Vai al commento
Bambole di maggio

Zarxiel

Analisi sui Pokémon Acciaio

Recommended Posts

Acciaio

Pokémon GO - Stahl-Icon.png

Introduzione

Spoiler

Il tipo Acciaio è uno dei più devastanti a causa delle sue incredibili capacità difensive, tali da rendere molti Pokémon appartenenti a questo tipo tra i combattenti più resistenti in assoluto, risultando ottimi anche nelle situazioni critiche. Offensivamente parlando i vantaggi sono molto minori rispetto a quelli difensivi e quindi non tutti sono adatti per il combattimento diretto, tuttavia sono pochi i tipi resistenti ad esso, quindi alcuni Pokémon Acciaio possono rivelarsi attaccanti eccezionali. Solitamente chi vuole specializzarsi su questo tipo inizia ad amarlo sin dalla tenera età, ma normalmente ci vuole molto allenamento e tempo per specializzarsi ed essere pronti a partecipare a tornei ufficiali con questi Pokémon, anche perché sono pochi gli allenatori che riescono in questa impresa e che possono creare strategie difensive di tutto rispetto, inoltre penetrare le difese avversarie è un gioco da ragazzi. E' senza dubbio un tipo difficile da usare, ma per chi ci riesce avrà un vantaggio difensivo notevole.

Poteri ed Attributi

Spoiler

Il tipo Acciaio è uno dei due tipi i cui Pokémon possiedono una qualche forma di armatura naturale (l'altro è il tipo Roccia). Nella maggior parte dei casi i Pokémon Acciaio riescono a sviluppare queste corazze metalliche perché si nutrono di metalli o di minerali grezzi, altri invece sfruttano cariche elettrostatiche per attrarre particelle metalliche da terra e circondare il loro corpo con una sorta di armatura impercettibile. Solitamente queste corazze sono formate da ferro, ma alcune specie le hanno formate da metalli più rari e resistenti; purtroppo sono anche pesanti e rallentano molto i movimenti dei Pokémon, limitando alcune loro abilità combattive (anche se esistono eccezioni come Skarmory), in compenso conferiscono difese fisiche eccezionali e talvolta anche speciali, ecco perché i Pokémon Acciaio sono i Pokémon con la più alta resistenza fisica. Nella maggioranza dei casi, i Pokémon di questo tipo vengono usati come difensori anziché come attaccanti, il che ha senso visto che sono pochi quelli che possiedono capacità offensive in grado di infliggere danni considerevoli. Molti attacchi Acciaio somigliano parecchio ad attacchi tradizionali come Graffio o Bottintesta, tuttavia il metallo rende questi attacchi più forti ed in grado di penetrare carne e corazze più facilmente, infatti le controparti Acciaio delle due mosse sopracitate sono Ferrartigli e Metaltestata, mosse senza dubbio molto più efficaci. C'è anche da considerare che gli attacchi speciali Acciaio sono pochi, imprecisi e limitati a poche specie, tuttavia ciò raramente si rivela un problema, dal momento che gli altri attacchi di solito hanno effetti secondari molto utili; di solito gli allenatori più inesperti si basano su questo, mentre gli specialisti e i più esperti sfruttano le loro grandi capacità difensive, dal momento che questi Pokémon resistono a ben 10 tipi su 18 e danneggiarli seriamente spesso è difficile. Gli unici problemi per queste armature sono le temperature elevate e Pokémon con un'elevata forza fisica, anche se i Pokémon di questo tipo non sono molto rari, solo i loro attacchi sono utili contro di loro, per questo affrontarli è sempre dura, specialmente per gli allenatori alle prime armi.

Categorie di Classificazione

Spoiler

Ci sono in tutto ben 53 specie di Pokémon Acciaio conosciute, 6 (7 se contiamo MegaAggron) di esse sono classificate come Acciaio puri, mentre i restanti 47 sono di doppio tipo, 20 sono Pokémon Acciaio primari e 27 sono Pokémon Acciaio secondari.

 

Mammiferi/Simil-Mammiferi: Sandshrew (Forma di Alola), Sandslash (Forma di Alola), Diglett (Forma di Alola), Dugtrio (Forma di Alola), Mawile (incluso MegaMawile), Aron, Lairon, Aggron (incluso MegaAggron), Lucario (incluso MegaLucario), Excadrill, Cobalion e Togedemaru

Tutti questi Pokémon sono mammiferi o hanno alcune caratteristiche anatomiche simili, ma sono classificati qui per mancanza di una categoria migliore. Tutti questi Pokémon hanno uno stile di vita abbastanza disparato, tuttavia non sono noti in battaglia o in natura per il loro tipo Acciaio, ma perché sono tutti classificati come doppio tipo (escludendo MegaAggron), in precedenza l'unica eccezione alla regola era Mawile in quanto classificato Acciaio puro per la sottile, ma efficace corazza metallica che ricopre la pelle, in seguito fu scoperto il tipo Folletto i cui poteri però sono abbastanza secondi. I membri della famiglia evolutiva di Aron sono classificati in questa categoria nonostante siano rettili perché sono Pokémon a sangue caldo, inoltre possiedono le narici direttamente sul cranio anziché avere un naso effettivo, come altri rettili del resto.

 

Uccelli: Skarmory ed Empoleon

Queste creature sono gli unici uccelli ad avere un'armatura metallica naturale, tuttavia vivono in ambienti completamente diversi e hanno uno stile di vita differente. Gli Empoleon per esempio non possono volare e di conseguenza non sono classificati come Pokémon Volanti, in compenso però hanno eccezionali capacità di nuoto e accesso a molti attacchi Acqua. Gli Skarmory d'altra parte possono volare con una velocità ed agilità straordinarie anche se confrontati con altri uccelli, risultando essere anche tra i volatili più forti e difficili da allenare.

 

Piante: Ferroseed e Ferrothorn

La famiglia evolutiva di Ferroseed è unica tra le piante, in quanto ha la capacità di assorbire il nutrimento direttamente dalle rocce, quindi assorbono anche ioni metallici con cui formano una corazza esterna per difendersi. Questo guscio li rende ancora più vulnerabili al calore, in compenso però è difficilissimo danneggiarli con attacchi convenzionali e possono usare il loro corpo in modo altrimenti impossibile per altri Pokémon Erba, potendo addirittura apprendere gli attacchi Vigorcolpo e Scalaroccia una volta evoluti.

 

Automi/Artificiali: Magnemite, Magneton, Registeel, Bronzor, Bronzong, Magnezone, Klink, Klang, Klinklang e Magearna

Tutti questi Pokémon sono di manifattura artificiale o si ipotizza la loro creazione da parte di popoli antichi. Molti di essi hanno difficoltà nell'apprendere mosse diversificate anche con l'uso di MT ed MN, ciò è compensato da una difesa eccezionale e capacità offensive sia fisiche che speciali di tutto rispetto. Tutti loro sono noti per poter vivere davvero molto a lungo, cosa resa possibile anche dalla loro corazza impenetrabile da attacchi convenzionali, di conseguenza è molto probabile che se catturate uno di questi Pokémon, in passato furono usati da altri allenatori, quindi non è necessario perdere molto tempo ad addestrarli o ad insegnare loro determinate strategie.

 

Artropodi: Forretress, Scizor (incluso MegaScizor), Wormadam (Manto Scarti), Escavalier, Pawniard, Bisharp, Durant e Genesect

Tutti questi Pokémon sono insetti o comunque classificati come degli artropodi. Tutti loro hanno un comportamento tipico degli altri insetti che vivono in natura, tuttavia risultano essere tra i più intelligenti e sono in grado di combattere con una forza sorprendente. La famiglia evolutiva di Pawniard è l'unica che non è composta da veri insetti, ma è comunque classificata come un tipo di artropode a se stante, visto che non s'è trovata nessuna classificazione migliore, tuttavia il loro stile di vita basato sulla vendetta li rende ottimi per le strategie più aggressive rispetto agli altri Pokémon di questa categoria.

 

Lame Possedute: Honedge, Doublade ed Aegislash

Queste creature non sono composte da un tipo di metallo naturale, ma da una vecchia spada posseduta da uno spirito errante che lentamente ha corrotto l'arma e l'ha mutata a seconda delle proprie esigenze. Non mostrano molta personalità ed è difficile capire che cosa vogliano fare durante le lotte, tuttavia queste bizzarre creature sono note per le loro funzioni regali nella storia antica di Kalos, in quanto erano veri e propri simboli di potere e regalità, oltre ad essere tra i Pokémon Acciaio più potenti conosciuti, dal momento che possono usare il loro corpo in maniera nettamente superiore a quella degli spadaccini più abili di sempre.

 

Pietre Animate: Steelix (incluso MegaSteelix) e Probopass

Queste creature sono note per la mancanza di qualsiasi tipo di tessuto biologico nel proprio corpo, tanto da non essere classificati nemmeno come esseri viventi veri propri. Entrambi hanno una resistenza fisica eccezionale e possono apprendere attacchi devastanti, anche se tendono ad essere piuttosto limitati nelle mosse. Ma il vero vantaggio è che possono agire come Pokémon difensivi potendo nel contempo arrecare gravi danni, specialmente se apprendono mosse di stato pericolose come Tossina tramite MT o se usano attacchi di tipo differente.

 

Folletti: Klefki

Queste creature, assieme ai Carbink e Diancie, sono gli unici Pokémon ad aver assunto una forma neutrale che non rispecchia né il mondo animale né quello vegetale, ma hanno assunto la forma di un costrutto materialistico. Non è del tutto chiaro il perché di questa forma, ma si pensa che abbia a che vedere con l'uomo, dal momento che la forma da loro assunta è quella di un portachiavi; tale forma anomala potrebbe farli sembrare nulla di speciale, invece sono abbastanza forti, potendo contare su ben due assi nella manica, ovvero Blocco Fatato e Truccodifesa, mosse che nessun altro Pokémon può apprendere.

 

Pokémon Fossili: Shieldon e Bastiodon

La famiglia evolutiva degli Shieldon è diversa da quella degli altri Pokémon preistorici, infatti sembra che avessero sviluppato squame resistenti e una cresta a scudo molto robusta, caratteristiche estremamente simili alle tipiche corazze metalliche degli esemplari che sono stati resuscitati. Le macchine di resurrezione infatti sembrano aver accentuato questa loro caratteristica, trasformando questa loro cresta ossea in una cresta formata da materiale roccioso e metallico, rendendoli di conseguenza tra i migliori Pokémon difensivi sia contro gli attacchi fisici che speciali.

 

Biomeccanici: Beldum, Metang e Metagross (incluso MegaMetagross)

I membri della famiglia di Beldum sono unici sia tra i Pokémon Acciaio che quelli Psico in quanto è ciò che più si avvicina ad una macchina vivente naturale, cosa che non è mai successa a nessun essere vivente biologico. Tutta la famiglia evolutiva dei Beldum si alimenta di energia magnetica, tanto che l'attività cerebrale e i movimenti di questi Pokémon sono controllati dall'elettromagnetismo che scorre nel loro corpo come se fosse sangue e che controlla i loro pensieri, comportamento e sviluppo in natura. Queste creature biomeccaniche stanno nel limbo che separano le forme di vita biologiche da quelle artificiali ed è improbabile che esistano altri Pokémon con queste caratteristiche (sebbene la famiglia evolutiva di Staryu ci vada vicino), ed è proprio questo che li ha resi tra i combattenti più potenti sia dal punto di vista difensivo che offensivo.

 

Super-Termofile: Heatran

A causa delle temperature estreme del suo corpo, Heatran non possiede la resistenza tipica di altri Pokémon Acciaio, dal momento che la sua corazza è in parte sciolta dal calore corporeo, ma anche in questo stato Heatran ha appreso a convivere con queste altissime temperature, tanto da poter usare attacchi Fuoco in maniera molto più efficace di altri Pokémon di questo tipo, come può anche testimoniare la sua mossa peculiare Magmaclisma.

 

Creatore di Desideri: Jirachi

Anche se la pelle di Jirachi può essere considerata una sorta di armatura, il suo vero potere risiede nelle sue capacità psicocinetiche uniche con cui può esaudire i desideri, un'abilità che ancora oggi è considerata un vero e proprio mistero, tuttavia a causa di questa si è deciso di classificarlo come Pokémon Psico oltre ad Acciaio, visto che è capace di usare attacchi di questo tipo come Metaltestata e il suo peculiare Obbliderio, risultando quindi molto potente nonostante le ridotte dimensioni.

 

Super-Temporale: Dialga

Dialga possiede un'armatura metallica che riveste tutto il suo corpo, essa infatti è impenetrabile da qualsiasi attacco comune, tratto reso ancora più temibile dalla sua capacità di poter manipolare il tempo secondo la propria volontà. La cosa interessante è che sembra che questa corazza non rallenti minimamente Dialga, è possibile che ciò sia dovuto al suo controllo sul tempo, in quanto viene descritto come una forza fluida naturale, mentre lo spazio come la forza concreta dell'universo che impedisce che la materia o l'energia venga completamente distrutta. La cosa che rende questo tratto interessante però è che Dialga in realtà è soggetto alle leggi dello spazio, quindi deve seguire le leggi della fisica come ogni altro essere a differenza di suo fratello Palkia.

 

Emissario del Sole: Solgaleo

Solgaleo è un’Ultracreatura leggendaria che un tempo era vista come un eroe ed era una creatura adorata dal popolo antico della regione di Alola. Nei tempi antichi, la regione di Alola fu attaccata da invasori provenienti da mondi ignoti, questi esseri erano chiamati Ultracreature. Gli abitanti delle isole non avevano alcuna protezione verso gli attacchi di queste creature, rimanendo indifesi, quindi i Numi Locali, ovvero i guardiani delle quattro isole principali della regione, tentarono di contrastare l'assedio delle Ultracreature per un po’, ma non erano abbastanza forti da fermarle. In preda alla disperazione, il popolo guardò il cielo iniziando a pregare, a quel punto apparvero due creature leggendarie, una delle quali era Solgaleo. Combattendo contro questi mostri durante la luce del giorno, la bestia leggendaria riuscì a rispedire le Ultracreature da dove provenivano, salvando la popolazione della regione. Con il passare del tempo, il popolo di Alola forgiò il Flauto Solare, nella speranza che potesse rievocare la bestia in caso di bisogno; nel corso dei millenni, il flauto fu perduto, per essere ritrovato solo durante gli eventi dell'Ultracrisi. Essendo visto come l'emissario del Sole, il potere di Solgaleo deriva dal sole nascente, e la sua mossa peculiare, Astrocarica, è la rappresentazione perfetta della potenza lucente che può impiegare verso chiunque osi opporsi a lui. Sebbene nelle leggende venga descritto come un essere maschile, in realtà la tecnologia moderna non riesce ad identificare il suo sesso. La sua capacità di aprire gli Ultravarchi gli permette di viaggiare in universi paralleli, un potere incredibile perfino per un Pokémon leggendario.

 

Ultracreature: Celesteela, Kartana e Stakataka

Queste Ultracreature sono classificate come Pokémon Acciaio non necessariamente per la loro biologia, ma più per il materiale di cui è composto il loro corpo. Nel caso dei Celesteela, la loro anatomia interna è molto più simile a quella di un motore, che a qualsiasi altra cosa di scientificamente conosciuto; tutto il loro corpo è ricoperto da una robusta corazza metallica che garantisce loro abilità offensive e difensive addirittura superiori a molti Pokémon di tipo Acciaio. Nel caso dei Kartana, la loro classificazione di tipo Acciaio è dovuta alla loro capacità di tagliare qualsiasi cosa tocchino, ciò sembra essere principalmente dovuto ad un composto lucido non completamente identificato che ricopre il loro corpo; i loro bordi sono incredibilmente taglienti in qualsiasi zona del corpo, basti pensare che perfino i metalli più spessi fanno fatica a resistere ai loro colpi, motivo per cui le loro capacità sono facilmente ricollegabili a quelle di altri Pokémon Acciaio. Gli Stakataka sono gli unici la cui classificazione di tipo Acciaio è direttamente collegata all'alta quantità di metallo che ne compone il corpo e la corazza che ricopre ogni singola unità vivente che lo costituisce, conferendo loro un'enorme resistenza fisica da essere quasi impossibile da penetrare con mosse convenzionali.

 

Super-Divinità Ripristinata della Luce: Necrozma (Criniera del Vespro)

Sebbene sia classificato di tipo Psico puro nella sua normale forma, Necrozma può cambiare tipo quando ripristina almeno parte del suo potere originario. Essendo attratto da grandi fonti energetiche e luminose, questa creatura ha la capacità di fondersi e controllare altri esseri che possiedono una luce simile a quella che una volta era emanata dal suo corpo; nel caso di questa forma, esso ottiene caratteristiche di tipo dovute ad una fusione che garantisce il controllo su Solgaleo, facendogli assumere la forma Criniera del Vespro. In questo stato è classificato come un Pokémon di tipo Psico/Acciaio e ha accesso alla mossa Astrocarica (nonché alla Mossa Z corrispettiva Supercollisione Solare) e statisticamente viene potenziato al punto da assomigliare alla creatura di cui si è impossessato. L'ospite, ovvero Solgaleo, è incapace di rimuovere quest'influenza almeno che Necrozma non sia gravemente danneggiato o non venga espulso a forza tramite il dispositivo noto come Necrosolix. 

 

Multigeni: Silvally (Tipo Acciaio)
Queste creature sono forme di vita sintetiche basate su una combinazione di componenti robotici e tessuto cellulare basato su ogni singolo tipo Pokémon. Essi sono stati creati per dare la caccia alle Ultracreature e dovevano essere dotati di un Sistema Primevo sperimentale che avrebbe permesso loro di sfruttare la potenza di qualsiasi tipo esistente, in modo da avere un vantaggio contro qualsiasi nemico che avrebbero potuto incontrare. Tuttavia tutte e tre le creature prototipo hanno respinto il Sistema Primevo una volta installato e si sono ribellate, di conseguenza fu prodotto qualcosa per limitare la loro potenza e sigillare parte del loro potere per renderli nuovamente docili e controllabili. Dopo ciò il loro nome originale fu cambiato da Omnitipo a Tipo Zero per riflettere questo loro fallimento; tuttavia in seguito si scoprì il modo per far emergere il loro vero potere, ovvero stringere un legame d'amicizia con loro. Solo dopo aver stabilito un rapporto di fiducia queste bestie sarebbero state in grado di rimuovere i loro inibitori di potenza e avere il pieno controllo sulle loro abilità, causandone l'evoluzione in Silvally e potendo anche sfruttare la potenza e la versatilità del Sistema Primevo.

 

Super-Entità: Arceus (Tipo Acciaio)

Arceus è il Pokémon che si pone al di sopra di qualsiasi altro Pokémon esistente, visto come il creatore dell'universo e un organismo simile ad una divinità, infatti gli avvistamenti di Arceus sono stati estremamente pochi durante tutta la storia dell'umanità, rendendo le informazioni riguardo i suoi poteri limitate. Sappiamo che nonostante sia normalmente di tipo Normale può apprendere quasi qualsiasi attacco e ha la capacità di mutare la propria biologia e quindi può ottenere le caratteristiche di qualsiasi tipo classificato fino ad ora, grazie a questa capacità assieme all'attacco Giudizio può essere riconosciuto tra gli esseri più potenti conosciuti.

Tipi avvantaggiati/svantaggi (offensivo)

Spoiler

Vantaggi contro il tipo Ghiaccio: Le armature metalliche normalmente sono note per essere buone protezioni di calore e freddo, ma quest'ultima è più sicura dal momento che non causa la fusione del metallo. Questo principio può essere in un certo senso applicato anche con i Pokémon Ghiaccio, infatti gli attacchi Acciaio spesso possono passare attraverso il ghiaccio e il grasso (solitamente presente come protezione da parte dei mammiferi di tipo Ghiaccio) senza che il freddo abbia effetti negativi.

 

Vantaggi contro il tipo Roccia: Sebbene le corazze rocciose siano abbastanza resistenti da proteggere il Pokémon dagli attacchi più convenzionali, gli attacchi Acciaio sono abbastanza forti da riuscire a frantumare tali corazze, questo perché le armature rocciose sono più fragili e facilmente incrinabili rispetto a quelle formate da metalli temprati.

 

Vantaggi contro il tipo Folletto: Di solito i Pokémon Acciaio sono usati raramente per attaccare, tranne che contro avversari Roccia o Ghiaccio, tuttavia essi risultano essere molto utili offensivamente anche contro i Folletti. Il motivo di ciò non è ben chiaro, probabilmente è dovuto al fatto che i Folletti non riescono a resistere ad attacchi con un duro impatto, un impatto addirittura superiore a quello degli attacchi Roccia. Questo spiegherebbe per quale motivo vengano schiacciati dai Pokémon Acciaio con facilità, senza riuscire a difendersi più di tanto, neanche contro gli attacchi Acciaio più basilari. Sembra inoltre che il danno elevato sia dovuto alle proprietà riflettenti delle loro armature metalliche che riflette, appunto, la loro forza fatata, quindi non possono proteggersi in modo adeguato.

 

Svantaggi contro il tipo Fuoco: Differentemente dalle corazze rocciose, quelle metalliche sono molto sensibili alle alte temperature, debolezza di cui quasi ogni Pokémon Acciaio è consapevole, quindi psicologicamente parlando, è difficile per un Pokémon Acciaio colpire un Pokémon Fuoco con tutta la sua potenza, dal momento che ha il terrore di avvicinarsi troppo alle sue fiamme.

 

Svantaggi contro il tipo Elettro: La capacità dei Pokémon Elettro nell'usare l'elettricità come arma rende difficile ai Pokémon Acciaio causar loro danni visto le proprietà conduttive della loro corazza. Quando un Pokémon Acciaio usa un attacco fisico Acciaio contro un Pokémon Elettro, il contatto fisico fa penetrare dell'elettricità nell'armatura e nel corpo facendo indebolire i muscoli del Pokémon e di conseguenza l'attacco; lo stesso principio si applica anche per gli attacchi a distanza, sebbene in questo caso l'energia contrastante dei due tipi indebolisca quella dell'attacco.

 

Svantaggi contro il tipo Acqua: Il motivo per cui i Pokémon Acqua sono resistenti agli attacchi Acciaio è rimasto avvolto nel mistero per alcuni anni e ancora oggi non è del tutto chiaro. Sembra che i Pokémon Acqua riescano a resistere a questi attacchi perché l'acqua che hanno in corpo agisce come una sorta di scudo concussivo interno, riuscendo ad assorbire non solo l'energia cinetica, ma anche a rispedirla al mittente, quindi i danni inflitti sono minori. Tuttavia sono in corso ulteriori ricerche per capire meglio questa relazione.

 

Svantaggi contro il tipo Acciaio: Come si può immaginare, la corazza dei Pokémon Acciaio è così forte da poter resistere agli attacchi del loro stesso tipo, caratteristica che i Pokémon Roccia non possiedono avendo una corazza più sensibile.

Tipi avvantaggiati/svantaggi (difensivo)

Spoiler

Resistente ai tipi Erba, Psico, Ghiaccio, Drago e Folletto: Oltre ad essere abbastanza robuste da resistere a molti attacchi fisici, le armature metalliche sono in grado di riflettere attacchi basati sull'energia o sugli attributi elementali, è proprio questo a rendere così difficile danneggiare gravemente un Pokémon Acciaio in battaglia; gli unici in grado di penetrare questa corazza sono gli attacchi Buio e Spettro, per gli altri tipi invece questa regola è abbastanza uniforme.

 

Resistente ai tipi Normale, Acciaio, Roccia, Coleottero e Volante: Le armature metalliche sono abbastanza forti da poter resistere ai colpi fisici più convenzionali e anche quelli a distanza, di conseguenza i Pokémon di questo tipo hanno una grande resistenza anche agli attacchi prevalentemente fisici.

