff?” Elsa chiuse gli occhi e si sfregò le tempie, proprio come Anna aveva sospettato che Elsa avesse voluto fare prima. “Non è qui. Pensavo che a quest’ora fosse tornato, ma...” La preoccupazione si instaurò in Anna, ma si sforzò di cacciarla via. “Sono sicura che sta bene,” disse. “Sai quanto Bulda sia felice quando lui va a farle visita.” Sorrise, pensando al troll di montagna che aveva cresciuto da sola Kristoff. “Scommetto che è in ritardo perché è così pieno di stufato di funghi che è troppo pesante per Sven da trasportare, e devono andare a piedi.” Ma sembrava che Elsa non potesse essere distratta dalle sue preoccupazioni, nemmeno con questa divertente immagine. Elsa scosse la testa. “È troppa pressione. Non so cosa posso fare.” “Vuoi dire, cosa possiamo fare… con un libro segreto pieno di magia!” disse Anna. Elsa brontolava. “Oh, Anna!” Scosse la testa. “So che vorresti che fosse così, ma non penso che la magia sia la risposta a tutti i nostri problemi.” “Okay, ti ho sentito, ma guarda.” Anna tirò fuori Segreti dei Segni Magici. “Ci sono così tante informazioni qui.” Sfogliò le pagine fino a quando non trovò quello che stava cercando. “Vedi? Questo garantisce i tuoi sogni.” Elsa sospirò. “Anna, ti avevo detto di non entrare più nella stanza segreta.” “Non ci sono tornata. Ho preso questo libro prima di andarmene la prima volta. Guarda qui!” Riluttante, Elsa abbassò lo sguardo alla pagina che le era stata messa sotto al naso, ma prima che avesse la possibilità di leggere, Gerda spostò l’arazzo, indossando la sua caratteristica gonna verde, la giacca ed il cappello, e tenendo in mano il grande calendario di Elsa. “Vostra Maestà, mi dispiace,” disse la donna, e Anna poteva sentire la gentilezza nella sua voce, “ma anche se il viaggio è stato rimandato, questo fiasco con la malattia ci ha fatto ritardare. Ed ora deve scrivere delle spiegazioni a tutti i differenti dignitari e capi degli altri paesi per spiegare perché non andrete.” Elsa fece un respiro profondo. “Sì, ma certo, Gerda, hai ragione. Il lavoro di una regina non è mai completo.” Guardò verso Anna, che tratteneva il respiro. “Ecco. Lasciami quel libro. Forse hai ragione. Prometto che gli darò un’occhiata non appena avrò un momento libero.” “Ma—ma certo,” disse Anna, felice di condividere. Ma sarebbe stata molto più felice se Elsa avesse detto a Gerda che Anna aveva trovato qualcosa di importante. Che stavano lavorando alla ricerca di una soluzione insieme. “Mi piacerebbe incontrare un esperto di animali e avere la sua opinione,” disse Elsa, e Anna notò ancora che si stava tirando le dita. “E un botanista. Non sono sicura su cosa vada fatto prima...” “Se hai bisogno di qualcuno per scrivere le lettere, posso aiutarti con questo,” si offrì Anna. “Ho letto tutte le diverse etichette di ogni paese.” “Andrà benissimo, cara,” disse Gerda, la sua penna stava già segnando sul calendario la modifica. “Assicurati solo che Elsa le firmi prima di inviarle.” “Lo farò!” promise Anna, felice di aiutare Elsa e felice di avere qualcosa da fare mentre aspettava il ritorno di Kristoff al castello. Aveva così tante cose che voleva chiedergli, iniziando con, In che modo i troll dicono che possiamo curare la Moria? e continuando con Sai come si leggono queste antiche rune misteriose presenti nel libro di mia madre? “Grazie, Anna” disse Elsa mentre Gerda si affrettava ad organizzare tutto. “Se è tutto sistemato, allora devo andare. Mi assicurerò di venirti a trovare prima di andare a letto, okay?” Ma si girò prima che Anna potesse anche fare un cenno. E sebbene Anna si trovasse in mezzo ad un castello affollato che ancora esplodeva fino all’orlo di abitanti del villaggio, la vista di Elsa che si allontanava da lei non aveva mai fatto sentire Anna più sola.
  27. 3 punti
    Perla

