Bambole Natale 2017
Andry

[Discussione] LGBT

1115 messaggi in questa discussione

ma per me facciono quel che gli pare, basta che non censurino cose, perchè si sentano offesi o cavolate varie (purtroppo devo comunque specificare che non tutti si comportano al medisimo modo, sebbene quelli almeno dei media più mainstream sono classificati del tipo)

MA il sesso non è una cosa, immateriale, che si possa decidere, il sesso è quello e non si può cambiare, le differenze sono ovunque, non unicamente nei genitali, e ormoni vari, ma vi sono un immonde di differenze fisiche tra i due sessi, tra cui lo stesso cervello;

comunque continuo a non capire dove vi sia tutta questa questione sui sessi/orientamento sesssule mah

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
20 ore fa, Xenoyr ha scritto:

ma per me facciono quel che gli pare, basta che non censurino cose, perchè si sentano offesi o cavolate varie (purtroppo devo comunque specificare che non tutti si comportano al medisimo modo, sebbene quelli almeno dei media più mainstream sono classificati del tipo)

MA il sesso non è una cosa, immateriale, che si possa decidere, il sesso è quello e non si può cambiare, le differenze sono ovunque, non unicamente nei genitali, e ormoni vari, ma vi sono un immonde di differenze fisiche tra i due sessi, tra cui lo stesso cervello;

comunque continuo a non capire dove vi sia tutta questa questione sui sessi/orientamento sesssule mah

 

Infatti per non fare confusione si deve sempre distinguere tra sesso (fattore biologico. Maschio - Femmina), genere (fattore psicologico. Uomo - Donna) e la sessualità (Eterosessuale, Omosessuale, ecc.). Purtroppo spesso questa cosa viene fraintesa in maniera assurda. :th_sisi:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)
5 ore fa, K.L.Y. ha scritto:

Infatti per non fare confusione si deve sempre distinguere tra sesso (fattore biologico. Maschio - Femmina), genere (fattore psicologico. Uomo - Donna) e la sessualità (Eterosessuale, Omosessuale, ecc.). Purtroppo spesso questa cosa viene fraintesa in maniera assurda. :th_sisi:

il fattore psicologico del genere ≠ genere biologico è una cavolata, mi spiego meglio:

anche se prendi un bambino e lo cresci come se fosse una ragazza, non tenderà ad avere comportamenti femminili, tenderà comunque ad avere comprotamenti maschili (basti vedere la storia di David Reimer, tanto perchè è mainstream, ed è anche la causa principale del "movimento" del "genere è una struttura sociale")

 

 

mentre la sessualità non l'ho citata, il mio discorso era principalmente riferito ai transgender e cavolate varie (dico cavolate, perchè non importa se ti fai aggiungere del seno o ti fai di ormoni, il tuo genere è quello, e non lo puoi cambiare, perchè non sono soltanto le differenze fisichè più "esterne" che rendono i generi diversi; ma ciò non toglie, che siano liberi di fare le loro scelte, a condizione che non cerchino di censurare determinate cose, unicamente perchè si sentono offesi dai fatti [o almeno alcune sottocategorie, devo sempre specificare -.-])

 

comunque per la sessualità, non mi importa con chi si accoppiano.. ma mi chiedo come mai vi siano ancora tutte queste polemiche nei gusti altrui (in senso retorico)

Modificato da Xenoyr

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
On 12/7/2017 at 00:34, Xenoyr ha scritto:

il fattore psicologico del genere ≠ genere biologico è una cavolata, mi spiego meglio:

anche se prendi un bambino e lo cresci come se fosse una ragazza, non tenderà ad avere comportamenti femminili, tenderà comunque ad avere comprotamenti maschili (basti vedere la storia di David Reimer, tanto perchè è mainstream, ed è anche la causa principale del "movimento" del "genere è una struttura sociale")

 

 

mentre la sessualità non l'ho citata, il mio discorso era principalmente riferito ai transgender e cavolate varie (dico cavolate, perchè non importa se ti fai aggiungere del seno o ti fai di ormoni, il tuo genere è quello, e non lo puoi cambiare, perchè non sono soltanto le differenze fisichè più "esterne" che rendono i generi diversi; ma ciò non toglie, che siano liberi di fare le loro scelte, a condizione che non cerchino di censurare determinate cose, unicamente perchè si sentono offesi dai fatti [o almeno alcune sottocategorie, devo sempre specificare -.-])

 

comunque per la sessualità, non mi importa con chi si accoppiano.. ma mi chiedo come mai vi siano ancora tutte queste polemiche nei gusti altrui (in senso retorico)

Non prendere male la mia obiezione (ti assicuro che non è mia intenzione offenderti, e mi scuso in anticipo se ti sembra che lo stia facendo), ma seriamente, le opinioni non contano molto quando si parla di fatti. Sei liberissimo di pensare che la Terra sia piatta, ma non puoi pretendere che gli altri ti prendano sul serio solo perché "secondo te" la Terra è piatta, quando la scienza sostiene che non lo è... Se perfino psicologi e altri esperti dicono che il genere in alcuni casi può essere diverso dal sesso biologico, dovrebbe essere una cavolata solo perché lo dici tu? Che studi hai fatto, e quante persone transgender hai conosciuto, per ritenerti abbastanza esperto da poter sostenere che sia una cavolata? Prova a riflettere su questo.

Le differenze tra maschi e femmine non sono nemmeno tanto enormi come molte persone sembrano pensare. Nella maggior parte dei casi ci sono chiare differenze fisiche, ma non sempre, e le differenze psicologiche e comportamentali sono dovute principalmente alla differenza di trattamento da parte della società. Inoltre il tuo discorso non tiene conto dell'esistenza delle persone intersessuali (parliamo dell'1% della popolazione, mica casi rarissimi), che hanno caratteristiche anatomiche che rendono difficile stabilire il sesso biologico (ad esempio, una persona con cromosomi XY ma aspetto fisico femminile dovuto a un'insensibilità agli androgeni, secondo te dovrebbe essere considerata un maschio o una femmina?). Ti consiglio di informarti sull'argomento, è molto interessante! :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)

Non ha molto senso parlare di comportamenti maschili e femminili. Sia perchè l'espressione di genere e l'identità di genere non coincidono, sia perché la maggior parte delle differenze compormentali tra maschi e femmine semplicemente non esistono. O meglio ci sono sicuramente delle differenze, ma sono molto meno rispetto a quelle che la gente assoda per vere. Per esempio l'idea che il rosa sia da donne è una boiata colossale eppure la gente ci crede. 