Debole al tipo Fuoco: Una delle più grandi debolezze (forse addirittura la più grande) dei Pokémon Acciaio è quella al Fuoco: mentre la loro armatura può resistere al freddo senza che causi alcun problema, se riscaldata essa viene compromessa, in quanto inizia ad avvicinarsi al punto di fusione. Di conseguenza i Pokémon Acciaio sono per natura deboli ai Pokémon Fuoco, eccetto quelli che appartengono ad un tipo resistente ad esso o che possiedono caratteristiche che li proteggono.

 

Debole al tipo Lotta: Anche se molto più robuste delle armature rocciose, quelle metalliche sono suscettibili ai potenti colpi dei Pokémon Lotta, tanto da poterla incrinare e comprometterla con facilità, sfruttando la pochissima elasticità ed esercitando attacchi di grande potenza fisica o energetica come Forzasfera.

 

Debole al tipo Terra: Proprio come per il tipo Lotta, la rigidità di queste corazze metalliche rende i Pokémon che le possiedono deboli contro attacchi che sfruttano fango, sabbia o peggio ancora onde sismiche in grado di compromettere questa loro difesa.

 

Immunità al tipo Veleno: Mentre le armature rocciose hanno una composizione più porosa lasciando spazi in cui le tossine possono penetrare, le armature metalliche d'altro canto sono compatte e non possiedono alcuna zona in cui queste sostanze possono entrare, di conseguenza nessun attacco Veleno riuscirà a penetrare lo strato esterno dell'armatura e siccome i colpi fisici senza le tossine sono molto deboli, la corazza può assorbire l'impatto annullando qualsiasi danno degli attacchi Veleno.

Difficoltà ad usarli/Requisiti per allenamenti specializzati

Spoiler

Generalmente il tipo Acciaio è difficile da usare anche per gli allenatori più esperti e per coloro abituati alle strategie offensive, in compenso se si vuole usare strategie più difensive, allora gli allenatori più inesperti possono trovarsi molto bene con essi. Nonostante tutto, i tipi a cui sono deboli non sono poi così comuni quindi è facile mettere in difficoltà i nemici sebbene generalmente abbiano una resistenza speciale abbastanza scarsa, tuttavia resistendo a lungo possono indebolire i loro nemici per poi lasciare ad altri Pokémon l'opportunità di finirli. Molte specie sono davvero difficili da allenare da parte di allenatori inesperti e altre sono addirittura molto rare, quindi non è frequente vedere un giovane allenatore con un Pokémon Acciaio in squadra; per quanto riguarda quelli che allenano Pokémon da tempo è altamente probabile che ne abbiano almeno uno che svolge un ruolo difensivo. Quasi tutti i Pokémon di questo tipo inoltre sono di doppio tipo, di conseguenza avranno ancora meno debolezze, basti pensare a Pokémon come Scizor o Forretress, quindi affrontarli può essere arduo se non si possiede qualcuno in grado di sfondare queste loro difese facilmente. E' interessante notare che generalmente i Pokémon Acciaio più giovani tendono ad essere abbastanza amichevoli, per poi diventare più aggressivi e pericolosi con l'avanzare dell'età, diventando anche accessibili solo per gli allenatori con più esperienza, questo non vale per Skarmory o la famiglia evolutiva di Bisharp, i quali sono violenti sin dalla nascita e se non si sta attenti una loro aggressione potrebbe anche essere fatale; fortunatamente i Pokémon di questo tipo sono molto intelligenti e non ci vuole molto tempo per addomesticarli e renderli compagni di battaglia letali. Gli allenatori che desiderano formare un team difensivo sicuramente avranno bisogno di perdere tempo per addestrare Pokémon come questi, ma il risultato finale sarà senz'altro soddisfacente. L'unico problema che si riscontra nello specializzarsi nel tipo Acciaio è stare attenti alle temperature visto che sono pochi i Pokémon Acciaio in grado di sopportare il calore. Non si tratta di certo del tipo più offensivo, ma se cercate Pokémon resistenti o che possano far perdere tempo al vostro avversario, allora il tipo Acciaio fa al caso vostro.

Sandshrew

20940b_5ef1c234c3264d0091d94c3cf5fccd06~mv2.png

Spoiler

Sandshrew (noto come Pokémon Topo) è un Pokémon relativamente non molto comune di tipo Terra  (Ghiaccio/Acciaio nella regione di Alola) che vive nelle pianure erbose, in zone desertiche e nelle cime delle montagne ghiacciate delle regioni di Kanto, Johto, Hoenn, Unima, Kalos, AlolaAuros e altre regioni nel Nord e Sud America, anche se raramente è stato visto nella regione di Sinnoh. Tenaci e resistenti per natura, i Sandshrew sono simpatici cugini alla lontana di alcuni dei roditori più conosciuti, che però si sono adattati a vivere in ambienti aridi alla perfezione. Anche se non sembrano molto pericolosi, state certi che possono risultare molto resistenti una volta che si sono appallottolati, e senza attacchi Acqua o Erba, sconfiggerli poi può essere complicato!
La pelle dei Sandshrew è progettata per trattenere l'acqua con la massima efficienza, permettendo loro di vivere alla perfezione negli ambienti più aridi, senza dover bere quasi per niente, ciò però li rende vulnerabili all'idratazione e quindi agli attacchi Acqua o anche alla normalissima acqua, motivo per cui sono classificati come Pokémon Terra. Per questo motivo si costruiscono tane profonde e lontane da qualsiasi fonte d'acqua, e fatte in modo da evitare facilmente le inondazioni, motivo per cui i deserti sono habitat molto attraenti per questa specie, visto che la sabbia è utile non solo per accecare i nemici, ma anche per assorbire grandi quantità d'acqua in modo rapido ed efficace, portandoli addirittura a cospargere il loro corpo con essa per resistere all'umidità, per questo durante le notti fredde non è difficile vedere delle gocce di rugiada che scendono dal loro corpo, l'unico problema è che così non possono proteggersi dal calore, a differenza della loro evoluzione Sandslash, per questo escono solo per cacciare, preferendo tuttavia rimanere nelle vicinanze della tana e sbucando solo quando una preda è abbastanza vicina da essere catturata.
Visto che la pelle dei Sandshrew è molto spessa e resistente essendo loro dei pangolini, hanno una resistenza fisica davvero elevata considerando le loro ridotte dimensioni, inoltre questa loro pelle è molto flessibile, il che la rende perfetta per assorbire gli urti più violenti, per questo quando vogliono difendersi si appallottolano in sfere quasi perfette, potendolo fare ad una velocità incredibile a causa di un riflesso nervoso, riuscendo addirittura ad incassare i più forti attacchi fisici. Dal momento che la loro pelle è molto elastica e può ammortizzare gli urti, possono addirittura cadere da grandi altezze e rimbalzare come fossero delle palle di gomma, anche se questo meccanismo di difesa è stato sviluppato per meglio sopravvivere nei deserti, risultando efficaci anche nelle zone montane. Questa loro tecnica difensiva è anche pericolosa in battaglia, visto che avversari bipedi potrebbero afferrarli ed usarli come fossero palloni da basket; il rischio più grande però non sono i danni, ma il fatto che potrebbero ritrovarsi disorientati, cosa che gli allenatori devono tenere bene a mente, visti i limiti fisici che hanno questi Pokémon.

E' noto che i Sandshrew sono una delle poche specie di Pokémon che possiedono una variante unica della regione di Alola. In questa regione queste creature sono classificate di tipo Ghiaccio/Acciaio e possiedono l'abilità Mantelneve anziché Sabbiavelo o in casi rarissimi Spalaneve anziché Remasabbia, inoltre possono apprendere le mosse Pazienza, Polneve, Palla Gelo, Ferrartigli, Ferroscudo, Metaltestata, Grandine e Bora al posto di Turbosabbia, Velenospina, Rotolamento, Magnitudo, Sabbiotomba, Fossa, Terrempesta e Terremoto; la loro resistenza complessiva è anche leggermente minore, mentre l'attacco speciale è leggermente maggiore. Anche se in passato i Sandshrew di Alola abitavano nei deserti come nelle altre regioni, le comuni eruzioni vulcaniche li hanno portati a migrare dal deserto fino alle vette delle montagne di Alola, costringendoli ad adattarsi al clima freddo e pungente di questo nuovo habitat. Per poter sopravvivere alle basse temperature di montagna, queste creature hanno sviluppato una pelle spessa e dura come l'acciaio ed un guscio di ghiaccio per isolarsi dal freddo e per mantenere la temperatura corporea stabile, motivo per cui sono stati riclassificati di tipo Ghiaccio/Acciaio. Questo guscio non solo li protegge dal freddo, ma anche dagli attacchi dei nemici e permette loro di nascondersi, tuttavia il maggiore peso rende più difficoltoso per loro appallottolarsi come la loro variante normale; questo peso aggiuntivo rende anche più complicato il solo camminare, cosa che però è compensata dai loro artigli, anch'essi cambiati per poter camminare e scavare nel ghiaccio senza scivolare. Quando si sentono in pericolo, come ultima risorsa scivolano sul ghiaccio sulla pancia come fossero dischi da hockey, tanto che esiste una tradizione ad Alola dove durante le feste si fanno scivolare i Sandshrew lungo una lunga lastra di ghiaccio per vedere chi arriva più lontano. Sebbene non siano versatili come la loro controparte normale, queste creature sono parecchio resistenti e possono facilmente vivere senza problemi, peccato che siano tra i cibi preferiti degli Weavile in natura. L'unico vero problema per gli allenatori è che con questo nuovo stile di vita non si evolvono più in condizioni normali, i Sandshrew di Alola infatti si evolvono solo tramite le radiazioni di una Pietragelo, una pietra evolutiva che si trova solo nella regione di Alola, anche se l'aumento di potenza che ricevono compensa la fatica nel trovare uno di questi minerali.
Anche se non sono molto veloci e non possono infliggere molti danni, i Sandshrew restano creature molto interessanti che possono rivelarsi compagni perfetti per i giovani allenatori. Con una pelle molto resistente e una tenacia che li porta ad attaccare i loro nemici con i piccoli artigli, state certi che questi abitanti del deserto possono combattere decentemente se ben allenati. Se conoscete qualcuno che ama il deserto, potreste considerare l'idea di regalargli uno di questi Pokémon, a patto che non sia un patito del basket, in quel caso potranno rivelarsi dei compagni perfetti!

Sandslash

20940b_57b0addce4084723add25b008cae5316~mv2.png

Spoiler

Sandslash (noto come Pokémon Topo) è un Pokémon non molto comune di tipo Terra (Ghiaccio/Acciaio nella regione di Alola) che vive nelle pianure erbose, nelle zone desertiche e nelle cime delle montagne ghiacciate delle regioni di Kanto, Johto, Hoenn, Unima, Kalos, AlolaAuros e altre regioni  nel Nord e Sud America, anche se raramente è stato visto nella regione di Sinnoh. Resistenti ed astuti oltre ogni immaginazione, i Sandslash sono creature subdole che abbattono gli avversari tramite il loro dorso spinato per poi farli a pezzi con gli affilati artigli. Se volete affrontare questi Pokémon spinosi, assicuratevi di averne uno con una resistente corazza, altrimenti vi ritroverete il vostro Pokémon ridotto ad un puntaspilli!
Quando i Sandshrew si evolvono, la loro pelle s'indurisce e si spezza, creando una serie di aculei affilati simili a delle squame che ricoprono il dorso di questi pangolini. Anche se questi aculei sono duri come la pietra, sono comunque organici e tendono a cadere una volta all'anno per poi ricrescere. Nonostante il cambiamento, possono ancora appallottolarsi per difendersi, ma la presenza degli aculei li aiuta a prevenire eventuali danni interni dovuti al rimbalzo e li rende pericolosi anche solo toccandoli; questi aculei, oltre ad offrire una protezione fisica, servono anche per proteggerli dalle alte temperature, impedendo ai Sandslash di avere colpi di caldo durante le giornate più roventi. Possiedono addirittura un maggiore controllo del proprio sistema muscolare interno, ciò permette loro di muoversi liberamente anche quando appallottolati, potendo addirittura colpire i loro nemici anche in questa posizione, oltre a garantire una maggiore velocità di movimento; proprio a causa dei loro rapidi movimenti, possono lasciare detriti e sabbia dietro di loro, creando addirittura minuscole tempeste di sabbia con cui accecano e danneggiano i loro avversari, riuscendo a scoraggiare anche i nemici più ostici.
Oltre agli aculei sul dorso, i Sandslash sviluppano anche lunghi artigli, rendendoli avversari ancora più temibili, in battaglia infatti sono soliti usarli per colpire i nemici più violentemente una volta che essi sono stati storditi con gli aculei dorsali. Grazie alla forma ricurva di questi, sono in grado di lacerare facilmente la carne ed infliggere gravi danni a qualsiasi avversario non corazzato, motivo per cui apprendono Tritartigli non appena evoluti. Come se non bastasse, la loro forma li rende perfetti per permettere a questi Pokémon di arrampicarsi sugli alberi, rendendoli ancora più pericolosi in zone boschive, infatti grazie alla copertura garantita dalle foglie, possono attaccare furtivamente buttandosi contro il nemico da un ramo conficcando i loro aculei nella carne dell'avversario. In pratica però gli artigli sono stati sviluppati principalmente per scavare grosse tane, visto che con questa forma spostano facilmente la sabbia, sfortunatamente sono molto rigidi e se applicata molta forza possono spezzarsi, per questo quando scavano stanno attenti se incontrano rocce o oggetti molto duri che potrebbero ostruire la loro strada; inoltre i loro artigli, se spezzati, possono ricrescere dopo circa 24 ore.

E' noto che i Sandslash sono una delle poche specie di Pokémon che possiedono una variante unica della regione di Alola. In questa regione queste creature sono classificate di tipo Ghiaccio/Acciaio e possiedono l'abilità Mantelneve anziché Sabbiavelo o in casi rarissimi Spalaneve anziché Remasabbia, inoltre possono apprendere le mosse Gelolancia (che apprendono appena evoluti), Metalscoppio e Scagliagelo; la loro resistenza complessiva è anche leggermente minore, mentre l'attacco speciale è moderatamente maggiore. Dopo aver esposto un Sandshrew di Alola alle radiazioni di una Pietragelo, il guscio placcato di ghiaccio arrotondato che ricopre la pelle di queste creature cresce fino a diventare una serie di massicci aculei di ghiaccio tagliente sulle loro spalle, che servono sia per mimetizzarsi che come mortale arma offensiva, dal momento che gli aculei possono facilmente penetrare la carne causando ferite gravissime e profonde che spesso richiedono serie attenzioni mediche per essere curate. Questi Pokémon solitamente sono abbastanza pacifici e in genere prediligono nascondersi dagli attacchi dei predatori, sotterrandosi nella neve lasciando solo gli aculei visibili così da difendersi nel caso in cui il camuffamento fallisse. Proprio come la loro pre-evoluzione, la corazza e le spine di ghiaccio rendono difficile spostarsi tramite le zampe e anche appallottolarsi, in compenso però hanno enormi artigli con cui riescono a farsi strada tra la neve ed il ghiaccio del loro habitat naturale. E' curioso notare che i polveroni di neve che causano durante gli scavi sono spesso considerati magnifici dagli abitanti di Alola, tanto che è popolare fotografarli, purtroppo però, visto che i Sandslash vivono sulle cime delle montagne di Alola, dove è facile perdersi e sono dunque considerati luoghi pericolosi, è spesso vietato ai civili andare in queste zone senza dei permessi ufficiali. Come con i normali Sandslash, anche quelli di Alola per gli accoppiamenti sono soliti combattersi fra loro per dimostrarsi più forti, è dunque consigliato evitarli durante queste battaglie, visto che i loro aculei possono anche causare dei lievi congelamenti ed è saggio tenersi alla larga da essi.
Di sicuro non gradiscono vivere vicino all'acqua, ma di certo i Sandslash sono avversari tosti in grado di fare a pezzi qualsiasi nemico senza corazza come nulla fosse. Anche se hanno limitate mosse Terra, possono comunque farsi strada tra i loro avversari, lacerandoli con poca difficoltà. Se mai ne voleste catturare uno, non fatelo durante la stagione degli amori: poche cose sono peggiori nel farsi attaccare da un branco di palle spinate senzienti!

Diglett

20940b_95ed278eb1b1450687475dc201ef4f3a~mv2.png

Spoiler

Diglett (noto come Pokémon Talpa) è un Pokémon non molto comune di tipo Terra (Terra/Acciaio nella regione di Alolache vive nelle caverne e nelle zone con terreno fertile delle regioni di Kanto, SinnohKalos ed Alola anche se raramente è stato visto nelle regioni di Johto ed Hoenn. Anche se molto deboli e vulnerabili ai danni, i Diglett restano creature adorabili che possono superare in astuzia molti avversari in lotta con i loro sorprendenti riflessi. Seppure incapaci di infliggere o subire molti danni, di sicuro saranno in grado di mettere in difficoltà i nemici con un frustrante Acchiappa la Talpa!
I Diglett sono creature sotterranee che spendono quasi tutta la loro vita sotto terra nelle zone con terreni fertili ed asciutti. La loro pelle è molto sottile e delicata, tanto che vengono subito riscaldati quando esposti alla luce solare, ciò però significa che possono morire se esposti al sole per oltre due ore, per questo motivo espongono solo la testa in superficie, lasciando il resto del corpo sotto terra. Nonostante l'uso di scanner e altri attrezzi per scoprire com'è fatta la parte inferiore del loro corpo, ancora oggi nessuno sa dare una risposta concreta a questo quesito, l'unica cosa certa è che hanno le zampe. Comunque sia il loro aspetto, i Diglett sono molto agili, in grado di scavare tunnel a velocità inimmaginabili nonostante le piccole dimensioni, senza contare che sbucano e si rintanano di continuo per stancare i predatori, ed è proprio questo loro comportamento ad aver dato ispirazione al famoso gioco "Acchiappa la Talpa", titolo adatto visto che i Diglett sono proprio delle talpe. Purtroppo questa loro velocità è utile solo sulla difensiva, visto che non sono in grado di causare molti danni, dunque neanche per i giovani allenatori difficilmente possono rivelarsi combattenti utili.
Nonostante la loro debolezza, i Diglett sono molto comuni nelle aziende agricole di tutta Kanto, in quanto svolgono un compito molto importante, ovvero la lavorazione del terreno. Dal momento che si muovono scavando nel terreno, lasciano dietro di loro del terriccio più morbido, facilitando di conseguenza la coltivazione e la crescita di piantagioni, rendendo questa specie essenziale per gli alimenti nelle regioni in cui vivono, ed è proprio questo ad aver salvato la specie, visto che sono considerati fastidiosi a causa dei danni delle fondamenta di molti edifici causati dai loro deboli Magnitudo. Altra cosa che bisogna ricordarsi è che loro si nutrono di radici, quindi è possibile che usarli per l'agricoltura li porti anche a danneggiare le pianta mangiando le loro radici, uccidendole prima che siano completamente cresciute; fortunatamente però quasi tutti gli agricoltori lo sanno e proteggono le loro piantagioni con reti metalliche per evitare che i Diglett possano raggiungerle. Ma l'opera più nota dei Diglett e dei Dugtrio è la Grotta Diglett, un enorme tunnel nella regione di Kanto creato proprio da queste creature, le quali sono anche le uniche che lo abitano.

E' noto che i Diglett sono una delle poche specie di Pokémon che possiedono una variante unica della regione di Alola. In questa regione queste creature sono classificate di tipo Terra/Acciaio e possiedono la peculiare abilità Boccolidoro anziché Trappoarena, inoltre possono apprendere le mosse Ferrartigli e Metaltestata al posto di Graffio e Lacerazione; la loro velocità è minimamente minore, mentre la loro resistenza fisica è minimamente superiore. Anche se complessivamente lo stile di vita dei Diglett di Alola è molto simile a quello della loro variante normale, tanto da essere anch'essi usati dagli agricoltori di Alola per aiutare nella coltivazione, in risposta agli ambienti vulcanici presenti nelle isole, queste creature hanno sviluppato un sottile strato di materiale metallico sotto la loro pelle che serve per riflettere il calore sprigionato dal magma sotterraneo (motivo per cui sono in parte classificati di tipo Acciaio) e possiedono tre peli sulla sommità del capo formati da filamenti metallici presenti nel terreno locale. Questi peli sono rivestiti da cellule sensoriali con le quali i Diglett possono lasciare i peli fuori dal terreno per rilevare i movimenti in superficie, una funzione vitale anche per prevedere attività magmatica ed imminenti eruzioni, salvandoli da un destino a dir poco macabro. I Diglett di Alola si sono adattati anche per poter esprimere i loro sentimenti muovendo i loro peli in un certo modo. Dagli studi compiuti finora sembra che quando si rizzano sono arrabbiati, quando oscillano sono di buon umore, quando ondeggiano significa che sono in allerta e quando si afflosciano significa che si sentono soli o tristi. Anche se sempre deboli, questo adattamento conferisce ad alcuni Diglett di Alola l'abilità Boccolidoro, con cui riescono a rallentare qualsiasi Pokémon li attacchi direttamente, in questo modo possono contrattaccare più facilmente o fuggire del tutto dallo scontro.
Potrebbero non essere in grado di resistere a lungo in battaglia, ma restano esseri molto agili, capaci di colpire i nemici con attacchi deboli. Solo dopo l'evoluzione possono avere accesso ad attacchi Terra ben più potenti, ma non cercate di colpirli con un martello: anche se ciò vi ricorda i vostri giochi d'infanzia, i Diglett potrebbero vendicarsi scavando intorno a voi per farvi cadere!

Dugtrio

 Artwork051-Alola.png

Spoiler

Dugtrio (noto come Pokémon Talpa) è un Pokémon relativamente raro di tipo Terra (Terra/Acciaio nella regione di Alola) che vive nelle caverne e nelle zone con terreno fertile delle regioni di Kanto, SinnohKalos ed Alola, anche se raramente è stato visto nelle regioni di Johto ed Hoenn. Anche se non proprio adatti per i combattimenti prolungati, i Dugtrio restano creature minacciose in grado di far sprofondare i loro avversari prima che possano colpire. Seppure incapaci di sopportare molti danni, questi Pokémon possono scavare tunnel con una velocità inimmaginabile!
Dal momento che i Diglett sono molto deboli ai combattimenti, sono costretti a scappare il più delle volte, per questo motivo ad un certo punto della loro vita, i Diglett subiscono una mutazione che li porta a clonarsi fino ad avere tre corpi e a fonderli tra loro, formando Dugtrio. Dal momento che ogni corpo di Dugtrio è identico a quello di un Diglett, ognuno di essi agisce in modo distinto, sebbene pensino come un unico essere, dato che il loro sistema nervoso è collegato... o almeno è ciò che viene teorizzato dai ricercatori. Come per i Diglett, anche loro sembrano avere delle zampe, inoltre continuano ad avere una sottile pelle che li rende sensibili alla luce solare, per questo rimangono in superficie solo per pochissimi minuti, ma ciò non è un problema dal momento che si nutrono di radici e si spostano sotto terra evitando il pericolo di venire attaccati; preferiscono comunque scappare anziché combattere, vista la loro velocità nello scavare tunnel, di conseguenza non hanno predatori naturali, dato che nessuno pensa che valga la pena cacciarli, vista la fatica per catturarne uno.
Come i Diglett, anche i Dugtrio sono famosi per le loro abilità nello scavare, infatti sono in grado addirittura di muoversi più velocemente dei Diglett nonostante siano più grandi, questo perché muovendo alternativamente le teste, riescono ad ammorbidire il terreno circostante, potendo scavare tunnel più facilmente ad una velocità impressionante, senza contare che nonostante la sottile pelle, possono raggiungere anche i 100 km di profondità, ma a causa della pressione non possono andare oltre. Scavare a velocità così elevate, può portare gruppi di Dugtrio a causare parecchi problemi alle persone in superficie, visto che generano terremoti, fortunatamente però questi sono più deboli dei terremoti naturali, ma ciò può renderli avversari tosti, dato che possono usare Terremoto a velocità sbalorditive, sebbene sia più debole di quello usato da altri Pokémon e non risulti particolarmente pericoloso contro avversari resistenti. La loro nuova forma fisica ed agilità però consentono loro di usare nuove tecniche come Tripletta, Sabbiotomba, Nottesfera ed Aracampo; nonostante tutti questi vantaggi in più rispetto ai Diglett, è difficile usarli per i lavori nei campi visto che potrebbero danneggiare accidentalmente il terreno. L'opera più nota dei Diglett e dei Dugtrio è la Grotta Diglett, un enorme tunnel nella regione di Kanto creato proprio da queste creature, le quali sono anche le uniche che lo abitano.

