Vai al commento
Iniziative invernali 2019

Iniziative invernali 2019

NatuShiny

Lascia un commento! Quarta prova

Recommended Posts

5k0pJXl.jpg

 

Bentornati al quarto appuntamento di Lascia un commento! Stiamo entrando nella parte calda della gara e da ora in avanti dovrete dare il meglio di voi per dimostrare di essere i migliori commentatori di Pokemon Millenium! 

 

Rimanendo in tema con la prova precedente, i vostri commenti hanno rispettato in pieno le nostre aspettative. Ogni lavoro è stato ben curato, ma le tre persone che hanno guadagnato la top di quest'oggi sono:

 

 

Come avrete imparato dall'ultima volta però, il vincitore della prova può essere soltanto uno. Perciò abbiamo dovuto scegliere l'utente che a nostro avviso meritasse più di tutti la conquista del primo posto:

 

Spoiler

 

Davvero ben fatto! Con questa vittoria hai guadagnato la possibilità di modificare il tuo prossimo commento. Ciò potrà essere fatto dopo la sua pubblicazione, ma entro i termini di scadenza della prova. 

 

Purtroppo dopo le belle notizie, bisogna anche passare alle note dolenti. Essendo un contest, prima o poi si deve arrivare alle scelte più difficili, ovvero le eliminazioni. Siamo stati in bilico fino all'ultimo momento, ma con estremo dispiacere siamo arrivati alla conclusione di dover escludere questi due nomi:

 

 

Siete stati degli ottimi concorrenti, non perdete mai la voglia di scrivere e ritentate la prossima volta! 

 

Detto ciò dobbiamo per forza di cose andare avanti con la gara:

Essendo in periodo di festival musicali, abbiamo optato un tema per la quarta prova in linea con quest'atmosfera. Perciò seguendo la base di questa discussione:

 

Spoiler

 

 

 

Vi chiediamo di argomentare descrivendo il vostro rapporto con la musica a partire dagli spunti di questa discussione, immaginando come tema generale

 

"Voi e la musica: evoluzione negli anni" 

 

Avete tempo fino a giovedì 7 febbraio alle ore 23:59 per postare i lavori. Per ogni dubbio relativo alle tempistiche o allo svolgimento del contest, potrete chiedere all'interno dell'apposita discussione!  Se invece vorrete commentate le prove terminate, potrete tranquillamente farlo nel topic precedente. 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme


Una notifica: vuol dire che sono passato. Beh, in fondo ci speravo, non mi sembrava di essere andato male e in questo contest la giuria è abbastanza clemente...

I primi tre: Flamio, Mykeje, Undeadban. 

[io] ---> :magikarp_jump:

Ciò detto!

 

Questo tema appare insidioso...

Anche se non tutti, immagino che molti fan Pokèmon abbiano comprato o almeno piratato (ma speriamo di no) un album almeno una volta nella loro vita. Io non sono tra questi.

Non ho mai avuto un cantante preferito, né ho mai ascoltato vera musica, a parte un album dei Sonohra (e giusto adesso ho dovuto cercare il nome su internet per ricordare dove stesse la h) che mi passò mia sorella tanto tempo fa e qualche sparuta opening di anime -- sempre proveniente da lei, che gode del pregevole merito di avermi iniziato al mondo della musica, anche se purtroppo con me non c'era niente da fare. Infatti, per tutta la mia infanzia il mio lettore mp3 è sempre stato pieno di musiche di videogiochi.

Dalla colonna sonora di Pokèmon Colosseum ai sensazionali battle theme di Lyris in sesta generazione e Rosso/Blu in settima, includendo anche musiche di altri giochi come Promised Grace (la musica di sottofondo della Veo Lu Sluice) di Final Fantasy: Crystal Chronicles e l'overworld theme di Lorule in The Legend of Zelda: A Link between Worlds -- tutti ovviamente scaricati da Youtube ché introvabili in CD, almeno per un bambino qual ero -- , questi brani sono sempre stati la colonna sonora della mia vita.

Ricordo ancora la fatica nel trovare un sito o un browser plugin funzionante che mi permettesse di scaricare i brani che più mi avevano emozionato nelle partite, come quelli di Pokèmon Battle Revolution e Mario & Luigi: Dream Team Bros.

