Vai al commento

Sala d'onore

Contenuti popolari

Visualizzazione di contenuti con la più alta reputazione da 11/10/2021 in tutte le aree

  1. Darki

    Lascia un commento! ~ Terza edizione

    AVVISO Abbiamo deciso di aumentare la durata dei vari round così da farli durare 48 ore precise e venire incontro ai partecipanti che hanno necessità di più tempo Il secondo round terminerà quindi alle 14:59 del 16 ottobre.
    13 punti
  2. Lyndon

    Lascia un commento! ~ Terza edizione

    Bentornati alla terza edizione di Lascia un Commento! Ora che la fase delle iscrizioni è terminata e i giudizi presi, ci complimentiamo come di consueto con tutti i partecipanti che hanno dato il massimo in quest'iniziativa. Ma chi di loro sarà passato alla prossima fase? Purtroppo solamente 19 utenti sui 24 iniziali potranno proseguire. Andiamo subito a scoprire chi sono (in ordine di iscrizione): D'ora in poi, la gara continuerà con ulteriori prove a eliminazione diretta. Ad ogni prova saranno eliminati 5 utenti, fino ad arrivare a incoronare il miglior commentatore di Pokémon Millennium! Seconda Prova: Il tema di questa seconda prova sarà... Il mondo degli Esport Cosa ne pensi degli esport e del loro sviluppo negli ultimi anni? Credi che sia corretto considerare queste competizioni al pari di quelle sportive e pertanto degne dell'inclusione in eventi come le Olimpiadi? (fonte) Rispondendo a questa domanda, vi invitiamo a commentare in questo topic. Passeranno alla terza fase solamente 14 partecipanti! Avete tempo fino alle 14:59 del 16/10/2021 per inviare qui il vostro commento. Tutti gli altri post non attinenti saranno cancellati dal topic. Il commento dovrà seguire le regole già elencate nel regolamento già esplicitato in precedenza. I vostri lavori verranno giudicati anche questa volta da @Alexina, @Francy, @IcyFlame, @Lady, @SquirtlePronto e ovviamente dal sottoscritto. Per qualsiasi domanda, non esitate a contattarci sul topic apposito! Buon lavoro a tutti!
    13 punti
  3. YukiV

    [YukiV] Yuki V Art gallery

    Wooper in ampolla 150 rupie emh no aspetta game diverso XD (PS: se non cura non ci si può fare nulla, però attacca XD) comunque ho postato anche qui dato che come al solito ho dimenticato qualcuno (gomennasaiiiiiiiiiiiiiiiiii) la mia memoria è troppo labile come uno slowpoke XD tag
    11 punti
  4. Darki

    Arriva Fletchella, l'ottava bambola della Serie Craft!

    Nella live che si è svolta ieri nel canale Twitch di Pokémon Millennium, la nostra @Klyo con l'input di alcuni di voi, ha realizzato una nuova illustrazione! Si tratta di Fletchella, una particolare fusione tra Fletchling e una ciambella, ispirata dall'incontro fra Klyo e un piccione con in bocca una ciambella. Dopo aver realizzato l'illustrazione originale però, in chat è saltata fuori l'idea di fare diversi recolor basati sui loghi di alcune famose catene di supermercati! Di seguito l'illustrazione originale: Successivamente alla live, lo Staff ha a lungo discusso sul come distribuire le varianti, dato che molti di voi le volevano tutte. Dopo aver soppesato pro e contro delle varie modalità e consci di voler rispettare la filosofia di Ruota d'Arte, abbiamo deciso di realizzare una bambola animata che cambiasse fra i colori delle varianti, come sempre grazie all'aiuto di @Taka La bambola verrà lanciata a partire dalla prossima live sul nostro canale Twitch sotto forma di codice seriale!
    9 punti
  5. Porygatto

    [Porygatto] Day Dreaming

    "I Volcaseed prendono vita dagli alberi di ghiande. Si staccano dai rami quando la pianta appassisce e volano grazie alle foglie arrossate dall’autunno. Il loro corpo emana un flebile tepore, che si trasforma in fuoco quando si arrabbiano. Un Volcaseed adirato è un Volcaseed tostato." -------------------------------- Sprites: Impaginato giornalino: -------------------------------- Volcaseed è la fusione del mese per l'ultimo numero del giornalino di PM, realizzata su proposta di @Freedom. Spero vi piaccia
    8 punti
  6. Vale

    [Vale] Korippo Lime

    OCTILLERINK 2021 Day 11: Argento / Silver --- clicca sull'immagine per ingrandirla
    8 punti
  7. Benz

    L'Angolo delle barzellette

    Qual è quel pianeta che aspira ad essere un Moderatore? Giove Invece di black humor, benz humor.
    7 punti
  8. Vale

    [Vale] Korippo Lime

    OCTILLERINK 2021 Day 14: Arceus --- clicca sull'immagine per ingrandirla
    6 punti
  9. Vale

    [Vale] Korippo Lime

    OCTILLERINK 2021 Day 12: Cubo / Cube --- clicca sull'immagine per ingrandirla
    6 punti
  10. Ho provato a ricreare Rosso su Spada e Scudo, nei limiti concessi dai giochi. Versione OG (Rosso Fuoco, Verde Foglia, Heart Gold, Souls Silver, Black White 2) Versione Costumax (Masters)
    6 punti
  11. Porygatto

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    I cetriolini sottaceto stanno bene su tutto; La cucina cinese>cucina italiana (sarà che mi piacciono i gatti); La carbonara è meh. Non che sia schifosa, ma mi annoia incredibilmente e dopo due forchettate mi passa la fame; La società giudica male gli uomini che ordinano una bibita invece della birra e questa cosa non è bella. Fatemi prendere il mio tè alla pesca, mille volte meglio di quel piscio giallo amaro con la schiuma; Coppetta gelato>cono; Broccoli, cavolfiori e spinaci non sono male
    6 punti
  12. Diboo42

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    "...lo staff è già sulle sue tracce..." Kingdom: "Maledetto, lo prenderemo quel ricercato!" Taka: "Signore, è lei il ricercato..." Kingdom: "Perfetto, allora so già tutto"
    6 punti
  13. Ribble

    Carbonara con panna o con pancetta? Quale preferite?

