Vai al commento


Sala d'onore


Contenuti popolari

Visualizzazione di contenuti con la più alta reputazione su 21/10/2017 in tutte le aree

  1. 5 punti
    Macasylveron

    Hikari No Umi (Macasylveron's art gallery)

    torno con vecchi bozzetti XD Tags: @evilespeon @_Eclipse34 @HeartOfIce @KnightOfMercy @Skyler @NinaBlaze @Kio_ @Vera l'ultimo disegno è mio, l'ho scannerizzato perché vorrei farci qualcosa al computer, ma non ho mai tempo lol
  2. 4 punti
    Porygon-Z

    [Porygon-Z] Welcome to Wonderland

    Nuove targhette per il profilo: Gif del Poké Io&Te (che in realtà ho solo ridimensionato e ritagliato, lol): Quadratini stuff: (Non so perché ci abbia messo così tanto a capire che potevo spammarla anche con Tricky) Siccome so come va a finire quando posto questo genere di cose, vi dico già che per un po' (un bel po') non accetterò richieste di alcun tipo, purtroppo sono in un periodo poco bello e avrò meno possibilità di graficare/spritare. Vi ricordo di sbirciare il primo post e di farmi sapere cosa ne pensate con un commento!
  3. 3 punti
    Lugialeon

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Benvenuti su questa discussione sui film dello studio più bello dell'animazione giapponese, lo Studio Ghibli Chi non ha mai visto questi stupendi film? Quali sono i vostri film preferiti dello Studio Ghibli? Venite a postare anche tantissime immagini a tema Discutiamo anche di altri film d'animazione giapponese Nausicaä della Valle del vento Laputa - Castello nel cielo Il mio vicino Totoro Una tomba per le lucciole Kiki - Consegne a domicilio Pioggia di ricordi Si sente il mare Pom Poko I sospiri del mio cuore Princess Mononoke I miei vicini Yamada La città incantata La ricompensa del gatto Il castello errante di Howl Ponyo sulla scogliera Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento La collina dei papaveri Si alza il vento La storia della principessa splendente Quando c'era Marnie
  4. 3 punti
    Ieri avevo fatto un'annuncio particolare, ma quasi nessuno era presente... per cui lo dico adesso!!! A partire da Mezzanotte di questa sera, ritornerà la categoria Disegna Gli Anime! Era una categoria, che avevo messo in pausa da parecchio tempo... l'ultimo disegno della categoria che avevo fatto era Saitama di One Punch Man! E sempre in questo aggiornamento di stato, da mezzanotte, pubblicherò la opening, di cui sarà fatto un personaggio particolare. Avrei già scelto il soggetto. Purtroppo non so dire quando lo farò, ma spero che presto sarò in grado di pubblicare il disegno! Specialmente @drake-wyvern e @Dragonite92 sanno di questa cosa, ma probabilmente non hanno capito di che anime parlavo... ma vabbè. Venite in molti, mi raccomando! Stay tuned and friends, Mana [Il vostro artista di quartiere]
  5. 3 punti
    Lorenzo23

    I nostri RNG di settima (e altre) generazioni!

    @Yusuke Se riesci anche te a RNGarlo cosi, ti regalo un mio evento a scelta!!!
  6. 3 punti
    Per me useranno la Banca per il passaggio a switch e se così non fosse spero sia qualcosa alla Golden Sun dove nel primo (nel nostro caso Ultrasole Ultraluna) si può generare un codice con i progressi di gioco e nel gioco successivo si inserisce il codice per avere i dati del gioco precedente perché non voglio assolutamente che facciano come tra la seconda e la terza generazione niente reset completo.
  7. 2 punti
    Un uomo vestito da Pikachu si è arrampicato su una barriera in cemento esterna della Casa Bianca, abbandonando uno strano zaino sotto la recinzione. Leggi la notizia
  8. 2 punti
    Attendo con ansia.. anche se preferisco aspettare un po’ di più
  9. 2 punti
    Beh su Switch direi che c'è un bel margine di miglioramento per la grafica, che già ora comunque è tantissima roba.
  10. 2 punti
    Kio_

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Guarda, ti dico solo che se avessi avuto qualche soldo in più, avrei preso il brevetto di volo. Amo volare e l'aria è decisamente il mio elemento, non posso non amare il concept di questo film. :3 Poi alcune scene drammatiche (non voglio fare spoiler) ti stringono davvero il cuore, con una raffinatezza unica che solo lo Studio Ghibli sa creare.
  11. 2 punti
    Flor.of.Abyss

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Mi mancano Pioggia di ricordi e Si sente il mare. Il mio preferito è il Castello Errante di Howl, che tra l'altro è il primo che vidi dello studio, quasi per caso una sera in TV.
  12. 2 punti
    Jerry98

    Immagini piu' divertenti dal Web (Generale)

  13. 2 punti
    MoonlightUmbreon

    Le migliori immagini (e gif) Pokémon!

    Quello che più o meno tutti abbiamo pensato a volte guardando la serie animata
  14. 2 punti
  15. 2 punti
    Basta che non mi fanno una grafica alla mamma mia,poi mi possono fare cosa vogliono.
  16. 2 punti
    Ho la Switch ormai da poco più di una settimana e ancora non ho provato a giocarci in modalità tv. Dovrò rimediare
  17. 2 punti
    Lugialeon

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Quoto Benvenuto!! cit. di Yubaba A Lucca Comics ho fatto piazza pulita XD Ciao Rem tutto bene? Eh! Già tanti pianti con Una Tomba per le lucciole...
  18. 2 punti
    Chinotto

    Fire Emblem

    Se non sbaglio, l'Altrotempo è il nome italiano dell'Outrealm, che è il modo in cui si definiscono gli altri universi. Ad esempio, in Fates l'Ylisse è nell'Altrotempo e viene raggiunto solo tramite la Porta del Drago, mentre in Awakening il Portale Altrotempo è usato per accedere a posti dove reclutare Einherjar, o al "Futuro Anteriore". Non sono certo al 100% che sia così, però.
  19. 2 punti
    CorruptedDiamond

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Io ne ho visti ancora troppo pochi per decidere, comunque, non sarebbe meglio creare un sondaggio?
  20. 2 punti
    Crow

    Confermato l'arrivo di Inazuma Eleven Ares su Nintendo Switch

    Dopo le parole di Simon Waldron di LEVEL-5 abby, arriva la conferma definitiva: Inazuma Eleven Ares verrà rilasciato su Nintendo Switch... e non solo! Leggi la notizia
  21. 2 punti
    Anche secondo me sarà così... poi pensando alla potenza grafica di Switch, credo che con Unreal Engine possano uscire dei giochi pokemon belli e fluidi allo stesso tempo
  22. 2 punti
    Se Ultrasole e Ultraluna che sembrano epici sono fatti da principianti (non lo dico con cattiveria, eh) allora Pokémon per Switch sarà un capolavoro come minimo! Inoltre essendo che sarebbe una delle potenziali killer-app per Switch devono giocarsela bene.
  23. 2 punti
    Lugialeon

    Caffè, Poltrona, Anime e Manga

    Salve ragazzi sono stati appena pubblicati 2 PV di Full Metal Panic Invisible Victory Giusto ieri ne parlavo con @BloodyRed di questa serie Stupenda questa serie una delle mie preferite tanto che ad un Talonflame gli ho dato il soprannome di Teletha (testa rossa) ahahah P.S. A me sembra che da questi PV la Xebec abbia fatto un buon lavoro sembra quasi di vedere la seconda serie, il Character design è rimasto invariato Ottimo!!
  24. 2 punti
    Ogni giorno che passa ci allontaniano sempre di più al giorno che c'è stata almeno qualche sputino di goccia dal cielo e sto cavolo di inquinamento aumenta sempre di più... L'ultima volta che c'è stata anche solo qualche goccia ?
  25. 2 punti
    Se calcoli che lo sviluppo del gioco per switch è iniziato in contemporanea con lo sviluppo di pokemon sole e luna ed uscirà fine 2018-2019, sono 2-3 anni di sviluppo... cioè un buon lasso di tempo per fare dei giochi belli su una piattaforma che, rispetto al 3ds, può dare moooooolto di più... lo ripeto, mi aspetto qualcosa di stupendo!!!
  26. 2 punti
    Ho deciso. Come mio prossimo gioco su Steam è: Stick Fight The Game. Chi si vuole unirsi a me per giocarci, nei prossimi giorni, si faccia avanti.
  27. 2 punti
    Jerry98

    [Anime/Manga] Shingeki No Kyojin (Attack on Titan)!

    Capitolo 98 in sintesi:
  28. 2 punti
    Vale

    [Vale] Event Horizon

    • quando il tuo stile non sia adatta al tema del disegno ma ci provi comunque • I N K T O B E R 2 0 1 7 - D A Y 1 4 : F I E R C E • a k a e n d m y s u f f e r i n g • a k a w a k e m e u p i n s i d e
  29. 1 punto
    Lorenzo23

    I nostri RNG di settima (e altre) generazioni!

    Vai è aperta a tutti!!! Brave con tutte le IV al 30-31 (almeno 3 a 31) e 0 speed Meno di 30M di frame
  30. 1 punto
    DDR_17

    I nostri RNG di settima (e altre) generazioni!

    Se mi estendi la sfida, accetto
  31. 1 punto
    Beh si sapeva già, ormai il 3ds è obsoleto non vedo l'ora di vedere cosa potrà offrire Switch Ne parlate come se fosse una cosa fondamentale il dual screen, ma è solo una comodità
  32. 1 punto
    Lugialeon

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Ciao Kio_ Si alza il vento l'ho rivisto giusto ieri per la cinquantesima volta(?) XD Di un po', mangi anche tu lo sgombro per vedere le lische come sono fatte? XD Il nostro protagonista ordinava sempre lo sgombro e si ispirava alla lische per progettare le ali degli aeroplani.
  33. 1 punto
    Kio_

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Quando c'era Marnie e Si alza il vento! :3
  34. 1 punto
    Nope, hanno confermato che è di serie principale. Allora, alcune cose viste in questa discussione: - Uno schermo solo. Qual è il problema? Si vedono i comandi "alla terza gen", magari in semitrasparenza per lasciar intravedere il campo di battaglia. E poi scusate, ma anche le barre dei PS sono sempre rimaste nello schermo di sopra, lol. - Online a pagamento. Se siete bloccati solo su Pokémon non è un problema di Nintendo e GF, l'online di TUTTA la console è a pagamento, e 20€ all'anno non sono una grande spesa nemmeno per me... Specialmente considerando quanti titoli online ci sono e usciranno, tra MK8DX, Pokken, Splatoon, ARMS e, appunto, Pokémon. Anche a me dispiace l'online a pagamento, ma a quanto pare a Nintendo serve... anche considerando che anche le altre console hanno l'abbonamento, e mi pare costi anche di più.
  35. 1 punto
    BloodyRed

    [Anime] Studio Ghibli e altri film giapponesi

    Stessa cosa, nonostante ne abbia già molti pronti da vedere
  36. 1 punto
    MoonlightUmbreon

    [Porygon-Z] Welcome to Wonderland

    Come sempre porygon materiale di alta qualità
  37. 1 punto
    Non penso c'entri qualcosa. Anche perché credo che per veterani si intendano programmatori con un bel po' di anni alle spalle, non necessariamente che programmano giochi Pokémon da anni.
  38. 1 punto
    Combo

    Silvally cromatico sarà presto distribuito in Italia da GameStop

    Nope, non lo è! Si può fare, solo che parlare con Gladion è lungo ed è stressante, meglio così che prendiamo quello evento!
  39. 1 punto
    dai, vedrete, la grafica sarà questa
  40. 1 punto
    Pokéscout

    Avvistato Sableye cromatico in Pokémon GO

    È iniziato il Pokémon GO Halloween e con esso sono arrivati gli spettri di terza generazione. I giocatori hanno già avvistato e catturato Sableye cromatico. Leggi la notizia
  41. 1 punto
    Jerry98

    Immagini piu' divertenti dal Web (Generale)

  42. 1 punto
    Sì ma ovvio che li rilasceranno anche nel resto del mondo. Però spero vivamente che siano poteri ottenibili tranquillamente anche in-game, senza dover andare in qualche punto vendita, tipo il GS, a riscattarli.
  43. 1 punto
    beh prima o poi doveva succedere, ormai la vita del 3ds è stata allungata molto, e come dicono loro è stato spinto al massimo. hanno fatto come sempre, il 3ds se ne va da eroe. tra l'altro c'era un rumor che diceva che pokemon si sarebbe spostato su switch
  44. 1 punto
    Lo schermo di Switch è grande, c'è molto spazio vedrete che sapranno utilizzarlo al meglio con l'interfaccia Io non vedo l'ora di vedere i modelli poligonali dei Pokémon (mi aspetto tanto) dopotutto tra 3ds e Switch c'è un abisso di potenza
  45. 1 punto
    Zarxiel

    [Spin-Off] Raziel's Rivals (NON COMMENTARE)

