Vai al commento






Cerca sul forum

Visualizzazione dei risultati per i tag 'giappone'.



Più opzioni di ricerca

  • Ricerca tramite tag

    Inserisci i tag separandoli con le virgole
  • Ricerca tramite autore

Tipo di contenuto


Le sezioni del forum

  • Pokémon Millennium
    • Benvenuto su Pokémon Millennium
    • Notizie
    • Annunci
    • PokéPoints Store
    • Centro supporto e segnalazioni
    • Iniziative ufficiali
    • Wiki Pokémon
    • Millennium Bar
    • Premium Member
  • Videogiochi Pokémon
    • Pokémon Spada e Scudo
    • Scambi Online
    • Competitivo
    • Raid e Lotte Online
    • Pokémon GO
    • Giochi Pokémon | Serie Principale
    • Giochi Pokémon | Spin-off
  • Mondo Pokémon
    • Discussioni Pokémon
    • Anime e Manga Pokémon
    • Gioco di Carte Collezionabili
    • Hack Rom e Flashcard
  • Mondo Nintendo
    • Discussioni Nintendo
    • Nintendo Switch
    • Nintendo 3DS e DS
  • Attività e Passatempi
    • Quotidianità e Dintorni
    • Grafica e Disegno
    • Giochi Playstation, Xbox, PC e mobile
    • Fan Fiction e Dintorni
    • Tecnologia, Social e Web
    • Animazione, Fumetti e Carte Collezionabili
    • Mercatino oggetti
  • Archivio
  • Snom's Lovers ~'s Le bellezze di Snom
  • Snom's Lovers ~'s I diletti di Snom
  • L'angolo del disegno (Sola Lettura)'s Discussioni chiuse
  • Il Culto di BW ~'s Le Stanze
  • Il Culto di BW ~'s Le Iniziative
  • CLUB DEL TG ESPI's Tg espi
  • LINEE GUIDA POKECLUBS's Regolamenti
  • Land Ahoy's | Animal Crossing: New Horizons
  • club delle cose perse che ti mm's Discussioni recenti
  • N00b? Noob!!!'s Topic dei noob
  • La Baia degli Artisti's Benvenuti nella baia!
  • La Baia degli Artisti's Iniziative
  • #FreeVelia's Velia Domina
  • ❄ Frozen Translation Project ❄'s Welcome to Arendelle!
  • ❄ Frozen Translation Project ❄'s Progetti
  • ❄ Frozen Translation Project ❄'s Commenti
  • Remikyu's Palace's Benvenuti nel Palazzo
  • Remikyu's Palace's JRPG World
  • Remikyu's Palace's Non solo JRPG
  • Fight Pub:'s Nella lista dei Mankey
  • Fight Pub:'s Il bancone di Ursaring
  • Fight Pub:'s La sala giochi di Scrafty
  • Fight Pub:'s Il vicolo di Gengar

Trova risultati...

Cerca risultati che contengono...


Data di creazione

  • Da...

    Fino a...


Data Ultimo Aggiornamento

  • Da...

    Fino a...


Filtra per numero di...

Registrato

  • Da...

    Fino a...