 

 

Per esempio pensiamo a quelle povere ragazze che vengono additate come "pazze" solo per aver "osato" tagliarsi i capelli. 

Modificato da Sonic98

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)
10 ore fa, Sonic98 ha scritto:

Non ha molto senso parlare di comportamenti maschili e femminili. Sia perchè l'espressione di genere e l'identità di genere non coincidono, sia perché la maggior parte delle differenze compormentali tra maschi e femmine semplicemente non esistono. O meglio ci sono sicuramente delle differenze, ma sono molto meno rispetto a quelle che la gente assoda per vere. Per esempio l'idea che il rosa sia da donne è una boiata colossale eppure la gente ci crede. 

 

 

Per esempio pensiamo a quelle povere ragazze che vengono additate come "pazze" solo per aver "osato" tagliarsi i capelli. 

 

Concordo, è una cosa che mi ha sempre dato fastidio. La femminilità, il comportarsi da "signorine" perché se osi dire una parolaccia mamma mia, sei una scaricatrice di porto, un maschiaccio. Ognuno si comporta come gli viene. Tipo a me non piacciono le gonne, i capelli lunghi mi sta a fatica tenerli perché richiedono troppe cure, e mi piacciono i capelli corti (se poi mi stanno male amen, piacciono a me e insisto sempre quando sento delle lamentele); sparo parolacce e pur avendo 25 anni quando gli altri le dicono si scusano per la volgarità. Perché?? Perché sono una femmina? Ma dai! Sono tutte cose superflue.

Modificato da Giuls92
Ripetizione tolta

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
20 ore fa, Akisame ha scritto:

Non prendere male la mia obiezione (ti assicuro che non è mia intenzione offenderti, e mi scuso in anticipo se ti sembra che lo stia facendo), ma seriamente, le opinioni non contano molto quando si parla di fatti. Sei liberissimo di pensare che la Terra sia piatta, ma non puoi pretendere che gli altri ti prendano sul serio solo perché "secondo te" la Terra è piatta, quando la scienza sostiene che non lo è... Se perfino psicologi e altri esperti dicono che il genere in alcuni casi può essere diverso dal sesso biologico, dovrebbe essere una cavolata solo perché lo dici tu? Che studi hai fatto, e quante persone transgender hai conosciuto, per ritenerti abbastanza esperto da poter sostenere che sia una cavolata? Prova a riflettere su questo.

studio psicologia :magikarp_jump: tu invece? oltre ai stupidi giornaletti/telegiornali? hai fatto qualche "studio"?

Ho citato già un nome, il resto vien da sè: David Reimer (si è la wiki, ma aiuta a farsi "un idea" generale sul fatto), la teoria transgender si è originata da là, sebbene dopo "poco" si è rivelata un fiasco, ma comunque stranamente (retorico) questa teoria si è diffusa,

 

Comunque gli "esperti" non sono una mente unica lol, inoltre stranamente gli esperti in questi articoli non hanno quasi mai un nome o sono soggetti alquanto "discutibili"

 

Ne conosco diverse, ma il pensare di essere un vampiro, non fa di te un vampiro.

Mentre per i soggetti che possieggono caratteristiche femminili, principalmente sono mutazioni genetiche o malformazioni/o altre anomalie, quali gli ermafroditi (spero di non sbagliare termine lo confondo sempre con un qualcosa di esotico -.-) o la sindrome di turner (assenza del secondo cromosoma , nei soggetti femminili, ciò spesso impedisce lo sviluppo degli organi riproduttivi femminili, o la non presenza del seno), 

20 ore fa, Akisame ha scritto:

Non prendere male la mia obiezione (ti assicuro che non è mia intenzione offenderti, e mi scuso in anticipo se ti sembra che lo stia facendo), ma seriamente, le opinioni non contano molto quando si parla di fatti. Sei liberissimo di pensare che la Terra sia piatta, ma non puoi pretendere che gli altri ti prendano sul serio solo perché "secondo te" la Terra è piatta, quando la scienza sostiene che non lo è... Se perfino psicologi e altri esperti dicono che il genere in alcuni casi può essere diverso dal sesso biologico, dovrebbe essere una cavolata solo perché lo dici tu? Che studi hai fatto, e quante persone transgender hai conosciuto, per ritenerti abbastanza esperto da poter sostenere che sia una cavolata? Prova a riflettere su questo.

Le differenze tra maschi e femmine non sono nemmeno tanto enormi come molte persone sembrano pensare. Nella maggior parte dei casi ci sono chiare differenze fisiche, ma non sempre, e le differenze psicologiche e comportamentali sono dovute principalmente alla differenza di trattamento da parte della società. Inoltre il tuo discorso non tiene conto dell'esistenza delle persone intersessuali (parliamo dell'1% della popolazione, mica casi rarissimi), che hanno caratteristiche anatomiche che rendono difficile stabilire il sesso biologico (ad esempio, una persona con cromosomi XY ma aspetto fisico femminile dovuto a un'insensibilità agli androgeni, secondo te dovrebbe essere considerata un maschio o una femmina?). Ti consiglio di informarti sull'argomento, è molto interessante! :)

ricito, perchè per qualche strano motivo succedono sempre casini con le citazioni

seconda parte:

 

"Le differenze tra maschi e femmine non sono nemmeno tanto enormi"

ma scherzi? non voglio stare qui ad elencarti cose che nè tantomeno leggerai, perciò ti cito direttamente alcune fonti:

Spoiler

It’s no secret that boys and girls are different—very different. The differences between genders, however, extend beyond what the eye can see. Research reveals major distinguishers between male and female brains.

Scientists generally study four primary areas of difference in male and female brains: processing, chemistry, structure, and activity. The differences between male and female brains in these areas show up all over the world, but scientists also have discovered exceptions to every so-called gender rule. You may know some boys who are very sensitive, immensely talkative about feelings, and just generally don’t seem to fit the “boy” way of doing things. As with all gender differences, no one way of doing things is better or worse. The differences listed below are simply generalized differences in typical brain functioning, and it is important to remember that all differences have advantages and disadvantages.

Processing

Male brains utilize nearly seven times more gray matter for activity while female brains utilize nearly ten times more white matter. What does this mean?

