Vai al commento


Vangel

Utente
  • Messaggi

    188
  • Punti Fedeltà

    110 
  • Iscrizione

  • Ultima visita

  • PokéPoints

    PP 44.90
  • Feedback

    N/A

Informazioni su Vangel

  • Grado
    Teropode assennato

Informazioni del Profilo

  • Genere
    Maschio
  • Locazione
    Torino
  • Pokémon Preferito
    Arbok

Visitatori recenti del profilo

1.502 visite profilo
  1. Alloooora, mo' che son tornato dalle vacanze mi sto scervellando su come fare una cosa del genere, fermo restando che servirà autorizzazione dei Mod/Admin. Pensavo. Secondo me non ha senso fare una specie di discussione unica o chat unica perché poi ci si parla sopra, non si capisce niente, si finisce a parlare di tutt'altro, magari non tutti partecipano attivamente, ecc. Per come la vedo io si potrebbe fare un singolo topic in rilievo nel quale, chi è interessato, si segna indicando la propria regione di appartenenza e magari un minimo di presentazione di sé o un link a un social, volendo. Niente dati sensibili, numeri di telefono, ecc., ci mancherebbe. Iscriversi al topic vuol dire rendersi disponibile a essere contattato/a per fare amicizia, magari anche di persona. A quel punto, chi se la sente può contattare via pm la persona che l'ha incuriosito/a e vada come vada. Al massimo ci si fa una pernacchia e via. Non mi sembra una roba invasiva, ci si può cancellare dall'elenco in qualsiasi momento, insomma, potrebbe venirne fuori una roba carina se avrà seguito. In fondo abbiamo una passione in comune sicura e facilmente anche altre. Qualsiasi suggerimento è ben accetto e, ribadisco, il tutto previa autorizzazione dei Mod/Admin.
  2. Promesso. Alla fine di questa non manca molto e poi si cambia completamente scenografia.
  3. Nuova parte! (lo so, lo so, è passato un mese, ma ero al mare e non potevo aggiornare causa palme, noci di cocco e wingull starnazzanti. In compenso, dopo questa, ho già pronta una novel mooolto succosa, tutta marina, tutta da seguire. Oh yes!) Link al topic dei commenti. https://forum.pokemonmillennium.net/topic/145923-vangel-rosso-sangue-blu-abisso-commenti/?do=findComment&comment=3243751 Tag estivizzati: @evilespeon@Rockink@Arock2@ShadowBlue@NatuShiny@Vanelope *** Solana si mosse a ridosso dell’edificio del Comando, si accostò alla prima finestra utile che dava sul piano terra. Era uno sparo. Il suono di un’arma da fuoco, non una lancia-dardi. Represse un brivido. Sporse leggermente per osservare, dovette ritrarsi quasi subito scorgendo la figura di uno dei bracconieri, all’interno, voltato verso la medesima finestra. Maledizione. Sentì il respiro affannarsi, lo calmò con un breve istante di concentrazione. Lentamente Solana tornò a sporgere dal vetro dell’ampio finestrone, quel poco che bastò a gettare un’occhiata fugace. Sono tutti lì dentro. Hanno preso in ostaggio Ezio e gli altri. Espirò sconfortata. Non puoi affrontarli. Sono troppi, sono armati. Pensieri affollati, rabbiosi, sovrapposti. Ma perché sono qui, che cosa fanno, che pensano di ottenere? Si fece coraggio, sporse una terza volta: il bracconiere di poco prima guardava altrove, distratto da un piccolo parapiglia, le diede il tempo di scandagliare con maggior cura il grande atrio, vagò lo sguardo, febbrile, cercò di trovare qualsiasi segno che potesse aiutarla a prendere una decisione. Dei Antichi. Sentì di stare tremando, gli occhi sgranati, fissi sul sangue che macchiava la parete di fondo. Ditemi che non è vero. Il corpo seduto a terra, seminascosto dietro il bancone della reception. Simon. Si ritrasse, schiena