Gruppo


Instagram


Discord


Telegram


Facebook


Twitter


Tumblr


deviantART


Sito Web


Città


Interessi e passioni


Nickname Pokémon Spada e Scudo


Card Lega Pokémon


Codice Amico Nintendo Switch


Codice Allenatore Pokémon GO


Codice Amico Pokémon Master


Codice Amico 3DS


Codice Amico Pokémon Home


Nickname GCC Online

Trovati 4 risultati

  1. Ci tenevo a condividere questo saggio, ora un pò datato, sull'animazione nipponica nel nostro paese. L'ho sempre trovato estremamente interessante ma è ora di difficile reperibilità. Visto il numero di appassionati presenti sul forum ho pensato che fosse buona cosa condividerlo. Spero non sia un problema e anzi, si trovano online vari libri dell'autore - pubblicati successivamente a questo articolo - che consiglio caldamente a qualsiasi appassionato di cultura giapponese. Ho dovuto fare un pò di editing in quanto il file originale era in PDF. Introduzione L’Italia è il paese occidentale che vanta la maggior distribuzione di anime, cioè film e serie televisive d’animazione giapponesi; e dov’è stato edito il maggior numero di fumetti nipponici, o manga. Per capire l’enormità del primato italiano rispetto agli altri paesi,specie gli Stati Uniti – all’estero considerato, a torto e sorprendentemente, il paese occidentale in cui gli anime e i manga hanno maggior successo! – si pensi anche soltanto che dal 1963 al 2012 le serie animate giapponesi apparse negli Stati Uniti ammontano a circa 275; la maggior parte di queste sono andate in onda sulla TV via cavo e in canali locali visibili solo in alcuni stati, oppure sono state vendute come VHS/DVD per un mercato di nicchia. In Italia invece, dal 1976 al solo 2006 sono state trasmesse in televisionecirca 690 serie animate giapponesi. In questo conteggio è stata qui tralasciata una considerevole quantità di edizioni in VHS/DVD di vecchie e nuove serie, film, OVA, così come i film e le serie live-action di fantascienza usciti in abbondanza in Italia e Francia. Se nel conteggio fossero stati considerati anche tutti gli anime usciti in Italia dal 2007 al 2014 nonché tutti i film animati usciti in sala dal 1959 al 1976, il numero di cui sopra sarebbe, ovviamente, ancora più elevato. Di conseguenza, i numeri da capogiro che sono stati elencati costituiscono già da soli un ottimo motivo per studiare gli anime nel contesto italiano. Nella maggior parte degli studi internazionali, il successo della cultura pop giapponese è stato misurato, come dicevo, attraverso il livello di popolarità che ha raggiunto negli Stati Uniti. A volte, però,esistono dinamiche internazionali più diversificate, come in questo caso. Perciò questo articolo è un invito a un ampliamento della prospettiva. 1.Manga e anime In generale il significato di queste parole è ormai ampiamente conosciuto, ma qui è necessaria una definizione più tecnica. Prima sono stati menzionati i manga perché lo sbarco dell’animazione giapponese nei paesi occidentali è stato regolarmente seguito dall’adattamento e dalla pubblicazione dei relativi fumetti, che in molti casi contengono storie originali, le quali successivamente o simultaneamente vengono trasposte in film d’animazione o serie TV: i cosiddetti anime. Manga, nel contesto giapponese, indica i fumetti di qualsiasi tipo e formato,siano essi giapponesi o no; ma per il resto del mondo il termine indica esclusivamente fumetti creati da autori giapponesi. Di conseguenza, in queste pagine per manga mi riferisco solo ai fumetti giapponesi. Anime è il vocabolo utilizzato per indicare i disegni animati giapponesi, in particolare quelli per la televisione. Anche se è stata introdotta in Giappone a metà degli anni Settanta, questa definizione ha assunto per molti studiosi una validità retroattiva: designerebbe infatti i disegni animati prodotti in Giappone dal 1963, l’anno in cui la prima serie animata televisiva fu trasmessa. Oggi, un gran numero di studiosi e appassionati definiscono anime la maggior parte delle serie animate giapponesi ma anche dei film nipponici d’animazione per il cinema, nonché le produzioni d’animazione realizzate anche con tecniche più avanzate, come la CGIo il cel-shading. Il dibattito sulle varie definizioni da attribuire all’animazione giapponese è rigoglioso in quell’area in cui gli studi sul Giappone, sui media e sul