E' noto che i Dugtrio sono una delle poche specie di Pokémon che possiedono una variante unica della regione di Alola. In questa regione queste creature sono classificate di tipo Terra/Acciaio e possiedono la peculiare abilità Boccolidoro anziché Trappoarena, inoltre possono apprendere le mosse Ferrartigli e Metaltestata al posto di Graffio e Lacerazione; la loro velocità è leggermente minore, mentre la loro resistenza fisica è leggermente superiore. Proprio come i Diglett di Alola, si possono distinguere dalla loro variante normale dai peli che hanno in testa, anche se ora si sono sviluppati in lunghe ciocche di metallo dorato che li aiuta sia a proteggersi dal calore sotterraneo che per sondare la superficie mentre sono sottoterra. I peli mantengono la loro flessibilità anche dopo l'evoluzione, ma sono molto più resistenti e forti e continuano a crescere per tutta la loro vita. E' interessante notare che nella regione di Alola, i Dugtrio di Alola sono venerati come le incarnazioni di un'antica divinità donna della terra e sono trattati con grande riverenza nella cultura locale, tanto che i nativi sono soliti inginocchiarsi ed inchinarsi quando ne vedono uno sbucare fuori dalla tana. Queste loro credenze sono prese così seriamente che molti credono che chiunque tagli una loro ciocca riceverà una punizione divina, per questo non è raro vedere dei turisti che fanno ritorno per restituire i capelli che hanno preso per timore di questa maledizione. Alcuni superstiziosi credono addirittura che questi Pokémon emergano solo quando un' eruzione vulcanica è imminente, per questo scappano alla vista di questi esseri; quest'ultima credenza non è infondata, dal momento che usano i loro peli per rilevare i movimenti del sottosuolo potendo prevedere eruzioni imminenti, e quando emergono in massa, allora c'è motivo di entrare nel panico. Nonostante tutto i Dugtrio di Alola sono combattenti niente male e i migliori Pokémon sotterranei della regione, sebbene siano comunque tra i Pokémon completamente evoluti che un allenatore possa avere.
Vederli in qualche torneo ufficiale potrebbe essere difficile, ma nonostante i loro limiti, i Dugtrio restano combattenti di tutto rispetto che compensano la scarsa vitalità e resistenza con la grande velocità in qualsiasi terreno, tanto da essere i Pokémon Terra più veloci in assoluto assieme ad Arceus, permettendo loro di sfruttare le loro mosse Terra in maniera totalmente singolare, tanto da sconfiggere pure nemici più grandi di loro. Cercate solo di non farli girovagare in città, visto che poi potrebbero causare accidentalmente non solo danni alle strade, ma anche agli edifici circostanti!

Magnemite

200px-Artwork081.png

Spoiler

Magnemite (noto come Pokémon Magnete) è un Pokémon relativamente comune di tipo Elettro/Acciaio che vive dentro e nelle vicinanze delle centrali elettriche o altre fonti di energia elettrica nelle regioni di KantoJohtoHoennSinnohSettipelagoUnima ed Alola. Anche se potrebbero sembrare deboli, in realtà  i Magnemite sono potenti creature che possono facilmente folgorare i loro nemici. Se mai doveste allenarne uno, tenetelo lontano da centrali elettriche attive: forse uno potrebbe non creare problemi, ma se mai dovesse attirarne altri, allora saranno guai seri!

La famiglia evolutiva dei Magnemite ha un'origine davvero ricca ed interessante essendo i primissimi Pokémon artificiali moderni e anche quelli più conosciuti. Prima ancora del lavoro di Nikola Tesla, pochissime persone tentarono di creare Pokémon artificialmente, almeno senza usare enormi macchinari, rendendo l'essere troppo grande per consentirgli di essere autonomo. Quando Nikola Tesla fece nascere il suo motore, venne creata rapidamente la bobina di Tesla; tale invenzione sconvolse l'umanità  e cambiò la tecnologia moderna dell'epoca in pochissimo tempo. Un gruppo di ricerca sconosciuto iniziò a fare degli esperimenti con le bobine di Tesla per poter creare qualcosa di incredibile. Utilizzando la corrente alternata, riuscirono a permettere un flusso di energia elettrica senza l'ausilio di cavi elettrici, creando un motore asincrono il quale permise il flusso di un'enorme quantità  d'energia in un oggetto molto piccolo. Con l'utilizzo della bobina di Tesla riuscirono a far fluire in sincronia correnti ad alta e bassa tensione: la bassa avrebbe permesso di trasformare l'energia in raffiche elettriche all'interno della macchina, mentre quella alta funzionamenti complessi che avrebbero arrecato danni gravi in creature biologiche. Per anni lavorarono duramente su questo progetto e così nacque il primo Pokémon artificiale moderno: Magnemite. Anche se l'attuale design dei Magnemite sembra molto rozzo, questo è dovuto ai pochissimi cambiamenti che furono fatti a questi Pokémon con il passare degli anni, risultando quindi identici esteticamente ai loro antenati. La loro creazione fu possibile grazie alle correnti alternate che potevano essere usate anche in macchinari molto piccoli, il motore asincrono invece è ciò che dà  potenza a tutto il corpo, mentre la bobina di Tesla serve per trasferire l'energia ad alta tensione senza effetti negativi. Inutile dire che il gruppo di ricerca era esaltato da tale creazione e nonostante la parte più difficile del lavoro fu tecnicamente fatta da Tesla, esso si rifiutò di considerare sua tale creazione e decise di lasciare il merito al gruppo di ricerca. Nonostante ciò Tesla riuscì a permettere la creazione in massa di queste creature che furono spesso usate per esperimenti sull'energia elettrica. Inizialmente Tesla aveva erroneamente classificato questi esseri come Elettro puro, ma siccome venne scoperto il tipo Acciaio, esso e la sua evoluzione furono riclassificati come Elettro/Acciaio.

Magnemite possono generare campi elettromagnetici attorno al loro corpo, ciò serve per poter levitare siccome questo campo tende a respingere il magnetismo del pianeta; tuttavia non possono alzarsi molto da terra, motivo per cui non sono in grado di proteggersi da attacchi Terra, ma accelerando la rotazione dei magneti riescono ad incrementare la potenza del magnetismo, riuscendo a levitare più in alto e a proteggersi da questi attacchi (tale tecnica è nota come Magnetascesa); tale tecnica però gli consente anche di attirare oggetti metallici anche a 300 metri di distanza, ciò è dovuto all'energia elettrica al loro interno (che viene anche convertita in energia ad alta tensione che consente loro l'utilizzo della mossa Tuononda), ma siccome devono ricaricarsi ogni tanto, non è raro vedere dei Magnemite attorno a fonti elettriche; di solito questo non è un problema, visto che il loro corpo ha bisogno di pochissima energia per funzionare alla perfezione, ma quando sono in tanti, la cosa diventa problematica, ecco perché alcuni li considerano dei parassiti (anche se il motivo per cui sono spesso in gruppo è per facilitare l'evoluzione); a loro non importa da dove viene l'energia elettrica, infatti possono assorbirla anche dalle prese delle case, ma in questi casi non creano alcun problema. Per poter allenare un Magnemite è necessario ricaricarli costantemente, altrimenti smetteranno di levitare per poi spegnersi per sempre, ecco perché è una grande responsabilità  averne uno, ma come dimostra anche il loro attacco speciale, impiegano molto tempo prima di scaricarsi.

Anche se non sono i migliori Pokémon per arrecare danni, i Magnemite rimangono esseri molto forti che possono dare parecchi problemi agli allenatori più giovani, soprattutto se possiedono Pokémon Acqua o Volante, i quali non scorderanno in fretta le loro scosse. Potrebbe essere fastidioso fermarsi ogni tanto in una centrale elettrica per ricaricare il proprio Magnemite, ma facendolo costantemente non si dovrebbero avere problemi, però è sempre meglio farlo di giorno con il permesso dei proprietari, altrimenti potreste passare grossi guai se si venisse beccati a farlo durante la notte di nascosto!

Magneton

200px-Artwork082.png

Spoiler

Magneton (noto come Pokémon Calamita) è un Pokémon relativamente raro di tipo Elettro/Acciaio che vive dentro e nelle vicinanze delle centrali elettriche o altre fonti di energia elettrica nelle regioni di Kanto, Johto, Hoenn, Sinnoh, SettipelagoUnima ed Alola. Tre volte più potenti ed elettrizzanti della loro pre-evoluzione, i Magneton sono creature sorprendentemente forti che possono arrecare danni devastanti a qualsiasi stolto che osi sottovalutarli. Anche se a prima vista potrebbero non sembrare nulla di impressionante, ci ripenserete quando la vostra città  avrà  un blackout per colpa loro e dei loro fulmini. Questi trio possono mostrare livelli di elettricità  davvero impensabili!

La famiglia evolutiva dei Magnemite ha un'origine davvero ricca ed interessante essendo i primissimi Pokémon artificiali moderni e anche quelli più conosciuti. Prima ancora del lavoro di Nikola Tesla, pochissime persone tentarono di creare Pokémon artificialmente, almeno senza usare enormi macchinari, rendendo l'essere troppo grande per consentirgli di essere autonomo. Quando Nikola Tesla fece nascere il suo motore, venne creata rapidamente la bobina di Tesla; tale invenzione sconvolse l'umanità  e cambiò la tecnologia moderna dell'epoca in pochissimo tempo. Un gruppo di ricerca sconosciuto iniziò a fare degli esperimenti con le bobine di Tesla per poter creare qualcosa di incredibile. Utilizzando la corrente alternata, riuscirono a permettere un flusso di energia elettrica senza l'ausilio di cavi elettrici, creando un motore asincrono il quale permise il flusso di un'enorme quantità  d'energia in un oggetto molto piccolo. Con l'utilizzo della bobina di Tesla riuscirono a far fluire in sincronia correnti ad alta e bassa tensione: la bassa avrebbe permesso di trasformare l'energia in raffiche elettriche all'interno della macchina, mentre quella alta funzionamenti complessi che avrebbero arrecato danni gravi in creature biologiche. Per anni lavorarono duramente su questo progetto e così nacque il primo Pokémon artificiale moderno: Magnemite. Anche se l'attuale design dei Magnemite sembra molto rozzo, questo è dovuto ai pochissimi cambiamenti che furono fatti a questi Pokémon con il passare degli anni, risultando quindi identici esteticamente ai loro antenati. La loro creazione fu possibile grazie alle correnti alternate che potevano essere usate anche in macchinari molto piccoli, il motore asincrono invece è ciò che dà  potenza a tutto il corpo, mentre la bobina di Tesla serve per trasferire l'energia ad alta tensione senza effetti negativi. Inutile dire che il gruppo di ricerca era esaltato da tale creazione e nonostante la parte più difficile del lavoro fu tecnicamente fatta da Tesla, esso si rifiutò di considerare sua tale creazione e decise di lasciare il merito al gruppo di ricerca. Nonostante ciò Tesla riuscì a permettere la creazione in massa di queste creature che furono spesso usate per esperimenti sull'energia elettrica. Inizialmente Tesla aveva erroneamente classificato questi esseri come Elettro puro, ma siccome venne scoperto il tipo Acciaio, esso e la sua evoluzione furono riclassificati come Elettro/Acciaio.

Magnemite si possono evolvere in due modi, ma per entrambi devono essere abbastanza forti e aver ottenuto molta esperienza in lotta, se ciò accade allora potranno replicare il loro corpo ben due volte tramite materiali metallici attorno per poi unirsi a questi, oppure unendosi con altri due Magnemite nelle vicinanze (indipendentemente dal livello di potere degli altri due). L'unione dei tre campi elettromagnetici impedisce loro di creare tempeste elettriche casuali, ma ciò serve sopratutto per rendere impossibile la loro separazione; l'unione inoltre consente loro di combinare i loro poteri, di conseguenza saranno in grado di usare la mossa Tripletta Campo Elettrico (quest'ultima può essere appresa anche dai Magnezone). Mentre i Magnemite sono abbastanza innocui, i Magneton sono molto pericolosi per gli allenatori, questo perché il loro forte campo elettromagnetico ha ben due effetti negativi: qualsiasi oggetto meccanico non specializzato contro di loro verrà  letteralmente fritto se si trova nelle sue vicinanze. Altro effetto è che il campo elettromagnetico reagisce agli atomi che ci sono attorno aumentando la temperatura di circa 15° C nel raggio di un chilometro circa, quindi la loro presenza potrebbe trasformare un posto verdeggiante in uno sterile deserto nel giro di un'ora, siccome possono far evaporare l'acqua con facilità . Quindi i Magneton sono delle vere minacce, sia per le macchine che per gli esseri viventi, ecco perché molte città  sono munite di allarmi e sirene in modo da avvertire i cittadini nel caso in cui queste creature dovessero avvicinarsi, anche se questo è un evento estremamente raro e appaiono in sciami solo in enormi centrali elettriche avanzatissime dove i danni che possono fare sono pochi (la loro presenza in questi luoghi è dovuta alla loro dipendenza all'energia elettrica per poter sopravvivere). Quando molti Magneton sono vicini tra loro, i loro campi elettromagnetici combinati sono così potenti da poter destabilizzare completamente i segnali di qualsiasi torre radio; anche stare molto vicino a queste creature è pericoloso, siccome i loro campi possono disturbare le onde cerebrali causando forti dolori alle orecchie. Queste macchine tuttavia sono estremamente potenti in battaglia e possono essere usate dagli allenatori che già  sanno come prevenire ogni problema da loro causato, anche se poterne avere uno è molto difficile e quindi vengono usati da pochi. Una piccola curiosità  su di loro: tecnicamente il loro peso sarebbe tre volte quello di un Magnemite, ma a causa dei campi elettromagnetici, il loro peso è maggiore di quello che dovrebbe essere, anche se non può essere misurato con precisione a causa dei disturbi elettronici da loro prodotti, quindi ogni unità  peserebbe circa il 333,33% in più di quel che dovrebbe, ecco perché pesano circa 10 volte più della loro pre-evoluzione.

Anche se sono tra i Pokémon Elettro più pericolosi esistenti, i Magneton rimangono combattenti devastanti che possono ridurre in cenere quasi ogni loro nemico. Se mai vorreste usarne uno, si consiglia l'uso di tappi per le orecchie e indumenti in gomma e naturalmente mantenersi a distanza da loro, altrimenti una semplice folgorazione sarà  l'ultimo dei vostri problemi. State attenti a quali centrali vorreste usare per ricaricarli, non tutti i proprietari vedono di buon occhio questi esseri!

Forretress

200px-Artwork205.png

Spoiler

Forretress (noto come Pokémon Larva) è un Pokémon raro di tipo Coleottero/Acciaio che vive nelle foreste della regione di Johto e in alcune parti dell'America, anche se raramente è stato visto nelle regioni di Kanto, Hoenn, Sinnoh, Unima ed Alola. I Forretress sono creature impressionanti in grado di attaccare sia da lontano che da vicino con mosse molto potenti, e come siano realmente fatti è tutt'ora un grandissimo mistero. Se non possedete un forte Pokémon Fuoco dalla vostra parte, certamente qualsiasi scontro con questi insetti sarà  molto lungo, state solo attenti a non farvi colpire dalle protuberanze a cannone!

Quando un Pineco si evolve, avvolge tutto il corpo nella seta e attende una nottata intera per far sì che essa si indurisca abbastanza da completare l'evoluzione; infatti, grazie alle fredde temperature notturne, la seta si indurisce al punto da essere paragonata all'acciaio temprato, solo quando ciò accade questi Pokémon diventano noti come Forretress. Questo guscio duro come l'acciaio incrementa notevolmente la loro resistenza fisica e permette anche l'apprendimento delle mosse Sganciapesi Pesobomba, oltre al fatto che è impossibile toccare il loro vero corpo, tanto che ancora oggi sono totalmente ignote le loro fattezze dopo l'evoluzione di Pineco. Alcuni studiosi ritengono che in realtà  non mutano realmente, ma modificano solo il guscio, questo spiegherebbe perché i Pineco si riproducono facilmente anche senza evolversi, tuttavia non esistono prove concrete che supportino questa teoria, visto che un Forretress in punto di morte sigilla ancora di più il guscio con ulteriore seta, rendendolo assolutamente impenetrabile. Siccome si nutrono ancora di insetti, possono aprire il guscio, ma lo fanno con una rapidità  tale che riuscire a vederlo all'interno è impossibile, l'unica parte del loro corpo visibile sono gli occhi sproporzionatamente grandi.

Proprio come i Pineco, anche i Forretress vivono sugli alberi, ma ciò che li differenzia è che mentre i primi si appendono con della seta ai rami, gli ultimi sono troppo pesanti e si attaccano direttamente sul tronco; se mai dovessero essere disturbati e venissero fatti cadere, allora esploderebbero, ma è molto raro, visto che sono pochi gli stolti che osano disturbare questi insetti corazzati. Per evitare di essere attaccati, i Forretress staccano frammenti del loro guscio per circondare gli alberi con la tecnica Punte, scoraggiando parecchi predatori. Mentre i Pineco possono usare Punte solo a breve distanza, i Forrettress possono invece coprire una grande quantità  di terreno, grazie alle protuberanze del guscio simili a cannoni con cui possono lanciare oggetti come fossero proiettili, questo è possibile grazie a degli impulsi elettromagnetici che vengono prodotti al loro interno e che permettono anche l'uso di mosse come Cristalcolpo (che apprendono appena evoluti), Magnetascesa Falcecannone, mentre la mossa Fielepunte viene eseguita semplicemente imbevendo frammenti di guscio con delle tossine che producono, un'ulteriore difesa contro i predatori. Un problema dei Forretress è che non riescono a regolare l'obiettivo dei loro colpi, ciò è un problema soprattutto nelle battaglie multiple, dove usano tutte e quattro le protuberanze, rischiando di ferire i compagni o addirittura il loro allenatore, fortunatamente ciò può essere corretto con un allenamento specializzato.

Sebbene non siano tra i migliori attaccanti, i Forretress sono insetti affascinanti in grado di rendere difficoltoso qualsiasi approccio offensivo. State certi che le bizzarre abilità  di questi esseri potranno dare del filo da torcere a qualsiasi avversario che pensa di concludere in fretta la partita. E' altamente consigliato far partecipare solo i Forretress più allenati nei tornei affollati: se mai dovessero arrecare danni a qualcuno, potreste andare incontro a delle sanzioni molto pesanti!

Steelix

Artwork208.pngArtwork208-Mega.png

Spoiler

Steelix (noto come Pokémon Ferroserpe) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Terra che vive nelle grotte buie delle regioni di Johto, Sinnoh, Unima e Kalos, anche se raramente è stato visto nelle regioni di Kanto, Hoenn ed Alola. Devastante, resistente e davvero difficile da sconfiggere solo con la forza bruta, gli Steelix sono creature mostruose che conoscono perfettamente le strategie dei combattimenti difensivi, potendo nel contempo causare gravi danni ai loro avversari.Sono lenti e difficili da usare adeguatamente in lotta, specie se si vuole usare uno stile di combattimento prettamente offensivo, ma se cercate un combattente difensivo, allora difficilmente troverete qualcuno di migliore di questi serpenti metallici, tuttavia è meglio tenersi a distanza quando combattono, visto che potrebbero accidentalmente ferirvi!

Quando un Onix vive molto tempo sottoterra fino a indurire il suo corpo, può andare ancor più in profondità dove viene sottoposto a grandi pressioni, così facendo il suo corpo assorbe composti metallici presenti nel terreno di cui si nutre fino ad esporsi nella parte esterna del corpo in uno stato solido, formando uno strato metallico che copre ogni singolo centimetro del suo corpo; quando questo processo viene completato, le abilità e la struttura dell'Onix sono cambiate al punto tale da essere chiamato Steelix. Ovviamente questa evoluzione richiede moltissimi anni, ma può essere accelerata incredibilmente se un Onix viene sottoposto a determinate radiazioni (come quelle emanate dalle macchine di scambio) mentre possiedono un determinato oggetto metallico noto come Metalcoperta. Anche se lo strato di metallo appesantisce e rallenta questi Pokémon al punto da rendere difficoltoso il movimento, ottengono anche degli osteodermi lungo il corpo con l'evoluzione, i quali risolvono questo problema (infatti grazie ad essi possono addirittura scavare tra la roccia più resistente, cosa che per un Onix sarebbe impossibile), inoltre lo strato metallico rende queste creature molto più resistenti (infatti alcuni dicono che il metallo degli Steelix sia più duro del diamante) e come se non bastasse hanno una potenza offensiva nettamente superiore, rendendo quindi le difficoltà di movimento un problema assolutamente marginale.

Proprio come gli Onix, gli Steelix si spostano sottoterra dimenando il loro corpo per scavare tra la terra e la roccia formando enormi tane che spesso vengono occupate anche da altri Pokémon sotterranei, la differenza è che il corpo temprato degli Steelix consente loro di andare a profondità molto maggiori rispetto a quelle tipiche della loro pre-evoluzione, basti pensare che possono scavare tane profonde un chilometro, ovvero dove trovano i massi più appetitosi che divorano con le forti e massicce fauci. Differentemente dagli Onix, gli Steelix sono incapaci di apprendere molte mosse Roccia in natura, e gli unici attacchi Acciaio realmente forti che apprendono allo stato brado sono Vortexpalla e Codacciaio, ciò è dovuto dal fatto che in natura fanno affidamento sulle enormi mascelle per combattere, basta infatti considerare che con un morso possono frantumare le rocce e fare a pezzi un veicolo, motivo per cui ora sono in grado di apprendere Sgranocchio (che sostituisce il Sabbiotomba degli Onix), quindi possono facilmente distruggere le corazze degli avversari. Altra caratteristica interessante è che la composizione metallica conferisce proprietà chimiche uniche a questi Pokémon che possono apprendere gli attacchi Rogodenti, Gelodenti e Fulmindenti risultando più efficaci in lotta, inoltre non possono più conoscere la mossa Lucidatura degli Onix, potendo imparare al suo posto Sganciapesi. Di conseguenza, non è consigliabile affrontare uno Steelix senza un potente attaccante speciale avvantaggiato in termini di mobilità, senza contare che un vantaggio di tipo è assolutamente necessario.

Si è scoperto che Steelix è una della 46 specie di Pokémon note in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Steelixite esso si può MegaEvolvere, tale processo magnetizza a livelli incredibili il corpo del Pokémon, tanto da superare l'energia magnetica dei Magnezone e dei Probopass. In questa forma, non solo il magnetismo attira oggetti metallici che orbitano attorno a MegaSteelix, ma deforma e rimodella il suo corpo metallico rendendolo ancora più potente. Questo magnetismo ha potenziato le protuberanze presenti nella mascella inferiore di Steelix in modo che possa fendere e scavare le rocce con una facilità sconcertante, inoltre parti del corpo presentano proiezioni anulari blu che sembrano brillare quando la bestia è infuriata; sembra che queste formazioni creino ulteriore energia elettromagnetica che potenzia quella già prodotta da MegaSteelix. Lo strato metallico che prima copriva gli osteodermi ora non è più presente rivelando un minerale azzurro il quale non è assolutamente presente in natura, ed essendo creato solo da questo Pokémon è chiamato Steelite (da non confondere con la MegaPietra degli Steelix) e risulta essere duro a livelli inimmaginabili, tanto da sopportare pressioni e temperature che distruggerebbero quasi qualsiasi cosa; altra caratteristica interessante è l'anello di detriti metallici che orbita attorno al Pokémon a causa del suo magnetismo. Dal momento che non esistono MegaSteelix in natura, non si sa per certo gli effetti prolungati di questo loro magnetismo, ma delle ricerche hanno svelato che teoricamente potrebbero vivere a profondità dove nessun Pokémon normale potrebbe sopravvivere, ma non si è ancora certi se ciò sia vero. Non si può certamente negare che queste bestie siano portentose e sono la testimonianza di quanto possa essere possente e bizzarra la MegaEvoluzione. Statisticamente parlando, l'aggiunta di ulteriore materiale metallico aumenta considerevolmente la loro resistenza fisica e speciale, mentre la rimodellazione della mascella ha reso la loro forza fisica incredibilmente maggiore, ciò rende MegaSteelix non solo il Pokémon Terra ed Acciaio con la maggior resistenza fisica (assieme a MegaAggron con il tipo Acciaio), ma anche quello fisicamente più resistente in assoluto, primato condiviso con Shuckle e MegaAggron. Come se non bastasse, questa forma amplifica la potenza dei loro attacchi Terra durante le tempeste di sabbia, conferendo loro l'abilità Silicoforza, ma il motivo di ciò è tutt'ora sotto studio.