    Monte Argento Darken lanciò una Poké Ball e subito dopo un grido di trionfo mentre la sfera si chiudeva sul Larvitar., Aprì immediatamente il Pokédex e cominciò a riflettere sul nome da dare al nuovo arrivato.“Uhm, questo diventerà un Tyranitar, quindi… femmina… Tyjira? Ti piace come nome?”La Pokémon appena uscita dalla Poké Ball lo fissò un momento poi annuì.“Ottimo. Adesso, però, ti dovrò mandare a Biancavilla. Sono certo che gli altri si prenderanno cura di te finché non avremo modo di conoscerci meglio.” Disse, richiamandola. Un momento dopo la Poké Ball scomparve, trasportata dal trasferitore automatico del dex.‘Molto meglio dei vecchi tempi in cui in certi percorsi mi ritrovavo lo zaino pieno.’ Pensò, rimettendosi in marcia. Si guardò intorno. Il Monte Argento aveva diversi percorsi. Uno, il più facile, era quello che conduceva alla Lega, ma gli altri portavano alla cima del monte o a una delle tante grotte secondarie. In una di queste si diceva vivesse Moltres, e per quanto il ragazzo fosse estremamente tentato aveva ancora bene in mente come era andata a finire l’ultima volta.Nonostante ciò, decise di dedicarsi almeno un po’ all’esplorazione della grotta. Aveva già trovato un Larvitar, ma poteva esserci altro di interessante.Dopo un paio d’ore, in cui il massimo fu riuscire a catturare un secondo Larvitar, decise finalmente di uscire.Si stava avvicinando, quando incrociò un viso familiare.“Draconix!” Esclamò, sorridendo. L’allenatore salutò a propria volta.“Darken, come va?”“Benissimo. Pronto per la Lega?”“Assolutamente. Ho fatto gli ultimi preparativi e direi che questa volta Raziel e gli altri dovranno preoccuparsi.”“Ottimo, in tal caso… Ti va una sfida?”Draconix si guardò intorno, e indicò il grande fiume che scorreva lì vicino. Darken annuì e i due si piazzarono sulla sua riva. In quel modo Draconix avrebbe potuto usare Kingdra.“Sei contro sei, pronto?”“Prontissimo.” Replicò Draconix, e i due contarono fino a tre per poi mandare in campo il primo Pokémon. Ninetales e Doomsday si squadrarono per un momento. Poi l’Houndoom lanciò una nube di Smog dalla bocca, che si avvolse intorno alla Pokémon. Avvelenata, questa rispose comunque sollevando la coda e lanciando uno Stordiraggio. Confuso, Houndoom caricò con la bocca aperta andando a sbattere contro una parete. Darken lo richiamò, e mandò in campo Donan.Il Donphan colpì con Rotolamento, causando ingenti danni al Ninetales, che rispose con un Fuocobomba. Il Pokémon rotolò via, danneggiato, poi si rilanciò in avanti. Un secondo Fuocobomba cercò di fermarlo, ma centrò comunque Ninetales. La Pokémon, allo stremo delle forze, lanciò uno Schermoluce e fu subito dopo investita dall’ultimo Rotolamento.Draconix la richiamò e mandò Kingdra. Donan aggiustò il tiro per colpire la Pokémon, ma un’Idropompa lo sconfisse prima che potesse anche solo avvicinarsi.Darken rifletté un momento, poi sorridendo lanciò in campo Megan. La Meganium incassò un Idropompa, poi lanciò un Solarraggio. L’attacco colpì in pieno il drago acquatico, causandogli grossi danni. Poi, mentre Megan caricava il colpo successivo, un Geloraggio colpì la Pokémon Erba in pieno, spingendola indietro, e un secondo colpo la mandò al tappeto. Darken richiamò Megan, sospirando, poi mandò in campo Eelx. Lo Steelix colpì con Terremoto, facendo tremare il terreno e mandando al tappeto Kingdra.Draconix mandò quindi in campo Charizard. Il Pokémon iniziò con Fuocobomba, danneggiando enormemente lo Steelix, ma subito dopo arrivò la Sassata, che ricambiò il danno con gli interessi. Charizard era gravemente danneggiato, ma resistette e lanciò un Lanciafiamme mandando Steelix al tappeto. Darken lo richiamò e schierò di nuovo Doomsday. L’Houndoom schivò un’Ira di Drago e colpì con Sgranocchio, mandando al tappeto l’avversario.Draconix mandò quindi Porygon2. Il Pokémon scagliò subito una Tripletta, per poi assorbire senza essere avvelenato uno Smog e colpire con Falcecannone. Houndoom proseguì con Sgranocchio, ma una nuova Tripletta lo colpì. Cominciava ad aver subito danni seri, perciò Darken gli fece scagliare una Fuocobomba. Porygon2 però la schivò e lanciò una nuova Tripletta. A quel punto, Doomsday crollò.Darken sospirò, e mandò in campo Ticti. La Pokémon schivò un Falcecannone e scomparve verso il soffitto della grotta. Porygon2 scagliò una Tripletta verso l’alto, ma l’attacco triplo si disperse prima di colpire il bersaglio. Approfittando del tempo di ripresa, Ticti piombò dall’alto con Volo schiantandosi sul Pokémon sintetico, che rimase pesantemente danneggiato. Lanciò un Falcecannone, ma Ticti se l’aspettava e scartò di lato per poi colpire con Dolcebacio. Confuso dal cambiamento improvviso, forse incapace di processare la situazione, Porygon2 lanciò la successiva Tripletta contro un masso. La Pokémon Volante ne approfittò e agitò il dito. Mentre un Falcecannone partiva verso il soffitto, Ticti lanciò l’attacco. Una Breccia colpì l’avversario mandandolo al tappeto.Draconix mandò allora in campo Dragonite, che colpì con Fulmine cogliendo di sorpresa sia Darken che Ticti, che si ritrovò scagliata all’indietro. La Pokémon rispose con Metronomo, che per pura fortuna si trasformò in Fulmine a propria volta. L’attacco elettrico colpì Dragonite danneggiandolo pesantemente. Il drago si lanciò all’attacco con un nuovo Fulmine, ma Ticti per evitare di farsi cogliere ancora dall’attacco partì verso l’alto. Dragonite le lanciò un lampo di elettricità dietro, ma il colpo si disperse come la Tripletta.A quel punto, Ticti precipitò dall’alto a sorpresa, schiantandosi su Dragonite mentre questi caricava un Fulmine, facendoglielo scagliare in tutt’altra direzione rispetto all’obbiettivo. Dragonite arretrò, e Ticti ne approfittò per usare Metronomo. Ne uscì un attacco che nessuno dei due conosceva, una tempesta di schegge di ghiaccio che colpì in pieno Dragonite. Quello rispose con Ira di Drago… e Ticti ne uscì completamente intera, pronta a colpire con l’attacco successivo, una Sassata stavolta. Dragonite crollò.“Oh, adesso le ho viste tutte!” Sbottò Draconix, richiamando il drago. Un attimo dopo in campo entrava Tyranitar. Il Pokémon sconfisse Ticti con una Frana.Darken sorrise “E quindi finisce così.” Commentò, mandando in campo Heracross. Il Pokémon Coleottero batté i pugni tra loro. Tyranitar ruggì. Poi, entrambi gli allenatori sollevarono il braccio, e la Pietrachiave brillò. Subito dopo, al posto dei due Pokémon si trovavano le rispettive Megaevoluzioni.Tyranitar lanciò una Frana, Heracross caricò con Megacorno. I due attacchi stavano per collidere… poi ci fu una vampata di fuoco, e i due Pokémon furono sbalzati via.Sorpresi, Darken e Draconix guardarono verso la direzione da cui era venuto quello che sembrava un potentissimo Fuocobomba, e videro Moltres. Un Moltres parecchio alterato.“Oh oh.” Commentò Darken “Non va bene…”“Cosa non va bene?”“Qui vicino c’è uno dei nidi di Moltres. Temo che la nostra lotta l’abbia disturbato.”“Dici che c’è qualcosa che possiamo fare?”“A Kanto, mi ha quasi ucciso quando sono entrato nella sua tana. Non avevo un team preparato per combatterlo, ma almeno avevo sei Pokémon tra cui scegliere. Adesso mi è rimasto solo Crossbow.”“Lo prendo per un no?”“Prendilo come uno ‘scappiamo’.” Rispose Darken, mentre un nuovo attacco di Moltres pioveva su di loro. I due richiamarono le due Megaevoluzioni e si allontanarono, puntando all’uscita. Peccato che a quel punto su di loro piovve un nuovo Fuocobomba, che costrinse entrambi a mettersi al riparo.“Oh, non di nuovo…” Gemette Darken, nascosto dietro una roccia. Draconix era nascosto dietro una parete rocciosa, e fece appena in tempo a mettersi al riparo prima che un’onda di calore investisse il punto in cui si trovava un momento prima. Il ragazzo si domandò come risolvere la cosa.E in quel momento si sentì un ruggito. Darken sbirciò, imitato da Draconix, guardando da dietro la roccia. C’era un caldo soffocante, e una luce intensa, ma non quanto la volta prima. Darken stavolta scorse una figura intenta a fronteggiare il Moltres e scacciarlo. Nel mezzo del fumo, del vapore e della luce prodotta dallo scontro non riuscì a vederla bene, ma non aveva dubbi si trattasse di un grosso quadrupede.Lui e Draconix uscirono dal loro riparo. Moltres era volato via, e il Pokémon era scappato. Sul terreno rimanevano solo i segni del passaggio di due pokémon Fuoco.Darken e Draconix si fissarono, poi scoppiarono a ridere.“Diciamo che è un pareggio, e teniamocelo buono per la Lega. Prima o poi avremo uno scontro. E allora vedrai che vincerò.” Rispose Draconix.“Stavo per dire la stessa cosa.” Replicò Darken. E i due si diressero verso l’uscita. Dragozard stava percorrendo la grotta ed era ormai in prossimità dell’uscita, quando una voce la chiamò.“Dragozard. Ehi Dragozard!” Esclamò Giuls. Il ragazzo si girò, ma rifletté mentalmente. Era abbastanza tardi, quindi uno scontro, se era questo che la ragazza voleva, non avrebbe dovuto contare più di due o tre Pokémon.“Scusami se ti fermo, ma volevo chiederti un favore.”“Certo, dimmi pure.”“Vorrei testare una strategia di lotta contro un Charizard. Una Mega, possibilmente. Potremmo fare una sfida uno contro uno?”Dragozard annuì subito. Anche a lui serviva fare un test.La ragazza si guardò intorno. C’era un punto, poco lontano, vicino a un fiume. Era un cratere ancora fresco per un pesante scontro precedente, e aveva l’aria di essere stato un combattimento tra Pokémon Fuoco a giudicare dal terreno bruciato. Ma a loro andava benissimo.Giuls mandò in campo Venusaur, contro il Charizard di Dragozard, ed entrambi fecero Megaevolvere i rispettivi starter.MegaCharizard Y si lanciò all’attacco, colpendo con Lanciafiamme, ma il Grassospesso di MegaVenusaur ridusse la potenza dell’attacco, nonostante il calore del corpo del Pokémon a potenziarlo come ci fosse un piccolo sole in campo.Il Pokémon si lanciò all’attacco, poi fu colpito al volto da una Velenpolvere. Tossì e rispose con Lanciafiamme ancora… almeno finché una Frustata non gli tappò la bocca. Charizard provò a liberarsi, ma scoprì di non riuscirvi. Agitò la coda, sbatté le ali, ma Venusaur era troppo pesante per sollevarla.Poi arrivò una seconda Frustata, che si avvolse intorno alla coda. Una terza, intorno al petto. Charizard cercò di ruggire, ma la liana intorno al collo era ben stretta, e la liana intorno al petto gli bloccava le ali. Precipitò inesorabilmente al suolo, accolto da Foglielama. Sommandosi all’effetto della caduta e del veleno, fu un po’ troppo. Con sorpresa del ragazzo, Charizard crollò, sconfitto.“Ah, funziona!” Esclamò Giuls.“Come…”“Oh, niente, ho riflettuto su come mettere Venusaur sullo stesso piano di un Pokémon Fuoco e Volante. Perciò ho pensato che valesse la pena provare a fermarne i movimenti e le fiamme, i due pericoli principali. Quindi ho allenato Venusaur perché usasse più liane insieme, e aggiungendo il veleno al mix ho ottenuto il risultato.”“Ottima mossa.” Commentò Dragozard.“Ti ringrazio. Adesso sono fiduciosa di poter battere Draconix.”La ragazza si avviò quindi all’uscita, dopo aver richiamato Venusaur. Dragozard sorrise ‘Questo darà filo da torcere a Draconix.’ Pensò. Poi si sorprese nel pensare a quanto fosse tranquillo da quando aveva parlato con Furio e con Argento.‘Però non sono ancora sicuro di cosa voglio fare. Forse… Dovrei provare a viaggiare con Raziel e gli altri. Con loro, potrei vedere se c’è qualcosa che mi interessa più del combattimento.’ E uscendo dalla grotta, si rese conto di aver preso almeno una decisione. -Giuls- Squadra: Medaglie: -Draconix- Squadra: Medaglie: -Darken- Squadra: Medaglie: -Dragozard- Squadra: Medaglie:
  46. 1 punto
    Zarxiel