cinema si intersecano. Mettendo un po’ da parte in questo contesto le problematicità definitorie e quindi teoriche, nel nostro caso le opere a cui si farà qui riferimento sono intese come anime nel senso più ampio del termine: film e serie d’animazione realizzati con la tecnica del disegno animato e prodotti in Giappone, da creatori e produttori giapponesi, principalmente rivolti al pubblico giapponese e, eventualmente, in un secondo momento distribuiti anche all’estero. Le serie sono in genere realizzate in «animazione limitata» (otto disegni al secondo), nella norma degli standard televisivi in vigore anche in Occidente. Il loro impatto sui giovani italiani ed europei negli anni Settanta e Ottanta non fu dovuto ai solo occasionali virtuosismi tecnici,bensì ai contenuti e ai valori espressi, oltre che a delle significative scelte di regia. I registi e gli animatori giapponesi applicavano e applicano alle loro opere ogni strumento linguistico possibile, fra cui espedienti che in Occidente sono utilizzati solo per le produzioni dal vero. Il fatto che una simile varietà di tecniche e strategie sia stata applicata alla produzione degli anime è molto importante per una valutazione complessiva. 2.“Animeboom” in Giappone Anime boom: è questo il termine con cui gli studiosi si riferiscono all’exploit dell’animazione giapponese dalla fine degli anni Sessanta ai primi anni Ottanta. Tra i fattori: la popolarità e la gran diffusione delle serie animate sui robot (dal 1972) e le serie di SF come “Corazzata spaziale Yamato” (Uch-usenkan Yamato, di Leiji Matsumoto e Noburo Ishiguro, 1974-75), “Gundam” (Kid-o senshi Gundam, diretta da Yoshiyuki Tomino, 1979-80) e altri titoli famosi, come la seconda serie del noto “Lupin III”; il successo fra i giovani di alcuni film innovativi, soprattutto il primo film dedicato alla saga di Uchu senkan Yamato (Toshio Masuda,1977) e i primi tre film basati sulla serie “Gundam” (ancora di Yoshiyuki Tomino, 1981a, 1981b, 1982), che furono giustamente interpretati come l’inizio di una nuova era per l’animazione giapponese; e la moltiplicazione delle serie mandate in onda, che raggiunse un picco senza precedenti, sia numericamente che qualitativamente. Fu in quegli anni che la parola anime iniziò ad essere utilizzata anche sulle riviste giapponesi e fra un nuovo tipo di fan: i cosiddetti otaku. 3.Le due fasi cruciali del successo degli anime in Italia e nell’Europa occidentale Esiste un’ampia bibliografia in inglese sul successo che gli anime e i manga hanno ottenuto nei paesi anglofoni ricchi: Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia. Non è stata dedicata la stessa attenzione all’impatto che queste due forme di intrattenimento hanno avuto in Europa e nell’America Latina.È per contribuire a ridurre questo divario che ho scelto di far convergere parte delle mie ricerche in questa direzione. Per quello che riguarda l’Italia e la Francia ho raccolto i miei studi sul tema in un libro e in vari saggi brevi in inglese, francese, giapponese. Ora,ci sono molte differenze nei modi in cui gli anime sono approdati negli StatiUniti, nei paesi europei e in Italia. NegliStati Uniti c’è stato un inizio lento fino al 1990 e poi il ritmo è aumentato negli ultimi anni. In Italia è avvenuta una vera e propria invasione dal 1978 fino alla metà degli anni Ottanta; poi c’è stato un momento di stallo, e in seguito una nuova accelerazione verso la metà degli anni Novanta, in concomitanza con le vendite di riviste e collane di manga. Un rinnovato interesse per gli anime si è registrato a partire dalla metà degli anni Duemila, ma non c’è più al momento un’offerta granché variegata di vecchi e nuovi prodotti in onda su canali tematici o diffusi per l’home-video. Alla fine degli anni Settanta e negli anni Ottanta, specialmente in Italia, Spagna e Francia, l’arrivo massiccio di anime fu accompagnato da un’ampia serie di prodotti: libri illustrati, manga originali e adattati, giocattoli, gadget e licenze commerciali. Questo boom fu il primo passo di quella che si sarebbe configurata come un’enorme diffusione della cultura pop giapponese in Europa, durata nella sua prima fase dal 1975 al 1995. Il sociologo Kiyomitsu Yui ha teorizzato uno schema sulle fasi di penetrazione degli anime e manga diviso in quattro fasi di progressiva accettazione