Sebbene non siano tra i combattenti più veloci, gli Steelix restano bestie possenti in grado non solo di resistere ad attacchi potentissimi, ma anche infliggerli con Codacciaio o Sgranocchio. Essendo loro i Pokémon Terra con la maggior resistenza fisica (escludendo le MegaEvoluzioni) e potendo contare su varie mosse potentissime, non c'è da sorprendersi se gli Steelix sono considerati tra i Pokémon difensivi più potenti in assoluto. Usate i vostri migliori attaccanti speciali e le vostre strategie migliori per sconfiggerli, ma state attenti, perché se abbassate la guardia potreste venire sconfitti tanto facilmente come per loro è distruggere o masticare una roccia!

Scizor

200px-Artwork212.png200px-Artwork212-Mega.png

Spoiler

Scizor (noto come il Pokémon Forbice) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Coleottero/Acciaio che vive nei campi erbosi e nelle pianure delle regioni di Johto, Sinnoh, Kalos ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Kanto. Resistentissimi contro gli attacchi fisici più brutali, gli Scizor sono potenti insetti che squartano e mutilano gli avversari con facilità  e spesso subendo danni minimi. Sebbene non siano neanche lontanamente veloci come la loro pre-evoluzione, se si parla di resistenza e forza fisica, sono pochissimi gli insetti in grado di pareggiare queste creature in battaglia. Una volta ottenutone uno, fategli capire chi è il capo, altrimenti vi giocheranno qualche brutto scherzo!

Gli Scyther normalmente non si evolvono, anzi, in realtà  non dovrebbero proprio evolversi visto che nel loro codice genetico non c'è nulla che possa suggerire che possano farlo, ma se vengono esposti a determinati campi elettromagnetici (come quelli prodotti dalle macchine di scambio) e tengono una Metalcoperta, il loro corpo reagisce al metallo dell'oggetto che si fonde con il loro esoscheletro, dando vita a Scizor. Prova che questa mutazione non è un processo naturale è il fatto che la loro somma in statistiche è identica a quella della loro pre-evoluzione, ciò che cambia sono la disposizione di statistiche, le mosse che possono apprendere e il loro comportamento. L'aggiunta del metallo al loro corpo li rende troppo pesanti per volare, per questo sono classificati come Pokémon Acciaio secondari anziché Volanti secondari e le ali servono solamente per raffreddare il corpo quando c'è troppo calore, dal momento che il loro esoscheletro è sigillato all'interno, rendendoli facili vittime delle giornate calde. Visto il peso aggiuntivo dell'armatura, gli Scizor sono molto più lenti degli Scyther e hanno difficoltà  a muoversi, quindi non possono più adoperare le strategie tipiche della loro pre-evoluzione, ma in compenso ottengono una resistenza e una forza fisica che li rende delle minacce verso qualsiasi avversario, nonostante la mancanza di velocità . La nuova forma di questi Pokémon consente l'apprendimento di nuove mosse a discapito di altre: ora non possono più apprendere Vuotonda, Attacco d'Ala, Doppioteam ed Eterelama, ma al loro posto imparano Pugnoscarica, Ferrartigli,Ferroscudo e Metaltestata. Trattandosi di una mutazione non naturale, non tutti gli allenatori fanno evolvere il proprio Scyther, ma lo fanno in base a quale strategia prediligono, anche perché complessivamente le loro potenzialità  sono le stesse, ciò che cambia è che uno è adatto alla velocità , l'altro alla forza bruta.

A causa dei loro colori accesi e la velocità  inferiore, gli Scizor devono combattere in maniera più diretta gli avversari in battaglia. Inizialmente tendono ad alzare le grosse chele per intimidire il nemico, una strategia molto efficace contro gli avversari meno intelligenti visto che le macchie ai lati sembrano quasi degli occhi, effetto amplificato dal riflesso dell'armatura metallica; se questa strategia funziona, semplicemente andranno addosso al nemico per colpirlo con forza con le chele sulla testa, ponendo fine allo scontro prima ancora che inizi. Siccome questa strategia è molto difficile che funzioni contro Pokémon ben allenati, gli Scizor sfruttano la loro armatura (che è impenetrabile ai normali attacchi) per assorbire i danni nemici, mentre cominciano ad usare Pugnoscarica e Ferrartigli a distanza ravvicinata. I pochi esemplari in natura non si nascondono più per catturare la preda, ma si basano sempre sulla forza per catturare i predatori che credono di poter vincere contro di loro; sebbene ciò sia efficace, può risultare anche rischioso, sia in natura che in lotta.

Si è scoperto che Scizor è una delle 46 specie di Pokémon note in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Scizorite, esso si può MegaEvolvere: questo processo rende la loro armatura più resistente e il loro corpo più snello, mentre le articolazioni elastiche si adattano meglio all'armatura per muoversi più facilmente, anche se ciò non è sufficiente per raggiungere la velocità  della loro pre-evoluzione Scyther. Altro cambiamento importante sono le chele, che da chele tipiche degli insetti sono diventate delle vere e proprie tenaglie dentate, abbastanza resistenti da consentire la frantumazione del cemento. Statisticamente parlando, questa mutazione causa un leggero aumento dell'attacco speciale e della velocità, la loro difesa speciale e forza fisica sono moderatamente superiori, mentre la resistenza fisica è criticamente maggiore, ciò li rende i Coleotteri più potenti in assoluto (assieme a MegaPinsir, MegaHeracross e Genesect). Sembra che questa forma si sia anche adattata per rendere i MegaScizor più affini alle loro capacità  naturali (al punto che quelli che non avevano l'abilità Tecnico da normali, la ottengono in questa forma), ciò li rende tra i Coleotteri più desiderati tra gli allenatori.

Nonostante non possano sfruttare le tattiche mordi e fuggi tipiche degli Scyther, gli Scizor sono comunque esseri devastanti in grado di avere la meglio su avversari del loro livello o addirittura superiore grazie a tattiche molto intelligenti. Avendo un'armatura metallica capace di resistere a quasi ogni attacco regolare in circolazione senza che subiscano danni, non c'è da stupirsi se gli allenatori che ne possiedono uno siano così orgogliosi. Nelle battaglie in mischia, sappiate che pochi riescono a resistere a questi devastanti insetti!

Skarmory

Artwork227.png

Spoiler

Skarmory (noto come Pokémon Armuccello) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Volante che vive nelle zone montane delle regioni di Johto, Hoenn, Sinnoh, Unima, Kalos, Alola e nel Canyon Seption del Settipelago. Feroci all'estremo ed aggressivi verso chiunque, gli Skarmory sono senza dubbio tra gli uccelli più pericolosi che godono nel fare a pezzi i nemici più deboli con il loro becco affilato e le ali taglienti come rasoi. Sebbene non abbiano molte caratteristiche in comune con altri Pokémon Volanti, essendo tra i pochi Pokémon in grado di apprendere Alacciaio in natura, state certi che se venite attaccati da uno di loro come minimo avrete bisogno di alcuni punti in ospedale!

Appena nati gli Skarmory sono come ogni altro uccello, infatti sono indifesi, ma la cosa dura solo un paio di settimane al massimo, dal momento che gli Skarmory costruiscono i loro nidi fra i rovi in modo che le loro piume per difendersi inizino a sviluppare un sottile strato di metallo e dopo solo un paio di settimane i pulcini di Skarmory possiedono già un piumaggio rinforzato per proteggerli e possono addirittura vivere da soli. Nonostante abbiano questo strato di metallo fra le piume, esso è molto leggero e non ostacola minimamente i loro movimenti o il volo, basti pensare che possono volare ad una velocità di 130 km/h, riuscendo a superare moltissimi altri uccelli. Sebbene possano apprendere molti attacchi sia fisici che speciali, gli Skarmory essendo degli uccelli imparano anche le mosse tipiche di queste creature (come Beccata o Eterelama), tuttavia sono molto più pericolosi in battaglia rispetto ai loro simili dato che hanno a disposizione una corazza naturale e mosse difensive precluse ad altri uccelli, come ad esempio Punte, tecnica che gli Skarmory possono impiegare anche durante il volo.

Ciò che rende veramente pericolosi gli Skarmory sono le loro ali. Come già detto in precedenza, le loro piume sono rivestite da un sottile strato metallico che ricopre anche altre parti del corpo, ma a causa della forma delle piume, quello che le ricopre tende ad assumere una forma tale da renderle affilatissime, di conseguenza gli Skarmory possono impiegarle per apprendere attacchi da taglio normalmente preclusi agli uccelli, come Lacerazione o Nottesferza e come se non bastasse sono tra le poche specie in grado di apprendere Alacciaio in natura (tanto che è grazie a loro che si è sviluppata in seguito l'MT di questa mossa) riuscendo ad impiegarla meglio rispetto ad altri Pokémon. Nonostante questa corazza sia così resistente che con gli anni si procurano semplicemente delle ammaccature, una volta all'anno questi uccelli si strappano le piume che poi ricrescono nel giro di pochissimi giorni, sembra infatti che queste piume scartate siano state usate dai guerrieri di antiche civiltà come vere e proprie spade, cosa molto utile quando era difficile trovare i materiali per forgiarle, il che ha senso visto che queste piume rimangono affilate per alcuni anni prima di perdere le loro proprietà taglienti. Tutto ciò dimostra quanto possano realmente essere pericolosi questi uccelli metallici.

Non saranno combattenti efficienti come i Pokémon Volanti più convenzionali, tuttavia gli Skarmory restano bestie pericolose in grado di devastare l'opposizione con le loro ali affilate e la loro furia implacabile. Essendo loro i Pokémon Volanti con la maggiore resistenza fisica in assoluto e avendo a disposizione un attacco Alacciaio con cui possono frantumare le corazze rocciose con facilità inaudita, non c'è da stupirsi se nessuno osa cacciare questo uccello per cena. Queste creature sono dei veri maestri nella strategia "mordi e fuggi", quindi tenete sempre d'occhio il cielo quando ne affrontate uno e se ne avvistate uno selvatico, sarete fortunati se ne uscirete solo con qualche cicatrice!

Mawile

200px-Artwork303.png200px-Artwork303-Mega.png

Spoiler

Mawile (noto come Pokémon Inganno) è un Pokémon relativamente raro di tipo Acciaio/Folletto che vive nelle grotte buie delle regioni di Hoenn, Unima, Kalos ed Alola. anche se raramente è stato visto nelle regioni di Kanto e Sinnoh. Amati e allo stesso tempo odiati per il loro aspetto ingannevole e i brutali morsi, i Mawile sembrano creature indifese, ma chiunque sia così incosciente da avvicinarsi a loro, avrà  una brutta sorpresa. Il loro aspetto non deve trarre in inganno, in quanto le loro corna possono sferrare possenti morsi; in vari casi si corre il rischio di perdere i propri arti!

Fisicamente parlando, i Mawile non sono molto forti nonostante il loro corpo sia ricoperto da un sottile strato di acciaio biologico che ha la funzione di principale mezzo di difesa; tuttavia questa specie è composta da pochi membri e per sfuggire ai predatori vivono nelle grotte buie. Col tempo hanno sviluppato il loro corpo fragile per diventare armi letali, si ritiene che in passato i Mawile avessero due lunghe corna d'acciaio, che tuttavia erano inutili in quanto consentiva ai predatori di afferrarli e divorarli con maggior facilità , ma poi hanno subìto una mutazione rapida ed improvvisa per preservare la loro specie, ciò li ha cambiati radicalmente sia in termini di aspetto che di comportamento. Le corna si sono sviluppate in una forma differente e più complesse sviluppando spuntoni d'acciaio simili a denti e ottenendo la capacità di chiudere le corna come una potente pressa; essa non è collegata al sistema gastrointestinale come molti sostengono, ma solamente alla testa da un sistema nervoso (protetto da un rivestimento in acciaio dai 7 ai 10 centimetri), quindi queste corna ora funzionano come fossero delle enormi mascelle. Queste corna modificate sono l'unico mezzo che hanno per difendersi dai predatori, consentendo loro anche di usare l'unica mossa efficace Folletto naturalmente, ovvero Carineria, sebbene possano apprendere anche Vento di Fata, ma risulta essere molto più debole. Riuscire a staccare queste corna è quasi impossibile, inoltre è grazie ad esse che si sono salvati dall'estinzione.

Sebbene non rappresentino una minaccia per gli umani, ora i Mawile sfruttano il loro aspetto carino ed innocente per attirare prede e predatori spesso fingendo di essere feriti; quando la vittima è abbastanza vicina, essi si voltano rapidamente per attaccarli e ferirli con le possenti corna e solo i Pokémon corazzati riescono a resistere ad attacchi multipli dei Mawile senza subire danni permanenti, mentre gli altri rischiano addirittura di venire mutilati. Grazie alla lunghezza delle corna riescono a colpire anche ad una certa distanza senza che loro si spostino tanto. Quando la preda è morta o stordita, useranno le corna per farla a pezzi fino ad essere abbastanza piccoli da essere ingeriti nella loro vera bocca. Per un Mawile è estremamente importante pulire le loro corna, essenziali per la propria sopravvivenza, in quanto spesso contengono moltissimi batteri che potrebbero infettare la carne di cui si nutrono, provocando loro molti problemi e spesso anche nell'avversario durante le lotte amichevoli (questo problema è facilmente evitabile pulendo le corna regolarmente). Raramente sono stati osservati atti di cannibalismo tra i Mawile, ma in questi casi per adescare la preda fingono di volersi accoppiare per poi attaccare.

Si è scoperto che Mawile è una delle 46 specie di Pokémon in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Mawilite esso si può MegaEvolvere. Con questo processo le loro capacità  offensive e difensive raddoppiano, con la crescita di un secondo paio di corna mentre quelle vecchie risultano più lunghe; anche il loro corpo cresce per permettere loro di mantenere l'equilibrio con le corna appena ottenute. Questa mutazione li rende molto più aggressivi della loro normale forma, ma risultano essere più facili da controllare e gestire secondo gli allenatori. I MegaMawile possono controllare con la massima efficienza tutte le corna potendo decidere se chiuderne solo un paio o tutte in una sola volta per squarciare con maggior facilità  la carne avversaria. A differenza dei normali Mawile, loro prediligono non usare trucchi di inganno, ma attaccare direttamente. Statisticamente parlando la loro forza fisica è moderatamente superiore, mentre la resistenza fisica e speciale sono criticamente superiori, questo è dovuto al fatto che le maggiori dimensioni e il controllo delle corna consentono loro di usarle come veri e propri scudi. E' interessante notare che questa mutazione influisce sul loro DNA permettendo loro di sfruttare una forma debole di energia psichica usata per amplificare enormemente la loro attività muscolare, dando loro una forza sorprendente. Anche se la loro forza fisica non è così elevata, i danni sono molto più alti del dovuto quindi sono classificati con l'abilità Macroforza, dando loro una capacità  distruttiva senza pari che spesso potrebbe risultare fatale per i Pokémon più deboli.

Non sono certamente i Pokémon Acciaio o Folletto più forti o versatili, ma i Mawile sono combattenti intrepidi che possono infliggere ingenti danni agli avversari più incauti, anche se non riescono a vincere. Estremamente ingannevoli e brutali, spesso visti di buon occhio tra gli allenatori più spericolati, riescono a formare un'ottima potenza offensiva contro moltissimi avversari, anche se non possono fare molto contro gran parte dei Pokémon completamente evoluti. Se non temete le possibili conseguenze che potrebbero causarvi, allora procuratevene uno, ma attenti quando date loro da mangiare: non si fanno problemi a mordere la mano che li nutre!

Aron

304 Aron

Spoiler

Aron (noto come Pokémon Corazza) è un Pokémon relativamente non molto comune di tipo Acciaio/Roccia che vive nelle grotte oscure e nelle vecchie fabbriche delle regioni di Hoenn, Unima e Kalos, anche se raramente è stato visto nelle regioni di Sinnoh ed Alola. Sebbene possano lasciare a desiderare in velocità e sia nell'uso che nella difesa di attacchi speciali, gli Aron restano creature molto resistenti grazie alla loro pelle rocciosa e corazza metallica. Se ci tenete al vostro Aron portatevelo in un cantiere, certo il proprietario potrebbe non gradire, ma almeno il vostro Pokémon potrà mangiare gratuitamente!

Appena nati gli Aron sono già molto resistenti grazie alla loro pelle rocciosa e possono addirittura vivere per conto proprio, come se non bastasse diventano ancora più resistenti mangiando ferro che poi il corpo espelle per formare una corazza metallica che protegge la testa e la schiena, sebbene col tempo possa essere colpito dalla ruggine visto che è composto interamente da ferro, per prevenire ciò gli Aron mangiano altro ferro in modo da sostituire le parti più vecchie della corazza, l'unico momento in cui la rimuovono è dopo l'evoluzione, dal momento che a quel punto smettono di usare le costruzioni dagli umani per creare le loro corazze. Il più delle volte il ferro di cui si nutrono lo trovano come minerale, molto comune ad Hoenn nelle sue grotte più oscure, anche se prendere del ferro dal loro territorio può essere molto pericoloso, fortunatamente nella regione il ferro è così abbondante che è molto raro che qualcuno venga aggredito da degli Aron. Eccetto il ferro, gli Aron mangiano pochissimo cibo biologico, solo qualche bacca una volta alla settimana per sostenersi, l'acqua e altre sostanze nutritive le assorbono dalle rocce circostanti. Nei casi in cui non riescano a trovare ferro per giorni, gli Aron abbandonano il loro ambiente naturale per mangiare oggetti di manifattura umana, come parti di automobili, autocisterna o addirittura binari ferroviari; infatti, nonostante le ridotte dimensioni, possono mangiare ad una velocità sorprendente, quindi i danni da loro causati difficilmente possono essere riparati in poco tempo, per questo sono visti come dei parassiti e molte imprese edili sostengono che debbano essere sterminati, cosa che ovviamente molti non concordano.

Gli Aron non sono solo resistenti, sebbene siano piccoli, sono anche molto forti, tanto da sconfiggere avversari molto più grossi con poca fatica. E' vero che sono incapaci di apprendere molti attacchi Roccia (come le evoluzioni del resto), tuttavia sono in grado di imparare attacchi molto forti come Metaltestata e Riduttore, rendendoli attimi per gli scontri corpo a corpo grazie anche alle loro capacità difensive; un Aron può infatti incrinare un autocarro con Riduttore (cosa che non si direbbe per le loro dimensioni), ed è per questo che riescono facilmente ad avere la meglio sull'avversario, tuttavia la loro corazza è inutile contro gli attacchi speciali, di conseguenza gli allenatori devono limitarsi a farli combattere solo contro attaccanti fisici.

Non sono certo tra le creature più imponenti, ma i piccoli e forti Aron riescono comunque a lasciare il segno agli avversari che li sottovalutano. Rivestiti con una resistente corazza dalla testa ai piedi, e con una forza fisica sorprendente nonostante la stazza, non c'è da sorprendersi se sono così popolari fra gli specialisti Roccia ed Acciaio che sono alla ricerca di un Pokémon in grado di assumere un ruolo sia difensivo che offensivo. State attenti a mantenerli alla larga dalla vostra auto: a loro non interessa se è costata 500.000$ o 5$, cibo è cibo!

 

Modificato da Zarxiel

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Lairon

Artwork305.png

Spoiler

Lairon (noto come Pokémon Corazza) è un Pokémon non molto comune di tipo Acciaio/Roccia che vive nelle grotte oscure delle regioni di Hoenn, Unima e Kalos, anche se raramente è stato visto nelle regioni di Sinnoh ed Alola. Con un pessimo temperamento e pericolosi in ogni caso allo stato brado, i Lairon sono bestie potenti che possono causare molti danni nonostante le loro ridotte dimensioni. Se ci tenete alla pelle state alla larga dagli esemplari selvatici evitando le sorgenti d'acqua minerale, in quanto le zone circostanti sono il loro territorio, altrimenti potreste essere investiti dal loro corpo che può fare letteralmente scintille!

Proprio come gli Aron, anche i Lairon devono mangiare ferro per mantenere la loro corazza metallica che li ricopre quasi interamente, per questo preferiscono mangiare minerali ferrosi. Come si è potuto riscontrare, esseri umani e Lairon selvatici non vanno d'accordo, dal momento che questi ultimi attaccano qualsiasi creatura che si metta in mezzo tra loro e le loro preziose risorse di ferro. In casi assolutamente necessari vengono usati degli Aron per cercare di calmare i Lairon selvatici, al giorno d'oggi. I Lairon fortunatamente causano meno problemi alla società rispetto alla loro pre-evoluzione, visto che sanno che le sorgenti d'acqua minerale contengono grandi quantità di ferro, oltre ad altre sostanze nutritive essenziali per sopravvivere, infatti grazie ad essa, non solo ottengono il ferro per rinforzare la loro corazza, ma ci sono anche sostanze che lo temprano e lo rafforzano dando loro maggiore resistenza anche contro le alte temperature. Ecco perché ora si nutrono principalmente di quest'acqua e spesso costruiscono anche il nido nei pressi di queste sorgenti, ciò però causa altri conflitti territoriali, visto che non è raro che più Lairon vorrebbero vivere nei pressi di un'unica sorgente, finendo per scontrarsi tra di loro violentemente.

I Lairon sono creature abbastanza fiere e faranno di tutto pur di dimostrare la loro potenza sia per loro stessi che per gli altri; in natura lo fanno scontrando i loro corpi su grossi massi, secondo loro, più scintille vengono create durante l'impatto con la loro corazza e la roccia, più un Lairon è potente, ciò viene fatto anche tra i loro simili durante gli scontri territoriali o per accoppiarsi, finché uno dei due non sviene esausto, il suono che si crea quando le corazze di due Lairon si scontrano è molto forte, tanto che è udibile a grandi distanze, creando fastidio per i centri abitati più vicini nel loro habitat e disturbarli non è una scelta saggia, visto che questa specie è abbastanza intelligente da smettere di combattere per attaccare insieme l'intruso e poi continuare lo scontro, ecco il motivo per cui allenare un Lairon già catturato in questo stadio è un compito arduo per qualsiasi allenatore ed è consigliabile iniziare da zero catturando un Aron e facendolo evolvere allenandolo adeguatamente.

Non c'è molto altro da dire eccetto quello che è già stato detto, ma senza dubbio sono combattenti molto pericolosi; i Lairon tuttavia sono solo un assaggio della potenza che avranno una volta evoluti. Avversari davvero difficili da ferire e ancor di più da sconfiggere, ma saranno ottimi partner per chiunque li sappia controllare e cerchi un Pokémon difensivo di tutto rispetto. State attenti a non portarvi bottiglie di acqua minerale: sembrerà stupido, ma ciò potrebbe portarvi a scontrarvi con il vostro stesso Pokémon solo per accaparrarsi una semplice bottiglia!