Adesso sono cresciuto, ma solo recentemente ho svuotato il mio lettore musicale per aggiornarlo con tracce più mature, eppure non riesco a trovare un genere che mi piaccia altrettanto; ho provato con la musica classica, la più vicina al mio precedente stile, eppure a volte -- e neanche tanto raramente -- mi capita ancora di lasciarmi andare tra i pensieri, cullato da Promised GraceLifelightMorning SkyBreak Free e tante altre che mi hanno accompagnato in una vita da videogiocatore. Che dura dall'infanzia e che mai vedrà la fine.

 

Guida alle citazioni

  • Promised Grace è il bgm (back ground music) della Veo Lu Sluice in Final Fantasy: Crystal Chronicles.
  • Lifelight è la canzone principale di World of Light in Super Smash Bros. Ultimate.
  • Morning Sky è la canzone del filmato iniziale di Final Fantasy: Crystal Chronicles, gioco di cui -- forse lo avrete capito -- amo molto la colonna sonora.
  • Break Free è la musica che fa da sottofondo alle fasi finali del gioco di Super Mario Odissey. Mi raccomando, non cercatela su internet se non volete spoiler sul gioco!

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Mi sono accostato alla musica fin da piccolo, quando ancora venivano usati i Walkman e vari lettori di cassette e cd portatili.

Purtroppo, per me, non ho passato un'infanzia serena e la musica (cosi come i videogiochi) mi ha aiutato a superare i momenti di noia dovuti alla solitudine e alla tristezza.

Ascoltavo quindi molta musica, di vario genere: dalla classica al metal, passando per pop e rap. Principalmente ascoltavo musica straniera, proveniente perlopiù dagli USA, non capendo quindi nulla di quello che i cantanti dicevano! Riuscivo però a sentire le emozioni trasparire dai testi e dalle basi, e questo mi bastava. 

Nonostante la moltitudine di brani e generi che ascoltavo, alcuni cantanti e gruppi riuscirono a fare breccia nel mio giovane cuoricino. Sto parlando dei Queen, Michael Jackson, Madonna, Prince, Cyndi Lauper, Wham! gli A-ha, AC/DC, Public Enemy...potrei continuare ancora e ancora. Menzione d'onore per Rick Astley: ho iniziato ad adorare Never Gonna Give You Up molti anni prima della nascita del Rickroll :tf:

Altri brani che ho adorato e che mi facevano sognare grazie al loro ritmo e coinvolgimento erano Take on me, I Want To Break Free, Thriller, Purple Rain, Fight the Power, True Colors, Under Pressure, Dirty Diana, La Isla Bonita e ancora altri.

Sono cresciuto con quelle che oggi (ma già da prima) sono brani universalmente conosciuti come "capolavori" e/o pietre miliari della musica. Sapere di essere cresciuto con loro mi emoziona ancora oggi e quando sento una di queste canzoni alla radio o in giro rimango imbambolato ad ascoltare, ripensando a quegli anni ormai passati, quando tutto andava male ma almeno riuscivo a trovare il sorriso ascoltando le voci di questi grandi artisti.

Ad oggi ascolto ancora i brani prodotti dagli artisti già citati, oltre a cantanti e gruppi "contemporanei" quali Beyoncè, Eminem, Lady Gaga, Sia, Anne-Marie, Tinie Tempah, Maroon 5, Imagine Dragons, oltre ad aver apprezzato molto i Panic! at the disco, Fall Out Boy e My Chemical Romance negli anni passati.

Sicuramente ho saltato qualche grande nome, ho scritto di getto senza pensarci troppo, ma posso senza ombra di dubbio affermare che la musica ha rappresentato una parte importante della mia vita, scandendola e facendo da colonna sonora in alcuni momenti di essa.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

La musica, la considero come un qualcosa di molto importante, senza la quale penso potrei anche non godermi appieno la mia vita!

Da ciò che ho scritto qui sopra potrebbe sembrare che stia un pò troppo esagerando, ma io la reputo così come ho scritto visto anche che è grazie a essa che ho superato alcuni dei periodi più bui della mia vita.

 

Quando ero piccolo non ne ero molto appassionato, mi limitavo semplicemente ad ascoltarla alla radio durante brevi viaggi in auto.