Gray matter areas of the brain are localized. They are information- and action-processing centers in specific splotches in a specific area of the brain. This can translate to a kind of tunnel vision when they are doing something. Once they are deeply engaged in a task or game, they may not demonstrate much sensitivity to other people or their surroundings.

White matter is the networking grid that connects the brain’s gray matter and other processing centers with one another. This profound brain-processing difference is probably one reason you may have noticed that girls tend to more quickly transition between tasks than boys do. The gray-white matter difference may explain why, in adulthood, females are great multi-taskers, while men excel in highly task-focused projects.

Chemistry

Male and female brains process the same neurochemicals but to different degrees and through gender-specific body-brain connections. Some dominant neurochemicals are serotonin, which, among other things, helps us sit still; testosterone, our sex and aggression chemical; estrogen, a female growth and reproductive chemical; and oxytocin, a bonding-relationship chemical.

In part, because of differences in processing these chemicals, males on average tend to be less inclined to sit still for as long as females and tend to be more physically impulsiveand aggressive. Additionally, males process less of the bonding chemical oxytocin than females. Overall, a major takeaway of chemistry differences is to realize that our boys at times need different strategies for stress release than our girls.

Structural Differences

A number of structural elements in the human brain differ between males and females. “Structural” refers to actual parts of the brain and the way they are built, including their size and/or mass.

Females often have a larger hippocampus, our human memory center. Females also often have a higher density of neural connections into the hippocampus. As a result, girls and women tend to input or absorb more sensorial and emotive information than males do. By “sensorial” we mean information to and from all five senses. If you note your observations over the next months of boys and girls and women and men, you will find that females tend to sense a lot more of what is going on around them throughout the day, and they retain that sensorial information more than men.

Additionally, before boys or girls are born, their brains developed with different hemispheric divisions of labor. The right and left hemispheres of the male and female brains are not set up exactly the same way. For instance, females tend to have verbal centers on both sides of the brain, while males tend to have verbal centers on only the left hemisphere. This is a significant difference. Girls tend to use more words when discussing or describing incidence, story, person, object, feeling, or place. Males not only have fewer verbal centers in general but also, often, have less connectivity between their word centers and their memories or feelings. When it comes to discussing feelings and emotions and senses together, girls tend to have an advantage, and they tend to have more interest in talking about these things.

Blood Flow and Brain Activity

While we are on the subject of emotional processing, another difference worth looking closely at is the activity difference between male and female brains. The female brain, in part thanks to far more natural blood flow throughout the brain at any given moment (more white matter processing), and because of a higher degree of blood flow in a concentrationpart of the brain called the cingulate gyrus, will often ruminate on and revisit emotional memories more than the male brain.

Males, in general, are designed a bit differently. Males tend, after reflecting more briefly on an emotive memory, to analyze it somewhat, then move onto the next task. During this process, they may also choose to change course and do something active and unrelated to feelings rather than analyze their feelings at all. Thus, observers may mistakenly believe that boys avoid feelings in comparison to girls or move to problem-solving too quickly.

These four, natural design differences listed above are just a sample of how males and females think differently. Scientists have discovered approximately 100 gender differences in the brain, and the importance of these differences cannot be overstated. Understandinggender differences from a neurological perspective not only opens the door to greater appreciation of the different genders, it also calls into question how we parent, educate, and support our children from a young age. 

 

Gregory L. Jantz, PhD is the founder of The Center • A Place of HOPE and an internationally recognized best selling author of over 26 books related to mental wellness and holistic recovery treatment. He is also co-hosting the first-ever Helping Boys Thrive Summit on May 24th to discuss how brain science influences raising and educating boys. This article features excerpts from Dr. Jantz's book Raising Boys by Design. 

 

 

Abstract

Previous studies of gender differences in emotional and behavioral expressivity have generally found few differences between male and female infants despite persistent reports by parents to the contrary. This study presents striking sex differences in infants' behavior and affect during face-to-face interactions with their mother. 81 infants (43 females and 38 males) and their mothers were videotaped in Tronick's Still-Face Paradigm at 6 and 6 1/2 months. The Still-Face Paradigm consists of three two-minute episodes: normal age-appropriate interaction, mother acting unresponsive by holding a still-face (a stressful event), and a reunion of normal interaction. The infants' behavior (e.g., gaze, self-regulatory coping behaviors, gestural and vocal signals, and withdrawal/ escape behaviors) was coded using the Infant Regulatory Scoring System and their affective expressions with the AFFEX system. The mothers' behavior (e.g., facilitative or disruptive behaviors, gaze, gestural and vocal signals) was coded with the Maternal Regulatory Scoring System and their affect with Emde's Maternal Hedonic Tone Scale. The videotapes were coded second by second and reliability was maintained at over 75% for each behavior and facial expression.^ Boys showed significantly more joy and anger, more positive vocalizations, fussiness, and crying, more gestural signals directed towards the mother, and more escape behaviors than girls. Girls were significantly more likely to show interest, to gaze at objects, and to use self-regulatory behaviors such as diverting their attention to objects and to thumbsuck than boys. Several of these sex differences were stable over time and none could be accounted for in terms of maternal behavior and affect. Finally, significant between-session stability in both sexes' behavioral and affective displays was found particularly in the first play suggesting that stress does not highlight individual differences at this age.^ These data indicate that boys are more affectively reactive and socially directed than girls, and that girls are more object oriented and use more self-regulatory behaviors than boys. Thus 6-month-old infants show gender based affective, behavioral, and self-regulatory differences that appear independent of maternal behavior and affect. ^

Subject Area

Developmental psychology

Recommended Citation

 

Weinberg, Marta Katherine, "Sex differences in 6 -month-old infants' affect and behavior: Impact on maternal caregiving" (1992). Doctoral Dissertations Available from Proquest. AAI9219513. 

 

Le fonti ci sono.

 

poi dimmi.. anche se una donna si doppa di testosterone, fa di lei un uomo? ha cambiato la sua genetica? NO.

Il genere non è una costruzione sociale(tranne le convizioni sociali, che sono una cosa differente, come il pensare che la costruzione sociale del genere sia una realtà, o più semplicemente che un uomo deve vestire in un determinato modo, e una donna in un altro modo, un altro esempio di costruzione sociale, unicamente perchè alcune differenze (come i vestiti) sono costruzioni sociali, non significa che il genere è una struttura sociale), ma è definito dalla biologia,

 

comunque tranquillo , il mio tono è abbastanza tranquillo , inoltre non dimenticare che per molto tempo, per molte persone , la terra è stata piatta, 

Per me francamente non mi interessa affatto per come la pensi o meno, la mia unica preucuppazione, è che ormai si tende a cercare di spazzare via determinate informazioni...