    Stradina dei Mulini

    *Appare improvvisamente una immagine sfocata di Perla tra il cielo e la terra mentre il portale si sta per chiudere* @ReDiaspro, padre, grazie per tutto quello che hai fatto. Ti voglio un mondo di bene... papà. <3 @Platino... nipotino... forza e coraggio. Sarò sempre con te... sii forte e salva il mondo <3 * Scompare definitivamente*
  28. 3 punti
    Ozen

    Locanda Dorata - Commenti degli eventi

    Ma è ovvio che parla di me, come si può in fondo resistere al mio fascino
  29. 3 punti
    Enne

    [Torneo VCG] Pichu's Cup

    Partecipo Nome su Showdown: Enne_H #umidi
  30. 3 punti
    Dragopika22

    Locanda Dorata - Commenti degli eventi

    Oggi come allora, viva Diamond, il lavoro e la libertà! Riportiamo l'armata ai fasti di un tempo, ora sono del Team Verità e non me ne pento. #TeamDiamond
  31. 3 punti
    Ozen

    Castello di Harmonia - Sala del Re

    No aspetta torna qui! Ritardi la cena per tutti ti prego torna!! Grrrr, a mali estremi... PRODE DESTRIERO RAGGIUNGILO
  32. 3 punti
    Ozen

    Landa Desolata - Passato

    C-come scusate avete già cominciato!? Oh cavolo maledetta sveglia funzioni solo quando non voglio aspettatemi!!
  33. 3 punti
    Charlotte93

    Locanda Dorata - Commenti degli eventi

    Se facessero un esame su questo sarebbe un 30 e lode a occhi chiusi
  34. 3 punti
    ReDiaspro

    Castello di Harmonia - Sala del Re

    Posso dirti che sto toccando i gioielli?! AHAHA NON SONO MAI MORTO PER FORTUNA!
  35. 3 punti
    Roxua