che rispetta le stesse conformità in diversi paesi. Da un primo passo in cui media, insegnanti, pedagogisti e intellettuali mostrano un netto rifiuto e disgusto per l’estetica e i contenuti di queste forme espressive, assistiamo a un processo in quattro stadi di una progressiva legittimazione della cultura dei manga e degli anime nel sistema socioculturale locale, solitamente in un arco temporale di venti trent’anni. L’influenza degli anime in TV, e poi giocattoli, libri illustrati e poco dopo i manga, tutto ciò ha creato un nuovo gusto estetico per ulteriori generazioni di bambini che, crescendo negli anni Novanta e Duemila, sono diventati acquirenti di manga nella seconda macrofase di questo processo, che si è snodata dal 1996 fino alla fine degli anni Duemila. In questa seconda fase non si sono occupati di manga e anime solo editori e reti televisive locali: le aziende giapponesi hanno iniziato a promuovere attivamente l’esportazione dei loro franchise, tramite una strategia “push and pull”. Nel periodo tra la metà degli anni Settanta e la fine degli anni Ottanta due generazioni di bambini, non solo in Italia, assimilavano nuovi stili grafici, modificando i propri disegni rendendoli sempre più simili agli anime che guardavano in televisione, nella riproduzione sia di oggetti che di personaggi. Nel periodo successivo, tra i primi anni Novanta e il Duemila, alcuni di questi bambini sarebbero diventati creatori di fumetti, amatoriali o professionisti, con degli stili fortemente influenzati dalle estetiche dei manga. Ho mostrato i risultati dei miei studi condotti su questo genere di influenze in diversi scritti e ho introdotto il concetto di transacculturazione, «per evidenziare le dinamiche di inclusione di temi, concetti e valori relativi all’immaginario giapponese nei fan di fumetti e animazione giapponesi italiani ed europei». 4.Giapponismi subculturali e modalità manghesche Siamo tutti al corrente della tendenza culturale detta Japonisme (in italiano, Giapponismo) in voga in Francia, Inghilterra, Germania, Italia e in altri paesi europei, in particolare tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo: una molteplicità di suggestioni provenienti dall’arte e dalla cultura giapponesi. In questo caso vorrei però porre l’attenzione su altri due possibili tipi di Giapponismo apparsi nei decenni successivi. Possiamo inquadrare i due macro periodi della popolarità delle culture pop giapponesi sui giovani italiani individuati rapidamente in precedenza (dal 1975 al 1995 e dal 1996 fino al termine degli anni Duemila) come due nuovi tipi di Giapponismo subculturale, facendo le opportune distinzioni e tenendo in considerazione ciò che è già stato chiamato Neo-Giapponismo. L’antropologa Sharon Kinsella ha parlato di una «Giapponizzazione della gioventù europea», una definizione che, per quanto un po’ esagerata, ci incoraggia a focalizzare la nostra attenzione su quei fan il cui stile di vita può essere categorizzato come mangaesque, traducibile in italiano come “mangheggiante” o, più letteralmente, “manghesco”. Con il termine mangaesque Jaqueline Berndt ha indicato un insieme di stili, atteggiamenti e modalità di produzione e consumo legati ai manga (intesi come testi letterari e opere grafiche); cioè delle strategie di proposizione sul mercato di stili di consumo e di prodotti che fanno riferimento al mondo dei manga e degli anime o che in qualche modo dalle loro modalità di distribuzione e consumo prendono ispirazione. Oggi in effetti molti atteggiamenti e comportamenti di consumo dei fan potrebbero essere definiti come mangheschi, mangofili, mangheggianti, mangaesque. Questo concetto converge con le nozioni da me introdotte di Giapponismo subculturale e transacculturazione: un’ampia gamma di prodotti letterari e di intrattenimento giapponesi è divenuta il centro attorno al quale un numero sempre crescente di giovani fan si riunisce e si impegna in attività culturali di socializzazione fra pari. Se volessimo dare un nome a questo processo, potremmo usare il termine manghizzazione, con riferimento alla produzione e al consumo di prodotti culturali indipendentemente dal loro effettivo legame con le storie dei manga e degli anime. Questo è senz’altro uno degli effetti principali e a lungo termine dell’anime boom. Ed è una delle conclusioni che ho tratto in seguito alle mie ricerche, sia quelle recenti che quelle più datate. 