contro la parete esterna dell’edificio. Tremava. Di rabbia, di paura. Sguardo sbarrato avanti, i denti stretti in un moto di orrore e viscerale, profondo odio. Resta razionale. Un collega ferito, forse ucciso. Una torma di avanzi di galera a occupare il Comando, Ranger in ostaggio. Un giorno di sole che diventava senza motivo un incubo. Resta razionale. Toccò la sfera appesa alla cintura, sentì il contatto mentale con Zefiro intensificarsi e diventare vibrante. Devi affrontare la situazione usando la testa. Annuì a se stessa, agitata, riconoscendo il pensiero combattivo del suo Mon. Non era mai successa una cosa del genere. Neanche avresti mai immaginato potesse accadere. Si riscosse, tetra, cercò di fare presa sulla razionalità nel turbine delle emozioni. Tolse dal fodero la sarissa e la dispiegò con un tocco, regolò il voltaggio sulla massima carica. Loro hanno armi da fuoco e lancia-dardi, tu solo la modesta verga elettrificata. Un respiro di fuoco. Ho anche Zefiro. “Vieni qui, cara.” La grossa mano di Amon Quint si chiuse sui capelli neri di Tess raccolti a coda, le strappò un grido di dolore, la sollevò bruscamente in piedi, la voltò verso di sé: occhi negli occhi, quelli umidi, vitrei di lei, quelli feroci dell’uomo incavati nella mezza maschera di legno. “Fatti un po’ vedere.” La scaraventò di faccia sul bancone della reception, le inchiodò la testa sulla superficie con un’energica pressione della mano: gli sgherri intorno a lui ridacchiarono, vociarono crudeli. “Da questa prospettiva,” Amon le batté gentilmente sulle natiche, “Le cose diventano più interessanti ancora.” Un verso di rabbia e sconforto, Tess cercò di lenire la stretta di quella mano rimasta serrata ai suoi capelli, invano. “Lasciami…” La voce le tremò, un misto di paura e sottile orrore, “Se mi tocchi, se mi…” Risata grassa, crudele. “Cos’hai capito, tesoro?” La mano libera del cacciatore andò alla sua cintura, si chiuse intorno alla sfera che vi era assicurata. Tess realizzò con un istante di ritardo. “NO!” Si rianimò di colpo, si agitò, cercò di scalciare, invano; Amon le strappò l’artefatto, rise, lanciò la sfera nelle mani di un compagno che la infilò, elegante, in un minuscolo refrigeratore. “NO, NO, NO!” Cercò di voltarsi, di raggiungere con lo sguardo il proprio complementare, “RIDATEMELO, RIDATEMELO!” Ignorò il dolore della stretta, mosse una mano dietro di sé per cercare di arrivare alla sua faccia, cavargli gli occhi, invasata, divorata dal panico. “Silenzio, bestia!” Amon voltò la ragazza di peso, un solo istante iridi nelle iridi, poi le vibrò uno schiaffo pauroso, l’eco sonora nel silenzio della grande hall, la guardò cadere seduta a terra, la schiena poggiata contro il banco. “Tessy!” Ezio ebbe l’impulso di scattare in sua difesa, mani forti lo trattennero e immobilizzarono. “Requisite tutti i complementari,” il bracconiere indicò con un gesto i Ranger presenti, “Adesso è roba nostra.” Adrenalina improvvisa, panico, una breve colluttazione nella quale tre divise rosse vennero sommerse dalla furia degli aggressori, le sfere sottratte tra gli insulti, le percosse, le urla di scherno. Vennero immagazzinate nel medesimo refrigeratore portatile. “Sei,” la voce fioca, sottile, di Tessandra Malone lo raggiunse dal basso, dal pavimento, “Un verme.” Gli occhi sgranati fissi avanti, ambo le mani premute al lato del volto che, rosso, pulsava di dolore. Amon la prese per il bavero e la sollevò senza fatica all’impiedi; sorrise. “Sei una di quelle toste, tu, ah?” La afferrò nuovamente per i capelli, un grido