    Carbonara con panna o con pancetta? Quale preferite?
    6 punti
  14. Lyndon

    Lascia un commento! ~ Terza edizione

    Bentornati alla terza edizione di Lascia un Commento! Siamo arrivati al terzo turno, ed a poco a poco rimangono in gara un numero sempre minore di scrittori provetti. Tutti i partecipanti hanno dimostrato ottime capacità di esposizione delle loro opinioni. Nonostante ciò, il gioco prevede di dover concedere ad un numero limitato di persone, l'approdo al nuovo turno. Scopriamo insieme chi sarà passato alla nuova fase! (In ordine cronologico di risposta) Facciamo comunque ancora una volta i complimenti ai 5 eliminati odierni, e sveliamo al contempo la traccia della terza prova: Terza Prova Il tema di questa seconda prova sarà... Una nuova mascotte per Pokémon Ipotizzando che un giorno Pokémon decidesse di mettere da parte Pikachu come icona per il proprio brand, se voi foste in loro, quale Pokémon scegliereste per sostituirlo? E per quali motivi? Rispondendo a questa domanda, vi invitiamo a commentare in questo topic. Passeranno alla terza fase solamente 9 partecipanti! Avete tempo fino alle 14:59 del 19/10/2021 per inviare qui il vostro commento. Tutti gli altri post non attinenti saranno cancellati dal topic. Il commento dovrà seguire le regole già elencate nel regolamento già esplicitato in precedenza. I vostri lavori verranno giudicati anche questa volta da @Alexina, @Francy, @IcyFlame, @Lady, @SquirtlePronto e ovviamente dal sottoscritto. Per qualsiasi domanda, non esitate a contattarci sul topic apposito! Buon lavoro a tutti!
    5 punti
  15. Lyndon