    Pokémon Giallo festeggia 20 anni dall'uscita in Italia

    Urge un remake di Kanto
  36. 3 punti
    Indomitable.Tamer

    [Traduzione] Frozen II - Forest of Shadow

    Capitolo 4 ELSA ERA TORNATA. Anche se Anna sapeva che sua sorella era sveglia da molto prima di lei, aveva organizzato un incontro per gli abitanti del villaggio, visitato una fattoria, perlustrato la biblioteca, poi visitato un’altra fattoria, era ancora fresca e pulita, la sua treccia bionda una striscia di luce contro il bordeaux della sciarpa accogliente della loro madre, che ora era avvolta attorno alle sue spalle. Elsa stava ferma, a bocca aperta, fissando con quello che si potrebbe definire stupore verso Anna e Olaf nella stanza segreta. “C-come? Voglio dire, hai…?” sbottò Elsa. “Cos’è questo posto?” Felicità e sollievo si riversavano in Anna. Dall’espressione sulla faccia di Elsa e dal modo in cui parlava, Anna sapeva—nello stesso modo in cui sapeva che il ghiaccio era freddo e il fuoco era caldo—che Elsa non era a conoscenza di questo particolare segreto. Per una volta, Anna non era stata l’ultima a sapere. “Abbiamo trovato una stanza clandestina,” disse Olaf. “Clandestino vuol dire segreto. Ma penso che ora non sia più così clandestina. A meno che tu non riesca a… qual è il sostantivo di clandestino? Manteniamo la clandestinità?” Stava ancora tenendo il globo nelle mani. “Vi dispiace se mostro questo a Sven?” E prima che le sorelle potessero rispondere, corse fuori dalla stanza. “Non lo so, esattamente,” disse Anna in risposta alla domanda di Elsa. “Ma non è meraviglioso?” Gesticolava verso gli scaffali della stanza segreta e combatteva la voglia di ridacchiare mentre Elsa entrava e si guardava intorno, gli occhi spalancati, osservando le erbe secche, il cannocchiale di rame scintillante, e il vortice cremoso di quella che sembrava essere una zanna di narvalo. Elsa si avvicinò agli scaffali. “Come hai trovato questo posto?” chiese Elsa. “Olaf,” disse Anna. Riempì Elsa di oggetti, la mappa, gli appunti, e il libro che sentiva potesse avere le risposte ai loro problemi. Al sentire che i loro genitori erano stati in questa stanza, Elsa sobbalzò. “E quindi,” concluse Anna, “scommetto che qui possiamo trovare qualcosa riguardo la Moria.” “Non saprei,” disse Elsa. “Ma qualsiasi cosa affligga il bestiame di SoYun sta colpendo anche il gregge dei Westens. Non sono riuscita a svegliarli. Ho provato di tutto.” “Voglio dire, guarda questo titolo!” Anna prese l’Almanacco dell’Alchimista dallo scaffale e lo porse ad Elsa, ma l’attenzione di Elsa era presa altrove, su una vecchia cornice dorata che era stata accuratamente appoggiata al muro. Il dipinto al suo interno era infangato dalla sporcizia, ma Anna riusciva però a distinguere un paio di occhi e una mascella forte: un ritratto. Raccogliendolo, Elsa ci soffiò sopra, e una nuvola di polvere si sollevo in aria finendo sulla faccia di Anna. Anna starnutì mentre Elsa sollevò il ritratto ad altezza braccia e strizzò gli occhi. “Penso che questo dovrebbe essere Aren di Arendelle. Il dipinto è così sporco, però, che è difficile da dire.” Anna rimise l’almanacco a posto sullo scaffale e sbirciò oltre la spalla di Elsa. “Cosa ti fa pensare che sia Aren?” Aren era un leggendario leader fin dai tempi antichi—molto, molto antichi, addirittura prima dell’ultima era glaciale. Così antico, infatti, che era molto probabile che il famoso guerriero non fosse mai esistito. “Vedi?” Elsa indicò una macchia scura. “Penso che questa sia la Revolute, la sua spada con il ‘diamante giallo, luminoso come un occhio’.” Anna fissò sua sorella. “Stai forse… citando qualcosa?” “Sì,” ammise Elsa. “Questo è un verso della Saga di Aren, scritto da un poeta sconosciuto che, secondo alcuni era il vero amore di Aren.” Ad Anna suonava familiare. Sebbene sapesse tutto quello che c’era da sapere riguardo Arendelle, c’erano ancora alcune cose, come questi piccoli dettagli, che sapeva di aver conosciuto ma che aveva dimenticato. Le cose che aveva dimenticato erano di solito le storie che i suoi genitori avevano condiviso. L’imbarazzo si insinuò in lei. Odiava quando dimenticava le cose! Provò a ricordare tutto quello che poteva riguardo Aren. C’erano storie senza fine e poemi epici sulle sue coraggiose gesta—dall’aiutare gli Huldrefólk a nascondere le loro code al viaggiare sotto il mare per cantare con le sirene o la ricerca delle cime delle montagne per incontrare il sole. In base a questo particolare racconto, Anna ricordò, il sole era stato così impressionato da Aren che gli aveva donato una spada chiamata Revolute Blade. Con la spada del sole nella sua mano, Aren aveva scolpito il fiordo tra le montagne. E non un fiordo qualsiasi, ma questo fiordo: Arenfjord, la spina dorsale del regno di Arendelle. “È quello che dice ‘La luna e il sole che girano, hanno forgiato una lama a mezzaluna,’ e… qualcosa, qualcosa, del tipo ‘Le bandiere di Arendelle potranno mai sventolare’?” chiese Anna. Elsa annuì. “Esattamente.” L’imbarazzo di Anna si attenuò mentre Elsa indicava un punto al di sopra della macchia. “Penso che potrebbe essere il diamante giallo nel pomello, e poi c’è”—spostò la mano—“vedi come la lama curva? In accordo con la leggenda, la curva è il punto in cui la spada ha colpito la terra per la prima volta. Ecco come la spada ha avuto quel nome. ‘Revolute’ vuol dire ‘curvo’.” “Le spade magiche sono belle,” disse Anna, inclinando la testa e facendo ventaglio con la mano. Stava diventando caldo nella stanza senza finestra. “Ma davvero non vedo perché sarebbe utile poter fare dei tagli nella terra.” Elsa armeggiava con la sua treccia mentre