Gruppo Telegram
Blazengard

Affermazioni ed opinioni: Le case videoludiche sfruttano i programmatori?

8 messaggi in questa discussione

Forse sono nella sezione sbagliata e se credete così, spostate pure

Ciao ragazzi, oggi volevo chiedervi un vostro parere, a proposto di un affermazione che mio Zio ha qualche settimana fatto... la sua affermazione era :

"Le case videoludiche sfruttano i programmatori"

 

Ecco come la penso io : 

Secondo me, non si tratta di sfruttamento, perche i programmatori informatici non sono assolutamente obbligati a programmare, nella loro vita avrebbero potuto liberamente scegliere di fare i medici o piloti di aerei... hanno scelto gli informatici e sono ovviamente consapevoli che prima o poi la loro bravura verrà notata da un azienda e che gli verrà chiesto di programmare ovviamente con un salario in cambio

 

Secondo voi, sbaglio e vengono veramente sfruttati (E spiegate costruttivamente il perché) oppure dico la cosa giusta?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Sposto in una sezione più adeguata e rinomino la discussione, per rendere più chiaro il tema principale di essa. :P

 

Secondo me i programmatori possono essere considerati sfruttati in parte, mi spiego meglio: a parere mio loro lavorano tante (ma veramente tante) ore, ma ciò che guadagnano è meno di quanto dovrebbero davvero guadagnare.

Forse mi sbaglio del tutto, dopotutto non ho dati in mano che mi confermino ciò, è solo una mia opinione su ciò.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)
1 ora fa, Hexial ha scritto:

Sposto in una sezione più adeguata e rinomino la discussione, per rendere più chiaro il tema principale di essa. :P

 

Secondo me i programmatori possono essere considerati sfruttati in parte, mi spiego meglio: a parere mio loro lavorano tante (ma veramente tante) ore, ma ciò che guadagnano è meno di quanto dovrebbero davvero guadagnare.

Forse mi sbaglio del tutto, dopotutto non ho dati in mano che mi confermino ciò, è solo una mia opinione su ciò.

In effetti si vengono pagati poco... ma non si tratta di totale sfruttamento. Cioè, intendo : trattarli come dei robot che devono solo fare il loro lavoro... questo intendevo con la discussione 

Modificato da Blazengard

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
21 ore fa, Blazengard ha scritto:

Forse sono nella sezione sbagliata e se credete così, spostate pure

Ciao ragazzi, oggi volevo chiedervi un vostro parere, a proposto di un affermazione che mio Zio ha qualche settimana fatto... la sua affermazione era :

"Le case videoludiche sfruttano i programmatori"

 

Ecco come la penso io : 

Secondo me, non si tratta di sfruttamento, perche i programmatori informatici non sono assolutamente obbligati a programmare, nella loro vita avrebbero potuto liberamente scegliere di fare i medici o piloti di aerei... hanno scelto gli informatici e sono ovviamente consapevoli che prima o poi la loro bravura verrà notata da un azienda e che gli verrà chiesto di programmare ovviamente con un salario in cambio

 

Secondo voi, sbaglio e vengono veramente sfruttati (E spiegate costruttivamente il perché) oppure dico la cosa giusta?

ma lo sfruttamento esiste ovunque, è inutile fare tante distinzioni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
On 16/1/2018 at 08:29, Blazengard ha scritto:

Forse sono nella sezione sbagliata e se credete così, spostate pure

Ciao ragazzi, oggi volevo chiedervi un vostro parere, a proposto di un affermazione che mio Zio ha qualche settimana fatto... la sua affermazione era :

"Le case videoludiche sfruttano i programmatori"

 

Ecco come la penso io : 

Secondo me, non si tratta di sfruttamento, perche i programmatori informatici non sono assolutamente obbligati a programmare, nella loro vita avrebbero potuto liberamente scegliere di fare i medici o piloti di aerei... hanno scelto gli informatici e sono ovviamente consapevoli che prima o poi la loro bravura verrà notata da un azienda e che gli verrà chiesto di programmare ovviamente con un salario in cambio

 

Secondo voi, sbaglio e vengono veramente sfruttati (E spiegate costruttivamente il perché) oppure dico la cosa giusta?