    La storia di Nintendo - Dalle origini ad oggi

    L’anno successivo all’uscita del Game Cube, una vera e propria rivoluzione prederà forma all’interno delle gerarchie dell’organigramma di Nintendo. È il maggio del 2002 quando Hiroshi Yamauchi decide di dimettersi dalla presidenza dell’azienda. Da qui in avanti si chiuderà un’era, e per la prima volta dall’anno di fondazione, l’attività passerà sotto il controllo di una persona esterna alla famiglia Yamauchi. La persona identificata per svolgere questo delicato ruolo sarà Satoru Iwata. Egli s’impose subito come una figura di fondamentale importanza strategica: riassegnò ogni incarico dato ai progettisti software e ridistribuì le risorse a disposizione dello sviluppo. A livello dirigenziale volle puntare su due figure chiave, quali Shigeru Miyamoto e Takashi Tezuka, come punti di riferimento per lo sviluppo dei software di proprietà. 2004 Nintendo DS Come detto in precedenza, Nintendo aveva in programma di modificare la sua gamma di offerte di console portatili, ed optò per una strada alternativa mai presa prima. Abbandonò l’ormai affermato modello del Game Boy e ideò un sistema basato su due schermi, uno dei quali sarebbe stato sensibile al tatto. Questa fu una delle ultime innovazioni volute da Yamauchi e venne chiamata Nintendo DS, prendendo il nome dalla sua caratteristica Dual Screen. Il design ricordava molto da vicino quello dei vecchi apparecchi Game & Watch, lo schermo inferiore era pensato per sfruttare la tecnologia tuchscreen, e per l’occasione fu anche reso più resistente. Era utilizzabile tramite l’ausilio di un pennino, o una linguetta di plastica attaccata al cinturino che era reso in dotazione nel pacchetto d’acquisto. In quanto a compatibilità, era possibile accedere anche ai giochi del Game Boy Advance, grazie al lettore di cartucce che si trovava in un secondo slot rispetto alla porta principale, dedicata alle schede SD. Erano presenti i tasti A, B, X, Y, un pad direzionale ed i classici pulsanti Power, Start e Select. Un microfono era implementato per poter far uso del riconoscimento vocale, una feature che permetteva d’interagire in chat, o utile per svolgere alcune attività di gioco che potevano richiedere anche il rilevamento del soffio. Il neo presidente Iwata dichiarò che il Nintendo DS fu pensato per distaccarsi completamente dalle offerte che Nintendo aveva concepito in passato, garantendo al contrario un’esperienza di gioco unica per gli standard del ventunesimo secolo. La console avrebbe aiutato l’azienda a distaccarsi dall’immagine conservatrice che le era stata attribuita da diversi anni, ed avrebbe trovato l’approvazione di ogni tipologia di giocatore: da bambini ad adulti, da giocatori casual a core gamers. Fu deciso di lanciare il DS in America prima ancora che in Giappone, fatto inedito fino ad allora, perché ritenuto strategicamente più conveniente vista la coincidenza con il Black Friday. L’evento avrebbe garantito una mole di vendite decisamente più rilevante. La pubblicazione fu accompagnata da alcuni piccoli problemi di programmazione, come malfunzionamenti di pixel in certi display, ma Nintendo apportò una discreta politica si sostituzione nel caso in cui ne fosse stata compromessa l’esperienza di gioco. Usciranno in seguito due restyling del Nintendo DS: il Nintendo DS Lite nel 2006 e il Nintendo DSi nel 2008. Il primo era semplicemente una versione ridotta del classico DS, più leggera e con schermi più luminosi. Il secondo fu ulteriormente assottigliato e venne rimosso il lettore di cartucce per Game Boy Advance con delle schede SD. 2006 Wii Le attenzioni su una console fissa tornarono prepotentemente con Wii, nel 2006. Già durante la progettazione di Game Cube nel 2001, una primitiva idea del suo concept era stata presa in considerazione. Shigeru Miyamoto aveva espresso la volontà di focalizzarsi nel concepire un’esperienza di gioco del tutto innovativa e nel dare ai giocatori una nuova tipologia di iterazione. Secondo la sua visione, la console non doveva necessariamente puntare sulla potenza computazionale bruta, ma garantire una qualità d’intrattenimento perseguendo strade differenti ed originali. Nella sua idea non potevano coesistere troppe macchine da gioco potenti nello stesso spazio di mercato, sarebbe stato come avere solamente dinosauri feroci che combattono tra loro per la sopravvivenza. La battaglia avrebbe portato inevitabilmente all’estinzione. Per tale motivo, Nintendo decise di perseguire una sua linea guida peculiare e di sganciarsi concettualmente dall’offerta che le concorrenti proponevano in quegli anni. Un’ipotesi iniziale fu quella di importare il modello Nintendo DS con la sua interfaccia, anche nella versione casalinga, ma fu presto scartata poiché sarebbero state proposte due esperienze pressoché identiche. La caratteristica rivoluzionaria della nuova console sarebbe stata allora il suo metodo di controllo: la console era venduta assieme ad una barra che fungeva da sensore del movimento, il controller fu dotato di accelerometri integrati e di un sistema di rilevamento a infrarossi, utili a rilevare la sua posizione quando veniva puntato verso il sensore. Un cinturino veniva dato in dotazione per evitare che il controller potesse cadere durante le azioni di gioco, ed un secondo telecomando analogico (detto Nunchuk) poteva essere utilizzato per migliorare la posizione nello spazio virtuale. A disposizione vi era anche un controller più classico, simile ai gamepad fino ad allora noti. I giocatori potevano usarlo con i giochi più vecchi dalla Virtual Console in aggiunta a quelli progettati per Wii. Il nome Wii ha un’origine particolare. Le due “i” minuscole dovrebbero rappresentare due persone in piedi, l’una vicino all’altra. Lo scopo era quello di dare l’idea di una console studiata per essere condivisa in gruppo, usufruibile stando in compagnia. La parola Wii aveva anche la stessa assonanza della parola inglese “we” ovvero “noi”, altro modo per indicare i giocatori riuniti. Era un nome d’impatto, facilmente memorizzabile, e comprensibile in ogni zona del mondo. Non tutti furono d’accordo con la scelta del nome, alcuni sviluppatori preferivano il termine “revolution”, ma si dovettero arrendere alla scelta netta dei dirigenti Nintendo. Altra curiosa novità fu svelata dalla guida Nintendo Style, che per la prima volta nella storia, si riferì alla console chiamandola semplicemente Wii. Venne perciò abbandonata nella nomenclatura, la tradizionale associazione con la casa madre, che si era sempre vista con i prodotti precedenti (Nintendo Entertainment System, Nintendo 64, Nintendo Game Cube, Nintendo DS, ecc…) L’obbiettivo di Nintendo, nella figura di Satoru Iwata, era di puntare al pubblico di massa. Si volle attirare l’attenzione di bambini, famiglie e giocatori casual. L’opportunità di attirare nuove tipologie di giocatori, che di solito non erano propensi all’ambiente videoludico, spinse l’azienda ad uscire dalla lotta con le principali aziende quali Sony e Microsoft, che continuavano invece ad essere indirizzati verso un target più adulto. La scelta fu vincente, e queste ultime vennero sorprese dall’oculata strategia commerciale di Nintendo. I primi modelli di lancio di Wii prevedevano una retrocompatibilità assoluta con Game Cube, compresi software, controller e schede di memoria. Tuttavia, successivamente al rilascio del nuovo modello, questa opportunità è stata rimossa. Il suo lettore di dischi non è in grado di riprodurre DVD video o audio. Nintendo aveva garantito un upgrade tecnico su questo lato, ma l’operazione non è mai andata concretamente a buon fine. Nonostante questi inconvenienti, Wii divenne la console Nintendo più venduta al lancio, superando le 600.000 copie nei primi otto giorni. Numeri che saranno superati soltanto in futuro con Nintendo Switch. Il successo fu devastante, ma non esente da qualche momento di difficoltà: nel 2006 si verificò infatti un antipatico episodio con l’azienda Anascape Ltd. Nintendo e Microsoft furono accusate di violazione del brevetto della tecnologia alla base del controller, e mentre Microsoft si accordò con Anascape, Nintendo andò a processo e fu inizialmente condannata a pagare circa 21 milioni di dollari. Facendo ricordo all’appello riuscì però a ribaltare la sentenza e nel 2010 ne uscì vincitrice. 2011 Nintendo 3DS Nella parte precedente abbiamo visto come negli anni ’80 la tecnologia 3D fu al centro di molteplici esperimenti compiuti dalla grande N. Il Famicom fu in assoluto il primo mezzo con cui si paventò quest’idea, tramite un accessorio costituito da occhiali a cristalli liquidi. Successivamente si tentò di introdurre sul mercato la realtà virtuale, con il Virtual Boy di Yokoi, ma entrambe le soluzioni andarono incontro ad un fallimento. Nonostante questo, Nintendo ha sempre voluto tenere a mente l’implementazione del 3D durante lo studio di ogni sua nuova creazione. Non fu possibile reintrodurla con il Game Cube a causa dei costi ritenuti troppo elevati per quegli anni, e fu scartata anche dal Game Boy Advance SP, per la scarsità di risultati ottimali. La volta buona arrivò anni dopo, con l’avvento dell’erede di Nintendo DS. La console, chiamata Nintendo 3DS, poté finalmente offrire un’effettiva e reale esperienza di visione tridimensionale usufruibile dallo schermo superiore. La funzione era attivabile in modo opzionale attraverso una levetta, e poteva essere disattivata qualora non se ne volesse fare uso. La console era dotata anche di tre fotocamere integrate: due fotocamere esterne in grado di scattare foto e registrare video, ed una interna, rivolta verso il giocatore fissata sopra il display superiore. La console era retrocompatibile con tutti quei software di Nintendo DS che non avevano bisogno delle porte Game Boy Advance per essere letti. Durante il primo periodo di vita di Nintendo 3DS l'azienda provò ad affacciarsi nuovamente al concetto di realtà virtuale. Insieme alla console furono distribuite sei carte raffiguranti personaggi iconici dell’universo Nintendo. Inquadrandole con la fotocamera, apparivano le immagini dei personaggi, che davano l’illusione di uscire dalla carta come se fossero presenti fisicamente nel luogo in cui era posata. La realtà virtuale rimase però una feature quasi mai utilizzata negli anni seguenti. Alcune migliorie saranno però integrate: fu introdotta la possibilità di sospendere un’applicazione tramite la pressione del pulsante home ed avviarne uno nuovo, o in alternativa, tornare al menù principale. Fu inaugurato il Nintendo Eshop nel quale sono stati resi disponibili software, contenuti aggiuntivi, patch e titoli Virtual Console acquistabili e scaricabili direttamente dall’applicazione. Fu infine realizzato un social network particolare, il Miiverse, creato su Wii U ma portato nel 2013 su 3DS, nel quale attraverso i propri avatar, i giocatori potevano condividere risultati ed informazioni di gioco. Il Nintendo 3DS fu un successo talmente clamoroso e divenuto fenomeno di massa, che perfino il museo parigino del Louvre creò una guida audiovisiva adatta per essere utilizzabile sulla console portatile. La guida contiene 30 ore di audio e tantissime fotografie delle esposizioni del museo. Nel 2013 fu messa a disposizione una console entry level del Nintendo 3DS, che manteneva le caratteristiche hardware della macchina base, ma rinunciava allo schermo 3D ed agli altoparlanti esterni. Il Nintendo 2DS era perciò un modello più economico, destinato ad un pubblico più generalista che aveva minori pretese e che si accontentava di poter accedere ai titoli Nintendo ad un prezzo inferiore. 