5.Formati di produzione e modelli di consumo dell’anime boom È tramite le serie lunghe (26 o più episodi) che gli anime hanno guadagnato popolarità in Italia tra gli anni Settanta e gli Ottanta. Il concetto stesso di anime boom è strettamente e imprescindibilmente legato alle serie di lungo corso trasmesse dalle televisioni generaliste. Un altro elemento fondamentale in questo scenario è la cadenza delle messe in onda delle serie in Italia, diversa dalle programmazioni in Giappone o negli Stati Uniti. In Giappone le serie sono sempre state mandate in onda con cadenza settimanale: dal 1963, lo schema classico è quello di episodi di durata di 22, 24, 25 o 30 minuti, per 26 episodi; quindi ogni serie di 26 puntate può essere presente nel palinsesto per almeno sei mesi. Le serie più lunghe possono essere composte da 52 o più episodi e quindi possono andare avanti per uno o due anni interi. Quando le prime serie di anime giunsero in Italia, invece, le puntate andarono in onda a ritmo per lo più quotidiano. Nei canali italiani vi fu un sovraccarico di anime: nel periodo che stiamo prendendo in esame nella maggior parte delle televisioni private – nazionali e regionali –si arrivava fino a sei-otto ore di anime trasmessi al giorno: con un simile punto di partenza, il boom italiano non poteva che diventare una dominante per almeno vent’anni. Questo genere di programmazione contava sul fatto che se il piccolo telespettatore non fosse stato in grado di vedere la puntata in onda quel giorno specifico, non avrebbe potuto recuperarla, non essendo previste repliche. L’aspetto cruciale di questa strategia fu in pratica il “qui e ora”: l’intensità con la quale i giovani spettatori potevano entrare “in contatto” con i loro eroi li fidelizzò alle serie trasmesse e rese quell’epoca la più importante e cruciale nel contesto italiano per quello che riguarda il successo duraturo degli anime e dei manga. V’è un buon numero di fonti in lingua italiana sul tema: non solo studi rigorosi, ma anche libri divulgativi contenenti conversazioni informali con gli spettatori che erano bambini o adolescenti tra la fine degli anni Settanta e la fine dei Novanta, in cui si parla dell’impatto emotivo e culturale che la visione degli anime ha impresso in quei due decenni, in particolare fra il 1978 e il 1984. Gli studi o le interviste in questione si basano sull’intima relazione tra lo spettatore e le serie che venivano messe in onda, le emozioni provate durante la visione, le riflessioni compiute sull’influenza degli anime vissuti come una “presenza” quotidiana durante l’infanzia, un elemento caratterizzante che ha coinvolto lo stile di vita e le conversazioni fra i giovani coetanei; infine le osservazioni e gli eventuali cambi di prospettiva una volta raggiunta l’età adulta. L’ Italia è anche il primo paese occidentale che può vantare la presentazione di un film d’animazione giapponese in un contesto ufficiale. Ciò avvenne nel 1959 alla Mostra di Venezia con La leggenda del serpente bianco (Hakujaden, di Taiji Yabushita, 1958) che vinse il diploma speciale nella categoria del cinema per ragazzi da 13 a 18 anni. E inoltre è stato anche il primo paese occidentale in cui è stato pubblicato un manga o almeno una selezione di strisce tratte da un manga. Tuttavia, nella prima fase di distribuzione dei manga in Occidente, il ruolo dell’Europa e dell’Italia fu solo periferico. La diffusione seguì le tipiche dinamiche dei flussi dei mercati internazionali. Tra gli anni Sessanta e Settanta gli anime cominciarono a espandersi nell’Asia Orientale, raggiungendo il picco nei Novanta. Negli stessi anni, le prime serie giapponesi arrivarono in Europa: i primi anime andati in onda furono trasmessi in Francia (1974), Spagna (1975) e Italia (1976). 