 

E' un lavoro come un altro, che richiede passione, tanto studio e sacrificio. Anche fare i medici o i piloti di aerei sono lavori difficili, che richiedono le dovute qualifiche. Che poi non siano pagati come dovrebbero è un altro discorso, ma non regge semmai il "non si tratta di sfruttamento, perché i programmatori non sono obbligati a programmare". Non ha senso. Se io voglio fare un lavoro che mi piace e che mi dà soddisfazione, perché devo essere pagata poco per fare degli orari di lavoro allucinanti? Tutto deve essere equilibrato, senza che i dipendenti siano sottopagati e trattati male.

Ma così come tanti altri lavoratori in altri ambiti, lo sfruttamento è ovunque.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
On 16/1/2018 at 08:29, Blazengard ha scritto:

Forse sono nella sezione sbagliata e se credete così, spostate pure

Ciao ragazzi, oggi volevo chiedervi un vostro parere, a proposto di un affermazione che mio Zio ha qualche settimana fatto... la sua affermazione era :

"Le case videoludiche sfruttano i programmatori"

 

Ecco come la penso io : 

Secondo me, non si tratta di sfruttamento, perche i programmatori informatici non sono assolutamente obbligati a programmare, nella loro vita avrebbero potuto liberamente scegliere di fare i medici o piloti di aerei... hanno scelto gli informatici e sono ovviamente consapevoli che prima o poi la loro bravura verrà notata da un azienda e che gli verrà chiesto di programmare ovviamente con un salario in cambio

 

Secondo voi, sbaglio e vengono veramente sfruttati (E spiegate costruttivamente il perché) oppure dico la cosa giusta?

Ti parlo da programmatore, anche se sfortunatamente non è ancora il mio lavoro, ma spero lo diventi presto.

Il "Perché i programmatori informatici non sono assolutamente obbligati a programmare" non ha senso. Se io vengo pagato per creare qualcosa (videogioco, sito web, applicazione, ecc...) sono ovviamente "obbligato" a farlo, in quanto devo rispettare un accordo preso con il datore di lavoro. 

 

Quello che richiede oltre allo studio (e fidati, passi ore e ore anche solo ad imparare un solo linguaggio di programmazione), è la passione e anche la creatività. Succede spesso che trovi problemi nel tuo codice e devi cercare di scoprire un metodo per risolverlo nel più breve tempo possibile. Oppure anche il cercare di creare qualcosa di nuovo da proporre, e lì ci stai anche settimane o mesi a pensarci.

 

Comunque, io penso che dipendi da azienda ad azienda e anche dal momento. Nel senso, ci sono dei momenti in alcune aziende che richiedono più lavoro perché il gioco devo uscire per una data precisa, e quindi bisogna essere sicuri che tutto funzioni.

Oppure, per farti un esempio, la 2K ha rilasciato NBA2k18 su Switch con le stesse funzionalità e caratteristiche delle versioni PS4 e xBox One. Per carità, hanno fatto un lavoro magistrale, ma la mole di lavoro richiesta è stata pazzesca. Questo perché hanno dovuto ridurre il carico di lavoro sulla console, andando a ridurre le prestazioni grafiche e anche del gioco, altrimenti la Switch non avrebbe retto, e per farlo ci vuole veramente tanto tempo, perché le console sono differenti le una dalle altre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Crea un account o accedi per commentare

E' necessario essere iscritto a Pokémon Millennium per poter commentare

Crea adesso un account

Registra un nuovo account nella nostro forum. E' semplice!

Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui!

Accedi adesso


  • Utenti nella discussione   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.