2012 WiiU Sulla scia del successo che aveva portato Wii a confermarsi come una console vincente, Nintendo decise di voler cambiare strategia per dedicarsi ad un target diverso da quello precedente. Se con Wii si voleva conquistare l’utenza casual, con lo step successivo si sarebbe dovuto puntare ai giocatori maturi. Il risultato doveva però essere ottenuto essendo ben consci che, per via della scarsa potenza di Wii, Nintendo era diventata agli occhi del pubblico, un’azienda meno rinomata di Sony e Microsoft a livello prestazioni. Le idee per creare la nuova console furono tantissime e si diede inizio a diversi progetti, salvo poi sospenderli ed annullarli l’uno dopo l’altro. Miyamoto pensò ad uno schermo in grado di condividere feedback sugli eventi di gioco, e che fungesse da tramite per i messaggi inviabili tra giocatori. Prese ispirazione dal vano del disco di Wii che avvertiva visivamente delle notifiche in arrivo, grazie all’accensione di una spia blu. L’idea fu portata avanti e ne fu sviluppato un controller dall’aspetto simile ad un tablet tuchscreen. Questa peculiare periferica sarebbe poi stata trasformata in un concreto supporto di gioco, accompagnando l’esperienza che si svolgeva sullo schermo del televisore, con delle attività diverse ma complementari. Quando si utilizzava il pad per giocare, l’elaborazione dei contenuti era calcolata dalla console WiiU e riprodotta in streaming via wireless sullo schermo più piccolo. Tale concetto verrà definito come una modalità di gioco asimmetrica, perché durante le modalità multiplayer, permetteva al giocatore che utilizzava il gamepad, di trovarsi in situazioni differenti rispetto a chi giocava sullo schermo della TV. Nonostante la fondamentale importanza che era stata data al gamepad di WiiU, fu reso comunque disponibile per gli utenti più hardcore, un controller alternativo che si rifaceva ai canoni più classici del DualShock di Play Station. Nintendo era evidentemente fiduciosa del successo di WiiU, ma si dovette quasi subito ricredere. Solamente dopo i primi due giorni successivi al rilascio, il titolo in borsa ebbe una brusca frenata. Molti investitori espressero dubbi sull’effettiva utilità del controller touchscreen. L’accessorio era da loro ritenuto troppo costoso, e non rappresentava un evidente balzo generazionale rispetto ai risultati raggiunti dal controller di Wii. Anche la potenza della console fu oggetto di discussione, poiché non era stato evidenziato alcun miglioramento significativo a livello hardware. La comunicazione durante la campagna marketing non fu certamente eccelsa, le modalità in cui è stata presentata la nuova console, non riuscirono a colpire gli acquirenti. Durante la conferenza E3 del 2011, fu mostrata in maniera tale da finire per essere correlata al funzionamento della vecchia Wii. Fu mandato in onda un trailer d'annuncio, che esordiva con un giocatore intento a giocare tramite l'uso del wiimote. Solo successivamente lo si vide prendere in mano il controller di Wii U per evidenziarne le caratteristiche, facendo perno più volte sulla parola "nuovo controller". A questo fattore, si aggiunse un’infelice scelta nella nomenclatura, che creò non poche confusioni al grande pubblico. Molte persone iniziarono a considerare erroneamente Wii U come un semplice upgrade tecnico di Wii, o un suo accessorio aggiuntivo, piuttosto che una vera e propria macchina di nuova generazione. La mancanza di fiducia, i prezzi elevati e le difficoltà di comunicazione, resero i rapporti con i publisher di terze parti estremamente complicati. Nintendo iniziò una fase di declino, e per via della scarsità di prodotti che poteva offrire, rinunciò molto presto a supportare la console e virò nel mercato dei titoli mobile. 2017 Dal mercato mobile a Nintendo Switch Nintendo stava passando un pessimo periodo, aveva subito una grossa perdita nei ricavi e non aveva diffuso una quantità sufficiente di hardware da poterne ottenere guadagni di rilievo nemmeno con il rilascio di nuovi giochi. Gli utili provenienti dal mercato mobile, superavano quelli ottenuti dal modo console. Prima della sua morte, avvenuta nel 2015, il presidente Satoru Iwata riuscì in ogni caso a stringere alleanze strategiche con colossi dell’industria mobile giapponese. In particolare accordandosi con DeNa, consentì lo sviluppo di prodotti basati sui propri brand, in modo da poter sfruttare al massimo le loro IP in quel settore. Chiusa l’epoca di Iwata, Kimishima è stato nominato presidente di Nintendo, mentre Miyamoto è stato promosso al rango di direttore creativo. A questo punto l’azienda doveva ritrovare la verve del passato per uscire da una situazione di difficoltà. Dovette ripartire perseguendo una logica diversa dalla progettazione di un semplice successore di 3DS o WiiU. Come aveva già fatto più volte negli anni precedenti, doveva rimboccarsi le maniche ed ideare un nuovo concetto di esperienza videoludica. Doveva sottrarsi per l’ennesima volta alle regole del mercato ed inventare qualcosa di alternativo. Rifacendosi alla filosofia che espresse tanto tempo addietro Yokoi, non pensarono alla semplice potenza tecnica, ma all’opportunità di consegnare ai giocatori delle novità sorprendenti. L’idea di base fu quella di sviluppare una console che fosse capace di fornire alle persone sia dei giochi usufruibili in modo piacevole ed immediato, sia altri generi molto più elaborati. Un ulteriore aspetto importante che venne preso in considerazione per gettare le fondamenta della console, fu la valutazione delle diverse abitudini che potevano differire tra i giocatori dei Paesi orientali ed occidentali. Mentre i primi erano abituati a videogiocare in movimento, durante i trasporti e nei luoghi più disparati, l’utenza occidentale prediligeva uno stile di gioco più casalingo e strettamente collegato agli apparecchi TV. L’idea geniale, fu quella di unire i due concetti e di regalare una macchina da gioco che potesse permettere ai giocatori di alternare entrambe le modalità, a seconda del bisogno o della volontà del momento. Il giocatore poteva godere dello stesso titolo in modi completamente diversi: durante le partite in modalità fissa, la console riproduceva le immagini sul televisore, per mezzo di una docking station. Poteva utilizzare i sistemi di controllo tramite l’impugnatura di due joy-con separati, uniti da un’impugnatura, o con l’ausilio di un pad venduto separatamente e denominato Nintendo Switch Pro Controller. Quest’ultimo ricalcava molto da vicino l’aspetto e il funzionamento dei gamepad tradizionali. Durante le partite in modalità portatile, la console poteva invece essere utilizzata al di fuori del dock, ed impugnata inserendo i due joy-con ai lati del display. In alternativa potevano essere scollegati, e la console poteva essere posizionata su una superficie piana. In caso di partite multiplayer in locale, i due joy-con potevano essere divisi tra i giocatori e venivano sfruttati girandoli in senso orizzontale anziché verticale. Quando sono staccati dalla console infatti, i joy-con funzionano in modo separato l’uno dall’altro. Lo schermo supportava risoluzioni fino a 720p, era disponibile una porta per schede SD di memoria aggiuntiva, un jack audio e degli altoparlanti stereo posizionati sulla parte inferiore della console. Inizialmente la console fu menzionata ad alcuni eventi pubblici con la sigla NX, e fu comunicato che sarebbe stata accompagnata dal titolo di Zelda: Breath of The Wild, un gioco che si pensava dovesse rimanere un’esclusiva per WiiU. Solo in un secondo momento il suo vero nome arrivò al pubblico e ne fu svelata la natura ibrida. Il nome Switch non poté essere più azzeccato. La console sarebbe potuta passare dalla modalità casalinga a quella portatile come se vi si premesse un interruttore che alternava le due fasi. Seguendo attentamente i report raccolti dal pubblico ai tempi della Wii, che richiedeva un controller di dimensioni ridotte, Switch venne concepita come una console molto più ristretta. Questa soluzione veniva anche incontro alle esigenze di chi avrebbe sfruttato la console prevalentemente in modalità portatile. Switch avrebbe dovuto segnare un rilancio per Nintendo ed i lavori per arrivare alla sua creazione furono supportati principalmente da persone giovani, che non dovevano essere per forza fan dei videogiochi, ma che avessero le competenze per vedere oltre i canoni classici. L’obbiettivo fu raggiunto in pieno e la console raggiunse picchi di vendite mai visti prima. Diversi rivenditori americani si ritrovarono con un assenza di scorte nel giro dei primi giorni di lancio, dopo un mese si superarono i due milioni di unità vendute, ed a novembre del 2017 si raggiunsero i dieci milioni. Nel luglio del 2019 venne annunciato tramite un trailer su YouTube un modello alternativo denominato Switch Lite. La console era pensata prevalentemente per l’uso in modalità portatile e destinata ad un pubblico con minori pretese di prestazioni, ed economicamente meno propense alla spesa a prezzo pieno di Switch. La versione Lite non prevedeva le funzionalità casalinghe, per tale motivo i joy-con non erano removibili dal blocco laterale. Nonostante la sua funzione limitata, la console era compatibile con tutti i giochi Switch che potevano essere utilizzati in modalità portatile. Dall’anno prima inoltre, le funzioni online di Nintendo sposarono una nuova politica e si adeguarono a quanto già fatto dalle aziende concorrenti. Per garantire la stabilità e la sicurezza dei server, l’accesso al gioco online poté essere garantito solamente attraverso il pagamento di un abbonamento, il Nintendo Switch Online. La funzione permetteva di accedere a qualsiasi modalità di gioco multiplayer online. Con Switch siamo arrivati alla fine di un lunghissimo viaggio che ha attraversato varie epoche della storia. Si sono avvicendate tante personalità geniali, che hanno cambiato le sorti del videogioco. Sono nate idee incredibili che hanno rivoluzionato il modo di pensare dei giocatori ed il modo stesso di concepire il gioco. Si sono alternati momenti difficili ed anni di rivalsa, Nintendo ha vissuto scontri, polemiche e raggiunto risultati al di sopra delle attese. In tutto questo ha comunque regalato mondi magici ai giocatori di tutto il pianeta. Fonti Wikipedia - Nintendo.it - Everyeye.it - Kotaku.com Grazie ad @Alemat20 per la precisazione sugli spot pubblicitari di Wii U
    5 punti
  16. Che bello ritornare nei propri panni! Ma tu hai sopportato questa tortura psicologica per tutto questo tempo? Mi hanno contattato anche in MP per dirmi di tornare al vecchio nick...
    5 punti
  17. Remikyu