femmineo, la trascinò con sé per qualche passo; le alzò la testa a guardare la scala che portava al piano superiore. “Dimmi un po’: c’è rimasto qualcuno di sopra?” Tess ebbe l’impulso di ribellarsi, di combattere, di colpirlo con tutta la forza, piuttosto sfidare la morte. Laura. Il pensiero le si impose nella testa per un breve, intenso momento; Tessandra sentì la propria mente calcolare nello spazio di un secondo le poche variabili che la situazione imponeva. Lui non sa che Laura è di sopra. “Non,” mormorò, gli occhi che andavano inumidendosi per il dolore e lo sconforto, “Non c’è nessuno…” “Attenta.” Uno strattone che la fece gemere, tentare invano di allentare la stretta ai capelli. “Se adesso salgo e trovo qualcuno, chiunque sia, te l’ammazzo sotto gli occhi.” Laura si sarà nascosta, forse nell’archivio. Deve aver compreso il pericolo. Deve. “Allora?” Se la riveli, perdi l’unica risorsa rimasta. Se non la riveli, ma lui la trova, la condanni a morte. “ALLORA?!” Tess si morse le labbra, il dubbio feroce, sanguinoso, a spaccarle il cuore in due. Solana. La variabile non calcolata, improvvisa, l’elemento nuovo e inaspettato. Solana è ancora qui intorno. “C’è,” scandì a mezza voce, “C’è una neofita… solo una neofita,” deglutì, il dolore lancinante ai capelli, “Non è una minaccia per te, non può fare nulla per ostacolarti…!” Amon sorrise, freddo. “Questo lo decido io, Ranger.” Ammiccò verso i compagni. “Io e la gallinella qui andiamo a prendere questa novizia, voi tenete gli occhi aperti.” Uno strattone col quale la obbligò a guardarlo, ne incontrò lo sguardo spaventato, umido. “Vogliamo andare?!” “Non farle del male, ti prego. È una solo una ragazzina, non… non può crearti alcun problema!” Non ci fu risposta, solo lo strattone violento con cui la obbligò a incamminarsi con sé verso le scale, i passi pesanti dei suoi anfibi e quelli leggeri, incespicanti, degli stivali rossi di Tessandra Malone, Ranger di Torre Accadica.
  4. @Kio_ Sono in linea di massima d'accordo con te. Chi porta gli atteggiamenti che descrivi sono quella componente della sinistra di popolo (quindi non politica) che per quanto mi riguarda è la parte più tossica di questo paese, e di qualsiasi paese in generale. Forse è vero, il PD non ha speranze, ma non si sa mai. @Fenrir Mi sembra un discorso troppo generico. Io non vedo tutta questa attitudine dei media a dar addosso allo straniero, anzi, mi sembra che in nome del politically correct le notizie vengano date con estrema morbidezza. Un esempio? Il tizio che ha accoltellato una donna a caso qualche giorno fa. Ho ascoltato tutto il servizio aspettando di capire se dessero qualche info in più su questo aggressore. Solo verso la fine hanno detto quasi sottovoce che era del Bangladesh e irregolare. Aaaah strano, strano, poteva essere di Novara ovest piemontese doc e invece. Il discorso sul lavoro ha un senso solo relativo. Vero, ci sono lavori che gli italiani non vogliono più fare. Questo però è un girare intorno al problema. Ha senso che esistano ancora lavori da 10 ore al giorno in cui puzzi di olio a fine giornata? È da società civile un lavoro così? E se deve esistere, è giusto che sia pagato così poco? Se adesso ci sono stranieri che vengono da realtà povere e sono quindi più che disposti a farli, tra 20 anni, quando i figli di queste persone, nati in Italia, educati in scuole italiane, saranno in età da lavoro, vorranno fare i lavori dei loro padri? E allora chi farà quei lavori? Faremo arrivare apposta altri stranieri? E tra altri 20 anni cosa succederà? Il messaggio è: il problema è di natura talmente grande che non lo si può ridurre dando la colpa né all'ignoranza della gente né ai comportamenti che ne scaturiscono.