 

 

Concordo, è una cosa che mi ha sempre dato fastidio. La femminilità, il comportarsi da "signorine" perché se osi dire una parolaccia mamma mia, sei una scaricatrice di porto, un maschiaccio. Ognuno si comporta come gli viene. Tipo a me non piacciono le gonne, i capelli lunghi mi sta a fatica tenerli perché richiedono troppe cure, e mi piacciono i capelli corti (se poi mi stanno male amen, piacciono a me e insisto sempre quando sento delle lamentele); sparo parolacce e pur avendo 25 anni quando gli altri le dicono si scusano per la volgarità. Perché?? Perché sono una femmina? Ma dai! Sono tutte cose superflue.

 

quelle sono convizioni sociali ≠ Biologia

ripeto, unicamente perchè alcune diferenze sono convinzioni sociali, non significa che il resto lo sia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
13 ore fa, Xenoyr ha scritto:

studio psicologia :magikarp_jump: tu invece? oltre ai stupidi giornaletti/telegiornali? hai fatto qualche "studio"?

Ho citato già un nome, il resto vien da sè: David Reimer (si è la wiki, ma aiuta a farsi "un idea" generale sul fatto), la teoria transgender si è originata da là, sebbene dopo "poco" si è rivelata un fiasco, ma comunque stranamente (retorico) questa teoria si è diffusa,

 

Comunque gli "esperti" non sono una mente unica lol, inoltre stranamente gli esperti in questi articoli non hanno quasi mai un nome o sono soggetti alquanto "discutibili"

 

Ne conosco diverse, ma il pensare di essere un vampiro, non fa di te un vampiro.

Mentre per i soggetti che possieggono caratteristiche femminili, principalmente sono mutazioni genetiche o malformazioni/o altre anomalie, quali gli ermafroditi (spero di non sbagliare termine lo confondo sempre con un qualcosa di esotico -.-) o la sindrome di turner (assenza del secondo cromosoma , nei soggetti femminili, ciò spesso impedisce lo sviluppo degli organi riproduttivi femminili, o la non presenza del seno), 

ricito, perchè per qualche strano motivo succedono sempre casini con le citazioni

seconda parte:

 

"Le differenze tra maschi e femmine non sono nemmeno tanto enormi"

ma scherzi? non voglio stare qui ad elencarti cose che nè tantomeno leggerai, perciò ti cito direttamente alcune fonti:

  Nascondi contenuto

It’s no secret that boys and girls are different—very different. The differences between genders, however, extend beyond what the eye can see. Research reveals major distinguishers between male and female brains.

Scientists generally study four primary areas of difference in male and female brains: processing, chemistry, structure, and activity. The differences between male and female brains in these areas show up all over the world, but scientists also have discovered exceptions to every so-called gender rule. You may know some boys who are very sensitive, immensely talkative about feelings, and just generally don’t seem to fit the “boy” way of doing things. As with all gender differences, no one way of doing things is better or worse. The differences listed below are simply generalized differences in typical brain functioning, and it is important to remember that all differences have advantages and disadvantages.

Processing

Male brains utilize nearly seven times more gray matter for activity while female brains utilize nearly ten times more white matter. What does this mean?

Gray matter areas of the brain are localized. They are information- and action-processing centers in specific splotches in a specific area of the brain. This can translate to a kind of tunnel vision when they are doing something. Once they are deeply engaged in a task or game, they may not demonstrate much sensitivity to other people or their surroundings.

White matter is the networking grid that connects the brain’s gray matter and other processing centers with one another. This profound brain-processing difference is probably one reason you may have noticed that girls tend to more quickly transition between tasks than boys do. The gray-white matter difference may explain why, in adulthood, females are great multi-taskers, while men excel in highly task-focused projects.

Chemistry

Male and female brains process the same neurochemicals but to different degrees and through gender-specific body-brain connections. Some dominant neurochemicals are serotonin, which, among other things, helps us sit still; testosterone, our sex and aggression chemical; estrogen, a female growth and reproductive chemical; and oxytocin, a bonding-relationship chemical.

In part, because of differences in processing these chemicals, males on average tend to be less inclined to sit still for as long as females and tend to be more physically impulsiveand aggressive. Additionally, males process less of the bonding chemical oxytocin than females. Overall, a major takeaway of chemistry differences is to realize that our boys at times need different strategies for stress release than our girls.

Structural Differences

A number of structural elements in the human brain differ between males and females. “Structural” refers to actual parts of the brain and the way they are built, including their size and/or mass.

Females often have a larger hippocampus, our human memory center. Females also often have a higher density of neural connections into the hippocampus. As a result, girls and women tend to input or absorb more sensorial and emotive information than males do. By “sensorial” we mean information to and from all five senses. If you note your observations over the next months of boys and girls and women and men, you will find that females tend to sense a lot more of what is going on around them throughout the day, and they retain that sensorial information more than men.

Additionally, before boys or girls are born, their brains developed with different hemispheric divisions of labor. The right and left hemispheres of the male and female brains are not set up exactly the same way. For instance, females tend to have verbal centers on both sides of the brain, while males tend to have verbal centers on only the left hemisphere. This is a significant difference. Girls tend to use more words when discussing or describing incidence, story, person, object, feeling, or place. Males not only have fewer verbal centers in general but also, often, have less connectivity between their word centers and their memories or feelings. When it comes to discussing feelings and emotions and senses together, girls tend to have an advantage, and they tend to have more interest in talking about these things.

Blood Flow and Brain Activity

While we are on the subject of emotional processing, another difference worth looking closely at is the activity difference between male and female brains. The female brain, in part thanks to far more natural blood flow throughout the brain at any given moment (more white matter processing), and because of a higher degree of blood flow in a concentrationpart of the brain called the cingulate gyrus, will often ruminate on and revisit emotional memories more than the male brain.

Males, in general, are designed a bit differently. Males tend, after reflecting more briefly on an emotive memory, to analyze it somewhat, then move onto the next task. During this process, they may also choose to change course and do something active and unrelated to feelings rather than analyze their feelings at all. Thus, observers may mistakenly believe that boys avoid feelings in comparison to girls or move to problem-solving too quickly.