6.Il primo gruppo di film d’animazione giapponesi giunti in Italia A partire dagli anni Sessanta e soprattutto nel corso degli anni Settanta, ben prima dell’arrivo degli anime sui canali televisivi italiani, furono proiettati al cinema o messi in onda in televisione una ventina di film d’animazione. Furono adattati in modo molto disinvolto: tagli di scene, modifiche generiche, cambi addirittura nei titoli e nei nomi dei protagonisti, perfino dei registi affinché avessero un suono più anglofono. La prima impressione tra i critici e il pubblico italiani fu quella di trovarsi davanti a delle produzioni di livello artistico modesto anche se di un settore industriale fiorente. Ecco i titoli presentati o distribuiti in Italia: La leggenda del serpente bianco (1958); Le13 fatiche di Ercolino (Saiyuki, diDaisaku Shirakawa e T. Yabushita,1960); Robin e i due moschettieri e ½ (Anju to Zushiomaru, di T. Yabushita,1961); Le meravigliose avventure diSimbad (Arabian Night – Sinbad no boken, di Masao Kuroda e T. Yabushita, 1962); Leo, il re della giungla(Jungle Taitei Leo, di EiichiYamamoto e Osamu Tezuka, 1966 – vincitore nel 1967 del Leone di San Marco come miglior film per l’infanzia nella XIX edizione della Mostra di Venezia), 009 Joe Tempesta (Cyborg009, di Yugo Serikawa, 1966); Le meravigliose favole di Andersen (Andersen monogatari, di KimioYabuki, 1968); La grande avventura del piccolo principe Valiant (Taiy-ono-oji Horus no daiboken, di Isao Takahata,1969); Il gatto con gli stivali (Nagagutsu o haita neko, di K. Yabuki,1969); Remì – Senza famiglia (Chibikko Remi to Meiken Capi, di Y.Serikawa, 1970); 20.000 leghe sotto i mari (Kaitei sanman mile, di K. Yabuki,1970); Ali Babà e i 40 ladroni (Aribabato yonjuppiki no tozoku,di AkiraDaikuhara e Hiroshi Shidara, 1971); Gli allegri pirati dell’Isola del Tesoro (D-obutsu Takarajima,di Hiroshi Ikeda,1971); Belladonna (Kanashimi no Belladonna, di E. Yamamoto, 1973); Orsetto Panda e gli amici della foresta (Panda no daibokendi Y. Serikawa,1973); La Sirenetta, la più bella favola di Andersen (Andersen dowa ningyohime, di Tomoharu Katsumata, 1975); Il gatto con gli stivali in giro per il mondo (Nagagutsu o haita neko: Hachijiu nichikan sekai isshu, di Hiroshi Shidara, 1976). Dopo il 1976 e fino alla fine del decennio, altri film vennero proiettati nelle sale italiane: La storia di Alice... fanciulla infelice (Shonen Jack to mahotsukai, di T. Yabushita, 1967); Molletta il terribile( Jack to mame no ki, di Gisaburo Sugii, 1974); Heidi diventa principessa (Sekai Meisaku Dowa:Hakuch-ono-oji, di Yuji Endo e Nobutaka Nishizawa, 1977). Oltre a questi venti film, altri diciotto ne furono distribuiti tra il 1979 e i primi anni Ottanta: furono montati da società di distribuzione italiane selezionando episodi e sequenze di alcune delle più popolari serie andate in onda tra il 1978 i primi anni Ottanta. Certi vennero proiettati nelle sale, altri trasmessi in televisione, e altri ancora venduti solo come home-video. 7.L’anime boom in Italia: 1978-1984 Anime e manga hanno sempre viaggiato parallelamente e sono stati l’uno complementare all’altro all’interno dello stesso immaginario. In molti paesi, Italia inclusa, le serie televisive sono arrivate poco prima del manga, e ne hanno creato automaticamente la domanda; dopo l’arrivo dei manga e del loro grande successo, le nuove generazioni di lettori avevano già familiarità con il ricco scenario di stili e linguaggi, lo stesso degli anime, quindi la domanda verso questi è stata alimentata anche dai giovani lettori. Dalla metà degli anni Settanta, le società italiane di distribuzione (come Doro Tv Merchandising e ITB), la direzione RAI e alcune stazioni private (ovvero le reti televisive Fininvest/Mediaset e molte emittenti minori) cominciarono ad acquistare numerose serie vecchie e nuove dai principali network televisivi e studi giapponesi. Allora il valore dello yen era piuttosto basso e questo, sommato a una manodopera molto a buon mercato, rese i prezzi delle serie nipponiche molto competitivi. Inoltre, le condizioni favorevoli di una produzione a basso costo spinsero alcune reti, aziende ed editori tedeschi, francesi, italiani e dei Paesi Bassi a coprodurre serie e film insieme agli studi giapponesi, che a loro volta si resero conto che in Europa c’era un mercato molto ricettivo. Queste serie dovevano essere basate su storie europee e avere un retrogusto il più possibile europeo, ma realizzate con le competenze e l’innovazione tecnico-espressiva giapponesi. I primi risultati di questo amalgama internazionale furono le serie “Barbapapà” (Barbapapa, diretta da Atsushi Takagi e altri, 1974), “Heidi” (Alps no sh-ojo Heidi, di Isao Takahata,1974) e “Vicky il vichingo” (Chiisana Viking Vikke, di Hiroshi Saito, 1974), inonda in Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi, Italia, Spagna e Svizzera. Ideate con un occhio al pubblico internazionale, ebbero successo anche in Giappone. “Barbapapà” andò in onda in Italia nel 1976 e fu la prima serie di lunga durata a essere trasmessa nel nostro paese. In un secondo momento, gli animatori europei furono coinvolti nel processo di creazione di altre serie, per esempio “Ulisse 31” (Uchu denset-su Ulysses 31, di Kyosuke Mikuriya,1981, produzione franco-giapponese) e “Il fiuto di Sherlock Holmes” (Meitan-tei Holmes, di Kyosuke Mikuriya e Hayao Miyazaki, 1984, produzione italo-giapponese). Nel 1976, grazie alla Sentenza n. 202,che sanciva la liberalizzazione delle frequenze radio e televisive, la televisione italiana diventò terra di conquista per gli tutti quegli investitori che desideravano fondare la propria piccola stazione privata, che in molti casi ebbe vita breve e intensa. Budget risicati, scarsa fantasia, limitate competenze professionali portarono le scelte editoriali verso una direzione: l’acquisto di licenze di programmi stranieri a bassissimo costo. Per riempire i palinsesti vennero scelte da un lato le telenovele latino americane e dall’altro le serie di animegiapponesi. Conclusioni La storia dell’animazione nipponica in Italia è molto più complessa e lunga di quanto si sia potuto raccontare in questo articolo. Tuttavia, c’è da dire che la popolarità degli anime in questo paese, negli ultimi anni, vive letteralmente di rendita dagli anni Settanta e Ottanta. In apertura avevo indicato nel fattore quantitativo un motivo già ampiamente sufficiente a studiare con grande attenzione la vicenda: a partire da questo dato oggettivo si può passare a indagare non solo i flussi commerciali con cui gli anime hanno prosperato nel nostro paese, ma anche il risultato culturale complessivo generato nella società italiana durante e dopo il boom. Così, da un lato sarebbe interessante capire perché – e perché così presto – tanti film e serie animate abbiano varcato i confini italiani, e come mai negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali ricchi il processo sia stato tanto diverso. La differenza fondamentale nella popolarità raggiunta dagli anime in Italia rispetto ad altri paesi in cui essi non sono arrivati in così grande quantità, non risiede solo e tanto nel numero di serie e film come “massa critica” quanto nelle modalità di programmazione e nell’accompagnamento multi-mediale che si è creato “spontaneamente” in quello che Bono e Castelli già nel 1983 avevano denominato «big business all’italiana». In altre parole, nel fatto che in Italia si è verificato un“contagio” multimediale indiscriminato fra tutti i giovani dai tardi anni Settanta in poi mediante l’esposizione televisiva, editoriale e commerciale. Ciò ha permesso loro di avere un’idea del Giappone e del suo contesto culturale, mentre negli altri paesi gli anime hanno potuto far presa solo fra ristrette comunità di fan. Pensiamo alla contaminazione dei linguaggi, delle immagini, degli stili narrativi, relativi agli anime che hanno a loro modo attecchito in ogni forma di comunicazione nel nostro paese: nei fumetti, nei riferimenti nei programmi televisivi, nella lingua quotidiana, negli articoli di giornale, con omaggi nelle riviste, citazioni nelle pubblicità, o perfino, di recente, con l’ingresso, episodico ma reale, nel dibattito politico: si pensi alla menzione di Goldrake da parte del Presidente del Consiglio di fronte ai microfoni della stampa nel 2014, o ai sindacalisti che lo apostrofano proprio cantando la canzone UFO Robot...Oppure possiamo pensare alla concezione del Giappone che hanno gli appassionati (che si tratti di idee corrispondenti al vero o un po’ romanzate) e alle nozioni sui giapponesi come individui, come popolo, a prescindere da come vengono descritti generalmente dai media. Sono questi gli attuali argomenti delle mie ricerche: se e quanto la cultura degli animee dei manga, e le informazioni relative alla cultura giapponese in essi in vario modo veicolate, abbiano influenzato le società europee e se l’esposizione agli anime, ai manga e ad altri settori della cultura contemporanea giapponese abbia avuto un impatto misurabile in termini di ciò che èstato chiamato, a ragione o a torto,«soft power».
  2. ThebestAsh