Aggron

Artwork306.png306 Aggron Mega

Spoiler

Aggron (noto come Pokémon Corazza) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Roccia che vive nelle grotte oscure delle regioni di Hoenn, Unima e Kalos,anche se raramente è stato visto nelle regioni di Sinnoh ed Alola. Potenti e corazzati fino all'estremo, gli Aggron sono colossi devastanti in grado di spaccare anche le più forti difese con la loro immensa forza fisica, senza contare che possono resistere facilmente a molti colpi. Se volete sconfiggerli allora usate potenti attaccanti speciali, in caso contrario vedrete il vostro Pokémon schiacciato da un potente Pesobomba!

Proprio come i Lairon, gli Aggron sono estremamente territoriali e non accettano che qualcuno si rechi nella loro dimora, ciò non sarebbe un problema se un Aggron non avesse il brutto vizio di rivendicare intere montagne come proprio territorio; come se non bastasse passano il tempo a sorvegliare scrupolosamente la loro zona uccidendo brutalmente chiunque incontrino o distruggendo qualsiasi cosa si muova, di conseguenza sono pochissime le persone che abbiano mai visto un Aggron selvatico. Per anni è stato un mistero il motivo per cui rivendichino interi monti, ma recenti scoperte hanno rivelato che un Aggron sceglie il proprio territorio in base ai minerali presenti nella montagna e considerando che necessitano ancora d'ingerire metallo per mantenere le loro corazze, ciò ha perfettamente senso; è probabile che ciò sia per rendere le sorgenti d'acqua minerale esclusive per loro, specialmente nella regione di Hoenn. E' estremamente raro che un Aggron permetta ad altre specie o anche agli umani di recarsi alla loro montagna senza aggredirli, quando ciò accade è perché l'Aggron si fida molto di quei Pokémon o persone, altrimenti in circostanze normali solo le loro pre-evoluzioni possono andarci senza problemi. E' interessante notare che gli Aggron sono anche molto protettivi, infatti non esiteranno a difendere le creature di cui si fidano e il loro stesso territorio: se esso dovesse essere vittima di un incendio o disastri naturali, gli Aggron usciranno dalla loro zona per prendere della terra o piante e ripristinare le zone danneggiate; non lo fanno solo per questioni estetiche, visto che portano un grande rispetto per il proprio habitat e lo trattano come fosse una zona di estrema importanza.

Anche se gli Aggron si nutrono di minerali ferrei per mantenere la loro corazza metallica, quello che mangiano viene usato solo per sostituire gli strati più vecchi e non per riparare i danni, ciò sembra dovuto ad un simbolo d'orgoglio di questa specie, infatti le loro cicatrici sono veri e propri simboli di fierezza da guerrieri dal momento che vivono per combattere, quasi come fosse un codice d'onore paragonabile a quello degli antichi cavalieri. Quando sono gravemente feriti viene creato uno strato metallico per prevenire la ruggine, ma la ferita è permanente e gli Aggron la mostrano con fierezza ai loro simili e per ricordarsi di tale lotta e la loro età; tuttavia le cicatrici non sono l'unico segno che dimostra il loro invecchiamento, anche le corna lo sono: esse oltre ad essere delle potenti armi contundenti, possono stimare l'età di un Aggron dal momento che crescono da 1 a 3 millimetri ogni anno, quindi più sono lunghe le corna e più è vecchio un Aggron, ma a discapito dell'età, tutti gli Aggron sono avversari terribili grazie alla loro pelle rocciosa e la corazza metallica che li protegge da moltissimi attacchi. Inoltre gli Aggron sono noti per essere i Pokémon con il più potente attacco Pesobomba in assoluto, rendendoli addirittura fatali contro gli avversari più piccoli.

Si è scoperto che Aggron è una della 46 specie di Pokémon note in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Aggronite esso si può MegaEvolvere. Mentre nella maggior parte dei casi la classificazione di tipo rimane invariata rispetto alla forma normale; nel caso degli Aggron l'anatomia cambia tanto da modificare addirittura le loro capacità combattive.Con la mutazione, gli Aggron diventano mostri ancor più corazzati grazie all'infusione di ioni metallici nella loro pelle rocciosa, rendendola più resistente e simile al metallo, mentre la corazza cambia forma per agevolare questo cambiamento, trasformandoli in vere e proprie fortezze ambulanti, di conseguenza in questa forma non sono più classificati come Pokémon Roccia parziali, bensì come Acciaio puro. La corazza dei MegaAggron è praticamente impenetrabile e le loro corna sono ora rinforzate e più lunghe, capaci quindi di abbattere un carro armato con un'unica carica. Statisticamente parlando, con la metallizzazione della pelle, ora la loro difesa speciale è moderatamente più alta, la loro forza fisica è notevolmente maggiore, mentre la resistenza fisica è accresciuta a livelli astronomici, tanto da essere classificati non solo come i Pokémon Acciaio più resistenti fisicamente assieme ai MegaSteelix, ma come quelli più resistenti fisicamente in assoluto (primato che condivide oltre che con MegaSteelix anche con Shuckle). Si è osservato che il tipo di metallo che ricopre la pelle e quello che compone la corazza sono formati da materiali diversi e che si scambiano elettroni formando un lieve campo magnetico attorno al corpo di questi dinosauri; sebbene esso non sia così forte da garantire loro alcun vantaggio offensivo, è in grado di dissipare alcune forze energetiche quando entrano in contatto con il corpo di MegaAggron, ciò permette di ridurre i danni di alcuni attacchi garantendo la rara abilità Filtro. Ovviamente sono feroci come la loro controparte comune e controllarli è quasi impossibile per un allenatore alle prime armi, ecco perché sono consigliati solo ai veterani, i quali possono renderli dei combattenti devastanti e quasi inarrestabili contro i loro avversari.

Certamente non sono tra i Pokémon più veloci, tuttavia gli Aggron sono bestie molto pericolose in grado di ridurre in polvere non solo gli avversari più piccoli, ma anche quelli più grandi con le loro incredibili capacità fisiche. Con una corazza tale da riuscire a mettere in difficoltà addirittura un Machamp, non c'è da sorprendersi se sono considerati tra i Pokémon Acciaio e Roccia più potenti in circolazione. Se non amate il combattimento, potreste sempre usarlo per le costruzioni, vista la grande cura che hanno per il loro territorio, magari possono aiutarvi moltissimo!

Beldum

200px-Artwork374.png

Spoiler

Beldum (noto come Pokémon Ferrosfera) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Psico che vive in zone montane e nelle foreste delle regioni di Hoenn, Unima ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Sinnoh. Anche se completamente inutili in battaglia, i Beldum sono comunque organismi affascinanti la cui esistenza supera il confine che separa gli esseri viventi dagli automi. Non possono fare molto siccome attaccano unicamente gettandosi contro l'avversario, ma una volta evoluti, poco può fermare questi bizzarri esseri!

Riuscire a definire se la famiglia dei Beldum sia un essere organico o una sorta di macchina è impossibile con i metodi standard, in quanto sembrano essere una via di mezzo. Il loro sistema circolatorio non contiene sangue, ma del ferro e della terra liquefatti molto rari altamente magnetizzati, ciò rende i loro corpi molto simili a dei magneti artificiali e rimangono in equilibrio a mezz'aria tramite dei massicci campi energetici interni che impediscono la solidificazione di questi elementi interni. Ogni cellula del corpo dei Beldum è magnetizzata ed è in grado di replicarsi sfruttando gli ioni metallici presenti nell'aria. Avendo il corpo completamente magnetizzato, non è difficile capire per quale motivo riescano a rimanere sospesi a mezz'aria, infatti il loro corpo viene respinto dalla magnetizzazione del nostro pianeta. I Beldum comunicano fra loro tramite impulsi magnetici che emanano dal loro lobo frontale, nonostante questo processo sia molto semplice, sembra che questi impulsi possano variare a tal punto da creare oltre 1000 vocaboli diversi, ciò indica che si sono evoluti in modo tale da sviluppare un metodo di socializzazione molto complesso. La pelle spessa di questi Pokémon permette di proteggersi dagli attacchi nemici, ciò è ancora più efficace perché i loro branchi sono formati da circa 100 membri, per questo pochi osano attaccarli. Quando si riposano, di solito rimangono appesi a testa in giù (similmente ai pipistrelli) con gli artigli conficcati sulle scogliere; questo comportamento diventerà  molto più utile dopo l'evoluzione.

A differenza di altri organismi alimentati ad energia magnetica, la famiglia dei Beldum riesce ad usare le proprie abilità  tramite l'elettromagnetismo in misura molto avanzata, per questo riescono ad utilizzare mosse Psico anziché quelle Elettro; i Beldum purtroppo non riescono ad usare queste abilità  in battaglia, siccome il loro cervello non è ancora abbastanza sviluppato per poter usare il loro campo magnetico come arma, per questo motivo finché non si evolvono non possono usare altre mosse oltre a Riduttore. Anche se non adatti al combattimento, fortunatamente la loro grande resistenza li aiuta, inoltre si evolvono abbastanza velocemente potendo finalmente usare una vasta gamma di abilità  del tutto nuove e in questa forma non devono far altro che attendere. La loro pelle metallica non solo li protegge da danni fisici, ma anche da variazioni alle loro statistiche (eccezion fatta per alcuni esemplari molto rari). Il loro campo magnetico è così potente da causare malfunzionamenti nellePoké Ball, per questo motivo sono i Pokémon non leggendari più difficili da catturare in assoluto assieme alle sue evoluzioni.

Anche se ora come ora è impossibile renderli dei combattenti efficaci, i Beldum sono comunque esseri molto divertenti che possono risultare una sfida per qualsiasi allenatore. Sebbene impieghino del tempo per evolversi ed essere in grado di usare i loro veri poteri, con l'impegno e la pazienza è impossibile venire delusi da loro. E' importante ricordarsi di non metterli vicino a computer o altri apparecchi elettronici costosi: non riuscendo a controllare il proprio magnetismo è possibile che il loro affetto possa buttare nel cesso interi anni di lavoro al computer!

Metang

200px-Artwork375.png

Spoiler

Metang (noto come Pokémon Ferrunghia) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Psico che vive nelle zone montane e nelle foreste delle regioni di Hoenn, Unima ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Sinnoh. Anche se sono più difensivi che offensivi, i Metang sono esseri feroci che possono lacerare il nemico con i loro artigli d'acciaio e la grande agilità. E' bene stare lontano dai branchi di Beldum, perché se uno di essi si è evoluto potrebbe essere davvero pericoloso!

Proprio come i Beldum, anche i Metang sono organismi bizzarri e sono anch'essi una via di mezzo tra la vita organica e le macchine, ciò è particolarmente evidente nel modo singolare con cui avviene la loro evoluzione. Similmente ai Magnemite che si replicano per l'evoluzione, i Beldum fanno la stessa cosa creando un secondo Beldum con cui si uniscono, questo processo avviene solamente dopo una certa età  o quando raggiungono una determinata esperienza in battaglia, gli esperti dicono che aspettano che ciò accada perché similmente ad altri Pokémon, le lotte favoriscono uno sviluppo precoce, permettendo loro di aumentare le proprie capacità  magnetiche. Una volta uniti, i Metang mantengono i cervelli di entrambi i Beldum che sono in connessione grazie ad impulsi magnetici, i quali permettono di sincronizzarne i movimenti alla perfezione, ma ciò non influenza la personalità  ed è per questo che avranno ben due comportamenti distinti per i due corpi; può capitare che questo tratto non si noti, ma se accadesse non è un problema siccome sanno concordarsi in una maniera davvero sorprendente non dando nessun problema agli allenatori.

Con l'evoluzione questi Pokémon possono controllare il proprio magnetismo al punto che possono anche apprendere la mossaMagnetascesa; oltre a questo, altre mosse che possono apprendere sono Ferrartigli e Confusione. L'evoluzione non solo aumenta le loro capacità  psichiche a livelli incredibili, ma anche la loro forza fisica e velocità  di movimento quando galleggiano in aria. I Metang per aumentare la loro velocità  di solito ritirano nella parte posteriore gli arti per diventare più aerodinamici, riuscendo a percorrere 60 miglia orarie. Gli artigli una volta usati da Beldum solo per ancorarsi per riposare, ora sono una terribile arma fisica in grado di lacerare il metallo come fosse carta e sono poche le armature in grado di resistere ai loro attacchi, come se non bastasse la corazza dei Metang è assolutamente indistruttibile e non viene scalfita neanche se colpita da un jet in piena velocità . Di certo i Metang sono esseri terribilmente potenti, una caratteristica che non fa altro che aumentare con l'evoluzione.

Anche se un po' eccentrici, i Metang sono esseri distruttivi che possono essere delle vere nemesi per gli avversari più deboli in battaglia. Con una difesa incredibile superata solo dalla forza dei loro artigli, qualsiasi allenatore vorrebbe avere queste macchine di distruzione dalla propria parte. E' importante ricordarsi di non farli volare troppo lontani: anche se potrebbe non sembrare problematico, in realtà  c'è il rischio che vengano scambiati per jet da guerra, causando non pochi problemi!

Metagross

MetagrossMetagross Mega

Spoiler

Metagross (noto come Pokémon Ferrarto) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Acciaio/Psico che vive nelle zone montane e nelle foreste delle regioni di Hoenn, Unima ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Sinnoh. Immensamente potenti e inarrestabili in battaglia, i Metagross sono dei veri e propri mostri fisici in grado di usare il proprio avversario come straccio con la mossa Meteorpugno. Se mai aveste la sventura di affrontarne uno, assicuratevi di usare i più potenti attacchi speciali per cercare di sconfiggerlo, se cercate di scalfire la loro corazza non otterrete altro che un colpo cosmico!

Come un Metang è formato da due Beldum, così un Metagross è formato da due Metang, uno dei quali è stato creato con la duplicazione cellulare, garantendo ai Metagross un totale di quattro cervelli distinti sincronizzati tra loro con impulsi magnetici, ciò li rende più intelligenti di qualsiasi supercomputer (sono paragonati in questo modo per la loro capacità  di calcolo senza pari), ciò non solo li rende strateghi incredibili, ma assicura anche una memoria impeccabile, quindi basta solo affrontare un determinato avversario per memorizzarne la strategia più adatta per sconfiggerlo. Fisicamente parlando, sebbene loro possano ritirare le zampe per poter levitare e volare a grande velocità , i Metagross solitamente camminano normalmente senza usare il magnetismo per spostarsi, ciò li rende più vulnerabili agli attacchi Terra, ma consente anche l'uso di una forza fisica molto superiore che è quasi il doppio di quella di un Metang, riuscendo quindi a schiacciare il nemico come fosse una lattina. Considerando che apprendono Martelpugno appena evoluti e che sanno usare anche Meteorpugno, di sicuro nessun Pokémon Folletto, Ghiaccio o Roccia ha la benché minima speranza contro questi titani. Se usati da allenatori esperti, diventano praticamente invincibili, essendo resistenti come un carro armato e distruttivi il doppio.

L'enorme aumento di potenza ha una ripercussione sul metabolismo dei Metagross, di conseguenza il loro corpo non riesce a sostenersi con la sola energia degli ioni elettromagnetici, quindi devono consumare del tessuto vivente al fine di convertirlo in una soluzione elettrolitica in modo da sostenere il proprio corpo; questo processo avviene tramite dei condensatori organici che hanno in corpo che creano una resistenza e amplifica l'energia appena creata in modo da soddisfare le loro esigenze. Per questo motivo i Metagross sviluppano una grossa bocca direttamente collegata al proprio sistema digestivo, sviluppato anch'esso dopo l'evoluzione. Non appena viene identificata una preda, essa viene schiacciata silenziosamente con Martelpugno così da farle perdere i sensi, in seguito usano le zampe artigliate per afferrarla e divorarla quando ancora è viva. A differenza di quello che molti credono, i Metagross non provano assolutamente piacere nell'uccidere e far del male in questo modo, ma sono costretti per necessità  e questo a volte può causare dei problemi per gli allenatori, ma fortunatamente necessitano di mangiare un'unica creatura in poche settimane (o mesi a seconda delle dimensioni dell'ultima preda divorata) e spesso cercano di avvertire il proprio allenatore per far capire quando hanno bisogno di mangiare.

Si è scoperto che Metagross è una della 46 specie di Pokémon note in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Metagrossite esso si può MegaEvolvere; la trasformazione rende questi esseri ancora più pericolosi e grossi, motivo per cui sono in pochi ad avere il coraggio a star vicino ad uno di questi esseri. Questa mutazione rende gli arti bloccati nella parte posteriore del corpo e due di essi risultano essere per qualche motivo leggermente più grandi, in seguito crescono ulteriori quattro zampe molto più grandi e mobili nella parte anteriore del corpo, questi nuovi arti dispongono di artigli enormi in grado di tagliare il metallo e la roccia come se fosse burro, rendendo di conseguenza qualsiasi armatura avversaria completamente inutile. Come arma secondaria ottengono un grosso aculeo sul loro mento e il corpo crea campi magnetici molto potenti che permettono loro di levitare senza alcun problema, riuscendo a spostarsi alla perfezione nonostante la mutazione. Sebbene non sembri, i MegaMetagross sfruttano l'abilità  di poter rimanere sospesi a mezz'aria per attaccare molto più velocemente, potendo quindi distruggere il nemico prima che questo abbia l'occasione di difendersi; è importante ricordarsi di ciò, anche perché i loro poteri possono anche causare danni agli allenatori involontariamente. Statisticamente parlando, l'aumento della loro massa e l'aggiunta di nuovi arti aumenta ogni loro capacità  offensiva lievemente, mentre quelle difensive sono moderatamente superiori e la loro velocità  è criticamente maggiore, ciò li rende i Pokémon Psico (esclusi i leggendari MegaEvoluti e ArceusAcciaio (esclusi i leggendari) più potenti in assoluto. Gli artigli più grossi e l'aculeo del mento consentono l'uso di attacchi fisici molto più potenti del normale, quindi sono classificati con l'abilità Unghiedure, rendendoli terribili sia dal punto di vista offensivo che difensivo.

Anche se non sono tra i Pokémon più veloci, i Metagross rimangono esseri brutali in grado di combattere avversari di ogni tipo e dimensioni senza nemmeno avvicinarsi più di tanto. Essi sono i Pokémon Psico non leggendari e non MegaEvoluti con la forza e la resistenza fisica più alta in assoluto e sono anche i Pokémon Psico e Acciaio più potenti di tutti (escludendo sempre i leggendari e le MegaEvoluzioni); avendo inoltre una serie di attacchi potentissimi non c'è da stupirsi se sono considerati tra i migliori Pokémon che un allenatore potrebbe avere. Mantenete la calma e sperate nella fortuna quando affrontate questi giganti d'acciaio, perché c'è davvero poco che possiate fare per contrastare il loro Meteorpugno!

Registeel

Sugimori 379.png

Spoiler

Registeel (noto come Pokémon Ferro) è un Pokémon Leggendario di tipo Acciaio che è stato avvistato in antiche rovine e in luoghi sacri in tutto il mondo. Sebbene non sia tra i Pokémon più offensivi, Registeel è una vera e propria fortezza inespugnabile, sia contro gli attacchi fisici che contro quelli speciali. Solo perché non mostra alcuna personalità, non crediate nemmeno per un istante che non sia pericoloso, visto che se provocato potreste scoprire come ci si sente a venire massacrati da un pezzo di metallo vuoto!

Le origini dei quattro Regi (RegirockRegiceRegisteel e Regigigas) sono state discusse per anni da studiosi di tutto il mondo, ma nessuno ha mai scoperto la verità, quindi nessuno sa dire perché esistano, però ci sono alcune teorie; la loro forma vagamente umanoide suggerisce che abbiano una qualche relazione con l'uomo. Secondo alcuni, poco prima dell'inizio dell'era glaciale, alcuni popoli riuscirono a scoprire una forma di scienza che va al di là  della nostra comprensione; con questa tecnologia, sono riusciti a creare un enorme automa dalla forza impressionante, noto come Regigigas, un essere che non può essere replicato da nessuna macchina moderna, il motivo per cui fu creato è un mistero, alcuni dicono per protezione, altri per altri scopi a noi ignoti, tuttavia sembra che ne esista un unico esemplare che vive ancora oggi. Ciò che differenzia Regigigas dagli automi moderni è che esso è in grado di pensare autonomamente, rendendo questa forma di intelligenza artificiale la più vicina ad avere un libero arbitrio. Ad un certo punto, Regigigas creò tre Pokémon a sua immagine e somiglianza usando resistenti materiali che riuscì a ricavare (roccia, ghiaccio e metallo derivato dal magma) e diede vita a RegirockRegice e Registeel. Cosa accadde dopo è un mistero, siccome ogni testimonianza di quell'epoca fu spazzata via, eccezion fatta per pochissimi indizi, che furono trovati in vari continenti come l'Europa, l'Asia e le Americhe, suggerendo che questi titani si siano spostati con il tempo senza alcun problema. All'improvviso questi Pokémon scomparvero senza lasciare traccia, solo di recente si è scoperto che questi Pokémon furono sigillati dopo il declino di questo antico popolo, il primo ad essere rinchiuso fu Regigigas (che attualmente è attivo grazie all'uso di energie sconosciute).

Registeel sembra essere composto interamente da metallo e pare inoltre non avere nessuna struttura interna, quindi come riesca a muoversi e a fare tutto il resto è un vero e proprio mistero. Gli arti sono collegati al torso tramite delle articolazioni sferiche poste in delle cavità, ciò gli permette di ruotare gli arti liberamente senza resistenza, a differenza di quelli di Regice e Regirock, inoltre anche se sono antichi migliaia di anni non mostrano nessun segno di deterioramento. E' interessante notare che Registeel è diverso dagli altri Pokémon Acciaio, dal momento che il suo corpo è in costante conduzione creando delle cariche positive che attraggono gli elettroni presenti nell'aria per poi generare correnti elettriche dentro il corpo; è diffusa la credenza secondo cui è proprio questa energia a dar vita al Pokémon, ma nonostante ciò non è noto come riesca a mantenere queste cariche positive, tuttavia è probabile che sia grazie ad esse che può usare potenti attacchi ad elettricità come Falcecannone o Raggioscossa, mosse davvero rare tra i costrutti metallici. Diversi test hanno dimostrato che Registeel è costituito da una lega particolarmente resistente di metallo che è composta da diversi tipi di ferro presenti nel nostro pianeta, molti dei quali estremamente rari (da qui il soprannome Pokémon Ferro). Mentre singolarmente non hanno capacità costruttive molto efficienti, tutti insieme permettono di formare un tipo di metallo eccezionalmente resistente anche alle variazioni di temperatura, senza che si deformi, ma per la sua creazione è necessaria una temperatura e una pressione estremamente alta, quindi si suppone che sia stato creato nelle profondità del pianeta. Oltre che vuoto, sembra addirittura che l'involucro metallico che compone Registeel sia spesso solo 7 centimetri e mezzo, il che farebbe pensare che la sua resistenza non sia delle migliori, ma è proprio la lega di cui è costituito a renderlo così resistente (alcuni pensano addirittura che alcuni metalli non siano neppure di questo pianeta), quindi può assorbire grandi quantità di danni sia da attacchi fisici che speciali. In battaglia Registeel può essere considerato una via di mezzo tra Regirock e Regice, perché mentre uno è più adatto agli attacchi fisici e l'altro a quelli speciali, Registeel invece può resistere ed usare entrambi alla stessa maniera, rendendolo di conseguenza non solo più pericoloso, ma anche più adattabile, senza che debba soffrire molto a causa delle sue debolezze.

Nonostante non abbia capacità offensive come altri leggendari, Registeel rimane un combattente formidabile, in grado di fare a pezzi ogni avversario sia in lotte corpo a corpo che in quelle a distanza, oltre al fatto che è il Pokémon Acciaio con la maggiore resistenza speciale più alta in assoluto (assieme a Probopass ed Aegislash nella sua Forma Scudo) e con la capacità di resistere alle più violente aggressioni per poi rispondere con Falcecannone o Metaltestata, state certi che sconfiggere questo monolito metallico sarà una vera impresa. Fatevi un favore e lasciatelo riposare in pace: se mai dovesse risvegliarsi, anche il suo immenso potere verrebbe alla luce!