These four, natural design differences listed above are just a sample of how males and females think differently. Scientists have discovered approximately 100 gender differences in the brain, and the importance of these differences cannot be overstated. Understandinggender differences from a neurological perspective not only opens the door to greater appreciation of the different genders, it also calls into question how we parent, educate, and support our children from a young age. 

 

Gregory L. Jantz, PhD is the founder of The Center • A Place of HOPE and an internationally recognized best selling author of over 26 books related to mental wellness and holistic recovery treatment. He is also co-hosting the first-ever Helping Boys Thrive Summit on May 24th to discuss how brain science influences raising and educating boys. This article features excerpts from Dr. Jantz's book Raising Boys by Design. 

 

 

Abstract

Previous studies of gender differences in emotional and behavioral expressivity have generally found few differences between male and female infants despite persistent reports by parents to the contrary. This study presents striking sex differences in infants' behavior and affect during face-to-face interactions with their mother. 81 infants (43 females and 38 males) and their mothers were videotaped in Tronick's Still-Face Paradigm at 6 and 6 1/2 months. The Still-Face Paradigm consists of three two-minute episodes: normal age-appropriate interaction, mother acting unresponsive by holding a still-face (a stressful event), and a reunion of normal interaction. The infants' behavior (e.g., gaze, self-regulatory coping behaviors, gestural and vocal signals, and withdrawal/ escape behaviors) was coded using the Infant Regulatory Scoring System and their affective expressions with the AFFEX system. The mothers' behavior (e.g., facilitative or disruptive behaviors, gaze, gestural and vocal signals) was coded with the Maternal Regulatory Scoring System and their affect with Emde's Maternal Hedonic Tone Scale. The videotapes were coded second by second and reliability was maintained at over 75% for each behavior and facial expression.^ Boys showed significantly more joy and anger, more positive vocalizations, fussiness, and crying, more gestural signals directed towards the mother, and more escape behaviors than girls. Girls were significantly more likely to show interest, to gaze at objects, and to use self-regulatory behaviors such as diverting their attention to objects and to thumbsuck than boys. Several of these sex differences were stable over time and none could be accounted for in terms of maternal behavior and affect. Finally, significant between-session stability in both sexes' behavioral and affective displays was found particularly in the first play suggesting that stress does not highlight individual differences at this age.^ These data indicate that boys are more affectively reactive and socially directed than girls, and that girls are more object oriented and use more self-regulatory behaviors than boys. Thus 6-month-old infants show gender based affective, behavioral, and self-regulatory differences that appear independent of maternal behavior and affect. ^

Subject Area

Developmental psychology

Recommended Citation

 

Weinberg, Marta Katherine, "Sex differences in 6 -month-old infants' affect and behavior: Impact on maternal caregiving" (1992). Doctoral Dissertations Available from Proquest. AAI9219513. 

 

Le fonti ci sono.

 

poi dimmi.. anche se una donna si doppa di testosterone, fa di lei un uomo? ha cambiato la sua genetica? NO.

Il genere non è una costruzione sociale(tranne le convizioni sociali, che sono una cosa differente, come il pensare che la costruzione sociale del genere sia una realtà, o più semplicemente che un uomo deve vestire in un determinato modo, e una donna in un altro modo, un altro esempio di costruzione sociale, unicamente perchè alcune differenze (come i vestiti) sono costruzioni sociali, non significa che il genere è una struttura sociale), ma è definito dalla biologia,

 

comunque tranquillo , il mio tono è abbastanza tranquillo , inoltre non dimenticare che per molto tempo, per molte persone , la terra è stata piatta, 

Per me francamente non mi interessa affatto per come la pensi o meno, la mia unica preucuppazione, è che ormai si tende a cercare di spazzare via determinate informazioni...

 

ps: non capisco perchè i mod mi abbino censurato parte dell post (scherzo possibile flame), ma unicamente mi scazza, quando il tono della discussione l'hai alzato tu, non io

 

 

 

Concordo, è una cosa che mi ha sempre dato fastidio. La femminilità, il comportarsi da "signorine" perché se osi dire una parolaccia mamma mia, sei una scaricatrice di porto, un maschiaccio. Ognuno si comporta come gli viene. Tipo a me non piacciono le gonne, i capelli lunghi mi sta a fatica tenerli perché richiedono troppe cure, e mi piacciono i capelli corti (se poi mi stanno male amen, piacciono a me e insisto sempre quando sento delle lamentele); sparo parolacce e pur avendo 25 anni quando gli altri le dicono si scusano per la volgarità. Perché?? Perché sono una femmina? Ma dai! Sono tutte cose superflue.

 

 quelle sono convizioni sociali ≠ Biologia

ripeto, unicamente perchè alcune diferenze sono convinzioni sociali, non significa che il resto lo sia

 

 

Il punto è, sei favorevole al fatto che ci siano persone che vogliono cambiare sesso? O sei contrario? Perché?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)
13 ore fa, Xenoyr ha scritto:

/cut

 

Per forza che i mod ti censurano la roba. Ma che discorso è "Ecco perché i vaccini fanno male"? Lo leggo dal quote di LegendaryGreninja, e non mi pare giusto, oltre ad essere totalmente fuoriluogo. Io rispondevo ad un'altra persona in relazione al suo discorso. Tu che diritto hai di uscirne con questa frase veramente triste? Chiudo qua, perché non sono il tipo che scatena flame, ma tu sei sulla buona strada per crearlo con queste frecciate (e poi incolpi gli altri. Mah!). E meno male che i mod ti censurano. Ho finito. 

Modificato da Giuls92

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
14 ore fa, Xenoyr ha scritto:

studio psicologia :magikarp_jump: tu invece? oltre ai stupidi giornaletti/telegiornali? hai fatto qualche "studio"?

Ho citato già un nome, il resto vien da sè: David Reimer (si è la wiki, ma aiuta a farsi "un idea" generale sul fatto), la teoria transgender si è originata da là, sebbene dopo "poco" si è rivelata un fiasco, ma comunque stranamente (retorico) questa teoria si è diffusa,

 

Comunque gli "esperti" non sono una mente unica lol, inoltre stranamente gli esperti in questi articoli non hanno quasi mai un nome o sono soggetti alquanto "discutibili"

 

Ne conosco diverse, ma il pensare di essere un vampiro, non fa di te un vampiro.