Ho imparato a conoscerla nel periodo delle medie, quando con il desiderio di riuscire a parlare con alcuni compagni che ne parlavano ho iniziato ascoltando quei cd che uscivano tempo fa in cui erano contenute tutte le hit più ascoltate del mese o della settimana. 

Ho imparato ad apprezzarla quando, a inizio superiori, un amico mi fece conoscere quello che tutt'oggi è il mio gruppo musicale preferito: i Linkin Park.

Durante gli ultimi due anni delle superiori, invece, passando alcuni momenti bui e in solitudine, imparai a sviluppare un gusto personale che andasse oltre ciò che mi suggerivano gli altri e che non comprendesse solamente il mio gruppo musicale preferito.

Imparai a conoscere diversi generi e diversi artisti...a tutt'oggi, grazie a quel periodo, posso ritenermi contento nell'aver conosciuto la musica epica e strumentale, il rock, il pop, la Techno/Trance e in parte il rap.

 

Tutt'oggi ascolto molto la musica epico-strumentale, adoro artisti come i Two Steps from the Hell o gli Audiomachine, è un genere che mi permette di portare avanti piacevolmente un paio di hobby come sono la lettura e la scrittura.

Per quanto riguarda il primo caso, la lettura, mi piace molto leggere un buon libro o studiare in compagnia di buona musica epica in grado, a volte, di immergermi ancor più nell'atmosfera del libro(leggo molto Fantasy, quindi la trovo molto azzeccata come genere) che sto leggendo o, a volte, di concentrarmi maggiormente su qualcosa che sto studiando.

Per quanto riguarda, invece, il secondo caso, la scrittura, sono solito scrivere per rilassarmi, nulla di impegnativo...punto soprattutto a scrivere piccole storielle per lo più Fantasy o di Fantascienza, la musica epico-strumentale mi aiuta molto ad entrare nel mood giusto, donandomi ispirazione e una sorta di colonna sonora di sottofondo alle vicende di cui scrivo.

 

La musica per me è un enorme tesoro che ha saputo accompagnarmi nel corso della mia crescita, aiutandomi a superare i momenti più difficili e a godermi maggiormente i momenti più belli o felici, mi ha aiutato/mi sta aiutando nel concentrarmi maggiormente sui miei studi e ad alleviare le giornate faticose di lavoro, mi ha aiutato a rilassarmi maggiormente nei momenti di riposo e a provare più emozioni guardando un bel paesaggio o le persone a me care impegnarsi in qualcosa per loro importante.

 

Posso tranquillamente affermare che la musica mi ha aiutato a crescere, a maturare e a vivere diverse sfumature della mia vita, è un qualcosa di preziosissimo, da proteggere, senza la quale potrei anche sentirmi abbastanza perduto.

La musica, per me, è una compagna di vita, un qualcosa che mi accompagna spesso, anche quando gioco ai videogiochi.

Adoro giocare a quanti più titoli videoludici di mio interesse e un fattore a cui tendenzialmente presto molta attenzione quando ne valuto/gioco uno, oltre alla storia, è proprio la musica.

Se un titolo possiede un comparto sonoro composto da musica in grado di scatenare in me qualche emozione, ben venga, in quanto vorrà dire che sarò in grado di godermi più a fondo un titolo.

 

A parte il genere epico-strumentale o videoludico, gli artisti che in quest'ultimo periodo mi stanno accompagnando in ogni singola giornata sono per lo più i Linkin Park(immancabili nella mia playlist), i 30 Seconds to Mars, gli Imagine Dragon, i Fallout Boy, Sheeran, Sia, Dj Tiesto, Armin Van Bureen, Alan Walker e alcune colonne sonore(per lo più strumentali) cinematografiche o di Anime(es: da il Codice Da Vinci, da Interstellar, da Harry Potter, da My Hero Academia, da Re: Creators...).

 

I miei gusti musicali, tuttavia, rimangono costantemente aperti alla scoperta di nuovi generi, nuovi artisti o anche solo nuove canzoni, quindi posso forse affermare in anticipo che la musica continuerà a far parte della mia vita, in varie sfumature o sotto nuove forme...non mi importa, l'importante è che rimanga sempre al mio fianco!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

 

Okay, devo ammetterlo: questo tema mi ha colpito. Ho sempre amato la musica, fin da piccolo. Noi siamo la generazione nata e cresciuta con la musica, non possiamo farne a meno, ormai è un’esigenza psico-fisica di cui (quasi) tutti hanno bisogno. Detto questo vi illustrerò il viaggio e le fasi musicali dei miei 20 anni, accompagnate da uno sguardo sul periodo che stavo percorrendo.