    [Spin-Off] Raziel's Rivals (NON COMMENTARE)

    Dragozard VS Alfredo Dragozard stava aspettando al centro di una radura a poca distanza dall’ingresso della Via Gelata. Appena arrivato a Mogania, si era trovato nel mezzo dell’attacco di un vero e proprio branco di Gyarados inferociti. Quando il Campione e Raziel insieme erano comparsi al Lago d’Ira, si era preoccupato parecchio. Per fortuna a quanto pareva nessuno dei due sapeva della sua connessione con il Team Rocket, ed era riuscito a fermare la situazione prima che volgesse al peggio, e anzi ci aveva guadagnato. Inoltre, il combattimento successivo gli aveva fatto fare una scoperta interessante. Perciò aveva inventato di essere già stato alla Palestra per giustificarsi con Raziel e Lance e si era diretto al percorso vicino.Seduto in mezzo alla radura, rimase in attesa, poi sentì un rumore di passi. Come si aspettava, dal bosco sbucò un uomo con l’impermeabile nero, alto, con i capelli scarmigliati. Lo stesso che aveva già incontrato alla Zona Safari. “Hai cambiato vestito. Devo dire che così mi ricordi un’altra persona che conosco.” Commentò. L’uomo fissò Dragozard, e chiaramente era deciso a non dire una parola. “Oh, non fare così. La microspia era nascosta davvero bene, lo ammetto. Se non l’avessi trovata per caso mentre mettevo via la Ball di Gyarados, non me ne sarei mai accorto probabilmente.” Rispose, mostrandogli l’oggetto. “Immaginavo trasmettesse anche i suoni, dato che sei riuscito a intervenire quando quelle due matte hanno attaccato me e l’altro ragazzo.” Continuò, senza fare il nome di Argento “Quindi, ho pensato ti andasse bene fissare un appuntamento.” L’uomo si limitò ad annuire, ma non aprì bocca. Dragozard lo fissò, poi sorrise “Non c’è bisogno di trucchetti del genere. Non sono dalla parte dei Rocket. Al contrario, potrei esserti di enorme aiuto.” Quello continuò a non rispondere, poi davanti agli occhi di Dragozard si sciolse diventando un Ditto. A quel punto, il vero uomo, identico in tutto e per tutto al Ditto di prima, uscì dalla foresta. “Beh, ti chiedo scusa. Ma dovevo sincerarmi che non avessi cattive intenzioni.” Disse l’uomo richiamando il Ditto. “E cos’hai deciso?” “Che se richiamerai lo Scyther sarò più incline a crederti.” Dragozard sbuffò. Aveva lasciato nel bosco il Pokémon di guardia per ogni evenienza, ma evidentemente non era stato abbastanza abile. Premette il bottone della Poké Ball e la luce rossa si diresse verso gli alberi per poi rientrare nella sfera. “Soddisfatto?” “Sì.” “Bene. Adesso discutiamo seriamente, da pari a pari. Io voglio che tu la smetta di seguirmi e mi dica cosa sai di me. In cambio, ti offro questi.” Rispose mostrandogli una grossa pila di quadernini dopo averli estratti dalla borsa. “Cosa sarebbero?” Chiese l’uomo. “Li ho rubati dalla base del Team Rocket prima che i due Campioni decidessero che la cosa migliore fosse farla saltare in aria. Erano troppo impegnati a correre dietro a un Murkrow per accorgersene, specie se te la cavi bene a dissimulare come il sottoscritto.” “E come faccio a sapere che mi saranno utili?” Chiese l’uomo. “Beh, c’è scritto sopra piuttosto in grande ‘Progetto supersegreto’ 1, 2, 3, 4, 5. Non so te, ma mi pare un indizio sul contenuto.” “Li hai letti?” “Uno solo, ma non ci ho capito molto, era parecchio tecnico. Riguardava la produzione di una Poké Ball con gli attributi di uno strumento inventato in una regione chiamata Aurus, la Cleptatrice. Da quel che ho capito, servirebbe per creare delle Poké Ball – Dark Ball modello 1, dice qui - per rubare Pokémon già catturati sovrascrivendo il chip.” L’uomo per un solo momento spalancò gli occhi, ma a Dragozard bastò per capire che l’aveva in pugno. Certe volte, l’esperienza nel Team Rocket faceva davvero comodo. Specie quando bisognava agire… sul bordo della legge. “Supponiamo che io li voglia. Cosa vuoi in cambio?” “Che la smettiate di tenermi d’occhio. Che eliminiate ogni eventuale prova sul mio passato, visto che non ne vado fiero. E che…” “Piano con le richieste, ragazzo…” “E che stiate lontani da Giovanni e da chiunque sia legato a lui da un legame di parentela.” “… Richiesta stranamente specifica.” “Voglio essere specifico.” Rispose Dragozard. L’uomo scosse la testa “Per le prime due non c’è problema, dato che il tuo dossier è nelle mie mani.” Rispose mostrandogli una chiavetta USB “Non temere, è l’unica copia. Sono molto scrupoloso nel mio lavoro, ma preferisco tenerlo per me.” “E per la terza.” “Io non ho dati. Se per caso ce l’avesse qualche collega però non posso farci nulla.” Dragozard annuì. Era il massimo che potesse fare, ne era ben conscio. Perciò posò i quaderni al centro della radura e fece alcuni passi indietro. “Prendi i fogli e lascia la chiavetta. Niente scherzi.” L’uomo annuì. Effettuato lo scambio, si allontanò e attese che Dragozard raccogliesse l’oggetto. Il ragazzo la fissò. L’etichetta indicava chiaramente “Tenente Dragozard”. Con un gesto deciso la spezzò a metà. Poi annuì e fece uscire Charizard dalla Poké Ball. Gli saltò in groppa e volò via, lasciando l’agente della Polizia Internazionale da solo nel prato. Questi afferrò immediatamente il telefono. Premuto un bottone, la chiamata partì automaticamente “Capo, sono io. Sì signora, ho nuove informazioni. Quante?” Si fermò un momento a sfogliare i quaderni e sorrise “Abbastanza da farci fare un deciso passo avanti.” Poco dopo, Dragozard atterrò nella piazza di Mogania. Era già parecchio tardi, ma forse la Palestra sarebbe stata ancora aperta. Arrivato davanti all’edificio, riconobbe poco lontano uno degli amici di Raziel, quello che si era intrufolato nella base dei Rocket, e lo vide allontanarsi verso la strada per Ebanopoli. Poi si diresse nella Palestra. Affrontare il pavimento ghiacciato e i suoi avversari fu facile, e raggiunse agevolmente il Capopalestra. L’anziano Alfredo lo fissò e sorrise. “Oh, ottimo, un altro sfidante, e l’ultimo della giornata direi. Benvenuto ragazzo. Come ti chiami?” “Dragozard.” Rispose questi. Alfredo lo fissò un momento, ma Dragozard ci era abituato. Il nome che si era scelto come copertura era strano, per dire il minimo, ma funzionava a nascondere quello vero. “Quante medaglie hai, Dragozard?” Chiese l’uomo. “Sei.” “Oh, la settima sfida. Seconda di fila. Hai già partecipato a qualche Lega vero? Credo di averti visto.” “Kanto.” “Ah, ma certo.” Rispose l’uomo “Ma certo. Hai lottato contro il ragazzo con Pikachu e i tre starter, dico bene?” “Esatto.” Replicò Dragozard, domandandosi come se la passasse Rosso. Era un ragazzino un po’ taciturno, ma di certo un abilissimo allenatore. “In tal caso, cinque contro cinque. Pronto?” “Prontissimo.” Rispose Dragozard. Alfredo iniziò con Cloyster. Dragozard rifletté un momento e mandò in campo Scyther. Il Pokémon si lanciò all’attacco con un Alacciaio usando le lame al posto delle ali per una manovrabilità maggiore, e colpì causando ingenti danni all’avversario. Il Pokémon Ghiaccio arretrò, poi ruotò e scagliò pezzi di guscio ovunque, creando delle Punte. Scyther non si fece problemi e proseguì colpendo con Breccia, aggiungendo danno al danno. Cloyster scagliò una seconda serie di Punte, ma a quel punto Scyther lo mise al tappeto con Alacciaio. Dragozard sorrise. Anche se in quanto a velocità non reggeva il paragone con Raticate, in quanto a potenza il Coleottero lo superava di gran lunga. A quel punto, in campo entrò un Piloswine. Scyther colpì con Breccia, ma si rivelò un errore. A distanza così ravvicinata fu una facile preda per una Bora, venendo danneggiato gravemente dal colpo ma sorprendendo Dragozard, che pensava di vederlo crollare. Stringendo i denti, a un comando di Dragozard colpì con Alacciaio, ma allo stesso tempo Piloswine lanciò una nuova Bora. I due attacchi si scontrarono, ma fu Scyther ad avere la peggio. Il ragazzo annuì e richiamò il Coleottero, poi mandò in campo Sneasel. La Pokémon colpì con Gelopugno il fianco del Piloswine. L’avversario arretrò un momento, poi sbuffò e colpì il terreno generando Terremoto. Dragozard se l’aspettava e Sneasel reagì saltando in avanti, subendo solo danni marginali avendo sbagliato leggermente la tempistica del balzo. Atterrò sulla schiena del Piloswine, e colpì con Gelopugno. Il Pokémon Terra sbuffò ancora, poi cercò di scrollarsi di dosso l’avversario, ma due Gelopugni lo misero al tappeto. “Poco ortodosso.” Commentò Alfredo. “Ma efficace.” “Senza dubbio.” Rispose il Capopalestra, schierando un Lapras. Sneasel a quanto pareva aveva faticato parecchio a tenersi sulla schiena del precedente avversario, e reagì troppo lentamente venendo centrata dall’Idropompa di Lapras. Si rialzò, ma subito dopo uno Stordiraggio scagliato dal corno dell’avversario la confuse. E nella confusione attaccò un pilastro. Un’Idropompa la centrò, abbattendola. Dragozard la richiamò, poi mandò in campo Charizard. Il Pokémon ruggì e scagliò un Fuocobomba, che in barba alla compatibilità di tipi causò grossi danni al Lapras. Alfredo però non era uno sprovveduto e decise di scambiare Lapras con Dewgong. Il Pokémon Otaria incassò agevolmente il successivo attacco e colpì con Geloraggio. Charizard arretrò, poi si lanciò all’attacco con un Attacco d’Ala. Il colpo sorprese il Pokémon avversario, ma non risultò molto efficace. Dragozard rifletté sul da farsi mentre con una rapida rotazione Charizard schivava un Raggiaurora e lanciava un Lanciafiamme dalla scarsa efficacia. Tutti i colpi finivano per infrangersi sul Grassospesso di Dewgong… Alla fine, si limitò a richiamare Charizard, mandando in campo invece Rhydon. Il Pokémon avversario lanciò un Geloraggio… e fu centrato da un inatteso Fulmine da parte di Rhydon, che lo sconfisse. Sorpreso, Alfredo mandò in campo Jynx, ma il Rhydon caricò con Rotolamento. Bastarono due colpi per sconfiggere la Pokémon. Lapras però con Idropompa, pose fine al combattimento, e Dragozard mandò in campo Charizard. Il Pokémon Volante schivò un’onda e lanciò Fuocobomba, concludendo l’opera. “Eccellente, eccellente!” Esclamò Alfredo “Eccoti medaglia ed MT.” Dragozard lo ringraziò e uscì. Dopo aver curato i Pokémon al Centro Pokémon, si mise a riflettere. Poteva restare lì, o poteva incamminarsi verso Ebanopoli. Alla fine, optò per la seconda e, con le stelle splendenti nel cielo sopra la testa, si mise in marcia. Squadra: Medaglie:
  47. 1 punto
    Zarxiel

    [Spin-Off] Raziel's Rivals (NON COMMENTARE)