Jirachi

200px-Artwork385.png

Spoiler

Jirachi (noto come Pokémon Desiderio) è un Pokémon Leggendario di tipo Acciaio/Psico che può essere visto in una zona specifica del pianeta, anche se appare solo una volta ogni 1000 anni. Considerato un vero miracolo per la sua capacità  di esaudire i desideri, Jirachi è un essere unico e misterioso per quanto riguarda la propria anatomia e abilità . Se siete così fortunati da vederlo, allora non esitate ad esprimere un desiderio: siccome si sveglia solo una volta ogni mille anni, non avrete un'altra occasione!

Jirachi è una creatura incredibile che sfida i confini della comprensione scientifica con le sue incredibili capacità  psichiche, che hanno un unico scopo: esaudire i desideri. Nessuno conosce il motivo di questa sua abilità  e come sia stata sviluppata, ma merita di essere adorata, visto che l'uso di tale potere lo costringe a dormire per mille anni. Jirachi è in grado di esaudire ogni tipo di desiderio senza restrizioni, il che include i desideri materialistici (che vengono esauditi tramite l'uso del teletrasporto) e quelli di buon auspicio (come di buona sorta per la propria famiglia, per i quali si hanno molte prove che si sono realmente avverati). L'intenso uso di energia psichica mette a dura prova il cervello di Jirachi, per questo ci vogliono secoli per ripristinare completamente tutte le sue funzioni ed è per questo che riesce a rimanere sveglio solamente per una settimana. Quando dorme, Jirachi protegge il proprio corpo tramite una sorta di bozzolo formato da quarzo infuso d'energia psichica, quindi distruggere questa corazza è impossibile, anche immergendola nel magma. Anche quando si trova in questo stato Jirachi è in grado di difendersi da eventuali minacce, anche se ovviamente non può usare i suoi pieni poteri. Secondo le leggende, un umano dal cuore puro è in grado di risvegliare Jirachi per almeno un paio di minuti, riuscendo quindi ad esprimere il proprio desiderio, è anche noto che durante il sonno Jirachi sia in grado di comunicare telepaticamente con gli umani (anche se può farlo solo nei dieci anni che precedono il suo risveglio). Per permettere che il proprio desiderio venga esaudito, basta semplicemente scriverlo sui nastri che ha appesi alla testa, ciò inoltre permette a Jirachi di memorizzare ogni desiderio che ha esaudito come un prezioso ricordo, curiosamente infatti tale creatura sembra essere molto affezionata alla razza umana. In situazioni di pericolo, Jirachi è in grado di infondere la sua energia per esaudire i desideri per generare un'intensa esplosione, un attacco che tuttavia richiede del tempo per essere eseguito, ma il danno è catastrofico visto gli enormi poteri di questa creatura: questa mossa del tutto unica è nota come Obbliderio ed è classificata come una mossa Acciaio visto che si tratta di un'esplosione di luce che non produce alcun tipo di calore; anche se il suo utilizzo è simile a Divinazione, questa mossa merita assolutamente di essere temuta.

Jirachi a causa delle sue caratteristiche fu visto molto di rado dall'uomo da sempre, ma c'è stato un evento che lo ha reso famoso, noto come l"'incidente della Cometa Millenaria". Jirachi si trovava in un paradiso naturale nella regione di Hoenn, un luogo noto come Forina e si svegliava ogni mille anni in coincidenza con l'arrivo di una cometa che la gente chiamava "Cometa Millennium": sembra che questa rilasci un potere unico che infonde vita in tutta Forina rinvigorendo piante e Pokémon, permettendo loro di crescere per generazioni intere in ottima salute, tuttavia durante l'ultimo avvistamento di questa cometa, un ex membro del Team MagmaButler, cercò di usare i poteri di Jirachi per resuscitare un Pokémon leggendario: Groudon. Avendo ottenuto una squama del Pokémon, lui cercò per anni di clonarlo tramite la tecnologia, ma i suoi risultati miserevoli lo portarono ad essere espulso dal Team Magma. Afflitto, l'uomo decise di rapire Jirachi appena svegliato trovato da un gruppo di ragazzi; con il Pokémon avrebbe potuto assorbire i poteri della Cometa Millennium e usarli per esaudire il suo desiderio, tuttavia il desiderio non funzionò per il semplice fatto che non aveva senso, in quanto a sua insaputa Groudon era ancora vivo, ciò portò alla creazione di un falso Groudon che iniziò a drenare qualsiasi forma di vita che fosse nei paraggi. Butler capì il suo errore troppo tardi e sapeva che quel suo atto avrebbe portato alla morte innumerevoli vite. Con l'intervento dei ragazzi che trovarono Jirachi, riuscirono a salvare quest'ultimo, che usando Obbliderio distrusse il falso Groudon per riaddormentarsi e tornò a Forina. Per quanto riguarda Butler, si dice che ora viva in un'altra regione.

Anche se la comprensione dei suoi poteri psichici va oltre ogni possibile capacità  umana e scientifica, si può dire senza alcun dubbio che Jirachi è un essere meraviglioso, che può ancora dare molto alla comunità  scientifica. Molti studiosi comparano i suoi poteri con l'anatomia degli Spettri, siccome anch'essi risultano andare contro qualsiasi normale legge della fisica, ma non si può far altro che essere felici nel sapere che i miracoli esistono grazie a questa piccola creatura. Se riuscite ad incontrarlo e risvegliarlo, prima di esprimere il desiderio è meglio che consideriate anche ogni conseguenza di esso. Solo perché può fare qualsiasi cosa, non significa che è giusto farlo, certe cosa potrebbero lasciare ferite anche per un millennio!

Empoleon

Empoleon

Spoiler

Empoleon (noto come Pokémon Imperatore) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Acqua/Acciaio che vive nelle coste del "Mar Glaciale Artico", sebbene vivano anche a Sinnoh in quanto importati sin da piccoli come Pokémon starter della regione e raramente sono visti ad Alola. Amati dagli allenatori per le loro incredibili abilità  di combattimento e per il loro corpo duro come l'acciaio, gli Empoleonsono uccelli possenti in grado di perforare la difesa nemica con i loro attacchi Beccata e Ferrartigli per poi finirli con Idropompa. Anche gli specialisti Erba devono stare attenti quando combattono contro di loro: non devono mai abbassare la guardia solo perché sono avvantaggiati in fatto di tipo, altrimenti scopriranno perché sono considerati degli imperatori!

Quando un Prinplup si sviluppa completamente evolvendosi in Empoleon, il loro isolamento termina e tornano nella colonia in cui sono nati cambiando totalmente stile di vita: ora coopereranno con i loro simili per cacciare e sconfiggere i predatori (uno stile di vita completamente diverso rispetto a quello dei Prinplup), quando poi un Empoleon trova una compagna, allora potranno avere un'importanza maggiore nella propria colonia, normalmente infatti un Empoleon con una compagna può essere considerato leader nel caso in cui la sua cresta è maggiore rispetto a quella degli altri, dunque generalmente i membri alfa ed omega hanno sempre la cresta più grande degli altri. Ironicamente, anche se gli Empoleon sono ancora estremamente orgogliosi, è senza dubbio il più facile da allenare in tutta la famiglia evolutiva di Piplup, visto che sono mentalmente più adatti a lavorare in gruppo e sono molto più intelligenti, tanto che sanno quando non possono vincere una battaglia e preferiscono evitarla nonostante gli ordini dell'allenatore. Sebbene abbiano un comportamento più razionale, se si sentono offesi non esiteranno ad aggredire il responsabile per vendicarsi, anche se fosse stato il loro allenatore (questo è il motivo principale per cui possono apprendere Danzaspada e Bullo al posto di Docciascudo e Pazienza appresi dai Piplup e dai Prinplup).

Con l'evoluzione, le ali degli Empoleon si sviluppano ancora di più, già  prima erano in grado non solo di nuotare, ma anche di spaccare il ghiaccio per raggiungere colonie di pesci altrimenti irraggiungibili, ora sono più grandi e hanno sviluppato artigli ossei e spuntoni diventando paragonabili alle ali di un aeroplano. Nonostante ciò renda questi Pokémon ancor più inadatti al volo, ora la loro forza fisica è aumentata in modo incredibile (sebbene restino ancora specializzati negli attacchi speciali), diventando inoltre gli unici Pokémon di tipo Acqua/Acciaio. Solo le lastre più spesse dell'Artico possono resistere ad un attacco Ferrartigli di questi pinguini e anche gli iceberg (anche se vengono compromessi), rendendoli comunque combattenti devastanti. Ora nuotando possono raggiungere la velocità  di una barca jet (motivo per cui apprendono Acquagetto appena evoluti) e siccome non esiste alcun predatore in grado di tener loro testa, a differenza delle loro pre-evoluzioni, sono considerati i Pokémon dominatori delle zone artiche, non a caso infatti sono pericolosi in qualsiasi scontro.

Avendo a disposizione una grande quantità  di attacchi pericolosi e con una combinazione di tipo che li rende tra i Pokémon Acqua più resistenti, l'unica cosa che veramente preoccupa questi uccelli glaciali è l'elettricità . Possedendo un alto attacco speciale e un carattere calmo che verrà  rimpiazzato da ira pura se feriti nell'orgoglio, certamente affrontare un Empoleon in battaglia è pericoloso e bisogna farlo con la massima cautela. Potrebbero non sembrare così forti inizialmente, ma se date loro l'occasione, vedrete il vostro Pokémon fatto a pezzi, a quel punto desidererete solo di non incontrare mai questi imperatori pinguini!

Shieldon

 Artwork410.png

Spoiler

Shieldon (noto come Pokémon Schermo) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Roccia/Acciaio che viveva nelle pianure di tutto il mondo, ma ormai in natura quasi non esiste più perché estinto. Anche se estinti 100 milioni di anni fa, la scienza moderna è riuscita a resuscitare queste bestie corazzate con grande felicità da parte degli allenatori e ricercatori di tutto il mondo. Potrebbero non saper combattere offensivamente, ma quando possono praticamente resistere ad ogni attacco, questo è davvero un problema?!

Gli Shieldon sono stati resuscitati da un tipo di fossile particolare noto come Fossilscudo, che altro non è che il loro cranio fossilizzato che ancora mantiene tracce genetiche della specie, sembra addirittura che siano gli antenati della famiglia evolutiva di Aron (come la loro evoluzione Bastiodon ovviamente). Dal momento che la loro cresta a scudo è formata da osso ed è corazzata, difficilmente le tracce genetiche rimangono intatte, solo le ossa trovate sepolte a certe profondità sono riuscite a mantenersi abbastanza bene. Per quanto possa sembrare strano, la loro cresta a scudo è ciò che permette loro di sopravvivere, visto che è abbastanza corazzata da proteggerli dagli attacchi più brutali, cosa che normalmente è impossibile per i Pokémon più giovani, quindi non hanno mai avuto bisogno di sviluppare abilità offensive, in quanto si nutrivano solo di erba e frutti di bosco e riuscivano a difendersi dai predatori molto bene. Anche se inadatti al combattimento offensivo, possono apprendere Riduttore verso metà di questo stadio, tuttavia la cresta corazzata li rallenta molto, risultando parecchio svantaggiati contro avversari veloci, dato che la loro pelle non dispone di protezione e se attaccati alle spalle, difficilmente potrebbero sopravvivere.

La cresta degli Shieldon ha l'unico scopo di protezione nella loro vita, questi presentano alcuni composti metallici (che servono per renderli più resistenti), che se puliti possono riflettere come fosse vero metallo; in natura lo fanno strofinandoli sui tronchi degli alberi finché non ottengono l'effetto desiderato, ma il motivo sembra che sia semplicemente estetico, tuttavia tale comportamento non è presente nella loro evoluzione, il che fa supporre che venga fatto per attirare una compagna sin da giovani, visto che da adulti sono troppo occupati a proteggere il branco. Questa loro abitudine purtroppo potrebbe renderli vulnerabili alle spalle, ecco perché tendono a farlo solo in zone poco affollate e assieme al branco.

Potrebbero non avere molte capacità offensive, tuttavia gli Shieldon restano creature interessanti che possono causare parecchi problemi agli allenatori più giovani che si basano sull'attacco. Potendo apprendere potenti mosse difensive come Protezione e Ferroscudo in tenera età, state certi che questi dinosauri sono combattenti difensivi di tutto rispetto. State solo attenti a non spaventarli o prenderli alle spalle: potrebbero non avere una grande forza fisica, ma un loro attacco Azione può far male!

Bastiodon

  Artwork411.png

Spoiler

Bastiodon (noto come Pokémon Schermo) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Roccia/Acciaio che viveva nelle pianure di tutto il mondo, ma ormai in natura quasi non esiste più perché estinto. Questa specie sembra essersi estinta durante il Cretaceo, nonostante ciò, i Bastiodon risultano essere delle bestie con enormi capacità difensive grazie alla loro cresta ferrosa inespugnabile, motivo per cui, grazie alla scienza moderna, sono diventati parecchio popolari tra gli allenatori. Potrebbero non essere molto reattivi, tuttavia quando si parla di resistere ai colpi, pochi ci riescono come questi antichi dinosauri!

Proprio come la loro pre-evoluzione, i Bastiodon sono creature antiche che possiamo vedere oggi grazie alla scienza moderna, inoltre pare che siano gli antenati dei ben più moderni Aggron. La cresta degli Shieldon ora si è ingrandita fondendosi in parte con la testa, ciò sebbene limiti i loro movimenti, conferisce un enorme vantaggio difensivo, dal momento che possono usare il collo per spostare la testa e usarla come un vero e proprio scudo in modo da parare gli attacchi da ogni direzione, eccetto quelli alle spalle. Grazie all'osso che compone la cresta e i metalli che lo rafforzano, romperlo è praticamente impossibile e rende difficile ferire questi dinosauri con attacchi diretti, tanto che è più probabile che un Bastiodon si faccia più male da solo che per colpa degli avversari. Nonostante tutto riescono ad apprendere mosse offensive davvero niente male come Pesobomba, Metaltestata e Metalscoppio, conferendo loro vantaggi strategici che la loro pre-evoluzione non possiede; considerando anche che sono in grado di imparare Blocco, non c'è da stupirsi se gli allenatori difensivi tendano ad avere uno di questi dinosauri in squadra.

Il motivo per cui  è molto difficile vederli in natura e nei loro branchi anche dopo che sono stati reintrodotti, è perché uno Shieldon impiega moltissimi anni ad evolversi senza che combatta. Normalmente gli Shieldon e i Bastiodon viaggiano in grandi branchi e si nutrono di erba e frutti di bosco che trovano come unica fonte di sostentamento, quindi sono forme di vita benigne e semplici. Essendo queste mandrie molto numerose, se attaccati da predatori, i Bastiodon formeranno un cerchio in cui all'interno ci sono gli Shieldon e formeranno un muro vivente per proteggerli, dunque passarvi è impossibile se incapaci di compiere grandi balzi o volare. Questa strategia è molto efficace, perché è impossibile infliggere gravi danni ai Bastiodon, dal momento che formando un muro circolare, attaccarli alle spalle è impossibile, il che rende la loro estinzione un vero e proprio mistero, molti suppongono che si siano estinti per via di grossi predatori, che riuscivano ad oltrepassare la loro difesa senza problemi.

Nonostante la scarsa mobilità e forza fisica, i Bastiodon sono bestie titaniche in grado di sopportare centinaia di colpi prima di finire fuori combattimento. Che lo incontriate come avversario o lo abbiate come compagno, state certi che la lotta sarà più lunga del previsto, dal momento che anche un Esplosione può far ben poco contro questi Pokémon. L'importante è solo non farvi distrarre, perché se il nemico vi attacca alle spalle c'è davvero poco da fare!

Wormadam

200px-Artwork413-Scarti.png

Spoiler

Wormadam (noto come Pokémon Larva) è un Pokémon relativamente raro di tipo Coleottero/Erba, Coleottero/Terra oColeottero/Acciaio che vive nelle foreste delle regioni di Sinnoh e Kalos, anche se raramente è stato visto nella regione diJohto. Rinomati per la loro versatilità  e per le bizzarre capacità  offensive e difensive, i Wormadam sono combattenti interessanti che possono offrire a qualsiasi allenatore delle strategie di combattimento intriganti. Sebbene non siano in grado di causare gravi danni, il fatto di possedere esemplari tanto diversificati tra loro da far pensare a tre specie completamente distinte può causare parecchi problemi agli avversari che non sanno come gestirli!

Burmy sono delle creature del tutto uniche in natura, in quanto la loro evoluzione è determinata da due fattori fondamentali: il sesso e la composizione del loro manto attuale; questo è dovuto al ruolo che hanno le due distinte evoluzioni, Wormadam e Mothim. I Wormadam esistono solo ed esclusivamente per la generazione della prole, di conseguenza hanno un ruolo prettamente difensivo e quindi il loro corpo non matura mai completamente. I Mothim, d'altra parte, fanno solo due cose: procreare con i Wormadam e raccogliere il cibo per loro, dunque sono più offensivi e veloci rispetto alla loro controparte femminile e si sbarazzano del manto una volta evoluti; quindi l'evoluzione di un Burmy è determinata dal sesso: i Burmy maschi raggiungono lo stadio adulto diventando Mothim, mentre le femmine restano nel loro stadio pupale diventando dei Wormadam. La seconda caratteristica dell'evoluzione, ovvero il manto, influisce solo nei Wormadam, i quali fonderanno i materiali attorno al proprio esoscheletro in modo che possano proteggere se stessi e i figli; i materiali usati, inoltre, influiscono anche sul tipo, le statistiche e le mosse apprese, quindi se un allenatore desidera un Wormadam specifico deve prestare molta attenzione a quale manto usi il suo Burmy femmina.

Solitamente i manti tendono ad essere leggermente più spessi se l'evoluzione è avvenuta in una giornata fredda, ma ciò che più influisce è il materiale di cui sono composti, e in base a questo la forma viene denominata: Manto Pianta, Manto Sabbia oManto Scarti a seconda della composizione. Ora però i manti sono fusi con il loro esoscheletro e ciò va a modificare tipo, statistiche e mosse dei Pokémon. I più comuni sono i Wormadam con il Manto Pianta, classificati con i tipi Coleottero/Erba e caratterizzati da un attacco e resistenza speciale abbastanza elevati; le mosse esclusive di questa forma sono: Foglielama,Crescita e Verdebufera. I Wormadam con il Manto Sabbia sono classificati con i tipi Coleottero/Terra, tuttavia, stavolta, a subire un significativo incremento sono la forza e la resistenza fisica; le mosse esclusive di questa forma sono: Cadutamassi,Rafforzatore e Abisso (risultando essere gli unici Coleotteri in grado di apprendere questa mossa naturalmente). Infine, iWormadam con il Manto Scarti sono classificati con i tipi Coleottero/Acciaio; essi hanno statistiche offensive e difensive equilibrate e le mosse esclusive di questa forma sono: Cristalcolpo, Ferrostridio e Metaltestata. Generalmente parlando, i Wormadam con il Manto Scarti risultano essere i migliori difensivamente, mentre quelli con il Manto Pianta o il Manto Sabbia sono migliori sul piano offensivo, potendo apprendere mosse potenti come Verdebufera o Abisso, con cui possono mettere in difficoltà  molti avversari.

Nonostante non abbiano capacità  particolarmente interessanti (eccetto l'uso di poteri psichici limitati che consentono loro di apprendere naturalmente Confusione, Psicoraggio e Psichico), i Wormadam rimangono combattenti versatili in grado di mettere in difficoltà  qualsiasi stolto provi a sottovalutarli. Avendo a disposizione tre forme completamente differenti tra loro, non c'è da meravigliarsi se sono così popolari tra i Pigliamosche che desiderano del potere difensivo dalla loro parte. E' altamente consigliato ignorare i Wormadam allo stato brado, visto che attaccarli potrebbe attirare uno sciame di Mothim infuriati!

Bronzor

200px-Artwork436.png

Spoiler

Bronzor (noto come Pokémon Bronzo) è un Pokémon relativamente raro di tipo Acciaio/Psico che vive in zone montane e nelle antiche rovine delle regioni di Sinnoh e Unima, anche se raramente è stato visto nelle regioni di KantoJohto ed Hoenn. Possiamo dire molto poco su di loro siccome molte cose sono ancora ignote, ma i Bronzor sono comunque esseri interessanti che possono combattere difensivamente in un modo che supera moltissimi Pokémon Psico. Non saranno tra i Pokémon più carismatici, ma riuscendo a tenere a bada gli avversari più forti per poi permettere a qualcun altro di finirlo, di certo questo essere metallico è davvero sorprendente!

Dire che non sappiamo nulla sui Bronzor e i Bronzong non rispecchia minimamente il mistero dietro questi esseri metallici. Studiosi sospettano che furono creati in antichità  proprio come la famiglia evolutiva dei Baltoy, in quanto anche loro sembrerebbero essere fatti da un materiale solido infuso d'energia psichica, ma non c'è la benché minima prova che questi esseri siano di manifattura umana. Molti templi nella regione di Sinnoh sembrano avere geroglifici che parlano di una o entrambe le specie di questi Pokémon, in alcuni di essi furono rinvenuti dei bizzarri manufatti dall'aspetto molto simile ai Bronzor; questi oggetti sono quello che più si avvicina ad una prova della loro origine artificiale. Ora come ora ci sono varie ipotesi sulle loro origini; alcune di queste rovine hanno vari materiali in bronzo (materiale di cui è composto il corpo di questi esseri) e risalgono ad almeno 2000 anni fa, forse anche di più. Ciò ha portato vari dibattiti nella comunità  scientifica, visto che sembrano essere stati importanti per i popoli antichi di Sinnoh. Sia i Bronzor che i Bronzong hanno il corpo di un colorito verde bluastro (anche se ci sono casi estremamente rari il cui colore è diverso, in quanto presentano rame e zinco nel corpo), sembra che questi colori, apparentemente senza uno scopo, riescano ad avere capacità  riflettenti simili a quelle di uno specchio, il che ha portato all'ipotesi che i loro corpi siano stati bagnati da una sostanza in grado di impedire che si arrugginiscano; alcuni esemplari morti tuttavia furono rinvenuti con della ruggine in superficie, grazie ad essi infatti possiamo dire con una certa precisione quando si sono estinte le civiltà  antiche di Sinnoh. Quando i popoli antichi smisero di esistere, i Bronzor e i Bronzong hanno iniziato a vivere allo stato brado e a sviluppare uno strato protettivo naturale contro la ruggine, ecco perché ancora oggi è possibile trovarli in natura.

Sebbene possano apprendere alcune mosse Acciaio, sia i Bronzor che i Bronzong sono più abili nell'uso di abilità  psichiche per attaccare e combattere gli avversari. Come abbiano sviluppato queste capacità  non è mai stato compreso, ma è probabile che senza di essa non sarebbero nemmeno vivi, molti ritengono che il simbolo dietro di loro sia in qualche modo connesso a questa loro abilità , ma non è mai stato accertato. Questa energia psichica è usata per manipolare campi elettromagnetici: grazie alla loro bizzarra forma possono sollevarsi da terra, respingendo il campo magnetico terrestre come fossero delle calamite; questa caratteristica è molto utile, in lotta in quanto la maggior parte degli esemplari riesce ad esercitare la Levitazione in modo tale da evitare qualsiasi attacco Terra. Altri esemplari possono sfruttare questi campi elettromagnetici per abbassare la temperatura degli attacchi Fuoco, riuscendo quindi a sopportare una delle loro più grandi debolezze naturali, questa abilità  del tutto unica di questa specie è nota come Antifuoco. Di conseguenza è difficile capire quali attacchi siano superefficaci su di loro e quali no, tali abilità  risulteranno ancora più utili dopo l'evoluzione, quando le loro capacità  offensive potranno diventare un pericolo.