    [Torneo] Miglior personaggio videoludico JRPG

    Salve a tutti! Siamo giunti alla fine di questo lungo ed estenuante, ma soddisfacente, torneo. Mi sono divertito parecchio a scegliere i personaggi tra tutti quei bei JRPG, e mi sono accorto di averne dimenticati tipo miliardi, ma sono così tanti che per forza di cose è successo ciò, e meritano tutti un applauso (virtuale e che non sentiranno mai perché non esistono realmente, ma vabbè ). Vedere alcuni abbinamenti però mi ha un po' destabilizzato (dai, Aerith contro Sephiroth al primo turno è una coltellata ) ma anche questo è parte del gioco, o del destino, come ho ripetuto spesso durante il torneo. Dopo tutti questi convenevoli, iniziamo con le premiazioni! Iniziamo dal quarto posto! Il quarto classificato è: Tidus, direttamente da Final Fantasy X! So che purtroppo non è tra i più conosciuti, e mi dispiace sia arrivato quarto (senza togliere nulla agli altri), ma ci sta, e quindi congratulazioni per il quarto posto, aveva comunque tanti sfidanti molto forti e non mi sarei aspettato che arrivasse in semifinale! Il terzo classificato è: Terra, direttamente da Kingdom Hearts! Il mio personaggio preferito, assieme a Riku, di Kingdom Hearts, quindi sono felicissimo che sia arrivato sul podio (anche se avrei preferito fosse arrivato sopra Aqua *coffcoff). Complimenti per la medaglia di bronzo! Passiamo ora a premiare il primo e il secondo posto! E' stata una sfida emozionante, fino all'ultimo voto (e minaccia, vero @Giove0? ), con sorpassi e pareggi continui. Quindi ho deciso di non aspettare un ulteriore voto, che chissà tra quanto sarebbe arrivato. E quindi, primi a pari merito, sono: - Cloud, direttamente da Final Fantasy VII, e Aqua, direttamente da Kingdom Hearts! Complimenti ad entrambi! Se avessi dovuto scommettere su questo torneo, avrei sicuramente puntato su Cloud, personaggio iconico non solo dei JRPG, ma anche di tutti i videogiochi, e non mi sarei aspettato che Aqua arrivasse fino in finale, invece eccola qui, addirittura vincitrice, e anche se non è uno dei miei pg preferiti, mi piace parecchio, e sono contento che abbia vinto! Ma passiamo ai premi speciali. Penso sia stato il più nominato durante il torneo, chissà da chi, e non potevo non dedicargli un premio tutto suo xD Perciò ho istituito il premio Celes, dedicato ovviamente alla sua fan numero 1 @Celes, che va a: Ignis Scientia, direttamente da Final Fantasy XV e vincitore della FinalIgnissima! Lo scontro con il suo gemello malvagio Scientia Ignis è stato duro, ma alla fine ha trionfato. Complimenti! Il secondo premio speciale va invece al Villain che ha resistito di più in questo torneo (e posso capirne il motivo ), arrivando al Turno 3 e venendo sconfitto dal più adatto direi. Quindi, il premio Best Villain va a: Xemnas, direttamente da Kingdom Hearts! Sconfitto proprio da Sora, quindi tutto torna, ha meritato davvero di arrivare così avanti e mi sarebbe piaciuto anche fosse arrivato più in alto, ma non ci si lamenta. Passiamo ai ringraziamenti! Ringrazio @Lyndon per aver creato questo tipo di torneo e avermi fatto anche da consulente agli inizi! Ringrazio poi tutti coloro che hanno votato, soprattutto i più assidui, come @Lyndon @evilespeon @YukiV @Celes @Dainsleif @Icarus @Giove0 @TommyDrizzile @Alemat, e tutti avete contribuito alla riuscita del torneo, grazie mille E niente, questo è tutto, al prossimo torneo!!!
    5 punti
  18. Nessun link all'intervista perché non è mai esistita. Notizia su un tweet troll senza fonte che ha confermato 15 ore fa che si trattava di uno scherzo.
    5 punti
  19. Kio_

    Chi non muore...