Il mio rapporto con la musica iniziò intorno ai 6-7 anni, in macchina con mio papà. Eravamo soliti fare delle uscite notturne il venerdì, lui adorava guidare ed io seguirlo. Ebbene queste esplorazioni automunite erano accompagnate dai brani dei Pink Floyd: figuratevi un bambino che sente musica Progressive Rock a quell’età, com’è possibile che piaccia? Invece mi facevano impazzire, quel tripudio di suoni (concettuali e musicali) nell’album “The dark side of the moon” come battiti cardiaci, monete, sveglie, unite a chitarra elettrica e batteria... La sensazione era quella di viaggiare su un altro pianeta! Inoltre ascoltavamo gli album dei Coldplay, non quelli commerciali, per fortuna non erano ancora usciti. Parlo di “A Rush of blood to the Head” e “Parachutes”, a mio parere i due capolavori del gruppo britannico. Inutile dirvi che se i Pink Floyd mi trasportavano in una dimensione parallela, i Coldplay riempivano cuore e mente d’emozioni che mi segnarono per tutta la vita. Ecco, arrivo al nodo centrale del mio discorso: ho sempre creduto che la musica produca benessere mettendo a suo agio l’ascoltatore. Non parlo dei testi, quelli spesso neppure vengono interpretati da chi li ascolta ed il messaggio artistico viene scartato. Mi riferisco ai suoni e di come questi impattino sulla psiche: se non tenessimo conto di ciò non riusciremmo a spiegarci il ‘boom’ della trap di adesso, non credete? Ebbene ritengo che le sensazioni che alcuni gruppi ci trasmettono le porteremo per sempre con noi ed in qualche modo influiranno sui nostri gusti futuri. Proseguiamo. In fase adolescenziale ascoltavo prevalentemente gli Arctic Monkeys. Ero inondato da quel desiderio di fuga, divertimento e spensieratezza che caratterizza le serate alcoliche di un adolescente e gli AM con il loro nuovo album erano gli unici a trasmettermelo. Una quantità indefinita di sere passate ad ascoltare cover band live del gruppo, a Roma: quante ore passate a divertirsi con gli amici! Arriviamo ad oggi, fase studentesca: gli unici momenti liberi e di svago dalle intense sessioni di studio sono dedicate allo spegnere il cervello e scaricarmi dalla tensione accumulata. Ci riesco al meglio con la Lo-Fi grazie alle live che pubblicano mandando a ripetizioni le stesse melodie oppure con le canzoni di Post Malone che permettono di sfogarsi un po’! Il ruolo che ha acquisito la musica nel mondo contemporaneo è di vitale importanza: dal rilassarsi dopo lo stress della quotidianità alla carica adrenalinica prima di una competizione. È un momento intimo tra il riproduttore musicale e l'ascoltatore, ovvero l’io interiore spoglio della maschera che si indossa nella società: la musica rappresenta il mezzo che permette di esprimerci o riflettere su noi stessi senza aver paura d’essere giudicati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Bello sto tema, forse ad ora il mio preferito 

Speriamo mi porti fortuna allora

 

Incredibilmente, mi sono avvicinato alla musica proprio grazie a pokémon. Vi ricordate, agli albori di YouTube (intendo proprio 2007-2008) quegli AMV che riempivano tutte le ricerche dei vari anime / cartoni? Ecco, fu uno di quelli a farmi appassionare alla musica messa in sottofondo tanto da obbligare mia sorella a scaricare illegalmente quella canzone. Purtroppo non mi ricordo quale fosse :cry2:.

Da allora il mio rapporto con la musica è stato altalenante: certo, mi è sempre piaciuta, ma non sono mai stato uno legato ad un certo artista in particolare per troppo tempo, o uno di quelli che aspettano l'uscita di un nuovo disco anche se vuole dire stare svegli fino alle 3 del mattino; semplicemente mi piaceva la musica in generale. Sono uno di quelli ai quali non piace tanto un artista, quanto più la canzone in se....