    Giuls VS Angelo Giuls si diresse verso la grande città di Amarantopoli, guardandosi intorno, sospettosa, uscendo dal Monte Scodella. Soprattutto guardò sopra di sé, per paura che un certo Braviary le piombasse addosso. Ma nonostante qualche Pokémon Volante le fosse passato sopra la testa, come ad esempio uno Skarmory, nessuno di loro era ostile.Stava percorrendo il percorso, quando sentì una voce alle sue spalle “Ehi…” Lanciò un grido e si girò, estraendo una Poké Ball dalla cintura. E si trovò davanti un terrorizzato Bill. “Woah, aspetta, sono io, Bill!” “Bill?” Chiese Giuls, fissando il ragazzo. “Proprio io. Ora, potresti mettere giù la Poké Ball? Ho tutti i miei Pokémon con me, ma sono abbastanza sicuro che mi distruggeresti comunque.” “Cosa ci fai qui Bill?” “E’ un piacere vedere anche te. Comunque, sto andando a controllare i server di Amarantopoli. Ho risolto il problema del server giù a Fiordoropoli, che a quanto pare qualcuno aveva provato ad hackerare finendo per danneggiarlo, ma ora voglio controllare che sia tutto a posto anche nel resto della regione. Sono stato ad Ebanopoli e Mogania, e adesso tocca alla città delle torri.” “Scusa, è che ieri è stato un giorno un po’… beh, comunque sono felice di vederti.” Rispose la ragazza, rimettendo la Poké Ball nello zaino. “Meno male. Comunque, se vai ad Amarantopoli, posso accompagnarti.” “Non credo che…” “Suvvia, credo che un po’ di compagnia ti farà bene. Anche perché mi sembri un po’ pallida. E devo ammettere che essere in compagnia di una partecipante alla Lega mi rende più sicuro.” Giuls ci pensò un momento, poi annuì. E poi, Thiazi aveva detto che ci sarebbero stati altri a bloccarla, ma forse non si sarebbero resi conto che era lei che dovevano fermare se ci fosse stato un altro con lei. I due percorsero insieme il sentiero, e per un po’ tutto sembrò andare per il meglio. Poi un omone passò loro accanto. Aveva l’aspetto di uno che non si tagliava la barba da anni, dato che il lungo barbone nero gli arrivava al petto. I capelli neri aumentavano l’aria da selvaggio, e le larghe spalle facevano capire che era parecchio forte. I due lo superarono. Per un momento, non sembrò succedere nulla, poi l’uomo sorrise. “Ti avevano avvisato ragazzina.” Disse, con una delle voci più profonde che Giuls avesse mai sentito. L’uomo l’afferrò per la spalla mentre Giuls afferrava una delle Poké Ball, e la ragazza sentì qualcosa spostarsi nella posizione sbagliata e lanciò un grido, arretrando. “Ehi tu!” Gridò Bill. L’uomo si girò e lo colpì al braccio con uno schiaffo. Bill gridò di dolore mentre si sentiva il suono di un osso che si rompeva. “Oh, mi dispiace, qualche volta dimentico che non tutti sono forti quanto me. Ecco, lascia che ti aiuti un momento.” Disse, abbassandosi verso Giuls e strattonandole leggermente la spalla. La ragazza gridò ancora, poi sentì che l’osso era tornato in posizione. “Per… ché…” “Suvvia, era solo un colpetto. Credevi che ti avrei accarezzato? Thiazi dovrebbe averti avvertito. Se tu non l’hai ascoltato, è colpa tua.” “Giuls, di che sta… parlando…” Chiese Bill tra i denti, con il braccio al petto. “Scusa Bill, non volevo trascinarti in questo casino.” “Tranquilla, ci sarebbe finito comunque.” Commentò l’omone, guardando il ragazzo “Il nostro tentativo di hackerare il suo Sistema Memoria non ha funzionato, perciò lo avremmo cercato comunque.” “Voi…” “Inoltre avremmo cercato anche te lo stesso. Sai, vogliamo i Rotoli che ti ha dato Franz.” “Non so di cosa…” “Non c’è bisogno di mentire. Abbiamo già fatto parlare Franz. All’inizio non voleva, ma quando abbiamo minacciato la sua adorata nipotina… Beh, ha cooperato molto volentieri.” “Non avrete…” “Idi è abbastanza di buon cuore con i bambini, quindi non le ha fatto nulla, visto che il vecchio parlava. Fortunella.” “Comunque, non avrete i rotoli. E neanche Bill!” Esclamò, mandando in campo Venusaur. Un attimo dopo, la fece Megaevolvere. L’uomo sorrise “Bene!” E con sorpresa di Giuls, si lanciò all’attacco di persona e colpì MegaVenusaur con un pugno al muso, facendolo arretrare. “Cos…” “Forza, credi di potermi battere senza far nulla?!” “Non avrai davvero intenzione di affrontarmi senza usare Pokémon!” “Quello è il piano, finché posso. Forza!” Giuls non sapeva che fare, ma quando l’uomo si lanciò su di lei fu la Pokémon a reagire con una Frustata, bloccando il pugno e provando a torcere il polso dell’avversario. “Almeno il tuo Pokémon sembra combattivo!” Sorrise l’altro, afferrando la liana. Poi, lasciando a bocca aperta Giuls e Bill, la tirò in aria, sollevando di peso MegaVenusaur per poi schiantarla a terra. La Pokémon si rialzò a fatica, lasciando andare la presa. “Venusaur, no!” Esclamò Giuls, ma la Pokémon a quel punto era tornata a fare per conto suo come ai tempi in cui le due si erano conosciute. Immagazzinò energia solare, poi lanciò un Solarraggio a piena potenza verso l’uomo barbuto. Ci fu un esplosione, ma quando il fumo si diradò quello era ancora in piedi, con una mano circondata dal fumo. “Ma come…” Iniziò Giuls. Poi vide che sulla mano dell’uomo era aggrappato qualcosa. Ci mise un attimo a riconoscere uno Shedinja. “Ma guarda, mi hai costretto a usare il mio scudo. Benissimo, adesso faccio sul serio!” Esclamò, lanciandosi verso Venusaur. “Basta così!” Esclamò Bill. Con il braccio sano aprì la Poké Ball, facendone uscire un Flareon. “Che noia.” Commentò l’uomo “Non serve che me ne occupi io.” E così dicendo aprì una Poké Ball, dalla quale uscì un Claydol. Bill sorrise, e mandò in campo anche un Vaporeon. Giuls lo sentì borbottare qualcosa sull’autodifesa, poi tornò a guardare Venusaur. La Pokémon era appena stata sollevata e scagliata via, atterrando dolorosamente. “No!” Gridò la ragazza. A quel punto, tutte le sue Poké Ball si aprirono. Sapeva che poteva succedere per svariati motivi, ad esempio come misura precauzionale se i Pokémon nelle Poké Ball si trovavano in uno stato di grave pericolo e non rischiavano di morire uscendo da esse, ma non l’aveva mai visto. Almeno fino a quel momento, quando i quattro Pokémon che aveva con sé oltre a Venusaur e al Rattata di Darken uscirono dalla Poké Ball. Thyplosion, Arcanine e persino Lapras, anche se quest’ultimo faticosamente, si lanciarono all’attacco. Persino il Golbat che aveva catturato la notte prima al Monte Scodella ed allenato fino ad evolversi quella mattina si preparò a combattere. Bill annuì e mandò in campo anche un Jolteon e un Umbreon. Giuls notò che aveva con sé solo cinque Poké Ball, e dedusse che quest’ultima contenesse un Pokémon inadatto a combattere. In totale a quel punto c’erano nove Pokémon dalla loro parte. La ragazza non ne aveva mai visti tanti tutti insieme in un combattimento, ma l’uomo barbuto sorrise e lanciò un grido. “Sì! Di più! Io sono Gangr il Berserker, primo servitore del grande Jourmungand, e voi tutti siete condannati a morte!” Esclamò, aprendo le quattro Poké Ball rimaste chiuse alla sua cintura. Da esse uscirono un Muk dall’aspetto bizzarro, uno Starmie, un Gengar ed un Bronzong. “Male, malissimo…” Riuscì a pensare Giuls. Poi l’uomo si lanciò all’attacco fianco a fianco dei suoi Pokémon. Quella che seguì fu una battaglia all’ultimo sangue, non una lotta Pokémon. Gangr usava Shedinja per parare i colpi speciali, mentre Starmie teneva impegnato Thyplosion e Claydol Flareon ed Arcanine. Probabilmente ben sapendo che il Pokémon più pericoloso lì in mezzo era Umbreon, lo colpì per primo, con un pugno che lo fece svenire e costrinse Bill a richiamarlo. Poi si scagliò contro Lapras, mentre Shedinja si spostava sulla sua schiena e bloccava un Solarraggio di Venusaur e l’Idropompa del Vaporeon. Golbat fece per colpirlo con Attacco d’Ala, ma fu bloccato da Bronzong, che parò con uno Riflesso e rispose con quella che probabilmente era una Metaltestata. Nel frattempo, Gangr si spostò di lato schivando un Geloraggio e fu addosso a Lapras. Lo afferrò per il guscio e ruotò, lanciando il Pokémon Trasporto via… direttamente addosso a Bill, che fu spinto indietro. Giuls gli si avvicinò, terrorizzata. Il ragazzo era ridotto male, ma respirava ed era sveglio. “Beh, non è una bella situazione.” Commentò, rendendosi subito dopo conto di quanto suonasse stupido il commento. Lapras si rialzò, dolorante, ma Giuls lo richiamò, vedendo chiaramente la ferita fattagli dall’albero su cui si era schiantato. “Bill, che facciamo?! Quel pazzo ci ammazzerà!” Esclamò Giuls, guardando l’uomo lanciarsi addosso ad Arcanine. “Non… Non lo so.” Conosco due persone che potrebbero aiutarci ma… Non qui e ora.” “Chi?!” “Bruno il Superquattro e il suo maestro…” Disse Bill, tossendo ancora “Ma non ha senso pensarci. Anche volendo, sono troppo lontani, tu non hai il numero, e quanto al mio telefono…” Tirò fuori dalla tasca i frammenti di quello che era stato uno smartphone, scuotendo la testa. In quel momento Arcanine guaì mentre una mossa acqua che Giuls non conosceva e il pugno dell’omone lo colpivano contemporaneamente. “Non c’è altro che possiamo fare? Nient’altro che restare a guardare?” “Darken lo diceva sempre…” Commentò Bill, mettendosi seduto a fatica “Un allenatore dovrebbe essere in grado di difendere i suoi Pokémon. E invece eccoci qui…” Giuls guardò con orrore mentre il terremoto di Claydol colpiva e sconfiggeva Flareon, e afferrò la cintura delle Poké Ball di Bill. Riuscì a richiamarlo, poi guardò le cinque sfere del ragazzo. Quattro erano vuote, e nella quinta c’era un Eevee. “Avrebbe dovuto evolversi in un Espeon” Commentò Bill “Ma non siamo ancora abbastanza amici. Il legame emotivo è fondamentale per quell’evoluzione, e ce l’ho da appena due giorni. Se si fosse evoluto prima, avremmo potuto usarlo…” “In che senso?” “Se fosse un Espeon, potrei cercare di mettermi in contatto con qualcuno usando i suoi poteri psichici. Basterebbe che lui trasmettesse i miei pensieri allo psiche più vicino, e gli Espeon sono potenti, quindi avrebbe un raggio abbastanza vasto, e gli chiedesse di contattare a propria volta Pino dei Superquattro. Lui potrebbe portare qui Bruno.” “Quindi se si evolvesse potremmo salvare i nostri Pokémon?” “Sì, ma come ti ho detto è impossibile.” Giuls fece uscire il Pokémon dalla Poké Ball e lo fissò dritto negli occhi. Il Pokémon non sembrava affatto felice di conoscerla. “Ti prego Eevee, abbiamo bisogno che tu ti evolva!” Esclamò la ragazza, continuando a guardarlo. “Non può funzionare Giuls, lascia perdere.” Rispose Bill “Un legame non si crea in due minuti, o in due giorni. Vaporeon, usa Scudo Acido!” Riuscì ad esclamare in tempo. Il Vaporeon lo sentì e si liquefece, lasciando passare il pugno di Gangr attraverso. Bill sorrise “Almeno questo riesco a farlo.” Giuls guardò il combattimento. Thyplosion crollò in quel momento, quando un pugno lo colpì alla mascella, e la ragazza lo richiamò. Venusaur lanciò un Solarraggio, ma Shedinja si mise in mezzo ancora. Vaporeon riuscì a centrare il Claydol con Bora, ma a quel punto la Palla Ombra di