    Chi non muore...
    5 punti
  20. Benz

    Lascia un commento! ~ Terza edizione

    Nascita e primi passi di un fenomeno destinato ad essere sempre più in crescita. Molte persone sostengono che la nascita degli eSport sia stata di natura recente, ma si sbagliano. La prima competizione di cui è possibile tenere traccia è stata svolta nel lontano 1972. Il luogo di tale manifestazione fu niente poco di meno che Stanford, una delle Università private più importanti degli Stati Uniti d'America, la quale tiene a cuore particolarmente le manifestazioni di carattere sportivo. Non a caso son praticate più di venti discipline sportive. La competizione era ambientata su un videogames che era uscito circa 10 anni prima: Spacewar! Era uno dei primi videogames in cui era prevista la modalità multigiocatore, infatti, vinceva la partita colui che riusciva a colpire per primo con un missile proveniente dalla sua astronave, l'astronave dell'altro giocatore. I premi, non erano di certo appetibili come adesso in cui si parla di cifre milionarie, ma erano una svolta per quei tempi. In quel caso specifico, si vinceva un abbonamento annuale per la celebre rivista Rolling Stones (ancora oggi in attività). Una delle prime svolte, in campo eSport, è stata data dalla società statunitense Atari, la quale, circa 10 anni dopo il primo torneo ufficiale svolto a Stanford, decise di organizzare, a sua volta, un torneo inerente Space Invaders, uno dei videogames più venduti di sempre. Parteciparono circa 10.000 persone provenienti da ogni angolo degli Stati Uniti, il che, al tempo, fu considerato un successo. Un'altra svolta, che non merita di essere trascurata, a mio avviso, è quella del triennio 1982-1984. In questo periodo, ancora lontano dalla piena affermazione di internet, fu mandato in onda un programma televisivo chiamato: Starcade. Quest'ultimo era un gameshow che vedeva sfidarsi due persone in un determinato videogioco. Ma negli anni '90 cambiò l'ottica del sistema multigiocatore: non vinceva più colui il quale otteneva il punteggio più alto, ma bensì, chi aveva la meglio su un confronto diretto in 1 vs 1. Il gioco in questione più popolare di quei tempi fu Street Fighter II, il quale, gettò le basi per la moderna concezione di one versus one. Il vero boom è avvenuto agli inizi degli anni 2000. Il settore è in continua crescita, grazie all'uso sempre più diffuso di mezzi di comunicazione quali TV, tablet, cellulari, computer e l'imponente ascesa dei social network, in particolar modo Twitch. Quest'ultimo ha raggiunto numeri abnormi già nel 2015 dove contava di 15 milioni di utenti attivi quotidianamente e 2,2 milioni di trasmissioni mensili. Sport vs eSport: due realtà a confronto. Come si comportano gli eSport in Italia. Personalmente ho sempre ritenuto fastidiose le persone che sostenevano che l'unico elemento che accomunasse i due termini fosse solo la parola 'sport'. In Italia, una delle differenze significative tra i due termini è che il secondo non viene riconosciuto, ancora per il momento, come vera e propria disciplina sportiva, a differenza di altri Paesi. Il boom degli eSport è stato registrato in concomitanza col periodo d'inizio del Coronavirus. Atleti professionisti, per rimanere a contatto con i fan, trasmettevano continuamente sulla piattaforma Twitch streaming inerenti videogames dal carattere sportivo e non. Il mondo degli eSport sta diventando sempre più coeso con gli Sport veri e propri. Non a caso, mi riferisco in particolare al gioco calcio, dove, diversi club di Serie A, hanno costituito una Lega, chiamata eSerie A, dove vengono selezionati pro-player (del gioco FIFA), ingaggiati dai rispettivi team facenti parte della Lega A e tra di loro competono per la classifica finale. Come se non bastasse, è stata già introdotta la figura dell'e-procuratore. I mangiasoldi non si fermano semplicemente agli sport, ma tentano di entrare anche nel mondo degli eSport. Ma non solo i procuratori. Numerosi sponsor sono entrati prepotentemente nel sistema eSport, ingaggiando streamer con contratti dalle cifre esorbitanti. Ma non parliamo di sponsor qualunque, ma bensì di aziende quali Coca-Cola, Mercedes, HP, Logitech, il tutto per dare ulteriori punti a favore del movimento virtuale. D'altro canto è stato fatto notare che gli unici eSport che sarebbero stati in grado di poter diventare argomento di Olimpiade, sarebbero stati quelli inerenti discipline quali baseball, ciclismo, canoa, automobilismo, calcio e via dicendo. Ma a questo ci arriveremo con calma dopo. Giochi Olimpici e l'istituzione dell'OVS. I primi Giochi Olimpici, furono svolti nel 776 a.C. ad Olimpia, in Grecia. Sono diventati discipline stabili a partire dal 1896 con cadenza quadriennale. In conseguenza alla diffusione sempre più netta del fenomeno degli eSport, si è pensato un modo, o meglio, sta venendo rifinito un modo per inglobare i sopra citati ai Giochi Olimpici. Condizione necessaria affinché loro possano essere effettivamente istituiti è quella fondamentale che riguarda anche gli sportivi in se per se: controllo antidoping e continua repressione nel mondo scommesse. L'istituzione dell'Olympic Virtual Games, è stata di per se, un notevole passo in avanti, anche se è stato più volte specificato nell'articolo posto come modello di riferimento all'interno della discussione, che gli unici giochi che sarebbero potuti essere presi in considerazione sarebbero stati quelli di natura sportiva: Gran Turismo, Virtual Regatta, eBaseball, Zwyft, facendo, di conseguenza, un taglio netto verso i giochi MOBA quali League of Legends oppure Dota 2. Secondo me sarebbe giusto siccome inserire i MOBA si discosterebbe troppo dal concept degli Sport. Includere gli eSport nei Giochi Olimpici: Pro e Contro secondo la mia visione. Vorrei iniziar facendo una brevissima premessa: dal mio punto di vista, ci vorranno ancora parecchi anni prima di vedere inglobato il fenomeno di gaming all'interno delle Olimpiadi. E non escluderei nemmeno una creazione di competizione simil-olimpionica inerente prettamente i videogames. Come un tempo avrebbe accennato anche Leopardi, in questa simbiosi si può notare sia una Natura Benigna che una Natura Matrigna, adattando i due concept alla chiave di lettura in campo eSport. Favorevole (Natura Benigna) perché: - Dal mio punto di vista, gli eSport sono considerati a tutti gli effetti un fenomeno globale, e non mi sembrerebbe giusto ignorare tale fenomeno e non dare i meriti a persone che hanno, letteralmente, 'buttato il sangue' dietro uno schermo. - Uno dei caratteri che mi affascina particolarmente è l'apertura del mondo a 360 gradi, in quanto, i videogiocatori non si mettono in competizione solo con altri videogiocatori dello stesso Paese, ma avviano una vera e propria competizione su scala globale, interagendo, di conseguenza con nuovi linguaggi, nuovi usi, nuovi costumi e quant'altro. - Potrebbero essere una strada per i giovani per canalizzare i propri interessi e trasformare il tutto in un guadagno necessario alla sopravvivenza o anche a qualcosina in più. Includere gli eSport nei Giochi Olimpici, infatti, darebbe spunto a creare nuovi percorsi e nuove carriere per il futuro. Non Favorevole (Natura Maligna) perché: - Uno dei principi fondamentali dello sport è quello di coesione di gruppo. Uno degli elementi fondamentali su cui hanno puntato molti slogan pubblicitari. Con l'avvento degli eSport non riesco ad immaginarmi una coesione talmente forte che potrebbe essere paragonabile a quella inerente gli spogliatoi di calcio, di basket, pallavolo e sport di gruppo. - Per prepararti ed essere competitivo in un determinato sport, devi fare sacrifici fin da bambino. Questi sacrifici, aiutano anche lo sviluppo sia fisico che psicologico e, di conseguenza, l'attività fisica è sempre consigliata, cosa che invece non è l'attività di gaming, la quale spesso è stata assoggettata a fenomeni di dipendenza negativa nei confronti dei bambini. - Non sono favorevole, inoltre, perché a mio avviso, l'emozione che ti regala uno sport non può essere nemmeno lontanamente paragonata a quello che succede in campo virtuale. Una simulazione virtuale di calcio (riferendoci a FIFA), non può mai essere paragonata ad una visione di una partita fisica. - Presenza di alcuni elementi all'interno dei videogames che non farebbero capire i reali valori di sacrifico e sforzo che ci sono dietro una disciplina sportiva. Mi sto riferendo alle Loot Box che sono ottenibili in quasi tutti i videogames e comprenderebbero, come suggerisce stesso la parola, delle box al cui interno sono presenti boost e potenziamenti utilizzabili all'interno dei videogames. I soldi non sempre sono la chiave del successo. Non a caso queste ultime sono state bandite da alcuni paesi facenti parte dell'UE (in quanto assoggettate a fenomeni di gioco d'azzardo), uno su tutti il Belgio. E le Paralimpiadi? Le Paralimpiadi sono l'equivalente dei Giochi Olimpici ma per persone con disabilità fisiche. Si è discusso molto nel corso degli anni di una possibile unione tra Paralimpiadi ed Olimpiadi. Molte persone vorrebbero le due competizioni assoggettate sotto un'unica sfera. Ancora oggi non si è riuscito a trovare un compromesso e si continua per due strade diverse almeno per i prossimi 7 anni. Il mondo degli eSport, potrebbe essere elemento cardine di coesione tra Olimpiadi e Paralimpiadi. Infatti, gli eSport, potrebbero costituire elementi di aggregazione tra bambini 'normali' e bambini con difficoltà motorie. Potrebbero entrare, fin dalla giovane età, in una competizione che risulterebbe sulla carta pari. Logicamente, tornando al discorso di Giochi Olimpici, sarebbero argomento di integrazione tra persone 'normali' e persone diversamente abili, distruggendo, per una buona volta e per una giusta causa, le barriere di disabilità. Ovviamente, questo è da considerarsi come un mio PRO, ma ho tenuto a dedicargli uno specchietto apposito per sensibilizzare l'importanza della tematica.
    5 punti
  21. Per il giorno di Arceus ecco cosa mi è venuto fuori xD Se volete sapere come, fate un salto nella mia gallery dell'Octillerink xD
    5 punti
  22. Vale