  5. Leggevo un interessante articolo sulla Danimarca, che applica ormai da anni misure repressive nei confronti di chi favorisce l'immigrazione clandestina (incluso l'autostop, per dire), dove in particolare si menziona il fatto che la sinistra danese ha recuperato voti e seggi facendo un'unica importante mossa: assumendo a sua volta posizioni intransigenti sull'immigrazione. Io credo, come detto altre volte, che il PD abbia solo questa mossa per risollevarsi approfittando dell'attuale crisi di governo. Che ne pensate?
  6. Mah, io so di essere molto Nietzschiano nelle idee, mi piacciono i trascinatori e le personalità forti, però mi serve anche la sostanza dietro alle facciate. Quando sostanza non ce n'è non riesco a dare fiducia.
  7. Nah, non ce l'ho fatta a votarlo lo scorso anno, non ce la posso fare neanche adesso.
  8. Andare a votare sì, sempre. Al massimo si opta per qualche partito estremista che tanto non andrà oltre il 3%. Ghghghghg.
  9. Vi rendete anche conto che se si va a votare io non so più cosa votare, oggettivamente?
  10. Io mi affido quasi sempre a Metagross con Meteorpugno, PL 3200 circa, che è il mio miglior Pokemon. Li secca sempre, e incassa bene i vari Psichico, Magibrillio, ecc. il problema è che alcuni sono talmente grossi che prima di abbatterli incassi comunque tanti danni, e questo causa spese in pozioni e revitalizzanti che alla lunga incidono sulle finanze. @ThePharaoh Il fly l'ho provato io stesso, poco tempo fa, proprio perché volevo dare una lezione a uno di questi che lo usano, ma non funziona! La mappa sparisce e non funziona più il gps.
  11. Ma infatti io faccio così. Insisto un po, vedo che non molla, faccio un giro, poi torno, riprovo, rifaccio un giro, insomma alla fine (di solito) la vinco io. Il punto è quindi: a che cavolo serve opporsi in tutti i modi? Poi, capisco che vuoi difendere quella palestra li, ma se hai già tutte quelle della cittadina, e lascia stare, no? Comunque, vabbeh, era uno sfogo dettato da una attesa particolarmente lunga, perdonate. Il discorso del fly non lo capisco. Non dovrebbe funzionare più, o sbaglio? La Niantic non l'ha reso impossibile da fare? Infine, hai qualche suggerimento per seccare agile Snorlax e Chansey/Blissey? So che sono deboli alla lotta, ma un Pokemon lotta decente con mossa caricata decente non credo di averne. Grazie.
  12. Vangel

    I nostri Pokémon Shiny

    Io ho preso Latias shiny dalla ricompensa settimanale. Prima volta che mi capita un leggendario cromatico. Veramente è atipico: o è il mare, o sono aumentate le chance di trovarli.
  13. Esatto, poi comunque siamo già saltando a conclusioni, è ancora tutto da vedere quanti partecipano, se la cosa ha seguito, ecc.
  14. Ma chi impone niente, è una iniziativa, aderisce chi vuole e chi se la sente, ovvio. Il problema della distanza c'è ed è concreto, però oh, viaggiare alla fine si fa, se serve e se si hanno i mezzi.
  15. Mi piace come idea. Appena ho un attimo, magari al rientro dalle ferie, mi organizzo e studio come fare il tutto.
×
×
  • Create New...

Importanti informazioni

Per usare il nostro forum è necessario accettare i nostri Termini di utilizzo, la nostra Privacy Policy, il nostro Regolamento ed essere a conoscenza che per rendere la navigazione migliore utilizziamo i cookie sul tuo dispositivo. Puoi modificare le impostazioni cookie oppure accettare per accettarle.