Gengar lo centrò in pieno. Il Pokémon arretrò un momento e a Gangr bastò per colpirlo al muso e farlo cadere a terra. A quel punto, restavano solo Jolteon, Golbat e MegaVenusaur, tra l’altro malconcia. Giuls sentì le lacrime scenderle sul viso. Poi vide il Muk girarsi verso di loro e fissare l’Eevee. Il Pokémon aprì la bocca e scagliò un Neropulsar… E Giuls si lanciò a proteggere Eevee, abbracciandolo. Il colpo la centrò alla schiena, anche se il suo zaino attutì l’impatto, rompendosi e spargendo parte del contenuto, tra cui un rotolo nero. In quel momento, Giuls capì cosa stava rischiando. Non la sua vita, ma quella di Bill e di tutti i loro Pokémon. E improvvisamente sentì dentro di sé qualcosa di forte. Di caldo, di protettivo. Qualcosa che voleva rafforzare coloro che le stavano intorno. Chiuse gli occhi… e quando li riaprì stringeva tra le braccia un Espeon, e dietro di lei un Crobat stava combattendo contro il Muk e il Bronzong. Bill la guardò stupefatto, poi corse verso Espeon. “Non so come hai fatto, ma adesso, in fretta!” Gridò Bill, afferrando Espeon. Il Pokémon lo guardò male, ma Giuls lo calmò con un’occhiata e obbediente quello si mise accanto a Bill. Il ragazzo chiuse gli occhi. Adesso dipendeva tutto da lui. Aveva letto il libro di Sabrina, e sapeva che i Pokémon possono supplire alla mancanza di poteri psichici, ma doveva riuscire comunque a fargli capire cosa fare. Per fortuna, il Pokémon sembrava essere abbastanza capace da allargare il raggio d’azione. Quello di Bill fu un grido disperato d’aiuto, ma qualcuno lo raccolse. E non qualcuno a caso. Ci fu un crack, e non uno ma ben due Superquattro comparvero. Pino e Sabrina si guardarono intorno, lasciando il braccio dei rispettivi Alakazam. “Chi è stato che ha chiamato?” Chiese Sabrina. “Giuro che se è un altro ragazzino con poteri psichici che crede sia divertente fingersi in pericolo io…” Iniziò Pino, ma vedendo la situazione smise di parlare “Oh.” “Decisamente. Che Giratina sta succedendo qui?” Chiese Sabrina. “Ci hanno attaccato. Quel gigante riesce a combattere a mani nude contro i nostri Pokémon. Ci serve Bruno. Bill è ferito. Aiuto!” Riuscì a dire Giuls. Sabrina la guardò un momento, poi fissò l’omone intento a lanciarsi contro MegaVenusaur. Quando quello sollevò di nuovo il Pokémon come fosse carta velina, strabuzzò gli occhi, ma riuscì a contenersi e si girò verso Pino. “Un Pokémon Buio e uno Spettro, ma il secondo debole allo Psico. Il problema è lo Shedinja.” Disse Pino. “Me ne occupo io, tu pensa agli altri.” Quando l’Eterelama del Sigilyph di Sabrina centrò in pieno il Shedinja cogliendolo di sorpresa, mentre Gengar veniva sollevato e scagliato via dallo Psichico del Grumpig di Pino, Gangr si girò verso di loro. “Altri ospiti? Eccellente.” Commentò, lanciandosi all’attacco dopo che un altro pugno aveva mandato al tappeto MegaVenusaur, che Giuls richiamò all’istante. “Non sarò Bruno, ma credi davvero di potermi prendere a pugni come una persona qualunque?” Chiese Sabrina, deviando il colpo con i propri poteri psichici. L’uomo sorrise, piantò il piede e piegò il braccio mirando al fianco. “Penso di sì.” Rispose, ma il pugno si bloccò a due centimetri dal corpo dell’allenatrice. “Forte…” Riuscì a borbottare quella “Ma non abbastanza!” E un’onda di energia psichica scagliò indietro l’uomo. “Ti serve aiuto?” Chiese Pino. “Beh, è davvero forte. C’è voluta un’energia non da poco per fermarlo. In termini di forza è superiore a Furio. Credo che sarebbe un buon rivale addirittura per Bruno.” Anche Gangr però si rendeva conto che la situazione non era più a suo vantaggio. Poi vide il rotolo nero, rotolato lontano da Bill, da Giuls e dai due Superquattro. Uno schiocco di Dita, e Muk si lanciava verso il rotolo. Appena lo ebbe afferrato, richiamò i Pokémon e si aggrappò a Starmie. “Signorina, signor Bill, siete davvero fortunati. Ci rivedremo.” Poi, prima che Sabrina o Pino potessero fermarlo, lo Starmie e l’uomo scomparvero. “E se n’è andato.” Commentò Sabrina. “Dovremmo provare a inseguirlo?” Chiese Pino. Sabrina scosse la testa, indicando Bill. “Il ragazzo ha bisogno di essere curato, e anche la ragazza non ha una bella cera. Inoltre qualcuno deve fare rapporto all’Associazione Pokémon. Subito. Potrebbe avere a che fare con la faccenda della Polizia Internazionale.” “Fallo tu, le tue descrizioni saranno più accurate delle mie. Io penso a loro.” Sabrina annuì e un momento dopo scomparì, aggrappandosi al proprio Alakazam. “Forza voi due, vi porto all’ospedale di Amarantopoli.” Disse Pino, ma Giuls scosse la testa, raccogliendo i resti del suo zaino, inclusi i vestiti tra cui aveva infilato il rotolo dorato, per fortuna ancora al suo posto “Io sto bene. Pensi a Bill.” “Signorina, ti sei vista la schiena? No, che domanda stupida. Ma hai bisogno di una fasciatura, e subito.” Disse Pino. “Posso farlo da sola. Io devo andare al Centro Pokémon. I miei Pokémon…” “Ci penseranno all’ospedale. Non accetto un no come risposta.” Disse l’uomo. Afferrò entrambi, e un secondo dopo scomparvero per ritrovarsi davanti a un’interdetta infermiera dell’ospedale. Pino si fece riconoscere, e immediatamente Bill e Giuls furono sottoposti a degli esami, mentre i loro Pokémon furono portati al Centro Pokémon. Il resto della mattinata e del primo pomeriggio Giuls lo passò a parlare con Pino e la polizia, subito dopo che le ebbero fasciato la schiena. Era stata fortunata, le dissero. Lo zaino aveva attutito l’impatto, che altrimenti le avrebbe potuto spezzare la spina dorsale, e le era rimasta solo una ferita alla schiena. Con cautela, ma non avrebbe avuto bisogno di essere trattenuta nella struttura. Anche i suoi Pokémon, grazie all’infermiera del Centro Pokémon, si erano ristabiliti, anche se Lapras ed Arcanine non era in condizioni di muoversi per qualche giorno. La polizia raccolse la sua testimonianza, poi li vide discutere a bassa voce con Pino. La frase “Avviseremo la Polizia Internazionale” fu l’unica che riuscì a cogliere. Alla fine, riuscì ad andare da Bill. Il ragazzo sarebbe rimasto in ospedale per qualche giorno, avevano detto i medici, perché anche se sembrava avere solo un paio di fratture era meglio tenerlo in osservazione. Ma non le sfuggì che davanti alla sua porta c’erano un paio di allenatori che, aveva sentito dai giornali, erano tra i pupilli di Pino. “Ehi Giuls. Scusa se ti ho fatto chiamare.” Disse Bill, steso a letto. “Scusami tu Bill. Mi dispiace. La colpa è mia, non avrei dovuto…” “No, l’hai sentito, mi avrebbero cercato lo stesso. Dovevo capirlo da quando hanno attaccato il laboratorio a Miramare.” “Hanno attaccato il laboratorio?” “Mente ero al Settipelago. Mi hanno rubato tutti gli appunti sul Sistema Memoria Pokémon, ma evidentemente non gli bastano. Per fortuna, conosco a memoria tutti i dati.” “Mi dispiace…” “Ascolta, non è colpa tua. Piuttosto, voglio darti una cosa.” “Che cosa?” “Espeon.” Disse, porgendole la Poké Ball. “Bill, non posso…” “Devi. L’hai fatto evolvere tu.” “Non sappiamo neanche come.” “No, infatti, ma rimane che sei stata tu a farlo. Perciò, è tuo.” Giuls annuì e prese la Poké Ball. “Secondo i dati del PC, era stato ottenuto come Eevee a Fiordoropoli. Guardò Bill, che sorrise “Ho solo giocato un pochino con i file. Ho pensato che la gente avrebbe fatto meno domande se fosse stato tuo dall’inizio.” Giuls sorrise, poi salutò il ragazzo e uscì dall’ospedale. Avrebbe voluto ringraziare anche Pino, ma non lo vide da nessuna parte. A quel punto, fece uscire i suoi Pokémon. Venusaur, Crobat, Thyplosion ed Espeon. Lapras ed Arcanine erano in cura, e c’era sempre il Rattata di Darken, anche se ormai non aveva idea di quando si sarebbero incontrati di nuovo. “Bene.” Pensò la ragazza, dirigendosi verso la Palestra “Direi che è il momento di vedere se riusciamo a vincere anche in svantaggio. Non dovrebbe essere difficile, Raziel lo fa sempre.” Affrontò gli allenatori e il percorso buio rapidamente, poi si trovò davanti Angelo, il Capopalestra. “Salve.” Disse l’uomo “Vorrei scusarmi con te per non essermi reso conto di ciò che stava accadendo. Sfortunatamente, mentre venivate attaccati, stavo aiutando alcuni clienti importanti. Non è una scusa, ma…” “Non temere, non è colpa tua.” Disse Giuls. “Lo spero.” Rispose l’uomo “Adesso, la sfida. Medaglie?” “Sei.” “Lega di Kanto, vero?” “Esatto.” “Cinque contro cinque… Non la cosa più divertente del mondo.” Commentò, mandando in campo un Misdreavus. Giuls decise di cominciare con Crobat. Il Pokémon debuttò con un Morso, colpendo l’avversaria e danneggiandola gravemente. Ma a quel punto, quella rispose con Malcomune, e trasferì i danni al Crobat. Il Pokémon non si diede per vinto e colpì ancora con Morso, sconfiggendo l’avversaria. ‘E uno.’ Pensò Giuls, mentre un Gengar entrava in campo. Il Pokémon spettro colpì con Palla Ombra, incassò un Morso e con un secondo Palla Ombra mandò al tappeto l’avversario. “Buon lavoro, Crobat.” Disse Giuls richiamandolo e mandando in campo Espeon. Il Pokémon colpì con Psichico danneggiando e sconfiggendo con un solo colpo l’avversario. “Ha dei poteri psichici davvero invidiabili.” Commentò Angelo. La ragazza annuì. In effetti era straordinario che fosse riuscito a farsi sentire da entrambi i Superquattro. Angelo schierò un secondo Gengar, che si limitò a lanciare una Palla Ombra. Espeon la schivò, poi colpì con Psichico, ma quello non crollò. Invece rimase fermo, e al secondo Psichico andò al tappeto. Ma fu seguito da Espeon. “Destinobbligato…” Pensò Giuls, schierando Thyplosion. Il secondo Misdreavus entrò in campo e fu colpito da un Ruotafuoco, arretrando per il colpo. Poi lo Spettro cantò, un grido acuto e lacerante. Angelo richiamò Misdreavus e schierò Gengar, ma prima che potesse usare Malosguardo Giuls sostituì Thyplosion con Venusaur, mandando in fumo i piani del Capopalestra. Questi comunque non si scompose, e colpì con Palla Ombra la Pokémon Erba. Venusaur incassò, e dopo aver caricato il proprio colpo lanciò un Solarraggio. Il colpo fece danni, ma lo Psichico successivo colse di sorpresa Giuls e Venusaur, e causò ingenti danni. La ragazza rispose con Gigassorbimento, ma il secondo Psichico sconfisse Venusaur. Giuls imprecò a mezza voce per non aver usato la Megaevoluzione, poi mandò in campo Thyplosion. Con un Ruotafuoco, sconfisse il Gengar, poi Angelo schierò Misdreavus. Il Pokémon fu colpito da un nuovo Ruotafuoco, e a quel punto cantò. Ma stavolta, era troppo danneggiato, e un Lanciafiamme lo sconfisse. Angelo annuì “Ottima lotta. Eccoti Medaglia ed MT.” Giuls sorrise e uscì, dirigendosi esausta al centro Pokémon. Quando fu uscita Angelo afferrò il telefono e compose il numero “Sì, è stata qui. Ho fatto come mi hai detto.” Nel buio della camera, Giuls rabbrividì, ma diede la colpa al condizionatore acceso e lo spense. Per un secondo, le sembrò di vedere le ombre muoversi. Poi si disse che era la sua immaginazione e si addormentò. Squadra: Medaglie:
  48. 1 punto
    Zarxiel