E questo è strano, soprattutto perché vivo nella capitale della canzone italiana, Sanremo :moonmoon: TA DAHHH

 

La prima artista che mi fece innamorare fu Katy Perry, ricordo ancora quando uscì Roar e che la cantavo ogni volta che la sentivo alla radio. Questo fu uno dei pochi casi nei quali mi affezionai ad un artista, oltre che alla sua canzone. 

La seconda volta che mi innamorai, invece, fu ascoltando un CD che mia madre aveva messo: era l'album degli Evanescence, una band che ancora oggi amo ed ascolto: Bring me to life, Going Under e soprattutto la mia preferita, Lithium, sono solo alcuni dei brani che mi hanno accompagnato negli ultimi anni. Penso che la voce di Amy Lee sia stupenda, è così forte che riesce a trasmetterti potenti emozioni attraverso alle sue canzoni, semplicemente la adoro.

Da quando ho scoperto gli evanescence, poi, ho iniziato ad ascoltare anche altre canzoni più "vecchie" e con mio stupore, ne ho apprezzate molte soprattutto rock, da i fantastici Queen con Bohemian Rapsody, a Starway to Heaven dei Led Zeppelin, a David Bowie con Life on Mars... Insomma, mi sono fatto un pò una cultura musicale dello scorso secolo praticamente hahah.

Inoltre non mancano le OST dei videogiochi nella mia playlist: Simple and Clean o Don't Tink Twice di KH, Lifelight di SSBU oppure B-A-Y-O-N-E-T-T-A, che mi ha fatto scoprire Fly me to the moon e Moon River di Frank Sinatra :looksi:

 

Questa mia passione per della musica non "commerciale" o "moderna" però non mi è d'aiuto con i miei amici, infatti non amo la trap e quindi, quando si parla di canzoni, non dico quasi mai la mia. Se qualcuno mi chiede quale genere preferisco, di solito rispondo in maniera generica con un "quelle che ci sono alla radio" perchè so di non poter esternare la mia passione se non voglio essere preso in giro, allo stesso modo di come non possa parlare di pokémon o della nintendo essendo "da bambini".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Ricordo a chi non ha ancora pubblicato gli elaborati, che avete tempo fino alle 23:59 di oggi per farlo :)

@Fritz @Limbo12 @Dr.Pepper

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

E io che pensavo di essermi lasciato alle spalle i temi con la traccia musicale, una volta finite le superiori :asduj1:

 

Che dire, correva l'anno 2009: Michael Jackson moriva, Barack Obama riceveva il nobel per la pace e Scrubs era appena finito con l'ottava stagione (...:secret:...).

In questo clima di incertezza un ignaro bambino delle elementari (che poi ero io :D) sente per la prima volta "I vecchietti fanno oh" di J-Ax.

SI.

J-Ax e gli Articolo 31 mi accompagneranno per tutta la durata dei 4/5 anni consecutivi (fino al secondo superiore, circa) come unica costante nel mio mp4 (emmeche?). Canzoni rigorosamente scaricate da eMule, ovviamente.

Resistendo in ogni modo alla tentazione di tagliarmi i peli bianchi della barba che nel frattempo saranno inevitabilmente usciti al solo nominare eMule e ripensando a quei tempi, devo ammettere che la musica non era ancora una parte importante della mia vita.

Ascolto tutt'ora gli Articolo 31, ma mi dispiace ammettere che J-Ax, a parte l'essere stato di ispirazione per il villain di una delle saghe più iconiche degli ultimi anni, ha fatto poco altro degno di nota.

 

La mia avventura musicale comincia l'estate tra il primo e il secondo superiore, quando "scopro" i Linkin Park e altri gruppi del calibro dei Three Days Grace, Breaking Benjamin e simili, che aprono le porte al periodo della mia vita da quindicenne arrabbiato e bimbomenghia.

Per fortuna è passato in fretta.

 

Se ci sono delle cose che odio sono i metallari e gli stereotipi.

La vicinanza di metallari stereotipati ha dunque giovato molto ai miei gusti, che hanno cominciato fin da subito a spaziare tra vari generi e mi hanno permesso di non restare ancorato ad un solo tipo di musica.

Anche se non mi definirei come uno "che ascolta di tutto", le canzoni da radio ancora non le riesco a digerire :mumblo:

 

Ma cos'è per me la musica?