Mentre per i soggetti che possieggono caratteristiche femminili, principalmente sono mutazioni genetiche o malformazioni/o altre anomalie, quali gli ermafroditi (spero di non sbagliare termine lo confondo sempre con un qualcosa di esotico -.-) o la sindrome di turner (assenza del secondo cromosoma , nei soggetti femminili, ciò spesso impedisce lo sviluppo degli organi riproduttivi femminili, o la non presenza del seno), 

ricito, perchè per qualche strano motivo succedono sempre casini con le citazioni

seconda parte:

 

"Le differenze tra maschi e femmine non sono nemmeno tanto enormi"

ma scherzi? non voglio stare qui ad elencarti cose che nè tantomeno leggerai, perciò ti cito direttamente alcune fonti:

  Nascondi contenuto

It’s no secret that boys and girls are different—very different. The differences between genders, however, extend beyond what the eye can see. Research reveals major distinguishers between male and female brains.

Scientists generally study four primary areas of difference in male and female brains: processing, chemistry, structure, and activity. The differences between male and female brains in these areas show up all over the world, but scientists also have discovered exceptions to every so-called gender rule. You may know some boys who are very sensitive, immensely talkative about feelings, and just generally don’t seem to fit the “boy” way of doing things. As with all gender differences, no one way of doing things is better or worse. The differences listed below are simply generalized differences in typical brain functioning, and it is important to remember that all differences have advantages and disadvantages.

Processing

Male brains utilize nearly seven times more gray matter for activity while female brains utilize nearly ten times more white matter. What does this mean?

Gray matter areas of the brain are localized. They are information- and action-processing centers in specific splotches in a specific area of the brain. This can translate to a kind of tunnel vision when they are doing something. Once they are deeply engaged in a task or game, they may not demonstrate much sensitivity to other people or their surroundings.

White matter is the networking grid that connects the brain’s gray matter and other processing centers with one another. This profound brain-processing difference is probably one reason you may have noticed that girls tend to more quickly transition between tasks than boys do. The gray-white matter difference may explain why, in adulthood, females are great multi-taskers, while men excel in highly task-focused projects.

Chemistry

Male and female brains process the same neurochemicals but to different degrees and through gender-specific body-brain connections. Some dominant neurochemicals are serotonin, which, among other things, helps us sit still; testosterone, our sex and aggression chemical; estrogen, a female growth and reproductive chemical; and oxytocin, a bonding-relationship chemical.

In part, because of differences in processing these chemicals, males on average tend to be less inclined to sit still for as long as females and tend to be more physically impulsiveand aggressive. Additionally, males process less of the bonding chemical oxytocin than females. Overall, a major takeaway of chemistry differences is to realize that our boys at times need different strategies for stress release than our girls.

Structural Differences

A number of structural elements in the human brain differ between males and females. “Structural” refers to actual parts of the brain and the way they are built, including their size and/or mass.

Females often have a larger hippocampus, our human memory center. Females also often have a higher density of neural connections into the hippocampus. As a result, girls and women tend to input or absorb more sensorial and emotive information than males do. By “sensorial” we mean information to and from all five senses. If you note your observations over the next months of boys and girls and women and men, you will find that females tend to sense a lot more of what is going on around them throughout the day, and they retain that sensorial information more than men.

Additionally, before boys or girls are born, their brains developed with different hemispheric divisions of labor. The right and left hemispheres of the male and female brains are not set up exactly the same way. For instance, females tend to have verbal centers on both sides of the brain, while males tend to have verbal centers on only the left hemisphere. This is a significant difference. Girls tend to use more words when discussing or describing incidence, story, person, object, feeling, or place. Males not only have fewer verbal centers in general but also, often, have less connectivity between their word centers and their memories or feelings. When it comes to discussing feelings and emotions and senses together, girls tend to have an advantage, and they tend to have more interest in talking about these things.

Blood Flow and Brain Activity

While we are on the subject of emotional processing, another difference worth looking closely at is the activity difference between male and female brains. The female brain, in part thanks to far more natural blood flow throughout the brain at any given moment (more white matter processing), and because of a higher degree of blood flow in a concentrationpart of the brain called the cingulate gyrus, will often ruminate on and revisit emotional memories more than the male brain.

Males, in general, are designed a bit differently. Males tend, after reflecting more briefly on an emotive memory, to analyze it somewhat, then move onto the next task. During this process, they may also choose to change course and do something active and unrelated to feelings rather than analyze their feelings at all. Thus, observers may mistakenly believe that boys avoid feelings in comparison to girls or move to problem-solving too quickly.

These four, natural design differences listed above are just a sample of how males and females think differently. Scientists have discovered approximately 100 gender differences in the brain, and the importance of these differences cannot be overstated. Understandinggender differences from a neurological perspective not only opens the door to greater appreciation of the different genders, it also calls into question how we parent, educate, and support our children from a young age. 

 

Gregory L. Jantz, PhD is the founder of The Center • A Place of HOPE and an internationally recognized best selling author of over 26 books related to mental wellness and holistic recovery treatment. He is also co-hosting the first-ever Helping Boys Thrive Summit on May 24th to discuss how brain science influences raising and educating boys. This article features excerpts from Dr. Jantz's book Raising Boys by Design. 

 

 

Abstract

Previous studies of gender differences in emotional and behavioral expressivity have generally found few differences between male and female infants despite persistent reports by parents to the contrary. This study presents striking sex differences in infants' behavior and affect during face-to-face interactions with their mother. 81 infants (43 females and 38 males) and their mothers were videotaped in Tronick's Still-Face Paradigm at 6 and 6 1/2 months. The Still-Face Paradigm consists of three two-minute episodes: normal age-appropriate interaction, mother acting unresponsive by holding a still-face (a stressful event), and a reunion of normal interaction. The infants' behavior (e.g., gaze, self-regulatory coping behaviors, gestural and vocal signals, and withdrawal/ escape behaviors) was coded using the Infant Regulatory Scoring System and their affective expressions with the AFFEX system. The mothers' behavior (e.g., facilitative or disruptive behaviors, gaze, gestural and vocal signals) was coded with the Maternal Regulatory Scoring System and their affect with Emde's Maternal Hedonic Tone Scale. The videotapes were coded second by second and reliability was maintained at over 75% for each behavior and facial expression.^ Boys showed significantly more joy and anger, more positive vocalizations, fussiness, and crying, more gestural signals directed towards the mother, and more escape behaviors than girls. Girls were significantly more likely to show interest, to gaze at objects, and to use self-regulatory behaviors such as diverting their attention to objects and to thumbsuck than boys. Several of these sex differences were stable over time and none could be accounted for in terms of maternal behavior and affect. Finally, significant between-session stability in both sexes' behavioral and affective displays was found particularly in the first play suggesting that stress does not highlight individual differences at this age.^ These data indicate that boys are more affectively reactive and socially directed than girls, and that girls are more object oriented and use more self-regulatory behaviors than boys. Thus 6-month-old infants show gender based affective, behavioral, and self-regulatory differences that appear independent of maternal behavior and affect. ^

Subject Area

Developmental psychology

Recommended Citation

 

Weinberg, Marta Katherine, "Sex differences in 6 -month-old infants' affect and behavior: Impact on maternal caregiving" (1992). Doctoral Dissertations Available from Proquest. AAI9219513. 