    [Spin-Off] Raziel's Rivals (NON COMMENTARE)

    Dragozard VS Jasmine Dragozard salutò Raziel e si guardò intorno. In teoria doveva ancora sfidare la Palestra locale, ma prima di tutto non voleva farlo sotto gli occhi di Raziel, dato che probabilmente se lo sarebbe trovato contro alla Lega, e in secondo luogo doveva ancora fare una cosa che aveva deciso durante il volo fin lì.Si diresse a cavallo di Charizard indietro, verso Fiorlisopoli e oltre, fino alla neo fondata Zona Safari. Arrivato lì, atterrò e si diresse al Centro Pokémon. Dopo un rapido cambio di Poké Ball, uscì di nuovo e aprì quelle di Golbat e Raticate. Li fissò entrambi e sospirò.“Golbat, Raticate… credo che questo sia un addio. Vi ho tenuti con me in quanto simboli del mio passato, ma ho sbagliato. Questo viaggio… E Furio… Mi hanno aperto gli occhi. Devo accettare il mio passato, ma devo guardare al futuro. Golbat, il solo fatto che tu non ti sia mai evoluto dimostra che non ti ho mai compreso. Raticate, nonostante siamo rimasti insieme tanto a lungo io e te non ci siamo mai connessi davvero. Perciò, se volete andare, andate. Mi occuperò di firmare personalmente i dati per il rilascio.”Golbat non ci pensò nemmeno un momento. Si girò, e scomparì verso il bosco vicino. Raticate, sorprendendo Dragozard, parve più indeciso. Alla fine però si rivolse anche lui verso il bosco, scomparendo tra le foglie.L’allenatore sospirò, scuotendo la testa. Per un attimo, ci aveva sperato davvero, ma in fondo il suo legame con quei Pokémon non era altro che qualcosa di deviato.“Bene, vuol dire che devo catturare due nuovi Pokémon. Ho fatto bene a venire qui.” Commentò il ragazzo, entrando nella Zona Safari. Ritirò le Safari Ball, ed entrò nella vasta area interna.La Zona Safari di Johto era divisa in diverse aree. La sua particolarità è che sei di esse erano rese accessibili ogni giorno, totalmente a caso. Perciò, anche i Pokémon catturabili in un dato giorno erano totalmente casuali. Aveva anche sentito della possibilità di catturare Pokémon da altre regioni più lontane, ma da quel che sapeva nessuno ne aveva mai visto uno, quindi probabilmente era una leggenda metropolitana.Dopo un’ora trascorsa a osservare varie possibilità, osservò soddisfatto i suoi due nuovi acquisti. “Ottimo, adesso credo di poter tornare da Jasmine a Olivinopoli ed affrontare la Palestra.” Si disse. Fece per uscire dalla zona in cui si trovava, quando un ragazzo gli passò accanto. Un ragazzo coi capelli rossi e gli occhi argentati.Entrambi ci misero un attimo a realizzare chi gli stava passando di fianco. E a quel punto si girarono.“Oh non ci posso credere!” Esclamarono all’unisono.“Ascoltatemi bene, non so chi voi siate o perché mi stiate seguendo, ma ne ho avuto abbastanza! Mi siete col fiato sul collo fin da Azalina!” Iniziò Argento.“Come mi hai scoperto?”“Non è difficile capire se qualcuno ti pedina.”“Questa non è una spiegazione.”“Vi ho sentito per puro caso chiedere informazioni a un allenatore.”“… Davvero. La mia copertura è saltata perché tu mi hai sentito chiedere di te a un allenatore. Davvero. Maledetta la vita.”“Ok, cosa volete da me?” Chiese Argento visibilmente irritato.“… Sai, prima volevo dire che sono sorpreso dalla tua educazione, ma potresti anche smetterla di darmi del voi.”“E perché dovrei visto che siete in più d’uno?”“… No, non è vero.”“Temo che il signor Argento si stia rivolgendo a me.” Disse una voce femminile alle loro spalle. I due si girarono, vedendo una donna alta e piuttosto muscolosa sorridergli.“E tu saresti…”“Volla. Leale servitrice e custode di segreti.”“Piacere. E staresti seguendo Argento perché…”“Il mio signore desidera… discutere, con il figlio di Giovanni.”“Non mi piace come suona quel discutere.” Commentò Argento “Quindi… no.”“Che peccato.” Commentò quella, mandando in campo un Jynx.“Mi perdoni signora” Si intromise a quel punto un inserviente “Ma qui è vietato usare Poké…” Ma fu interrotto quando uno Psichico del Jynx lo scagliò via.“Ok, autodifesa!” Esclamò Dragozard mandando in campo Charizard. Argento annuì e schierò Feraligatr.“Deduco che non vi arrenderete con le buone.” Commentò Volla.“Congratulazioni Sherlock… aspetta, avevi detto tre persone vero?” Chiese Dragozard girandosi verso Argento. I due si girarono e fecero appena in tempo ad abbassarsi prima che un Tuonopugno e un Fuocopugno li colpissero alla testa. L’Electivire e il Magmortar balzarono accanto a una seconda donna.“Tch, Volla, cosa vorrebbe dire questo disastro? Credi davvero di essere degna di portare il titolo di custode dei segreti facendo questo disastro?”“… Mi dispiace milady. Era inevitabile.”“Riconosco che è vero, ma avremo comunque una discussione.” Rispose la seconda donna. Era alta, con capelli biondi lunghi.“Sì milady.”“… Ti prego Argento, dimmi che ci capisci qualcosa?” Disse Dragozard.“Sono perso quanto te.”Dragozard sospirò “Bene. Autodifesa, parte due!” Esclamò mandando in campo un Rhydon.“Concordo.” Commentò Argento mandando in campo un Gengar.“Rhydon, prendi Electivire! Charizard il Jynx!”“Feraligatr, il Magmortar! Gengar, copertura con Palla Ombra!” Ordinò Argento. Un momento dopo, un Tuonopugno stava colpendo Feraligatr, un Gelopugno Rhydon e un Furto il Gengar. I colpi furono di una violenza inaudita e stesero i tre in pochi colpi.“Vi consiglio di riprovare. Magari senza scegliere accoppiamenti così ovvi.” Commentò la donna bionda.“… Sai Argento, per tua fortuna non sono più un membro del Team Rocket. Sarei già scappato alla velocità della luce.”“Partito.”“… E tu come lo sai?”“Ho scritto io a cinque anni quella canzoncina. TU come la conosci?”“Ma Archer aveva detto…”“Non vorrei intromettermi” commentò Volla “Ma noi avremmo fretta.”Non penso proprio!” Esclamò Dragozard lanciando in campo Schyter, mentre Charizard riusciva a sconfiggere il Jynx.“Oh beh, adesso dovremo arrenderci.” Commentò Volla.“… Sei sarcastica vero?”“Che detective.” Commentò la donna bionda, mentre Volla mandava in campo un Gogoat.“Qualcuno ha detto detective?” Chiese una terza voce. Un uomo con impermeabile scuro e capelli spettinati si fece avanti.“Ok, si può sapere quanta gente mi sta seguendo?” Chiese Argento.“Non sto seguendo te, ragazzino, sto seguendo il Tenente del Team Rocket.”“Io non sono più un Tenente del Team Rocket.”“Dicono tutti così. Comunque, seguendo te sono arrivato a loro. Grazie.”“… Io ormai ci rinuncio.” Commentò Dragozard massaggiandosi la fronte “Era una cosa facile. Seguo Argento. Trovo Argento. Gli do un messaggio. Me ne vado. E invece mi ritrovo con una carta di un gioco da cellulare, de Winter e Dick Gumshoes”“… Non so se sia peggio che io le abbia capite tutte o che mi stiano facendo ridere.” Commentò Argento sorridendo.“Ora basta!” Esclamò la donna “Voi due, andatevene subito e vi lascerò vivere.”“Non mi pare un’opzione signora. Ho parecchie domande da farle.”“Impudente…” Esclamò la donna, quando l’uomo estrasse una pistola.“Quella è una pistola?” Chiese Dragozard.“Sì, perché?”“E come ti sarà utile contro un Magmortar, considerato che il proiettile si fonderà prima di colpirlo.”L’uomo sorrise e aprì il fuoco. E Magmortar crollò a terra.“… Oh mio Arceus.”“Non ti preoccupare, è un proiettile speciale per sedare i Pokémon di una certa stazza. Non sparerei a un Pokémon…”“Meno male…”“Perché non funzionerebbe.”Dragozard cominciava ad avere decisamente mal di testa. Si avvicinò ad Argento “Ascolta, al mio tre salta su Charizard, approfittiamo della situazione e voliamo via.”“Non è vietato volare sulla zona Sa…”“Autodifesa.”“… Giusto. Quando partiamo?”“Al mio tre. Charizard, Fuocobomba al suolo!” Esclamò. Charizard ubbidì. Ci fu un’esplosione e una nube di polvere si sollevò.“Tre!” Esclamò il ragazzo, prendendo Argento e volando via sul Charizard. Il Pokémon volante deviò di lato per schivare un Tuono, lanciato probabilmente dall’Electivire, e il dardo della pistola.Dopo mezz’ora di volo, ansimanti, atterrarono nel percorso vicino ad Olivinopoli.“Ok… Ok. Li abbiamo seminati.”“Non ancora!” Esclamò Argento facendo rientrare il Charizard del ragazzo e trascinandolo tra i cespugli. Poco dopo sopra le loro teste passò un grosso Pokémon uccello, seguito da un secondo.“E adesso le abbiamo seminate.” Esclamò Argento. Poi si girò verso Dragozard “Dato che sono uscito da questa situazione per colpa tua, credo di doverti qualcosa. Qual è il messaggio.”“Di tuo padre. Ha detto di incontrarvi alle Cascate Tohjo, il primo del mese.” Disse Dragozard, sentendosi realizzato.Argento annuì. Poi osservò il ragazzo “Beh, io devo andare a curare Gengar e Feraligatr, poi partire per Mogania.”“E io alla Palestra di Olivinopoli. Sai, ti sono corso dietro per tutta Johto, e adesso ci separiamo così.” Commentò Dragozard “C’è quasi da ridere per una cosa del genere.”“Beh… quante medaglie hai?”“Cinque.”“Io sei, ma oggi non ne otterrò nessuna dato che ci vorrà parecchio per arrivare a Mogania. Quindi credo che ci rivedremo alla Lega.”“Se non ti catturano prima.” Commentò Dragozard.“Non ti preoccupare, sono migliorato.” Rispose Argento. E subito dopo, con un saluto, sparì tra gli alberi.Dragozard lo guardò allontanarsi. Poi scoppiò a ridere. Tutta quella fatica, tutta quella corsa… e alla fine l’aveva incontrato proprio quando aveva smesso di cercarlo.“Bene, adesso la Palestra.” Si disse, alzandosi in piedi.Dopo un veloce salto al Centro Pokémon, era nella Palestra di Olivinopoli. Sconfitti i vari allenatori, arrivò davanti alla Capopalestra.“Salve, ci siamo già incontrati al faro vero?”“Già.”“Ottimo. Allora, quante medaglie hai? Leghe?”“Cinque medaglie. E la Lega di Kanto.”“Ottimo. Allora, quattro contro quattro.” Esclamò la ragazza, mandando in campo un Forretress. Dragozard rispose con Rhydon. Il Pokémon attaccò subito con Terremoto, ma Forretress resistette e scagliò delle Punte. Il secondo Terremoto non bastò a sconfiggerlo, ma lo danneggiò ancor più gravemente. A quel punto, il Pokémon esplose.Rhydon ne uscì quasi illeso, ma era chiaro che l’Esplosione era servita a causargli almeno un po’ di danni. A quel punto, Jasmine schierò Steelix.Il Pokémon Ferroserpe colpì con un Codacciaio potentissimo abbatté Rhydon. Dragozard lo richiamò, stupefatto, poi mandò in campo Vileplume. Era una scommessa rischiosa, ma pagò quando il Pokémon riuscì ad addormentare lo Steelix con Sonnifero. A quel punto, dopo un Giornodisole, bastarono due Solarraggi per sconfiggerlo.Jasmine richiamò il Pokémon e mandò in campo Skarmory. Il Sonnifero mancò il bersaglio e a quel punto il Pokémon Volante colpì con Alacciaio. Vileplume resistette ma non riuscì a centrare il bersaglio con i primi attacchi. Dopo tre Alacciaio, crollò.Dragozard scosse la testa e mandò in campo Sneasel, che colpì l’avversario con Gelopugno e lo sconfisse. Ma il successivo Magneton colpì con Tripletta diverse volte e incassò i Gelopugni senza battere ciglio, e alla fine ebbe la meglio.Jasmine si preparò all’ultimo Pokémon, ma quando Charizard entrò in campo sospirò. Tentò con un Falcecannone, ma il Pokémon fu più rapido e Fuocobomba sconfisse Magneton.“Bella lotta, anche se…”“Anticlimatico, sì.”“Vedo che non sono la prima a pensarla così. Beh, eccoti la medaglia e l’MT.”Dragozard annuì. Afferrò i due strumenti e si allontanò. Per un attimo, come una reazione automatica, fece per girarsi e chiedere se Jasmine avesse visto un ragazzo con i capelli rossi e gli occhi argentati. Poi scosse la testa e uscì. Finalmente poteva limitarsi a pensare alla Lega.“E a chiunque fosse quel tizio con l’impermeabile.” Si disse.Alla luce del tramonto, la piccola microspia sul fondo dello zaino brillò per un momento. Squadra: Medaglie:
  49. 1 punto
    Zarxiel

    [Spin-Off] Raziel's Rivals (NON COMMENTARE)