Anche se ci vuole del tempo prima che possano combattere offensivamente, non si può negare che i Bronzor siano esseri interessanti che possono dare un ottimo potere difensivo per gli allenatori più giovani. Essendo in grado di usare Ipnosi ed Extrasenso e potendo disporre di due abilità  che possono frustrare non poco i nemici, di certo questi Pokémon Psico faranno fatica a deludervi. Nonostante le protezioni naturali, è importante ricordarsi di lucidare questi Pokémon regolarmente, altrimenti rischiano di sviluppare un po' di ruggine!

Bronzong

Sugimori 437.png

Spoiler

Bronzong (noto come Pokémon Squibronzo) è un Pokémon non molto comune di tipo Acciaio/Psico che vive in zone montane e nelle antiche rovine delle regioni di Sinnoh ed Unima, anche se raramente è stato visto nella regione di KantoJohto ed Hoenn. Non sono sicuramente tra i combattenti più veloci, ma difensivamente sono devastanti e possono creare problemi a qualsiasi tipo di avversario. Non sono di certo tra gli esseri più imponenti, ma questi esseri metallici riescono a ribaltare tranquillamente la situazione. Nel caso abbiate problemi a causa di stagioni troppo secche, se avete uno di questi Pokémon, non sarà  un problema!

Dire che non sappiamo nulla sui Bronzor e i Bronzong non rispecchia minimamente il mistero dietro questi esseri metallici. Studiosi sospettano che furono creati in antichità  proprio come la famiglia evolutiva dei Baltoy, in quanto anche loro sembrerebbero essere fatti da un materiale solido infuso d'energia psichica, ma non c'è la benché minima prova che questi esseri siano di manifattura umana. Molti templi nella regione di Sinnoh sembrano avere geroglifici che parlano di una o entrambe le specie di questi Pokémon, in alcuni di essi furono rinvenuti dei bizzarri manufatti dall'aspetto molto simile ai Bronzor; questi oggetti sono quello che più si avvicina ad una prova della loro origine artificiale. Ora come ora ci sono varie ipotesi sulle loro origini; alcune di queste rovine hanno vari materiali in bronzo (materiale di cui è composto il corpo di questi esseri) e risalgono ad almeno 2000 anni fa, forse anche di più. Ciò ha portato vari dibattiti nella comunità  scientifica, visto che sembrano essere stati importanti per i popoli antichi di Sinnoh. I Bronzong invece sembrano aver avuto un ruolo più importante, specie per il raccolto, infatti essi sono in grado di usare l'energia psichica per creare deboli portali warp con cui manipolare il clima, riuscendo a portare dove vogliono intensi raggi di sole oppure piogge (ecco perché riescono ad apprendere Giornodisole e Pioggiadanza naturalmente). Secondo i geroglifici, tali esseri aiutavano moltissimo i popoli antichi, in quanto manipolavano il clima, ma questi poteri sembrano essere troppo avanzati per essere stati sviluppati dall'uomo, andando a contraddire tutte le prove che suggeriscono una loro origine artificiale (è quindi possibile che solo durante un certo periodo della storia abbiano iniziato ad aiutare gli umani). Sia i Bronzor che i Bronzong hanno il corpo di un colorito verde bluastro (anche se ci sono casi estremamente rari il cui colore è diverso, in quanto presentano rame e zinco nel corpo), sembra che questi colori, apparentemente senza uno scopo, riescano ad avere capacità  riflettenti simili a quelle di uno specchio, il che ha portato all'ipotesi che i loro corpi siano stati bagnati da una sostanza in grado di impedire che si arrugginiscano; alcuni esemplari morti tuttavia furono rinvenuti con della ruggine in superficie, grazie ad essi infatti possiamo dire con una certa precisione quando si sono estinte le civiltà  antiche di Sinnoh. Quando i popoli antichi smisero di esistere, i Bronzor e i Bronzong hanno iniziato a vivere allo stato brado e a sviluppare uno strato protettivo naturale contro la ruggine, ecco perché ancora oggi è possibile trovarli in natura. Alcuni anni fa fu ritrovato un esemplare di Bronzong in una sorta di sonno di stasi, gli scienziati ritengono che la sua età  sia all'incirca sui 2000 anni e risulta essere l'esemplare più antico scoperto, tuttavia il suo risveglio in un mondo totalmente diverso lo ha sconvolto, portandolo ad attaccare molte persone fino ad abituarsi al nostro periodo.

Sebbene possano apprendere alcune mosse Acciaio, sia i Bronzor che i Bronzong sono più abili nell'uso di abilità  psichiche per attaccare e combattere gli avversari. Come abbiano sviluppato queste capacità  non è mai stato compreso, ma è probabile che senza di essa non sarebbero nemmeno vivi, molti ritengono che il simbolo dietro di loro sia in qualche modo connesso a questa loro abilità , ma non è mai stato accertato. Questa energia psichica è usata per manipolare campi elettromagnetici: grazie alla loro bizzarra forma possono sollevarsi da terra, respingendo il campo magnetico terrestre come fossero delle calamite; questa caratteristica è molto utile, in lotta in quanto la maggior parte degli esemplari riesce ad esercitare la Levitazione in modo tale da evitare qualsiasi attacco Terra. Altri esemplari possono sfruttare questi campi elettromagnetici per abbassare la temperatura degli attacchi Fuoco, riuscendo quindi a sopportare una delle loro più grandi debolezze naturali, questa abilità  del tutto unica di questa specie è nota come Antifuoco. Di conseguenza è difficile capire quali attacchi siano superefficaci su di loro e quali no. Ciò che differenzia maggiormente in battaglia i Bronzong dai Bronzor è il loro potere offensivo ben più alto e alla possibilità  di apprendere Giornodisole, Pioggiadanza e Blocco, diventando una minaccia per qualsiasi avversario.

Non sono molto versatili in termini di mosse, tuttavia i Bronzor riescono a sopportare moltissimi danni senza troppi problemi (considerando anche che apprendono Blocco non appena evoluti). Ora sono in grado di usare attacchi come Divinazione,Fintoattacco e Pesobomba, potendo sfruttare un mix perfetto di tecniche offensive e difensive con cui non hanno problemi ad affrontare avversari multipli. Se cercate un degno combattente difensivo, questi esseri non vi deluderanno, ma trattateli con rispetto, altrimenti potreste ritrovarvi nel bel mezzo di un acquazzone durante un tranquillo picnic!

Lucario

Artwork448.pngArtwork448-Mega.png

Spoiler

Lucario (noto come Pokémon Aura) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Lotta/Acciaio che vive tra le pianure e le zone montuose delle regioni di Sinnoh, Unima, Kalos ed Alola. Vedere uno di questi canidi in lotta è raro, ma c'è da dire che i Lucario sono creature potenti che possono rivelarsi delle vere sfide per chiunque li affronti. Anche se non sono tra i Pokémon più resistenti, con la capacità di percepire e prevedere i movimenti del nemico, raramente ciò si rivela un problema!

Quando un Riolu riesce a raggiungere un certo stato emotivo in natura o con il suo allenatore ed è stato esposto molto spesso ai raggi solari, allora inizierà a svilupparsi e ad evolversi in Lucario, apprendendo ad usare le proprie abilità legate all'aura al massimo. Con l'evoluzione questi Pokémon ottengono anche un sottile strato metallico sottocutaneo, motivo per cui sono classificati come Pokémon Acciaio. Oltre alla capacità di percepire l'aura di altri esseri, i Lucario ora possono usarla come vera e propria arma da combattimento potendo usare molte mosse precluse alla loro pre-evoluzione come NeropulsarForzasferaDragopulsar, Ondasana, Individua, Danzaspada, Ferrostrido, Anticipo, Precedenza, Calmamente, Ferrartigli, Ossoraffica, Extrarapido e Crescipugno; come se non bastasse, Lucario possiede l'attacco Forzasfera più potente in assoluto ed è in grado di sferrarlo meglio di qualsiasi altro Pokémon, rendendoli avversari pericolosi contro Pokémon Roccia, Acciaio, Ghiaccio, Normale e Buio; in sostanza, quasi non esistono avversari che un Lucario non possa affrontare, quei pochi possono essere sfidati facilmente con l'ausilio di qualche MT.

Come conseguenza nel saper usare l'aura come vera e propria arma, i Lucario hanno la capacità di prevedere i movimenti di qualsiasi essere vivente e come essi interagiscono con oggetti inanimati semplicemente riuscendo a percepire la loro aura, capacità che pochissimi umani sanno controllare e che è un vero e proprio mistero per la scienza, dal momento che i pochi che ci riescono custodiscono gelosamente tale segreto. Quest'abilità è davvero sorprendente, basti pensare che raramente i Lucario sfruttano i loro occhi in battaglia, così facendo riescono a vedere attacchi troppo veloci per la normale vista (come ad esempio quelli dei Ninjask) oppure riescono ad attaccare nonostante alcuni problemi visivi (come quando vengono colpiti dalla tecnica Muro di Fumo). I Lucario più allenati possono addirittura capire i pensieri di altre creature percependo semplicemente la loro aura perfino a grandi distanze, anche quando questi non sono visibili; questi Lucario inoltre sono più intelligenti di quelli normali e possono addirittura comunicare con altre specie di Pokémon e umani (tramite la telepatia), riuscendo quindi a legare con qualsiasi organismo. Ciò non solo li rende ottimi compagni e combattenti, ma anche tra i Pokémon più facili da allenare, anche perché riescono ad adattarsi a qualsiasi strategia ideata dal proprio allenatore.

Si è scoperto che Lucario è una della 46 specie di Pokémon note in grado di subire una MegaEvoluzione. Se si è in possesso di una Lucarite esso può MegaEvolversi; questa mutazione, non solo li rende più alti, ma sviluppa anche una maggiore quantità di spuntoni metallici sulle zampe e spalle, oltre ciò e altri irrilevanti cambiamenti estetici, il resto della mutazione è interna, infatti le estensioni di pelo e i segni sono una conseguenza del maggiore controllo dell'aura che aumenta le loro capacità offensive e difensive; come se non bastasse, il sistema muscolare pure è più sviluppato, dato che gli impulsi nervosi sono più rapidi e ottengono una risposta dal cervello all'istante, dando loro tempi di reazione immediati. Statisticamente parlando, questi cambiamenti incrementano moderatamente la resistenza fisica e la velocità, mentre l'attacco speciale è molto superiore e la forza fisica è criticamente migliore rispetto a prima, ciò li rende i Pokémon Lotta con il maggior attacco speciale (escludendo leggendari MegaEvoluti) e i Pokémon Acciaio più veloci (escludendo Arceus). Inoltre, la concentrazione dei MegaLucario è tale che i loro attacchi Lotta ed Acciaio sono più potenti del normale, conferendo loro l'abilità Adattabilità, ecco perché sono avversari inarrestabili sia nelle lotte corpo a corpo che in quelle a distanza.

Anche se raramente i Pokémon selvatici hanno un ruolo centrale in incidenti di grande importanza, specie quelli rari come Lucario, ne esiste uno in cui un Lucario fu protagonista, l'"Incidente dell'Albero della Vitail quale ha avuto luogo nei pressi del Palazzo di Cameron. Secondo alcune leggende, prima che fossero create le Poké Ball ci fu una terribile guerra, tuttavia il regno di Cameron rimase neutrale, anche se subì svariate perdite per colpa della furiosa battaglia. Sir Aaron, un fedele servitore della regina, e il suo Lucario viaggiarono nella speranza di porre fine a tutto questo; ad un certo punto Sir Aaron imprigionò il suo Pokémon in uno scettro, nessuno tuttavia sa cosa successe dopo, quando un'energia ignota emersa dall'Albero della Vita calmò i due eserciti. Secoli dopo un ragazzo liberò il Lucario dallo scettro perché aveva un'aura molto simile a quella di Sir Aaron. I due volendo scoprire dei segreti circa Mew si diressero verso l'Albero della Vita, che tuttavia emanava un'energia unica per impedire l'arrivo di intrusi. Con il tempo, a causa della presenza di sconosciuti l'albero iniziò ad ammalarsi, rischiando di morire. Quando giunsero nel cuore dell'albero scoprirono la verità  su Sir Aaron, che per evitare che i due eserciti si distruggessero fra loro, proiettò la sua aura su Mew in modo da stimolare l'Albero della Vita, generando la misteriosa energia che pose fine alla guerra, ma ciò portò Sir Aaron alla morte facendolo diventare un cristallo imbrigliato di aura. Con l'aiuto di Mew, dell'aura del ragazzo e del Lucario, l'Albero della Vita guarì, ma il destino di Lucario fu lo stesso di quello del suo vecchio allenatore, diventando anch'egli un cristallo. Oggi l'accesso all'Albero della Vita è severamente vietato, ma ogni tanto qualcuno dice di aver visto Mew giocare nei pressi della zona.

Agili e pericolosi in qualsiasi scontro, i Lucario sono bestie potenti in grado di causare così tanti problemi agli avversari che probabilmente se lo ricorderanno per sempre. Avendo a loro disposizione un devastante mix di attacchi e tecniche, state certi che questi fedeli canidi si dimostreranno degni compagni anche quando sono svantaggiati. Se volete scoprire i misteri dell'aura o semplicemente desiderate un Pokémon Lotta equilibrato, allora queste creature fanno al caso vostro e magari potreste anche apprendere a percepire l'aura con un maestro naturale!

 

Modificato da Zarxiel

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Magnezone

Sugimori 462.png

Spoiler

Magnezone (noto come Pokémon Magnetico) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Elettro/Acciaio che vive dentro o nelle vicinanze delle centrali elettriche o altre fonti di energia elettrica nelle regioni di Sinnoh, Unima ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Potendo superare le capacità  di sfruttare l'energia elettrica di qualsiasi altro Pokémon Elettro comune, i Magnezone sono macchine mostruose che possono sia arrecare gravi danni in battaglia che resistere ai più forti colpi nemici. Anche se non hanno una grande varietà  di mosse, non è un problema considerando il loro immenso potere, infatti solo i Pokémon Terra riescono a resistere a questi mostri!

La famiglia evolutiva dei Magnemite ha un'origine davvero ricca ed interessante essendo i primissimi Pokémon artificiali moderni e anche quelli più conosciuti. Prima ancora del lavoro di Nikola Tesla, pochissime persone tentarono di creare Pokémon artificialmente, almeno senza usare enormi macchinari, rendendo l'essere troppo grande per consentirgli di essere autonomo. Quando Nikola Tesla fece nascere il suo motore, venne creata rapidamente la bobina di Tesla; tale invenzione sconvolse l'umanità  e cambiò la tecnologia moderna dell'epoca in pochissimo tempo. Un gruppo di ricerca sconosciuto iniziò a fare degli esperimenti con le bobine di Tesla per poter creare qualcosa di incredibile. Utilizzando la corrente alternata, riuscirono a permettere un flusso di energia elettrica senza l'ausilio di cavi elettrici, creando un motore asincrono il quale permise il flusso di un'enorme quantità  d'energia in un oggetto molto piccolo. Con l'utilizzo della bobina di Tesla riuscirono a far fluire in sincronia correnti ad alta e bassa tensione: la bassa avrebbe permesso di trasformare l'energia in raffiche elettriche all'interno della macchina, mentre quella alta funzionamenti complessi che avrebbero arrecato danni gravi in creature biologiche. Per anni lavorarono duramente su questo progetto e così nacque il primo Pokémon artificiale moderno: Magnemite. Anche se l'attuale design dei Magnemite sembra molto rozzo, questo è dovuto ai pochissimi cambiamenti che furono fatti a questi Pokémon con il passare degli anni, risultando quindi identici esteticamente ai loro antenati. La loro creazione fu possibile grazie alle correnti alternate che potevano essere usate anche in macchinari molto piccoli, il motore asincrono invece è ciò che dà  potenza a tutto il corpo, mentre la bobina di Tesla serve per trasferire l'energia ad alta tensione senza effetti negativi. Inutile dire che il gruppo di ricerca era esaltato da tale creazione e nonostante la parte più difficile del lavoro fu tecnicamente fatta da Tesla, esso si rifiutò di considerare sua tale creazione e decise di lasciare il merito al gruppo di ricerca. Nonostante ciò Tesla riuscì a permettere la creazione in massa di queste creature che furono spesso usate per esperimenti sull'energia elettrica. Inizialmente Tesla aveva erroneamente classificato questi esseri come Elettro puro, ma siccome venne scoperto il tipo Acciaio, esso e la sua evoluzione furono riclassificati come Elettro/Acciaio.

In circostanze normali i Magneton non possono più evolversi, ma se vengono esposti a determinati campi elettromagnetici essi muteranno drasticamente, in questi casi loro stessi genereranno un altro campo elettromagnetico che fonderà  i tre corpi di Magnemite e il metallo circostante in uno unico corpo (mentre prima erano collegati solo da un forte campo elettromagnetico) diventando quindi un'unica massa solida conosciuta come Magnezone. L'aggiunta di massa metallica extra nel corpo rende i Magnezone leggermente più lenti rispetto alle loro pre-evoluzioni, ma ottengono un grandissimo incremento nel loro attacco speciale e nella loro resistenza; è anche vero che in questa forma non possono più usare la mossa Tripletta, ma ottengono molti più benefici grazie ai campi elettromagnetici prodotti da loro, quindi possono anche usare la mossa Controllo Polare, una mossa che genera uno scudo magnetico, simile alle barriere psichiche create dai Pokémon Psico con le mosse Barriera Schermoluce. A differenza dei Magnemite e dei Magneton, i Magnezone non sono assolutamente attratti dai loro simili, tuttavia spesso sciami di questi Pokémon seguono un Magnezone come un leader, questo perché siccome i Magnezone hanno cariche neutre possono misurare con precisione la quantità  di energia elettrica contenuta nelle centrali elettriche o altre fonti energetiche ad elettricità  senza alcun effetto negativo, queste cariche neutre hanno causato le scomparse delle strisce rosse e blu delle calamite, ma non è un problema in quanto possono creare cariche positive o negative a volontà . Sembra che il loro controllo sui campi magnetici da loro prodotti non causi alcun problema a nessun essere vivente o all'ambiente circostante a differenza dei Magneton, quindi non sono assolutamente dannosi per l'uomo, ma secondo gli studiosi se dovessero scatenare la loro potenza attirerebbero all'istante tutti gli oggetti metallici nelle vicinanze per poi diventare della immense masse di metallo informi. Il modo in cui avviene l'evoluzione in Magnezone è molto diversa da quella di Magneton, ma sembra che tutto questo loro potere sia dovuto alla fusione di due circuiti molto importanti che hanno i Magneton, tuttavia viste le radicali modifiche interne subite, gli scienziati ancora non hanno scoperto come funzionino, ma una cosa è certa: questo è l'ultimo stadio evolutivo dei Magnemite ed è un bene considerando l'immenso potere che hanno ora.

Anche se non hanno un gran carisma, i Magnezone sono macchine terribili che possono incenerire all'istante qualsiasi avversario che non sia di tipo Terra. Avendo la resistenza fisica più alta di tutti i Pokémon Elettro escludendo solo leggendari e considerando le potenti mosse che hanno, una battaglia contro un Magnezone non la dimenticherete molto presto. Usate i vostri migliori attaccanti speciali se volete abbattere queste creature sperando di sconfiggerle in fretta o almeno subito dopo che hanno usato Localizza... a quel punto avete poco tempo prima che il vostro Pokémon venga colpito da Falcecannone!

Probopass

Artwork476.png

Spoiler

Probopass (noto come Pokémon Bussola) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Roccia/Acciaio che vive nelle grotte scure delle regioni di Sinnoh, Unima, Kalos ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Sebbene possano sembrare addirittura più bizzarri della loro pre-evoluzione, i Probopass sono combattenti difensivi eccezionali in grado di sopportare danni sia fisici che speciali rispetto a quasi qualsiasi altro Pokémon comune. Potrebbero essere incapaci di eseguire attacchi molto forti o muoversi velocemente, ma quando ne affronterete uno è piuttosto improbabile che lo scontro finisca presto, ma d'altronde, chi non si arrabbierebbe nel farsi sconfiggere da un Pokémon simile aiutato da tre piccoli "nanetti"!

Normalmente i Nosepass in natura non si evolvono e già "nascono" completamente sviluppati, tuttavia se sottoposti a certi campi magnetici, avviene un drastico cambiamento in loro. In queste rare circostanze i metalli all'interno dei Nosepass emergono formando una corazza protettiva al loro corpo roccioso, mentre il magnetismo attrae altri componenti magnetici per completare questa protezione, di conseguenza la loro struttura viene totalmente riorganizzata rendendoli più forti e facendoli evolvere in Probopass. Dal momento che ora il loro corpo è ricoperto da uno strato metallico permanente, sono classificati anche come Pokémon Acciaio oltre che come Roccia, rendendoli più resistenti agli attacchi speciali (infatti hanno una difesa speciale nettamente superiore grazie non solo alla corazza metallica, ma anche al loro stesso campo magnetico). Ciò ovviamente cambia anche delle loro abilità, infatti non possono più imparare Sassata e Rafforzatore come Nosepass, in quanto sostituiti dai ben più potenti Bombagnete e Ferroscudo, senza contare che ora possono anche imparare Magnetascesa, Gravità e Bodyguard. Come se non bastasse, grazie al campo magnetico che producono, non sono più costretti a puntare sempre verso nord (sebbene non possano avvicinarsi fra di loro avendo la stessa polarità al naso); questo loro campo magnetico li porta anche ad attrarre materiali metallici, infatti i loro "baffi" altro non sono che piccoli detriti metallici attirati e ormai fusi completamente alla base del loro naso.

Anche se leggermente più veloci rispetto ai Nosepass, il vero motivo per cui sono più forti è per le tre unità che possiedono; queste sono note come "mini-nasi", vengono creati poco dopo l'evoluzione e usati per eseguire gli attacchi fisici. I mini-nasi vengono manipolati e controllati tramite il campo elettromagnetico da loro prodotto anche a grandi distanze e non essendo collegati a Probopass fisicamente, possono colpire i nemici con attacchi come Pietrataglio lasciando il Pokémon ad una distanza di sicurezza, permettendo loro di continuare ad avere un ruolo difensivo e di attaccare da tre diverse angolazioni con estrema efficacia. Se un mini-naso viene danneggiato gravemente o distrutto, un Probopass può facilmente ripararlo o anche ricrearlo da zero, l'unico inconveniente è che se mai dovessero essere distrutti tutti e tre, l'unico attacco fisico che Probopass potrebbe usare è il debole Azione, ma fortunatamente dispongono di potenti attacchi speciali, quindi raramente ciò si rivela un problema.

Nonostante il loro bizzarro aspetto e lo stile di combattimento del tutto unico, sono pochi gli allenatori che riescono a gestirli come si deve, senza dubbio però i Probopass sono possenti combattenti in grado di resistere a molti colpi prima di andare fuori combattimento. Essendo loro i Pokémon Acciaio con la maggior difesa speciale (assieme a Registeel ed Aegislash nella sua Forma Scudo) e potendo contare su molti attacchi Roccia, Acciaio ed Elettro con cui possono facilmente avere la meglio anche su Pokémon Acqua, i Probopass sono senza alcun dubbio tra i migliori combattenti difensivi. Se mai voleste averne uno, tenete alla larga qualsiasi oggetto metallico prezioso: già è brutto perderli, ma vederli formare i baffi di Probopass è davvero imbarazzante!

Dialga

20940b_598d7d38d9cd4ceeae54d35f53de9dd6~mv2.png

Spoiler

Dialga (noto come Pokémon Tempo) è un Pokémon Leggendario di tipo Acciaio/Drago visto molto di rado nel nostro mondo, in quanto vive in una dimensione collegata allo spazio-tempo. Un tempo considerato una semplicissima leggenda, Dialga è in realtà  una bestia temibile che può manipolare a suo piacimento lo scorrere del tempo ed è l'essenza stessa di quest'ultimo. E' quasi impossibile riuscire a vedere questa creatura leggendaria, ma se mai dovesse capitarvi di incontrarlo è meglio stare attenti a non provocarlo e a mostrargli il rispetto che merita, vista la sua importanza per il nostro mondo e senza Dialga rimarremmo congelati in eterno!