    [Vale] Korippo Lime

    OCTILLERINK 2021 Day 13: Centro Pokémon / Pokémon Center --- clicca sull'immagine per ingrandirla
    5 punti
  23. Tapu_Koko

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    Buonasera a tutti cari lettori! Ormai siamo in pieno autunno ed è tempo di accucciarsi sotto i piumoni insieme alle nostre felpe e leggere il nuovo numero autunnale del giornalino! Come, fa ancora troppo caldo dite? Come sempre, il giornalino sarà disponibile in digitale nella sua versione totalmente interattiva ma sarà anche presente una versione PDF scaricabile in caso abbiate problemi con il reader online! Potrete inoltre leggere alcune anticipazioni in versione cartacea. In questo numero... Il nostro @Porygatto ci delizia come sempre con una nuova fusione! Ma questa sembra parecchio strana... Il gossip continua a più non posso col nuovo inserto di Munna Moderna! Alcuni interessanti leak riguardanti il mese di ottobre... I recenti vincitori di Miss & Mr PM, @Ila e @Alemat ci dicono la loro sull'esperienza! Il reportage fotografico su Pokémon GO ci porta alla scoperta di nuovi luoghi! appiamo che volete i 10 PokéPoints: non fateveli sfuggire e completare subito l'inserto! Ben 4 letterine sono arrivate in Redazione! Scoprite subito di chi sono! Scoprite anche questo mese il vostro futuro, letto tra le stelle dai nostri astrologi. Il giornalino interattivo! Devo come sempre ringraziare @MarcinGreed per il suo grande lavoro. Scorrete tra le varie rubriche grazie a un indice grafico e fateci sapere che ne pensate! Leggi qui il Giornalino interattivo! Scarica qui il PDF! Giornalino PM n10 a2021-min.pdf È tutto per oggi! Fateci sapere cosa ne pensate delle rubriche. Noi ci vediamo al prossimo numero, quello di novembre!
    5 punti
  24. Tapu_Koko

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    Ecco i vincitori del Trovaparole che si portano a casa ben 10 PokéPoints, oltre che la speciale Bambola Pokémon del Blocco Note: @Alemat @Keroro @Icarus @LuckyTia @WhitePenguin Complimenti a tutti!
    5 punti
  25. Grazie ad una mia amica che mi ha conservato la confezione pikachosa dell'ultimo Happy Meal a tema Pokemon, ora c'ho questa confezione bella esposta in camera, è troppo carina :3 (Purtroppo quando andai io al McDonald's erano finiti tutti i Pikachu Box 😅) Edit: Anche se in ritardo e non verrà conteggiato, ho aggiunto questa foto alla mia gallery dell'Octillerink, visto che @Alemat mi ha fatto notare che si addice al tema "cubo" di ieri
    5 punti
  26. Lyndon

    Lascia un commento! ~ Terza edizione

    Ringraziamo tutti quanti per la partecipazione e per i commenti minuziosi! I risultati verranno comunicati giovedì 14 alle ore 15, in concomitanza con la pubblicazione della seconda traccia. Saranno previste cinque eliminazioni tra gli iscritti alla prima prova
    5 punti
  27. WhitePenguin

    5 punti
  28. Francy

    [Ninjask Games] Vincitori!