    Draconix VS Cosmo Draconix, entrato a Zafferanopoli intorno a mezzogiorno, rimase sorpreso di ciò che vide. La città era piena di poliziotti e giornalisti, ma ad attirare la sua attenzione furono decine di membri del Team Rocket in manette, che stavano venendo caricati su cellulari della polizia. “Ma che succede?” Si chiese. Chiese informazioni a un poliziotto, e questi gli spiegò che un allenatore con un Gengar e uno con un Pidgeot aveva sconfitto numerosi membri del Team Rocket intenti ad attaccare la Shilp S.p.A. “Raziel?” Si domandò Draconix, e si chiese se il ragazzo fosse ancora lì intorno. Non lo vide da nessuna parte, e non lo trovò neanche al Centro Pokémon. Perciò, si limitò a far curare i propri Pokémon e si diresse alla Palestra. Qui trovò un grosso gruppo di giornalisti e curiosi che circondavano un allenatore. Draconix aveva sentito dire che il nuovo Capopalestra era un ragazzo giovane, e dal suo tono dedusse che fosse lui. “No, non ho dichiarazioni da fare riguardo l’incidente.” Stava dicendo, rivolto alle telecamere “Le indagini sono in corso per accertare eventuali responsabilità, ma…” “La colpa è tua!” Gridò una voce dalla folla. “No, avevo regolarmente comunicato all’Associazione Pokémon che in settimana avrei avuto un viaggio di piacere, da cui per altro sono tornato in anticipo. La colpa semmai è delle guardie che si sono lasciate corrompere. Comunque, non ho altro da dichiarare, perciò…” I giornalisti non lasciarono neanche che terminasse la frase, e praticamente arrivarono a un passo dal saltargli addosso. Asserragliato, Cosmo si mise in cerca di una scusa valida per rientrare in Palestra, e per sua fortuna in quel momento scorse Draconix. “Ehi ragazzo, desideri una sfida in Palestra?” Chiese l’uomo. Draconix, sorpreso, annuì, e Cosmo lo trascinò di peso dietro di sé. “Scusate signori, ma ora ho del lavoro da fare. Siete comunque invitati alla conferenza che si terrà domani alla Lega circa gli eventi di oggi.” Concluse il Capopalestra, chiudendosi la porta alle spalle. Quando furono soli, l’uomo fece un cenno all’allenatore “Grazie mille, non fosse stato per te sarei ancora là fuori. Ora, io ti aspetto in fondo alla Palestra per la sfida. Fatti valere.” Detto ciò, Cosmo saltò su una piastrella e fu teletrasportato via. Venti minuti dopo, Draconix raggiunse la sala dove il Capopalestra lo stava aspettando. Lungo il percorso aveva sfidato tutti gli allenatori. Cosmo sorrise “Bene, ho ricevuto un paio di telefonate durante l’attesa. Da quel che ho sentito, tra i giovani che stanno conseguendo una vittoria in Palestra dietro l’altra ce n’è uno con i capelli bruni. Sei per caso Draconix?” “Sì.” Rispose il ragazzo. “Ottimo. Erika mi ha detto che hai cinque medaglie, quindi ci aspetta un cinque contro cinque.” Disse Cosmo, schierando un Jynx. Draconix non se lo fece ripetere e mandò in campo il suo nuovo acquisto, Ninetales, vinto al Casinò di Azzurropoli come Vulpix e subito allenato. Il Pokémon volpe lanciò uno Stordiraggio, confondendo Jynx. La Pokémon, stordita, cercò comunque di colpire con un Demonbacio, finendo invece per baciare un pilastro della Palestra. Approfittando della confusione, Ninetales la sconfisse facilmente con un Fuocobomba. Draconix urlò di gioia, e Ninetales, inorgoglita, sollevò il capo con soddisfazione. Cosmo richiamò Jynx e mandò in campo il suo Mr. Mime. Il Pokémon generò subito uno Schermoluce, per poi evitare per un soffio uno Stordiraggio. Poi, concentrando la propria energia mentale, colpì con Confusione Ninetales, scagliandola via. La Pokémon si rialzò, ma prima di poter attaccare l’avversario fu su di lei con Doppiasberla. Dopo tre colpi, Ninetales riuscì a rispondere con un Lanciafiamme, ma la forza dell’attacco fu ridotta dallo Schermoluce nemico e con una nuova serie di Doppiasberla Ninetales venne sconfitta. Draconix sbuffò e schierò Dragonite. Il Pokémon Drago cominciò subito colpendo con Attacco d'Ala, e l’attacco colpì a piena potenza nonostante lo Schermoluce. Mr.Mime rispose con Confusione, ma Dragonite evitò l’onda mentale e colpì con un secondo Attacco d'Ala. Mr. Mime lo schivò, ma Dragonite fu su di lui, e prima che potesse creare una Barriera lo sconfisse con uno Schianto. Cosmo richiamò anche Mr. Mime e mandò in campo uno Slowbro. Il Pokémon colpì con Psichico, scagliando via Dragonite e causandogli grossi danni. Poi, quando il Drago colpì con Ira di Drago, lo Slowbro rispose con Pistolacqua, bloccando l’attacco nemico. Dragonite si lanciò all’attacco con Schianto, ma Slowbro lo scagliò via con un nuovo Psichico. Il Pokémon Drago, tuttavia, non si arrese ancora. A un ordine di Draconix, colpì con Schianto, questa volta andando a segno. Slowbro non fece in tempo a usare Pistolacqua che un secondo Schianto lo colpì al volto. Al terzo, il Pokémon crollo e lo Schermoluce scomparve. Cosmo mandò quindi in campo Hypno, che con Ipnosi riuscì ad addormentare Dragonite e sconfiggerlo grazie a Psichico. Draconix decise quindi di schierare Fearow, ma la scena si ripeté: nonostante un primo Perforbecco andato a segno, Hypno riuscì ad addormentare il Pokémon Volante e a sconfiggerlo alternando Meditazione e Psichico. Draconix quindi, dopo aver attivato il bottone per aprire il campo acquatico, mandò in campo Seadra, che colpì con un Bollaraggio. Hypno fu centrato, e Cosmo rispose tentando di usare Ipnosi, ma Seadra fuggì sott’acqua, per poi riemergere alle spalle di Hypno e colpire con Surf, creando un’ondata d’acqua che sconfisse il nemico. Cosmo sorrise, poi mandò in campo un Alakazam. Il Pokémon colpì rapidamente con Psichico, e il colpo sconfisse Seadra. Stupito, Draconix richiamò il Pokémon e mandò in campo Charizard. Il Pokémon ruggì e si lanciò su Alakazam, colpendo su ordine dell’allenatore con Fuocobomba, ma il Pokémon nemico colpì con Psichico, creando un’onda di energia psichica che annullò il colpo nemico. Draconix sospirò, poi afferrò il bracciale. L’aveva ricevuto da un’allenatrice tra quelle che lavoravano alla Palestra di Erika, con le scuse della Capopalestra che se n’era dimenticata. Attivò la Megaevoluzione, eccitato, e vide Charizard con la cresta allungata, membrane sulle braccia e ali più larghe. Il MegaCharizard Y ruggì, lanciando un nuovo Fuocobomba. Questa volta, Psichico fallì nel bloccarlo, e il colpo centrò Alakazam, ma questi non crollò e cercò di usare Ipnosi. Charizard evitò l’effetto dell’attacco e colpì con un secondo Fuocobomba, sconfiggendo Alakazam. Cosmo richiamò il Pokémon “Bene. Allora, ho la medaglia, eccola qui ma non ho la MT, sono finite prima che partissi e… Però aspetta, forse ho qualcosa da darti al loro posto… Aspettami qui.” Disse l’uomo, e uscì da una porta sul retro lasciando da solo Draconix. Cinque minuti dopo, parecchio impolverato, fu di ritorno. “Uff, c’è voluto un po’ a trovarlo. Ecco, è una cosa che alcuni ladri avevano rubato e che io ho recuperato. Il museo aveva dei fossili in condizioni migliori, quindi non ha voluto prenderlo.” Disse, porgendogli un frammento di ambra contenente quello che sembrava un artiglio. “Non so se sull’Isola Cannella possono riportarlo in vita, ma credo ti convenga provare.” Draconix annuì, osservando il pezzo di Ambra Antica e la Medaglia. Dopo aver ringraziato Cosmo, uscì dalla Palestra e prese il volo per Fucsiapoli, da dove si sarebbe diretto all’Isola Cannella. Mentre Fearow saliva, gli sembrò di vedere Raziel diretto verso la Palestra, ma non ne era sicuro, e prima di potersene accertare Fearow prese a volare verso sud. Squadra: Medaglie:
  50. 1 punto
    Zarxiel

    [Zarxiel] Pokémon Ghost (NON COMMENTARE)