guardava il dipinto. “A quanto pare, il sole conferì alla Revolute grandi poteri, e con la spada nella sua mano, Aren diventò noto come il protettore del popolo, unificandoli contro una paura nera. È stato un grande leader.” Una strana espressione si insinuò sul volto di Elsa. “La storia sembra essere piena di grandi leader.” Anna guardò Elsa. Per qualche motivo che non riusciva a capire, Elsa sembrava aver lasciato la stanza, anche se fisicamente non era andata da nessuna parte. Non guardava più verso Anna. Invece, il suo sguardo era fisso su uno scaffale pieno di libri, bottiglie e vasetti. “Perché stavano studiando la magia? E perché hanno sigillato la stanza e non ce ne hanno mai parlato?” chiese Elsa, la sua voce era così delicata che Anna si chiese se avesse voluto dire qualcosa. Elsa stava lì, con la schiena impossibilmente dritta, in piedi, come dovrebbe fare una regina. Ma in quell’esatto momento, Anna non vedeva Elsa, la regina di Arendelle. Vedeva Elsa la bambina solitaria che passava le sue giornate da sola nella sua stanza con i modelli di ghiaccio a farle compagnia. Anna allungò la mano per toccare il braccio di Elsa. Sua sorella era rigida, come se maneggiasse non solo il freddo e la neve, ma ne fosse parte. “Ho la stessa domanda,” ammise Anna, contenta di fare questa cosa insieme. “Ma pensaci: perché le persone studiano l’arte?” chiese. “Perché il Pasticcere Blodget ha passato la sua intera vita alla ricerca di un modo per cucinare i migliori biscotti al burro del mondo? Perché Kristoff continua ad esercitarsi a cantare?” Elsa rimase in silenzio, quindi Anna rispose per lei, abbassandosi per prendere Segreti dei Segni Magici . “Perché il talento vale la pena di essere esplorato. Perché i biscotti al burro sono deliziosi, cantare è divertente, e la tua magia è meravigliosa, Elsa. Forse volevano saperne di più a riguardo.” Fece scivolare la mano in quella di Elsa, e aspettò. Qualche secondo dopo, Elsa strinse le sue dita, e Anna strinse a sua volta. Senza incontrare gli occhi di Anna, Elsa si allontanò da lei e si diresse verso l’uscita. “Ho bisogno di andare.” la voce di Elsa era bassa. “Questo posto mi spaventa.” “Cosa vuoi dire?” Anna non pensava di essere mai stata in una stanza più bella con ancora molto da scoprire. Le possibilità erano infinite! “Sono tutte queste cose nei barattoli.” Elsa ondeggiava le mani. “Rinchiuse e sigillate.” “Beh,” disse Anna, mettendo Segreti dei Segni Magici sotto al braccio, “forse significa solo che è tempo per loro di essere portati alla luce del sole.” L’eccitazione risorgeva in lei. “Le risposte a come fermare la Moria potrebbero esser qui! Forse c’è ancora più magia là fuori, magia che potrebbe davvero aiutarci!” Elsa indietreggiò. “N—Non intendevo in quel senso,” disse Anna, “La tua magia è davvero utile. Solo non in questa situazione.” Elsa fece un passo indietro. “Devo aiutare il bestiame prima di cominciare a cercare in questa stanza, okay?” disse Elsa. “Non c’è tempo da perdere. Io… io devo andare.” “Certo. Ma—ma noi… Io posso restare qui e continuare a cercare indizi,” suggerì Anna. “Potremo essere in grado di trovare le risposte a quello che sta accadendo a—” Elsa scosse la testa. “Penso davvero che dovremo lasciare questo posto per ora.” “Un momento,” disse Anna, disperata nel tentativo di continuare il suo piano, disperata di aiutare. “C’è ancora molto che non abbiamo scoperto! Questi libri potrebbero avere le risposte!” “Ora devo andare.” la voce di Elsa era tagliente come un ghiacciolo. “Ma noi—” “Dovremmo lasciare questa stanza nel passato. Ci dev’essere stata una ragione per cui Mamma e Papà volevano tenerla segreta,” disse mentre gesticolava verso la porta, “le risposte ai nostri problemi solo là fuori.” No, pensò Anna, la sua paura era grande piena e pressante contro il suo petto. Stava accadendo ancora. Il suo piano per provare se stessa ad Elsa stava crollando! A chi importava di poter fare uno stupido Grande Viaggio? Anna voleva fare quello che era meglio per tutti, ma in questi giorni sembrava che avesse l’abilità di fare l’esatto opposto. “Stai lontano da questa stanza, Anna,” continuò Elsa, allontanandosi da lei e dirigendosi verso la biblioteca. “È stata tenuta nascosta per una ragione. Lasciamo che rimanga tale.” “Elsa—” “Lascia perdere.” E quando Elsa parlava con quel tono, più come una regina che come sorella, Anna sapeva che non c’era spazio per le repliche. Silenziosamente, Anna annuì. Mentre rimetteva a posto Segreti dei Segni Magici sullo scaffale, Elsa tornò alla biblioteca e si recò verso il suo prossimo appuntamento in programma. Ma Anna non riusciva ad andarsene—non ancora. Guardò un’ultima volta verso la stanza segreta, immaginando sua madre che si sedeva a quel tavolo di lavoro, traducendo i simboli in parole, mentre suo padre studiava gli oggetti sugli scaffali e faceva una battuta intelligente. Senza nemmeno pensarci, Anna raggiunse con le dita Segreti dei Segni Magici, ma si fermò poco prima di toccare la soffice pelle. Elsa avrebbe potuto arrabbiarsi con lei se avesse scoperto quello a cui Anna stava pensando, ma Elsa si sarebbe arrabbiata molto di più se gli animali avessero continuato ad ammalarsi. Ne sarebbe valsa la pena, si disse fermamente Anna, quando tutto si sarebbe sistemato—quando Anna avrebbe sistemato le cose. Comunque, Elsa aveva solo detto che Anna doveva stare fuori da quella stanza, ma non aveva detto—o alla fine, non lo aveva detto specificatamente—che Anna non poteva portare qualcosa appartenente alla stanza con lei. E con questo, Anna prese il libro di sua madre e corse via.
  37. 3 punti
    evilespeon