 

Le fonti ci sono.

 

poi dimmi.. anche se una donna si doppa di testosterone, fa di lei un uomo? ha cambiato la sua genetica? NO.

Il genere non è una costruzione sociale(tranne le convizioni sociali, che sono una cosa differente, come il pensare che la costruzione sociale del genere sia una realtà, o più semplicemente che un uomo deve vestire in un determinato modo, e una donna in un altro modo, un altro esempio di costruzione sociale, unicamente perchè alcune differenze (come i vestiti) sono costruzioni sociali, non significa che il genere è una struttura sociale), ma è definito dalla biologia,

 

comunque tranquillo , il mio tono è abbastanza tranquillo , inoltre non dimenticare che per molto tempo, per molte persone , la terra è stata piatta, 

Per me francamente non mi interessa affatto per come la pensi o meno, la mia unica preucuppazione, è che ormai si tende a cercare di spazzare via determinate informazioni...

 

 

Concordo, è una cosa che mi ha sempre dato fastidio. La femminilità, il comportarsi da "signorine" perché se osi dire una parolaccia mamma mia, sei una scaricatrice di porto, un maschiaccio. Ognuno si comporta come gli viene. Tipo a me non piacciono le gonne, i capelli lunghi mi sta a fatica tenerli perché richiedono troppe cure, e mi piacciono i capelli corti (se poi mi stanno male amen, piacciono a me e insisto sempre quando sento delle lamentele); sparo parolacce e pur avendo 25 anni quando gli altri le dicono si scusano per la volgarità. Perché?? Perché sono una femmina? Ma dai! Sono tutte cose superflue.

 

quelle sono convizioni sociali ≠ Biologia

ripeto, unicamente perchè alcune diferenze sono convinzioni sociali, non significa che il resto lo sia

Grazie per le citazioni, è sempre costruttivo discutere con dei fatti concreti alla mano! :) Ma passiamo alla risposta.

Non so cosa tu voglia dimostrare citando David Reimer, perché con lui non stiamo parlando di transgender. Le persone transgender si identificano con un genere differente dal sesso con cui sono nati, mentre David Reimer è nato maschio e si identificava come maschio. Semmai la sua storia dovrebbe provare che non è possibile cambiare forzatamente l'identità di genere di una persona, anche partendo da un'età molto giovane. E questo vale sia per le persone cisgender che per quelle transgender.

È ovvio che "gli esperti" non sono una mente unica, ma se la stragrande maggioranza di loro sostiene una certa cosa e ne dimostra la veridicità svolgendo svariati studi, è così improbabile che sia vera? XD E questi esperti hanno un nome eccome, se vuoi un esempio dai un'occhiata alla lista di fonti in fondo a questa voce di Wikipedia. Non possono essere tutte fonti "discutibili", no? :)

Gli umani NON possono essere vampiri, quindi pensare di essere un vampiro non fa di te un vampiro, ovvio. XD Ma gli umani possono essere uomini e possono essere donne, quindi perché un umano nato con le caratteristiche fisiche di una donna non potrebbe sentirsi un uomo, e comportarsi come un uomo, e avere il cervello sviluppato in un modo più simile alla media maschile che a quella femminile?

È verissimo che l'intersessualità è quasi sempre dovuta ad anomalie genetiche o fisiologiche, ma ciò non significa che le persone intersessuali non siano a tutti gli effetti esseri umani che esistono e hanno diritto a vivere una vita come tutti gli altri, no? :)

E come dice il testo che hai citato, è vero che di solito ci sono differenze tra il cervello maschile e quello femminile, ma queste sono differenze relative a una media, che non si verificano nel 100% dei casi. E non sono dovute solo a fattori ormonali o genetici, ma anche a fattori ambientali. Se la nostra società invita i bambini a giocare con certi tipi di giochi e le bambine con altri, naturalmente svilupperanno capacità diverse a seconda delle aree del cervello più stimolate. Ma ci sono sempre eccezioni.

Per rispondere alla tua domanda, dipende dal caso. Una donna che si identifica come donna non prenderebbe del testosterone, e anche se fosse costretta a farlo resterebbe sempre una donna, perché le differenze che svilupperà saranno prevalentemente fisiche, mentre il suo cervello (e quindi il suo modo di vedere se stessa) resterà più o meno lo stesso. Mentre una donna che si identifica come uomo (che quindi in teoria non sarebbe una donna, ma vabbe') assume testosterone... beh, probabilmente dopo qualche mese/anno a nessuno passerà nemmeno per la testa che fosse una donna, a meno che non si abbassi le mutande. XD

Per molto tempo si è creduto che la Terra fosse piatta, ma poi la scienza è andata avanti e gli esseri umani si sono resi conto che le cose non stanno come pensavano. Molte cose sono ritenute inaccettabili nel periodo storico in cui vengono scoperte, perché la gente ha sempre difficoltà ad accettare di essersi sbagliata e cambiare idea. Per questo io cerco sempre di informarmi il più possibile, leggendo tutti gli studi concreti che riesco a trovare, prima di passare a una conclusione su qualunque tema.