    Buongiorno a tutti e benvenuti alle premiazioni dei Ninjask Games! Iniziamo subito con i vincitori e le soluzioni del primo gioco. Vincitori ~ Accoppia la coppia Al quinto posto... Al quarto posto... Al terzo posto... Al secondo posto... Al primo posto... Qui sotto gli abbinamenti corretti: Passiamo ora al secondo gioco di questa edizione dei Ninjask Games! Vincitori ~ Il Pokédex malfunzionante Al quinto posto... Al quarto posto... Al terzo posto... Al secondo posto... Al primo posto... Qui le soluzioni: Si ricorda inoltre che tutti coloro che hanno partecipato inviando una risposta, riceveranno per ogni gioco 5 Punti Fedeltà! Complimenti a tutti! I premi verranno consegnati il prima possibile!
    5 punti
  29. Riolu007

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    Il sushi è solo pesce crudo con qualche contorno. Nulla di che.
    5 punti
  30. Diboo42

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    Adoro la maionese "Squisitamente Buona" della Heinz, tanto da metterla anche sulla pizza
    5 punti
  31. Chube

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    Sarebbe eclatante e quindi materiale da Munna. Non renderci la vita ancora più facile, dai...
    5 punti
  32. IcyFlame

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    E' l'evoluzione regionale della regione ispirata all'egitto, il dio Almet, solo che è un'informazione riservata che abbiamo fatto uscire per sbaglio
    5 punti
  33. Alemat

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    Doppia identità, mi avete scoperto
    5 punti
  34. Alemat

    Furfrou

    Perché fino a poco fa su pokémon home non erano trasferibili le diverse forme di Furfrou. Di recente sono state rese disponibili su Pokémon Go e da Go possono essere trasferite su Home. Solo che ogni giocatore può ottenere solo alcune delle forme disponibili in base al luogo geografico in cui sta giocando, per cui i giocatori di tutti il mondo vogliono accaparrarsi le forme mancanti per soddisfare la loro brama di collezionismo (l'ho fatto anche io ) Ovviamente alcune forme (il taglio Faraone ad esempio) sono disponibili solo in aree limitate (Egitto in questo caso) e sono quindi molto più rare delle altre
    5 punti
  35. evilespeon

    [Octillerink 2021] Evilespeon

    alllra partiamo cosi Oggi il tema era argento e non sapevo cosa fare ,ispirata da @Diboo42 sama che mette le musiche assieme ai disegni allora ho pensato all'intro di pokemon argento Ho deciso di unire le tre parti marine di questo intro in un unico grande disegno Wuella con gli shellder sotto ,poi a salire quella coi magikarp e infine il lapras Ecco il disegno bonus aggiuntivo : la parte con pikachu e jiggly che non potevo aggiungere sopra perche non marina XD Pikachu potetevederlo come rappresentazione di zeria mentre jiggl della repubblica gialla col monopolio di riso e jiggly cosi ho messo anche la politica @Quasar @Alemat XD disegnifatti molto alla veloce ma spero vi piacciano
    5 punti
  36. NON intober giorno X ora xx:yy Un wooper in bottiglia come una fatina di zelda? XD per una volta taggo qui dato che bisogna un po' variare e essere matti altrove XD @evilespeon @MoonlightUmbreon @Alemat @Mana @Buzzwole1991 @ShadowBlue @Goron98 @TommyDrizzile @Kiryu89 @Dainsleif @McSoul e gli altri (scusate ma ho una pessima memoria con i nomi )
    5 punti
  37. Svicolone

    Agenzia di Incontri ~ Millennium Hearts

    Sei peggio di un @Taka nella scarpa.. inviato ora vediamo se dio li fa e poi li accoppa... ups li accoppia Prepara la cerimonia di invocazione extralusso: stella 5 punte disegnata con sangue di pomodoro litwick maschio cerimoniali sulle punte tende nere alle finestre per filtrare la luce. Porporina dorata da lanciare in maniera solenne per completare il richiamo @Ila @Giove0 olos imtaicsal non ,ocovni iv oi
    5 punti
  38. Porygatto

    [Porygatto] Day Dreaming

    A n i m a t e d a v a t a r V i o l e t E v e r g a r d e n
    4 punti
  39. Svicolone

    [Svicolone] Art Gallery - Pokémon's Mistery Maze

    Questa e l'ultima sezione nella quale avrei mai pensato di trovarmi a scrivere. Mai dire mai.. Eccomi qui... Questo é il primo e non so tra quanto ne metteró forse un secondo. Comunque ho comprato i colori quindi in qualche modo dovro utilizzarli.. Era dai tempi delle medie che non ne disegnavo uno e sono abbastanza soddisfatto di me stesso... @Taka Questo é dedicato a te Ora svicolo via tutta a mancina...
    4 punti
  40. LuckyTia

    L'Angolo delle barzellette

    Cosa fa un orso che viene investito da una macchina? Va al pronto-soccorso Che cosa fa un delfino nel deserto? Muore
    4 punti
  41. MoonlightUmbreon

    Caffè, Poltrona, Anime e Manga

    Lo shojo è un genere che sto scoprendo anche io ultimamente, non capisco davvero come si possa rimanere ancorati al target di riferimento e perdersi delle perle magari
    4 punti
  42. Collegati a partire dalle 16:00 di oggi sul nostro canale Twitch per assistere e contribuire alla creazione dell'ottava bambola della Serie Craft! Come da annuncio originale, le bambole della Serie Craft verranno realizzate con la collaborazione di tutti gli utenti insieme alla nostra streamer e illustratrice @Klyo! Successivamente l'illustrazione sarà trasformata in sprite da @Taka per poi venire distribuita attraverso il rilascio di codici seriali riscattabili sul Forum a questo indirizzo! Tenetevi pronti inoltre ad alcuni cambiamenti a partire dal prossimo mese, a seguito dei vostri feedback, per quanto riguarda il format di Ruota d'Arte!
    4 punti
  43. LuckyTia

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    Non sono neanche indignato posso solo farti le mie condoglianze....
    4 punti
  44. Remikyu

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    Il soffritto è una roba inutile, fastidiosissimo trovare pezzi di carote, cipolle e sedano a caso, anche quando uno non li vorrebbe (e aggiungo che le cipolle non dovrebbero esistere )
    4 punti
  45. Stessa marca, stessa situazione, ma con la senape
    4 punti
  46. LuckyTia

    Opinioni gastronomiche decisamente impopolari

    Amo il pesce spada col parmigiano reggiano
    4 punti
  47. Lyndon

    Giornalino di PM ~ Numero 26

    Credo che a questo punto dovremmo confiscare tutti i premi di Mr. PM e del GDR ad Alemat, per darli al legittimo proprietario, Almet... In ogni caso voglio vedere la fusione a tema halloween
    4 punti
  48. Combo

    [Octillerink 2021] Combo

    Giorno 11: argento
    4 punti
  49. Giorno 11-argento Vi lascio con una bella volpe grigia, ora addio e a domani
    4 punti
  50. Celes

    Agenzia di Incontri ~ Millennium Hearts

    Per eventuali dissidi, potete contattarmi per terapie di coppia previo acconto di 100 pp. Grazie Recapito: dottssaceles@terapiecoppiescoppiate.com
    4 punti
Questa classifica è impostata su Roma/GMT+02:00
×
×
  • Crea...