È tante cose e descriverle a parole sarebbe riduttivo (eheh guarda come me la scampo :azaz:).

È quella cosa che rende una stanza vuota e silenziosa meno vuota e decisamente meno silenziosa, quella cosa che rende più calda una doccia calda (?).

Talvolta mi ritrovo da solo a casa a cantare fomentatissimo l'ennesima canzone di oltre 10 minuti che gli Avantasia cacciano ad ogni album, o a rilassarmi mentre ascolto per l'ennesima volta quel capolavoro che è In The Court of the Crimson King (che poi è quello che sto facendo mentre scrivo) o a fare air flauting (?) su una gamba sola

sull'assolo di flauto di My God.

 

Ma è decisamente sotto la doccia che do il meglio di me :th_sisi: (almeno finché non arriva il maledetto ad aprire il rubinetto del lavandino, ecco).

 

E ora torno a vedere il Festival.

Ieri mi sono già perso Baglioni che dabba, non voglio perdermi nient'altro :secret:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Il tema di questa prova è uno a cui sono legato siccome la musica è sempre stata una parte importante della mia vita. Nonostante ciò ho meno esperienza su questo campo di quello che vorrei ammettere, specie se parliamo dei gruppi musicali che ho ascoltato nella mia vita.

 

Sin da quando ero piccolo ho sempre mostrato un interesse verso la musica: ricordo ancora quando giocavo con la pianola, cercavo di capire come funzionava uno stereo e i momenti dove mettevo il Gameboy Advance sull'orecchio per ascoltare il tema del Surf di Pokémon Rubino e Zaffiro. Allora mi limitavo ad ascoltare cantanti italiani come Jovanotti, senza provare ad andare oltre la musica pop. Il periodo in cui io andavo alle scuole medie è stato quello dove ho iniziato a frequentare YouTube, mentre i miei coetanei andavano lì per ascoltare i cantanti e i gruppi del momento, quando avevo voglia di ascoltare musica mi mettevo a sentire le colonne sonore dei videogiochi. A furia di visitare il sito ogni giorno mi sono imbattuto su dei brani di alcuni artisti come Waterflame e Dimrain47 che pubblicavano la loro musica su YouTube. Al primo ascolto quel tipo di musica mi era piaciuto tanto a tal punto che mi era venuta la voglia di scaricare FL Studio e iniziare a creare la mia musica con il loro stile, nonostante ciò non ho mai tirato giù il programma.

 

Siccome allora avevo iniziato a suonare il Pianoforte da un anno, ho deciso di frequentare il Liceo Musicale aspettandomi di imparare tutti i segreti della musica. Ne sono rimasto deluso, lì dentro ho imparato molte nozioni ma siccome i docenti di musica non sapevano che pesci pigliare dato che quello che avevo scelto era un indirizzo nato da poco, il mio interesse nella musica si è spento durante quegli anni. Durante i primi tre anni ho continuato ad avere gli stessi gusti musicali e ho iniziato a comporre musica, non con FL Studio ma con Musescore, una versione gratuita di un programma di notazione musicale che avevo imparato ad usare a scuola. Non scendo nei dettagli tecnici, mi basta dire che il modo in cui funziona è molto diverso dal programma che volevo imparare ad usare.

 

Ho cominciato ad appassionarmi ai vari gruppi musicali molto tardi, intorno alla quarta superiore quando mi è venuta voglia di interessarmi ad altri generi musicali. Sono partito basandomi su quello che ascoltava mio fratello qualche anno fa, iniziando ad ascoltare i Linkin Park e i Blink-182. Da qui ho cominciato a cercare sempre nuova musica da ascoltare anche se fino ad ora non mi sono mai focalizzato su un genere in particolare, mi basta che il brano sia gradevole per le mie orecchie, addirittura alcuni gruppi gli ho scoperti per caso. Ecco una lista dei gruppi e artisti che ora mi vengono in mente: Iron Maiden, Metallica, Linea 77, Deftones, Drowing Pool, Rage Against The Machine, AC/DC, Nirvana, Queen, Gorillaz, Cibo Matto per non parlare della musica di vari artisti che si può trovare solo su Internet come Disasterpeace, C418, Vektroid, Joseph Jacobs e Blazo (che ho scoperto ieri). Specifico che della maggior parte dei nomi che ho elencato non ho ancora ascoltato tutti i loro album, come ho detto all'inizio mi sarebbe piaciuto averlo prima questo interesse di scoprire i gruppi musicali che non ho ancora ascoltato ma ormai è andata in questo modo, non si può più tornare indietro.