    Cosa mangiate oggi?

    Ho deciso di fare questa discussione edit non aprite i primi Spoiler ma solo l'ultimo per sapere i vostri gusti e cosa mangiate Io stasera mangio ramen fatto in casa
  3. Leggi la notizia sul sito Media Create, un'azienda giapponese che raccoglie dati inerenti al settore videoludico, ha rilasciato una classifica delle vendite effettuate in Giappone tra il 19 ed il 25 dicembre 2016, vale a dire nel corso della settimana di Natale. Ecco tutte le statistiche che sono emerse! In cima alla classifica troviamo nientedimeno che Pokémon Sole e Pokémon Luna per Nintendo 3DS, che raggiungono un totale di 2.858.396 unità vendute in Giappone. Seguono Super Mario Maker e Yo-kai Watch 3: Sukiyaki, i quali contano rispettivamente 717.528 e 512.159 unità vendute dalla loro pubblicazione. Classifiche titoli (copie fisiche) in Giappone nella settimana 19-25 dicembre 2016 01. Pokémon Sun and Moon - 3DS - 279,436 02. Super Mario Maker for Nintendo 3DS - 3DS - 269,368 03. Yo-kai Watch 3: Sukiyaki - 3DS - 174,180 04. Momotaro Dentetsu 2017: Tachiagare Nippon!! - 3DS - 132,875 05. Minecraft: PS Vita Edition - PS Vita - 51,723 06. Miitopia - 3DS - 47,688 07. Final Fantasy XV - PS4 - 39,438 08. Minecraft: Wii U Edition - Wii U - 32,213 09. Yakuza 6: The Song of Life- PS4 -29,917 10. Sumikko Gurashi Mura o Tsukurundesu - 3DS - 25,442 Per quanto riguarda le console, a primeggiare sono Nintendo 3DS - con 176.562 unità vendute - e PlayStation 4, che superano entrambe gli incassi di Natale 2015. PlayStation 4 Pro, invece, si rivela meno gettonata di PlayStation 4, vendendo "sole" 10.000 unità contro le 90.000 totalizzate della versione base. Nintendo 3DS supera quindi i 22 milioni di pezzi venduti in Giappone fino ad ora (ricordiamo che per "Nintendo 3DS" si intende la linea composta da Nintendo 3DS, Nintendo New 3DS, Nintendo New 3DS XL e Nintendo 2DS). La situazione non è altrettanto buona per le console fisse, di cui il primo gioco in classifica, Yakuza 6 (PS4), è in ottava posizione. Wii U non riesce a distinguersi, vendendo sole 8,348 unità. Classifiche hardware in Giappone nella settimana 19-25 dicembre 2016 01. New Nintendo 3DS XL - 111.513 02. PlayStation 4 - 90.140 03. PlayStation Vita - 57.170 04. Nintendo 2DS - 51.077 05. New Nintendo 3DS - 13.694 06. PlayStation 4 Pro - 10.098 07. Wii U - 8.348 08. PlayStation 3 - 1.234 09. Xbox One - 830 10. Nintendo 3DS - 169 Cosa ne pensate di questi risultati? Ritenete che Nintendo Switch, ormai prossima al rilascio, avrà un esito positivo sul mercato della grande N? Fatecelo sapere nei commenti!
  4. Leggi la notizia sul sito La settimana scorsa il Nintendo 3DS ha venduto in Giappone ben 133,478 console, portando il totale dei suoi acquisti nel Sol levante a 21.913.661 unità e battendo così i record di PlayStation 2, che ad oggi ha venduto 21.833.216 pezzi nella sua terra d'origine. I giocatori nipponici sembrano dunque molto orientati verso console portatili quali Nintendo 3DS. Ricordiamo che a livello mondiale è PlayStation 2 a detenere il record di copie vendute: si parla di 155 milioni di unità contro le "sole" 61.57 di Nintendo 3DS. Chissà che Nintendo Switch, in uscita questa primavera, non riesca a far primeggiare l'azienda di Kyoto anche in Occidente!

×
×
  • Crea...

Importanti informazioni

Per usare il nostro forum è necessario accettare i nostri Termini di utilizzo, la nostra Privacy Policy, il nostro Regolamento ed essere a conoscenza che per rendere la navigazione migliore utilizziamo i cookie sul tuo dispositivo. Puoi modificare le impostazioni cookie oppure accettare per accettarle.