    Caffè, Poltrona, Anime e Manga

    Ah ah non danno mai i sequel che tutti vorremmo XD Comunque bel consiglio il tuo bloody San soprattutto visto che ha visto l'altra versione quella del 2011 così almeno vede anche questa Se lo farai facci sapere Non so spiegarti bene ma reboot è tipo quando invece di far continuare una serie la si ricrea dall'inizio però con una riscrittura degli eventi parziale o totale rispetto a quelli della serie originale diciamo Ah ah tranquillo perché è anche un termine di informatica mi pare XD Tu spieghi decisamente meglio di me XD
  38. 3 punti
    Dragopika22

    Caffè, Poltrona, Anime e Manga

    Quando ho visto la notizia mi è partito il Marco Masini random
  39. 2 punti
    kingdom

    [Torneo VGC] Lista iscritti e turni Pichu's Cup

    Vinto 2-1 contro mino97
  40. 2 punti
    evilespeon

    Playstation 4 consigli

    Quello bianco è obbligatorio installarlo sennò poi non ti parte l'altro ...il bianco fa da installamento mentre l'altro è il gioco diciamo Se metti solo il disco nero senza aver usato il bianco il nero non dovrebbe partirti
  41. 2 punti
    Enne

    [Torneo VGC] Lista iscritti e turni Pichu's Cup

    Ho vinto 2-1 contro @Gabricasetti
  42. 2 punti
    Alemat20

    L'insegna

    Allora complimenti a @SilvosferA per l'idea e a te per averla interpretata!
  43. 2 punti
    Nomaru