    Capitolo 19: Il Piano Giunti finalmente ad Olivinopoli scendemmo da Charizard, notammo un elicottero vicino al faro. "Senti Dragozard, io vado a vedere come vanno le cose al faro", dissi. "Sì certo, non preoccuparti, tanto la Medaglia di Jasmine l'avevo presa qualche giorno fa, credo che ora tocchi a Mogania, ci vediamo lì semmai", detto questo partì con il suo Charizard, mentre io e Lailah andammo verso il faro subito dopo aver mandato Gengar fuori dalla Ball. Dopo aver preso l'ascensore fino ad arrivare all'ultimo piano, riuscimmo a vedere Jasmine ed Ampharos insieme ad un' infermiera e ad un Blissey intenti a curarlo. "Ampharos si rimetterà presto, si assicuri solo che la prenda 3 volte al giorno per una settimanaâ€, disse l'infermiera. "Non si preoccupi, mio nonno se ne prenderà cura alla perfezione", detto questo l'infermiera se ne andò dopo aver salutato Jasmine e anche Lailah, probabilmente si ricordava di lei quando è andata a chiamarla. "Raziel, grazie di cuore per il favore con Ampharos, non voglio farti perdere altro tempo quindi vado subito in Palestra", disse soddisfatta. "Perfetto, io vado al Centro Pokémon. 5 minuti e arrivo", dissi e prendemmo tutti e 3 l'ascensore, ma una volta usciti le nostre strade si divisero per breve tempo. Dopo aver lasciato i miei due spettri nelle mani dell'infermiera locale, andai subito in Palestra, impaziente di affrontare Jasmine. Notai che la struttura all'interno dell'edificio era in metallo, con archi scintillanti e sul pavimento un po' di terriccio; lì affrontai i due allenatori che mi attendevano: il primo era una Pupa con soli 2 Magnemite, il secondo un Gentiluomo con uno Skarmory, ma riuscì a sconfiggerli entrambi e ad arrivare da Jasmine. "Suppongo che tu sia specializzata nel tipo Acciaio", dissi mentre lei sorrise. "Mi sono specializzata da poco a dire il vero, prima usavo Pokémon Roccia, anche se non mi affascinavano molto e come Pokémon avevo solo Onix, ma quando fu scoperto il tipo Acciaio ho ristrutturato la Palestra e ho iniziato a catturare nuovi Pokémon", rimasi un attimo in silenzio a riflettere. "Ma Onix non è Roccia e Terra?", domandai. "Sì, ma c'è una cosa che suppongo tu non sappia, presto la scoprirai. Sarà una sfida 4 contro 2, ti va bene?", disse, apparentemente impaziente. "Per me va benissimo", dissi mandando subito in campo Misdreavus, mentre Jasmine scelse Skarmory. Misdreavus non esitò un istante che già colpì l'uccello metallico con Fulmine, tuttavia esso spiccò il volo per attaccare con il suo affilato becco, Misdreavus subì il colpo in pieno e non solo, Skarmory iniziò a sbattere le ali per usare Turbosabbia sul terriccio lì presente per causare problemi nella vista di Misdreavus. Il mio Spettro non si diede per vinto e colpì con un secondo Fulmine mandando il suo Pokémon fuori combattimento. La seconda scelta di Jasmine fu un Forretress. Misdreavus cercò immediatamente di colpirlo con Psicoraggio, tuttavia a causa della sabbia negli occhi non riuscì a colpirlo, ciò la lasciò alla mercé dell'avversario che si ritirò nel guscio per usare Rotolamento contro il mio Pokémon, Misdreavus cercò di reagire e usare Strdiraggio, sebbene l'attacco fosse riuscito, Forretress continuò a rotolare e a colpire nuovamente Misdreavus che ormai non riuscì più a combattere, così fui costretto a ritirarla e a mandare Gengar, il quale feci subito MegaEvolvere. Forretress per via della confusione rotolò contro una parete, mentre Gengar ne approfittò per colpirlo con Palla Ombra, mettendolo subito KO. Jasmine mandò Magneton come suo terzo Pokémon, Gengar lo colpì subito con Palla Ombra, ma la bizzarra creatura riuscì a resistere e attaccò con Tuononda per mettere il mio Pokémon in difficoltà . Sebbene Gengar fosse molto veloce, la paralisi rischiava di essere un problema molto grave, tuttavia riuscì ad attaccare nuovamente con un Palla Ombra che mise fuori combattimento anche il Pokémon Calamita. Rimaneva solo un Pokémon che presto scoprii essere Steelix, compresi subito che quella era l'evoluzione di Onix e che era di tipo Acciaio e Terra, non più Roccia e Terra. L'enorme serpente metallico alzò l'enorme coda con cui colpì duramente Gengar, che però prima di venire colpito sfruttò l'occasione per usare Palla Ombra; sapevo che se volevo vincere dovevo usare una tattica diversa, quindi nell'istante in cui Steelix rialzò la coda, Gengar usò Ipnosi. L'enorme rettile cadde addormentato nell'arena e così il mio Spettro ne approfittò per colpirlo ripetutamente con Palla Ombra finché non riuscì a vincere. "Sei stato davvero incredibile! Ecco la Medaglia Minerale e questa è per avermi aiutata con l'Ampharos di mio nonno", disse dandomi la medaglia ed un' MT. "Contiene la mossa Introforza, magari ti potrà tornare utile", spiegò la ragazza. "Grazie mille Jasmine, ne farò buon uso" e così me ne andai dalla Palestra e dopo aver fatto curare i miei Pokémon insegnai la mossa a Misdreavus, scoprendo che aveva le proprietà del tipo Ghiaccio, poi decidemmo di passare la notte nel Centro Pokémon e ripartire l'indomani. Mi svegliai verso le 10 del mattino, andai al bar dove vidi in una piccola arena Lailah, che si stava allenando con un allenatrice che possedeva un Hoppip; notai tuttavia che l'Igglybuff di Lailah era cresciuto, diventando un Jigglypuff. Quando vinse la battaglia mi venne incontro e dopo aver fatto colazione lasciammo la città . Dopo aver riattraversato Amarantopoli, ci si presentò davanti un percorso con un fiume che sbarrava la via dove Marill, Azumarill, Wooper, Quagsire e Qwilfish nuotavano in tranquillità , mentre in cielo si vedevano alcuni Skiploom e Jumpluff che si facevano trasportare dalla dolce brezza. L'unica via purtroppo era una grotta nota come il Monte Scodella, che attraversammo; era una grotticina piccola dove vagavano alcuni Geodude, Sandshrew, Elekid, Rattata e ovviamente Zubat, ma una volta superata finalmente riuscimmo ad arrivare a Mogania. "Senti Raziel, ti volevo chiedere se fosse possibile farci un giro al laghetto qui vicino", disse Lailah. "Beh non ci vedo nulla di male, tanto la Palestra non scappa mica via", dissi mentre iniziammo ad attraversare il percorso a nord. Lailah andò avanti finché un uomo non la fermò dicendole: "Signorina per andare al lago è necessario pagare un pedaggio", lei lo osservò: "Cosa? E da quando? E' ridicolo!", io mi avvicinai a lei. "Che succede?", appena l'uomo mi vide rimase un attimo in silenzio... il suo volto mi era familiare. "Per poter passare è necessario pagare il pedaggio", disse lui. "Che storia è questa? E' ridicolo, il lago è un luogo pubblico, non è stato detto da nessuna parte del pedaggio e non vi è alcun avviso", detto questo io e Lailah andammo avanti finché il tizio non la prese violentemente per un braccio, lei gridò e io presi per la camicia l'uomo e lo feci sbattere contro un albero. "TOGLILE LE MANI DI DOSSO!", gli urlai contro, il brusco gesto fece sbottonare la camicia dell'uomo e vidi il simbolo del Team Rocket. Con il suo travestimento scoperto, l'uomo mandò fuori dalla Poké Ball uno Smeargle per aggredirmi, ma il Pokémon fu colpito dal Fulmine di Gengar che emerse dal terreno, mentre l'uomo tuttavia riuscì a liberarsi e a fuggire. "Se uno di loro è qui, potrebbero esserci dei problemi... credo che stessero facendo qualcosa al lago". Lailah mi guardò perplessa: "Chi era quel tizio e cosa c'entra il lago?" Sentimmo un ruggito profondo provenire dal lago e senza indugi iniziammo a correre verso di esso, ciò che riuscimmo a vedere ci sorprese: lì c'era Dragozard in groppa al suo Charizard che stava affrontando un Gyarados dalle squame rosse e lucenti, non avevo mai visto una cosa del genere. Ad un certo punto lanciò una Poké Ball e riuscì a catturarlo, quindi atterrò e due individui si avvicinarono a lui, noi gli andammo incontro e riconobbi le due figure, una era Mr. Pokémon, l'altro era un ragazzo alto con capelli rossi dritti, un mantello rosso nella parte posteriore e nero in quella anteriore tenuto da due grossi spallacci neri con venature rosse, una maglia senza maniche rossa dai bordi grigi, pantaloni grigi con una striscia rossa in verticale in entrambe le gambe, una cintura rossa con i bordi argentati e un rubino al centro, stivali neri con un drago rosso disegnato e borchie attorno al piede, guanti rossi con borchie attorno al polso e i bordi frastagliati che lasciavano le dita scoperte, mentre gli occhi erano coperti da degli occhiali da protezione neri dai bordi rossi con una forma che ricordava vagamente la testa di un drago, lo riconobbi, perché prima di Blu era lui il Campione della lega di Kanto: Lance. Sentii il loro discorso: "Si vociferava da tempo dell'esistenza di un esemplare rarissimo di Magikarp dorato, a quanto pare era vero2, disse Mr. Pokémon. "Vuole dire che quel Gyarados prima era un Magikarp dorato?", disse Dragozard. "Sì, questi Pokémon dai colori anomali e dal corpo lucente vengono chiamati Pokémon cromatici. Sono di una rarità incredibile, sono venuto qui non appena ho sentito della cosa", rispose Lance che sembrava abbastanza esperto. "Tuttavia mi sorprende che si sia evoluto così rapidamente, un Magikarp impiega di norma 20 anni per raggiungere lo stadio adulto e diventare un Gyarados", disse Mr. Pokémon; a quel punto Dragozard notò la mia presenza: "Hey Raziel!", tutti si voltarono. "Ah! L' ex Campione di Kanto, ho sentito parlare molto bene di te", disse Lance, mi avvicinai. "Mr. Pokémon è un piacere rivedervi, Lance, un onore conoscerla", Lance rise un attimo. "Non c'è bisogno di così tanta formalità , dammi del tu". Lailah si fece un attimo avanti. "Non so se possa essere in qualche modo coinvolta la cosa, ma abbiamo incontrato un criminale del Team Rocket, credo siano gli stessi che un anno fa hanno causato problemi a Kanto". Ci fu un attimo di silenzio. "Se le cose stanno così non possiamo rimanere con le mani in mano, c'è un locale sospetto a Mogania, il proprietario è un tizio strano... forse lui sa qualcosa, andiamo lì!", così andammo tutti verso Mogania. Giunti nel locale sospetto, Lance andò verso il proprietario: "Mi scusi vorrei delle informazioni...", disse mentre l'uomo si voltò. "Come posso aiutarla?", a quel punto Lance disse:"Cosa sa lei del Team Rocket e della strana evoluzione dei Magikarp?", l'uomo rimase in silenzio per pochi istanti e si innervosì: "Non ne so niente, veramente!", Lance prese una Poké Ball dalla quale uscì Dragonite che aggredì e prese per la gola l'uomo. "Conterò fino a tre e se non risponderai alla mia domanda non esiterò ad ordinare al mio Pokémon di usare Iper Raggio... uno...due...tr-", poco prima che Dragonite aprisse la bocca l'uomo gridò: "IL RIFUGIO E' DIETRO L'ARMADIO!!! MA TI SUPPLICO NON FARMI DEL MALE!!!", Dragonite mollò la presa e Lance notò un interruttore alla base di esso, una volta premuto, l'armadio si spostò rivelando delle scale e ci dirigemmo verso il loro rifugio. Appena arrivati suonò l'allarme, in quanto vi erano delle telecamere, quindi dissi a Gengar di distruggerle con Fulmine; ci separammo poi per cercare il macchinario che affliggeva i Magikarp. Io ero rimasto con Lailah e, percorrendo le sale del rifugio, sconfiggendo chiunque mi sbarrasse il cammino, arrivai ad un ufficio in cui una recluta si stava nascondendo; Gengar, scivolando nelle ombre, la prese scaraventandola a terra, ma poi urlò: "SONO IO!!!", si tolse il berretto e scoprii essere Draconix. "Draconix? Che ci fai qui?2, lui si alzò e disse: "Ho visto i tizi del Team Rocket qui e pensavo che dovevo seguirli, quindi ne ho sconfitto uno e gli ho fatto perdere i sensi, poi gli ho rubato la divisa e mi sono intrufolato qui", capii quindi i suoi abbigliamenti. "Ma cosa stavi spiando?", domandai, lui mi indicò l'ufficio e disse:"Quello non è Giovanni?". Quando osservai la stanza vidi che c'era effettivamente un uomo che somigliava a Giovanni, la cosa sembrava impossibile, al suo fianco c'era un Murkrow. Entrai. "Giovanni?", l'uomo si voltò dalla sedia e si tolse il cappello, ma si rivelò essere un altro, un tipo con i capelli e il pizzetto viola molto magro. "Sbagliato moccioso! Sono il tenente Maxus! Ahahahahah!". Lanciò una Poké Ball dalla quale uscì un Houndour, Gengar se ne occupò e con un unico Fulmine riuscì a sconfiggere il canide, fu poi la volta di Weezing, che fu colpito da Palla Ombra, ma anziché combattere usò il suo fumo per nascondere Maxus, che disse: "Mi spiace ragazzo, ma sarà per un'altra volta! Ahahahahah!", quando il fumo si disperse, lui era scomparso. "L'avevo preso...!2, sbottai. "Stava scrivendo qualcosa al computer", disse Lailah, quindi mi avvicinai e iniziai a leggere. "Il generatore è pronto, probabilmente sarà utile anche per la questione della radio, ma credo potrebbe tornare utile anche per usare le onde radio in modo da alterare le onde cerebrali dei Magikarp, ciò li potrebbe portare ad un'evoluzione quasi istantanea! Gira voce che ci sia un Magikarp dorato, se si evolvesse dovrebbe essere più facile scovarlo e poi i Magikarp sono creature stupide ed inutili! Faremmo solo un favore facendoli evolvere! Comunque ti passo i dati della macchina, essa inoltre è inaccessibile tranne che per me, funziona se la password viene detta da me. Ah dimenticavo, l'ala del tuo Murkrow è guarita, appena arrivi te lo restituisco. -Maxus" Era una lettera diretta a qualcuno, ma chi? Poi udii la voce di Maxus: "VIVA GIOVANNI!", mi voltai per cercarlo, ma niente, poi di nuovo: "VIVA GIOVANNI!", ma continuavo a non vederlo. "Non è Maxus! Quel Murkrow sa imitare la sua voce". Osservai lo strano corvo che iniziò a volare via: "VIVA GIOVANNI!". A quel punto pensai: "Potrebbe darci accesso alla macchina che parlava nell'email! PRENDETE QUELL'UCCELLO!" Ci gettammo tutti addosso a lui e riuscimmo a bloccarlo, poi andammo verso la macchina dove Lance e Dragozard ci stavano aspettando, mentre Murkrow disse: "VIVA GIOVANNI!". Con quella frase i cancelli si aprirono e lasciammo andare Murkrow, ma a quel punto una voce provenne da dietro di noi: "Quell'idiota di Maxus non è riuscito a tenere segreto il posto vedo...", quando ci voltammo, una donna dai capelli rossi e con divisa bianca, accompagnata da alcune reclute, si rivelò dietro di noi; il Murkrow di prima si adagiò sulla sua spalla, la riconobbi perché era un tenente di Giovanni, ora era ovviamente a capo del Team Roket: era Atena. "E così il ragazzo impiccione è tornato... speravo che qui non avremmo avuto te fra i piedi. Quando mi hanno detto della faccenda al Pozzo Slowpoke, sapevo che dovevamo agire con i piedi di piombo, ma non ti permetterò di continuare!", lei mandò Murkrow contro di me, mentre le reclute mandarono alcuni loro Pokémon contro gli altri; io usai Gengar, Draconix Pupitar, Lance Dragonite, Lailah Snubbull e Dragozard Charizard. Murkrow cadde facilmente sotto il Fulmine del mio Gengar, ma anche gli altri se la cavavano benissimo. Atena utilizzò poi Arbok e Vileplume, ma entrambi furono sconfitti, le reclute erano ormai indifese, così come Atena. "Avrete anche vinto, ma vi assicuro che le cose cambieranno!", un Koffing di una recluta usò il suo fumo per fuggire e loro svanirono. Osservammo la macchina a cui erano collegati alcuni Electrode. "Questa deve essere la fonte di tutti i problemi", disse Lance. Tutti insieme iniziammo ad attaccarla, ad un certo punto lo Snubbull di Lailah, ormai già grande, divenne un Granbull e la macchina andò in cortocircuito, quindi scappammo via e si sentì un grosso botto. "E' finita! Gli Electrode non dovrebbero essersi fatti nulla vista la loro anatomia... vi ringrazio tutti per il prezioso aiuto", disse Lance che volò via sopra il suo Dragonite, poi Dragozard e Draconix mi guardarono. "Beh è stata una bella avventura, ma io ora devo allenarmi per affrontare l'ultima Capopalestra", disse Draconix che se ne andò per la sua strada. "Sarebbe davvero bello se alla fine noi ci dovessimo affrontare alla Lega!", esclamò Dragozard, che invece volò via sul suo Charizard. Squadra: Box: N/D Pokémon visti: 214 Medaglie di Kanto: (EX CAMPIONE DI KANTO) Medaglie di Johto:
Questa classifica è impostata su Roma/GMT+02:00









×
×
  • Create New...

Importanti informazioni

Per usare il nostro forum è necessario accettare i nostri Termini di utilizzo, la nostra Privacy Policy, il nostro Regolamento ed essere a conoscenza che per rendere la navigazione migliore utilizziamo i cookie sul tuo dispositivo. Puoi modificare le impostazioni cookie oppure accettare per accettarle.