Spero che la discussione possa continuare in tono tranquillo, mi piacerebbe sinceramente sapere le ragioni per cui la pensi a questo modo! :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
On ‎07‎/‎12‎/‎2017 at 00:34, Xenoyr ha scritto:

il fattore psicologico del genere ≠ genere biologico è una cavolata, mi spiego meglio:

anche se prendi un bambino e lo cresci come se fosse una ragazza, non tenderà ad avere comportamenti femminili, tenderà comunque ad avere comprotamenti maschili (basti vedere la storia di David Reimer, tanto perchè è mainstream, ed è anche la causa principale del "movimento" del "genere è una struttura sociale")

 

 

mentre la sessualità non l'ho citata, il mio discorso era principalmente riferito ai transgender e cavolate varie (dico cavolate, perchè non importa se ti fai aggiungere del seno o ti fai di ormoni, il tuo genere è quello, e non lo puoi cambiare, perchè non sono soltanto le differenze fisichè più "esterne" che rendono i generi diversi; ma ciò non toglie, che siano liberi di fare le loro scelte, a condizione che non cerchino di censurare determinate cose, unicamente perchè si sentono offesi dai fatti [o almeno alcune sottocategorie, devo sempre specificare -.-])

 

comunque per la sessualità, non mi importa con chi si accoppiano.. ma mi chiedo come mai vi siano ancora tutte queste polemiche nei gusti altrui (in senso retorico)

 

Secondo me non è una cavolata e proverò ad argomentare un minimo (con animo pacato) facendo riferimento alle mie modestissime conoscenze, senza andare a pescare informazioni chissà dove (ho tenuto un semplice corso di psicologia generale e uno di psicologia clinica in università). :) Premessa: ritengo questi argomenti abbastanza particolari. A volte mi chiedo se questo tipo di forum è il posto più indicato per andare a sviscerare argomenti tanto complessi. Potrebbe anche esserlo, ma forse dovremmo prenderli con un pizzico di leggerezza in più.

Dunque. Probabilmente è vero che un bambino cresciuto come una ragazza magari non acquisirà comportamenti femminili, ma nel caso dei transgender parliamo di qualità innate e non acquisite. Una persona transessuale vive un conflitto interno rappresentato dalla non coincidenza tra il suo sesso biologico e la sua percezione di sé. Ciò determina una vera e propria "sofferenza" di genere. Non si tratta semplicemente di un problema estetico o comportamentale (comportamento = azioni osservabili e valutabili), ma qualcosa di maggiore che comprende ciò che c'è di più interno in una persona, la sua psiche e la sua percezione di sé. La percezione di sé risponde alla domanda "come mi sento/chi mi sento?". Esempio: se io non mi sento felice, evidentemente non lo sono. Se io mi sento male, c'è qualcosa nella mia salute che non va. Se io mi sento appartenere (anche il concetto di appartenenza a un gruppo è importante) al sesso opposto al mio, non c'è storia che tiene, appartengo a quel sesso! Tutto questo sottolineando che non c'è stato nessun cambiamento interiore, perché con la percezione di essere tutt'altro ci si nasce. Cosa voglio dire? Che, ad esempio, una persona transgender biologicamente nata uomo non si sarà mai sentita tale in vita sua.. fin dalla nascita si è sentita donna, si vede tale e vuole essere tale anche esteriormente.  Quindi, riassumendo, biologicamente puoi nascere x ma se la tua percezione dice che sei y, crescerai come se tu fossi veramente y. Ovvio, l'encefalo è "preimpostato" con il genere originale, ma secondo me andrebbe immaginato come un "supercomputer" inizialmente con l'hard disk vuoto che man mano si arricchisce di informazioni sensoriali e percettive di nuovo tipo. Perciò la struttura di base resta tale, ma il contenuto può variare senza alcuna ripercussione (questa è una mia ipotesi). L'aggiunta di seno o la terapia ormonale li vedo invece soltanto un contorno, come un qualcosa che serve ad aiutare la persona a vedersi meglio in quel corpo che non sente suo. Ci tengo a precisare che queste righe quassù sono solo mie personalissime applicazioni di ciò che mi hanno insegnato alla realtà. E' chiaro che ognuno applica le proprie conoscenze ai fatti in maniera diversa. Il bello sta appunto nello scambio di idee che ne viene fuori.. si imparano sempre tante cose nuove! ^^ 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

a  favore 

gente amatevi senza farvi troppi  problemi  su  chi amate

l'amore è amore,non è  controllato da cose come il sesso  di una persona ma da cose  come  la  personalità  e le qualità di quella persona

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Devo dire che ne sono cambiate di cose in un anno.

Ho conosciuto due di loro, e, sì, li ho chiamati "loro" apposta per vedere se c'è qualche buonista che si altera.

Ora sono favorevole.

Un modo di vedere il mondo diverso dal mio, non lo capisco, ma lo rispetto.

Quello che ancora non sopporto é il già citato buonismo che, nonostante cerchi di fare il contrario, li fa sembrare alieni perfetti che qualunque cosa facciano sono nel giusto, quando in realtà sono persone qualunque che quindi possono essere giuste o egoiste.

Una cosa però non é cambiata l'anno scorso (anche se ora la penso in termini differenti), ovvero quelli che a tutti i costi vogliono far capire al mondo, anche a chi li ha appena conosciuti, che hanno gusti differenti.

Cioè, io quando mi presento dico il mio nome, non "ehi, ciao ho una ragazza", idem dovrebbero fare loro, prima viene la persona e poi i suoi gusti, non il contrario.

Non é forse questo il messaggio che chi li sostiene (e anche io in questo momento) vuole dare?!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
22 ore fa, Lucario ha scritto:

Devo dire che ne sono cambiate di cose in un anno.

Ho conosciuto due di loro, e, sì, li ho chiamati "loro" apposta per vedere se c'è qualche buonista che si altera.

Ora sono favorevole.

[...]

 

Posso chiederti cosa è cambiato nella tua visione? E poi, dopo aver conosciuto "due di loro", cosa di questa conoscenza ha permesso che tu cambiassi idea? Spero tu possa rispondere a queste mie curiosità :) .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
20 ore fa, Donnerblitz ha scritto:

 

Posso chiederti cosa è cambiato nella tua visione? E poi, dopo aver conosciuto "due di loro", cosa di questa conoscenza ha permesso che tu cambiassi idea? Spero tu possa rispondere a queste mie curiosità :) .

Semplicemente, per quanto uno di loro due mi stesse antipatico, li ho conosciuti come persone normali e poi ho scoperto che lo fossero, quindi ho pensato che fosse sbagliato avere dei pregiudizi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Crea un account o accedi per commentare

E' necessario essere iscritto a Pokémon Millennium per poter commentare

Crea adesso un account

Registra un nuovo account nella nostro forum. E' semplice!

Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui!

Accedi adesso


  • Utenti nella discussione   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.