    Moe Paradise☆

    Nezuko-chan aaah, è così carina
  44. 2 punti
    Ackerman

    [DISCUSSIONE] Fire Emblem Heroes

    Ieri è successo questo nella Free...
  45. 2 punti
    FaviGyaraJ

    Il cestino è quell'altro

    Bellissima questa, cmq da un idea che ho avuto parlando con Silvio, pensando ai principianti e ora leggendo sta bomba, son sicuro che resterai soddisfatto di cosa ne verrà fuori. Dovremmo creare una discussione con i consigli più belli per non perderli mai
  46. 2 punti
    FaviGyaraJ

    [Torneo VCG] Pichu's Cup

    Ringrazio tutti per essersi iscritti, è ora di svelare il Calendario della stagione competitiva che vi vedrà impegnati per divertirci e crescere insieme e di cui la Pichu's Cup ne rappresenta l'inizio E non meno importante ringrazio tutti per aver donato, e @SilvosferA e @SweetRplug oltre a me per mettere la quota mancante al raggiungimento dei 100PP di montepremio! Ancora un augurio di buona fortuna a tutti e che questa possa essere l'occasione di proclamarvi i primi campioni del Fight Pub!
  47. 2 punti
    adelredmaster

    Il cestino è quell'altro

    Un vgc monotype sarebe interesante aiuterebe a sbizarire un po
  48. 2 punti
    Combo

    Annunciato Pokémon UNITE, un nuovo gioco MOBA multipiattaforma

    Deludente come direct, da notare i dislikes sono elevati rispetto a likes solo per il "big project" Sono d'accordo, se hanno detto "ci sarà nuovo gioco" nessuno si sarebbero lamentati
  49. 2 punti
    Combo

    [Vincitori] Lotteria PokéPoints - Terza Estrazione Primaverile

    @MatBig @kingdom Fate schifo
  50. 2 punti
    Buzzwole1991

    Forme regionali: miglioramenti oppure no?

    Uso il tuo elenco per fare prima xD Forme di Alola: Rattata e Raticate: mi piacciono molto, azzeccati con l'ambiente Raichu: mi piace il design da surfista psico xD Sandshrew e Sandslash: non tra i miei preferiti, ma sono belli Vulpix e Ninetales: semplicemente stupendi, specialmente Ninetales Diglett e Dugtrio: non li avrei fatti proprio xD Meowth e Persian: carina l'idea, un po' meno la realizzazione xD Geodude, Graveler e Golem: il tipo elettro ci sta molto secondo me, promossi Grimer e Muk: promossi Exeggutor: una delle mie forme preferite Marowak: stupendo Forme di Galar: Weezing: Lord Weezing, nonostante mi piaccia molto, gli preferisco altre forme xD zigzagoon e linoone: eccezionali, soprattutto Obstagoon Ponyta e Rapidash: stra-adoro Ponyta, un po' meno Rapidash Meowth: ne avrei fatto tranquillamente a meno, visto che c'era già una sua forma Alola, ma vabbè xD Corsola: all'inizio non mi piaceva,e neanche la sua evo. Col tempo ho imparato ad apprezzarli e ora sono tra le mie forme regionali preferite Darumaka e Darmanitan: molto carini Farfecht'd: stupendo, mi piace molto Mr. Mime: mi piace anche lui Yamask: idem Stunkfisk: non mi piace nè la sua forma normale, nè la sua forma regionale Slowpoke e slowbro: mi convincono, in attesa di conoscere Slowking Uccelli leggendari: questi meritano un capitolo a parte: devo dire che mi piacciono moltissimo, ma non li avrei fatti semplicemente perchè sono dei leggendari specifici di Kanto, e tali dovevano rimanere. Perchè a questo punto dovranno fare anche le forme dei leggendari di seconda, terza ecc...... Nonostante tutto li promuovo a pieni voti
Questa classifica è impostata su Roma/GMT+02:00







×
×
  • Crea...

Importanti informazioni

Per usare il nostro forum è necessario accettare i nostri Termini di utilizzo, la nostra Privacy Policy, il nostro Regolamento ed essere a conoscenza che per rendere la navigazione migliore utilizziamo i cookie sul tuo dispositivo. Puoi modificare le impostazioni cookie oppure accettare per accettarle.