 

Tutt'ora continuo ad ascoltare le colonne sonore dei videogiochi, in questo periodo ho ascoltato quasi tutti i brani di Tim Follin che ha composto per il NES, SNES, C64 ecc... E riguardo alla composizione? Nel 2018 non ho prodotto nulla e fino ad ora non ho ancora provato ad utilizzare FL Studio. Quest'anno mi deciderò a tirare giù quel programma una volta per tutte e provare a fare quello che sognavo di realizzare un decennio fa? (sul serio, davvero ho procrastinato una semplice azione così a lungo?)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Purtroppo temo di non aver rispettato i termini, eh va beh ormai il commento lo lascio comunque per il gusto di farlo.

 

Il mio rapporto con la musica è ambivalente: sono il classico tipo che ama ascoltarla e senza la quale non può stare, così come non mi piace studiarla e/o produrla, suonerà strano ma, anche se non disdegno la musica “ordinaria”, sono un tipo più da colonne sonore, esempio?  La ost di Doom di Mick Gordon, e non vedo l’ora di sentire cosa avrà combinato con Doom Eternal, svariate colonne sonore prese dai titoli Pokèmon (da fan di Hoenn ho apprezzato moltissimo il lavoro fatto con OrAs), e che dire della musica psichedelica di Geometry Dash, o dell’ottimo lavoro svolto anche sui vari Metal Gear? O dell’abusatissima colonna sonora di Attack On Titan? Inutile dire che ogni qualvolta guardi un video su YouTube, appena ascolto qualcosa che mi piace, cerco subito di trovare la ost che il tipo ha utilizzato nel video. Il perché preferisco le ost? Penso che la musica sia qualcosa che accompagni i sogni (ad occhi aperti) e le ost, essendo composte appunto per opere di fantasia, riescano meglio a far ciò, che poi dovrei correggermi per aver chiamato le ost musica “fuori dall’ordinario” dato che, a pensarci, c’è sempre un’artista dietro, che pur senza dar voce, riesce comunque a fare ciò che il resto della musica può, e anche meglio a parer mio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Mi è sembrato di capire che si potessero usare i topic delle prove precedenti per scrivere commenti delle prove terminate.

Ecco, per vari motivi non sono riuscito a completare la quinta prova per tempo e la cosa non migliorerà con le prossime, sooo mi ritiro :omg:

 

Anche perché ho già procrastinato la scrittura del commento una volta e un'altra ho addirittura saltato il turno e non mi sembra giusto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Inviato (modificato)

Scrivo questo commento per porgere le mie scuse sia ai giudici che agli altri concorrenti.

 

Sia che io sia passato nella quinta prova sia che non sia passato, vi chiedo scusa se il mio messaggio potrebbe sembrare caotico o fuori tema, ma nel momento in cui l'ho scritto stavo uscendo da uno stadio febbricitante dovuto a un virus di passaggio che mi aveva messo fisicamente e, in parte, mentalmente ko!

Ho deciso di postare comunque il mio commento perché mi sarebbe dispiaciuto perdere l'occasione di farlo senza scrivere nulla sul tema della prova in questione, ma anche perché nel caso dovessi uscire dal contest preferirei farlo avendo comunque postato i miei commenti il più a lungo possibile piuttosto che mollare tutto disertando una prova e, magari, creando qualche problema agli organizzatori del contest nel gestire le eliminazioni o le prove! >.< :blush:

 

Ora, per fortuna, la situazione pare essersi sistemata, quindi sia che io passi la prova sia che non la passi, continuerà a seguire il contest fino alla fine! ^.^

Modificato da Carl-J90

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
Visitatore
Questa discussione è stata chiusa, non è possibile aggiungere nuove risposte.

  • Utenti nella discussione   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.

×

Importanti informazioni

Per usare il nostro forum è necessario accettare i nostri Termini di utilizzo, la nostra Privacy Policy, il nostro Regolamento ed essere a conoscenza che per rendere la navigazione migliore utilizziamo i cookie sul tuo dispositivo. Puoi modificare le impostazioni cookie oppure accettare per accettarle.