Anche se sappiamo molto poco circa l'anatomia di Dialga, possiamo dire con certezza che la sua esistenza è essenziale per ogni forma di vita del nostro pianeta; sembra che il cuore di Dialga sia la ragione dello scorrere del tempo i cui battiti ne permettono il flusso, ma come ciò accada è un mistero. Ciò gli permette di manipolare il tempo a suo piacimento, volendo potrebbe anche congelare il tempo in determinate aree. Dialga sembra essere a conoscenza dei suoi poteri, motivo per cui rimane isolato in una dimensione dove non può causare danni, ma riguardo tale luogo non sappiamo assolutamente nulla (eccetto che non è accessibile facilmente come il Mondo Distorto). Apparentemente ha un totale controllo sui suoi poteri, in quanto non sono mai stati registrati disastri irreversibili sul tempo (o almeno non noti alla gente). Il limite dei poteri di Dialga è ignoto, tuttavia sappiamo che può usare la mossa Drago più potente a noi nota: Fragortempo, tale mossa viene eseguita concentrando energia nel cristallo che ha sul petto, ciò crea un blocco temporale all'interno del suo corpo per poi rilasciare un raggio d'energia, che può strappare irreversibilmente il tessuto spazio-temporale nella zona circostante e destabilizzare il tessuto cellulare di qualsiasi forma di vita, trasformando le vittime in polvere congelata (gli unici esseri noti che possono sopravvivere a tale attacco sono PalkiaGiratina e Arceus). Questa mossa tuttavia rallenta per breve tempo il suo organismo costringendolo a ricaricarsi prima di poter nuovamente attaccare. E' interessante notare che Dialga, proprio come Palkia e Giratina, è associato ad un oggetto, ovvero l'Adamasfera, oggetto che si ritiene essere stato costruito da un'antica civiltà  di Sinnoh; anche se i poteri di tale artefatto sono un mistero, sembra che contenga un potere simile a quello che scorre in Dialga, quindi se si trovasse in prossimità  di tale oggetto potrebbe diventare ancora più forte (questa però è solo una speculazione).

Recentemente, Dialga è stato protagonista di ben quattro incidenti, il primo di essi è noto come "Incidente Galassia". Il leader del Team Galassia, un brillante uomo di nome Cyrus, ha sempre disprezzato il nostro mondo, in quanto incompleto; per poter modificare ciò, desiderava creare un nuovo mondo dove avrebbe governato senza il dolore che affliggeva la sua mente sin da bambino. Pensava dunque che si dovesse ricominciare da zero, quindi voleva usare Dialga e Palkia per creare un nuovo mondo libero dallo spirito e catturare i tre Guardiani dei Laghi; così Cyrus riuscì a creare un potente oggetto noto come Rossocatena: questo oggetto artificiale serviva per collegare le dimensioni, esso fu intriso del potere di UxieMesprit e Azelf, inoltre grazie a tale potere riuscì a creare dei portali per portare nel nostro mondo Dialga e Palkia; per poter fare ciò era necessario andare in un luogo specifico della regione di Sinnoh: la cima del Monte Corona, nota come Vetta Lancia. Mentre il Team Galassia tentava di fermare un giovane allenatore, la Rossocatena riuscì ad evocare Dialga e Palkia; con queste due creature in suo potere, Cyrus sembrava ormai invincibile, neppure i Guardiani dei Laghi riuscirono a fermarlo, la Rossocatena era troppo forte. Tuttavia Cyrus non aveva considerato un'altra leggenda a lungo dimenticata...l'unica creatura che era in grado di fermarlo: Giratina. Sentendo un disturbo nel nostro mondo che presto avrebbe creato una catastrofe anche nel Mondo DistortoGiratina apparve dinanzi a Cyrus e lo trascinò via. Questo atto riuscì a distruggere la Rossocatena, permettendo a Dialga Palkia di tornare nelle loro dimensioni. Alla fine Cyrus fu fermato dal giovane allenatore che sin dall'inizio voleva contrastare i suoi piani. Ormai Giratina si era calmato perché l'equilibrio tra i due mondi era stato ristabilito. Nessun altro umano da quel momento osò controllare Dialga e Palkia con un simile mezzo, mentre Cyrus rimane tutt'ora disperso e imprigionato nel Mondo Distorto.

Dialga ebbe un ruolo più attivo in un altro incidente, ovvero l'"Incidente di Alamos Town", dove una città  stava quasi per essere completamente distrutta. Normalmente Dialga Palkia stanno nelle loro rispettive dimensioni senza mai interagire l'uno con l'altro, ma l'"Incidente di Alamos Town" ebbe inizio perché casualmente la dimensione di Dialga si scontrò con quella di Palkia, anche se nella nostra dimensione lo spazio e il tempo seguono una direzione univoca, nella dimensione di Dialga e in quella di Palkia. Questi due elementi non si devono mai incontrare e quando ciò accadde Dialga e Palkia iniziarono un tremendo scontro; quando Palkia fu gravemente ferito fu costretto a spostarsi nella nostra dimensione per poter avere il tempo di rigenerarsi. Le ferite gli impedirono di poter controllare completamente i suoi poteri, causando la deformazione dello spazio di Alamos Town. Questi eventi furono erroneamente relazionati a Darkrai, il quale fu braccato ingiustamente dagli abitanti fino a quando non scoprirono la presenza di Palkia; in quel momento Dialga raggiunse il rivale per continuare la battaglia, tuttavia siccome il nostro mondo non fu creato per sopportare una battaglia di tale portata, il tessuto spazio-temporale fu devastato al punto da tagliare Alamos Town dal resto del nostro mondo. Fortunatamente, la città  aveva due torri erette in onore di Dialga e Palkia nelle quali vi era installato un carillon speciale in modo che tutta la città  potesse sentire la sua melodia, ma il vero scopo di tale oggetto era quello di calmare i potenti leggendari nel caso si presentasse la peggiore delle ipotesi; probabilmente i costruttori delle torri avevano ipotizzato che le due dimensioni di Dialga Palkia potessero incontrarsi e crearono tale oggetto per proteggere la città  da loro. Darkrai invece cercava di porre fine allo scontro prima che i due potessero distruggere la città  addormentandoli con la mossa Vuototetro, mentre un gruppo di giovani allenatori riuscì a raggiungere il carillon delle torri e attivarlo. Anche se purtroppo Darkrai sembrava fosse stato ucciso dalle due divinità  (in realtà  sopravvisse), la musica sembrò calmare realmente le creature che quindi tornarono nelle loro dimensioni. Nonostante i danni subiti nel tessuto spazio-temporale, al termine del conflitto la città  fu completamente ripristinata senza conseguenze e tutti si ricordavano dell'accaduto, anche del "sacrificio" di Darkrai. Tuttavia gli effetti di tale lotta non furono completamente risolti, in quanto nel Mondo Distorto si generarono nubi di gas tossico facendo quindi irritare GiratinaDialga fu protagonista minore anche dell'"Incidente Zero" che fu una conseguenza dell'"Incidente di Alamos Town", tuttavia prese parte solo agli eventi iniziali.

Ultimo evento in cui apparve Dialga che si tratta anche di quello più recente, è l'"Incidente di Machina Town". Migliaia di anni fa, Michina Town era uno sterile deserto che causava agonia a tutti i suoi abitanti. Secondo le leggende, la città  fu salvata da Arceus, il quale fermò una pioggia di meteoriti, anche se tale azione costò al Pokémon la perdita delle sue 17 Lastre della Vita. A causa di tale incidente, la vita di Arceus fu in grave pericolo, tuttavia un abitante dell'antica Michina Town di nome Damos lo salvò da morte certa riportandogli le Lastre della Vita. Per ringraziarlo, Arceus decise di usare cinque delle sue Lastre per creare il Gioiello della Vita, grazie al quale la terra tornò più ricca che mai. Michina Town ormai prosperava, finché Arceus un giorno fece ritorno per chiedere la restituzione del Gioiello della Vita: in tale occasione venne però ingannato da Damos, che lo attaccò senza ritegno tradendo così l'antico patto di fiducia che univa gli esseri umani al Pokémon Primevo, il quale, in seguito all'evento, si ritirò in un sonno profondo. L'imminente risveglio di Arceus aveva generato delle onde d'urto che colpirono le dimensioni dello spazio e del tempo (causando l'arrivo accidentale di Dialga nella dimensione dello spazio e, di conseguenza, dando origine all'"Incidente di Alamos Town" e, in seguito, all'"Incidente Zero"). Al suo risveglio, Arceus iniziò a distruggere tutto ciò che gli capitava a tiro per mezzo della sua implacabile mossa Giudizio. Il Trio Drago (DialgaPalkia e Giratina) smise di combattere, tutto grazie ai poteri telepatici di una giovane donna che riuscì a calmare i tre colossi, i quali iniziarono quindi ad attaccare Arceus per difendere il mondo. Tuttavia i loro sforzi furono inutili, anche il tentativo della donna (che per coincidenza si trattava di una discendente di Damos) di cercare di restituire il Gioiello della Vita si rivelò del tutto vano: Arceus calpestò il Gioiello della Vita riducendolo in mille pezzi, rivelando quindi che quella che avevano cercato di restituirgli era una volgare imitazione. Allora Dialga, come ultima speranza per cercare di modificare la storia, portò indietro nel tempo la ragazza e un gruppo di giovani che l'avevano appena conosciuta. Essi scoprirono che Damos non aveva ingannato Arceus intenzionalmente, ma era stato ipnotizzato da un Bronzong appartenente al capo villaggio di Michina Town, un crudele uomo di nome Marcus. Ma grazie ai ragazzi, Marcus fu fermato e il Gioiello della Vita fu restituito ad Arceus prima che potessero fare ritorno nel presente. Nonostante ciò, a causa della perdita di sensi di Dialga, gli eventi del presente non erano mutati, ma lo erano quelli del passato, quindi il ragazzo che era stato spedito indietro nel tempo ricordò ad Arceus quello che era successo, riuscendo a placarne l'ira e a persuaderlo a fare ritorno nella propria dimensione, lo Spazio Origine (così come gli altri tre Pokémon, che fecero ritorno nelle rispettive dimensioni di appartenenza).

Sappiamo veramente poco circa i suoi poteri, ma non si può negare che Dialga sia una creatura dall'immenso potere che merita di essere rispettato e temuto da ogni essere vivente. Esso è anche il Pokémon Acciaio con il più alto attacco speciale (assieme ad Aegislash in Forma Spada), come se non bastasse può usare un attacco in grado di tramutare il nemico letteralmente in polvere congelata, ecco perché è meglio non provocare tale creatura. E' difficile che potremmo rivedere ancora Dialga, ma se siete fortunati forse potreste anche avvistarlo; se dovesse accadere, cercate di non farvi vedere o provocarlo, perché se ve lo fate nemico non avrete tempo per scappare!

Heatran

20940b_48885e4d9dd5424b9e71def7fe0767e9~mv2.png

Spoiler

Heatran (noto come Pokémon Cratere) è un Pokémon Leggendario di tipo Fuoco/Acciaio che vive nelle aree vulcaniche di tutto il mondo. Aggressivo all'estremo e pericolosissimo solo avvicinandosi ad esso anche quando si è protetti dal calore, Heatran è una possente bestia che può incenerire tutto e tutti che abbiano la stoltezza di entrare nei suoi territori. Non è una minaccia standogli lontano, ma se non si fa attenzione vi ritroverete l'intera squadra ridotta in cenere dal suo Magmaclisma!

Anche se molti Pokémon Fuoco hanno difficoltà  a stare dentro i vulcani, Heatran non ha assolutamente questo problema (infatti ci vive addirittura dentro) risultando essere tra i pochi Pokémon ad essere totalmente immuni al magma, questo sembra dovuto al fatto che il sangue di Heatran contiene moltissime sostanze nutritive e minerali liquefatti e può risultare un problema dunque stare in luoghi con la temperatura sotto i 15°C, in quanto causa la solidificazione di queste sostanze, ecco perché lui non si allontana mai dalle camere magmatiche dei vulcani. Stando in zone con temperature estremamente alte permette al sangue di bollire e quindi consentire la fluidificazione delle rocce ingerite causando un ulteriore aumento della temperatura corporea e degli organi, temperature talmente elevate che in altri Pokémon causerebbe la liquefazione. Il guscio d'acciaio che copre il corpo di Heatran riesce ad impedire la fuoriuscita del calore trasformandolo in una vera e propria pentola a pressione ambulante, in questo modo può spostarsi e agire naturalmente senza uccidere le creature vicine per il calore; tuttavia nemmeno il guscio riesce a resistere tanto al calore di Heatran in quanto in certe parti è fuso, causando la perdita di materiale magmatico nel processo, ecco perché qualsiasi cosa esso tocchi è soggetto a sciogliersi, Heatran tuttavia è protetto dal suo magma grazie ad un sottile strato di magma raffreddato: anche se sembra che ciò sia una protezione minima, in realtà  è molto utile per proteggere gli organi. Le zampe a forma di croce di Heatran gli consente di camminare sulla superficie di pareti e soffitti senza cadere. Raramente è stato possibile definire il sesso di un leggendario, tuttavia per Heatran la cosa è diversa; dal momento che Heatran non è un Pokémon eterno, ma che prima della sua morte depone un uovo da cui nasce il suo discendente, ciò lo rende l'unico leggendario il cui genere varia.

In battaglia Heatran è una creatura impressionante che può usare un'enorme quantità  di attacchi sia a distanza che ravvicinati tra cui mosse di tipo Roccia e Terra, devastanti contro altri Pokémon di Fuoco, inoltre un combattimento ravvicinato con Heatran può essere fatale a causa del magma nel suo corpo. Fra tutti gli attacchi e abilità  di Heatran ne esiste una che è molto temuta in battaglia: Magmaclisma; siccome il sangue è in ebollizione, Heatran può incanalare il suo stesso calore interno per creare un flusso di fuoco devastante che viene poi potenziato dall'aria surriscaldata dei polmoni, ciò permette ad Heatran di inghiottire il nemico da un vortice di fuoco che non solo causa danni catastrofici, ma il nemico rimarrà  comunque imprigionato in questo vortice che arreca ulteriori danni con il tempo, risultando essere l'attacco intrappolante più potente conosciuto; di certo la precisione di questo attacco non è delle migliori, ma con una potenza del genere può riuscire a mettere in ginocchio qualsiasi avversario con questa potenza devastante, specialmente i più imprudenti.

Senza dubbio è tra i Pokémon Fuoco e Acciaio più potenti conosciuti, Heatran è una bestia pericolosa che non solo ha una temperatura insopportabile, ma possiede molte potenti mosse speciali e fisiche. Riuscire a trovarlo di certo è quasi impossibile, ma se mai doveste incontrarlo, preparatevi per una delle battaglie più pericolose della vostra vita e usate ogni Pokémon Terra ed Acqua che avete a disposizione contro questa bestia, altrimenti potreste rimpiangere delle ceneri che fino a poco tempo fa erano i vostri Pokémon!

Arceus

Arceus Iron

Spoiler

Arceus (noto come Pokémon Primevo) è un Pokémon Leggendario di tipo Normale (ma che può assumere un tipo qualsiasi a seconda della forma) che vive in una dimensione sconosciuta, chiamata Spazio Origine dagli esperti. Anche se si conosce pochissimo riguardo questa magnifica bestia, Arceus è la creatura più potente che abbia mai messo piede sul nostro mondo e forse anche dell'intero universo, sebbene a prima vista non sembri nulla di speciale. Gli umani ancora non sono certi riguardo le sue origini e i suoi pensieri, ma merita di essere rispettato e temuto da qualsiasi essere vivente, Pokémon e non, esistente; dopo tutto, se Arceus non fosse esistito, ora non ci troveremmo qui a parlarne!

Secondo le leggende di SinnohArceus è nato in un grande uovo cosmico prima ancora che l'Universo vedesse la luce; poco dopo la sua nascita creò Dialga e Palkia per governare, rispettivamente, tempo e spazio, nonché Giratina, affinché regnasse sulla materia e, in particolare, sulla materia oscura dell'Universo (senza la materia oscura, infatti, le galassie non potrebbero mantenere la loro forma e sarebbero destinate all'oblio, impedendo dunque la nascita di qualsiasi essere vivente: come Arceus ne fosse a conoscenza rimane tuttora un mistero). Infine Arceus si recò nel nostro mondo e decise di portare la vita su di esso creando UxieMesprit e Azelf, grazie ai quali essa iniziò a fiorire sul pianeta, che prima di allora era sterile e privo di vita. Compiuto ciò, Arceus si riposò per lunghissimo tempo. Questo mito racconta fatti davvero interessanti che sconcertano la Storia, ma che possono risultare rivelatori sotto molti punti di vista. Se è vero che Arceus creò Dialga e Palkia prima della creazione dell'Universo, questo vuol dire che egli, volendo, può ignorare qualsiasi legge della natura, mentre alcuni ritengono si tratti di un organismo di un'altra dimensione avente la capacità  di creare da zero gli elementi necessari per dare inizio alla creazione di altri universi (spazio, tempo e materia oscura). Se ciò risultasse vero, allora Arceus sarebbe un alieno nel senso più stretto del termine. Il fatto che abbia impiegato miliardi di anni per raggiungere il nostro pianeta non è un'informazione sorprendente, considerando che l'Universo è immenso, ma la teoria la quale quest'ultimo sarebbe in continua espansione non sembra possibile, dal momento che ciò implicherebbe che Arceus possa muoversi ad una velocità molto superiore a quella della luce, cosa assolutamente impensabile. Invece gli studiosi teorizzano che possa creare portali warp stabili nel tessuto spazio-temporale, permettendogli di viaggiare da un punto all'altro dell'Universo in tempi veramente molto brevi; ma questa teoria non è confermata, sebbene sembri l'unica spiegazione possibile.

Ciò che è certo è che Arceus è una creatura sorprendentemente potente, specialmente grazie alle reliquie sacre che possiede, note come Lastre della Vita. Dai pochi dati disponibili riguardo questi oggetti, sappiamo che esistono ben 17 Lastre della Vita che fungono da barriera vitale per Arceus, e che gli consentono di mutare il proprio tipo a piacimento (per questo motivo è l'unico Pokémon attualmente noto registrato con l'abilità  Multitipo). Queste Lastre furono studiate attentamene dalle civiltà antiche che interagirono con Arceus: ciò li portò a creare delle copie delle Lastre della Vita, naturalmente più deboli delle originali (anche se quelle create dagli umani, tuttavia, furono impregnate di un'identica energia), le quali sono giunte fino a noi e possono oggi essere trovate nel sottosuolo e in tutto il mondo. Anche queste copie, volendo, consentono ad Arceus di cambiare forma e potenziare, di conseguenza, le mosse appartenenti a quello stesso tipo (un effetto naturale che hanno tutti i Pokémon); le Lastre della Vita originali hanno una forma differente, ma funzionano allo stesso modo, con l'importante differenza, però, che senza di esse morirebbe. Le Lastre della Vita (incluse le copie) fungono anche da fonte d'energia primaria per la mossa peculiare di ArceusGiudizio: tale mossa raccoglie l'energia luminosa in tutto il corpo di Arceus per poi essere rilasciata contemporaneamente attraverso un unico devastate colpo, permettendogli di creare una pioggia di palle di luce abbastanza potente da danneggiare la struttura molecolare dell'avversario, causandogli quindi danni immensi. Anche se dal punto di vista della potenza pura non è un granché, la mossa è collegata in modo incredibile ad Arceus: infatti, se ha la forma di Tipo Drago, anche Giudizio avrà  le caratteristiche di una mossa di tipo Drago, rendendola ancora più potente del normale; quindi essa risulta essere la più versatile fra tutte le mosse Pokémon ad oggi conosciute.

Anche se le interazioni degli umani con Arceus sono state estremamente limitate, l'uomo ha riconosciuto comunque il suo enorme potere e la sua grande importanza, infatti viene rappresentato come una divinità nelle principali religioni Pokémon influenzate dal mondo antico: inoltre sono presenti numerosi templi a lui dedicati in tutto il mondo, il più conosciuto dei quali è rappresentato senza dubbio dalle Rovine Sinjoh, situate nelle profondità di una frontiera ghiacciata che divide le regioni di Johto e Sinnoh. Si ritiene che questa terra un tempo fosse un bosco lussureggiante pieno di vita, che comprendeva gli stessi umani, ma divenne inospitale molti millenni or sono, quando il clima della regione di Sinnoh iniziò a irrigidirsi lungo i suoi confini. Nonostante gli effetti dannosi della neve e del ghiaccio, il tempio ha resistito alla perfezione, risultando ad oggi la struttura conosciuta dedicata ad Arceus meglio conservata. Circa un decennio fa, degli archeologi scoprirono dei flauti dalla forma bizzarra in un recipiente di pietra vicino alla parte posteriore del tempio. Secondo le iscrizioni presenti nella parte interna del recipiente, questi strani oggetti, che furono chiamati Flauti Cielo dai loro scopritori, sarebbero in grado di evocare Arceus grazie a una melodia impercettibile dall'orecchio umano; infatti il suono generato da questi strumenti è completamente diverso da quello prodotto da un qualsiasi altro oggetto conosciuto nel pianeta. Poiché il suono, in natura, non può percorrere distanze troppo elevate, esso avrà  effetto solo se suonato in zone dotate di un'acustica adeguata; le Rovine di Sinjoh non possiedono l'acustica necessaria per consentire l'evocazione di Arceus, tuttavia pare che possano concentrare sufficiente energia per evocare gli elementi del tempo, dello spazio o della materia oscura... o almeno così viene detto nelle iscrizioni del tempio. Il significato e le implicazioni di tale scritture sono tuttora sconosciuti.

Sebbene Arceus non sia stato visto per un lungo periodo di tempo, ci sono testimonianze di una sua spaventosa apparizione in tempi moderni, durante il cosiddetto "Incidente di Michina Town". Migliaia di anni fa, Michina Town era uno sterile deserto che causava agonia a tutti i suoi abitanti. Secondo le leggende, la città  fu salvata da Arceus, il quale fermò una pioggia di meteoriti, anche se tale azione costò al Pokémon la perdita delle sue 17 Lastre della Vita. A causa di tale incidente, la vita di Arceus fu in grave pericolo, tuttavia un abitante dell'antica Michina Town di nome Damos lo salvò da morte certa riportandogli le Lastre della Vita. Per ringraziarlo, Arceus decise di usare cinque delle sue Lastre per creare il Gioiello della Vita, grazie al quale la terra tornò più ricca che mai. Michina Town ormai prosperava, finché Arceus un giorno fece ritorno per chiedere la restituzione del Gioiello della Vita: in tale occasione venne però ingannato da Damos, che lo attaccò senza ritegno tradendo così l'antico patto di fiducia che univa gli esseri umani al Pokémon Primevo, il quale, in seguito all'evento, si ritirò in un sonno profondo. L'imminente risveglio di Arceus aveva generato delle onde d'urto che colpirono le dimensioni dello spazio e del tempo (causando l'arrivo accidentale di Dialga nella dimensione dello spazio e, di conseguenza, dando origine all'"Incidente di Alamos Town" e, in seguito, all'"Incidente Zero"). Al suo risveglio, Arceus iniziò a distruggere tutto ciò che gli capitava a tiro per mezzo della sua implacabile mossa Giudizio. Il Trio Drago (DialgaPalkia e Giratina) smise di combattere, tutto grazie ai poteri telepatici di una giovane donna che riuscì a calmare i tre colossi, i quali iniziarono quindi ad attaccare Arceus per difendere il mondo. Tuttavia i loro sforzi furono inutili, anche il tentativo della donna (che per coincidenza si trattava di una discendente di Damos) di cercare di restituire il Gioiello della Vita si rivelò del tutto vano: Arceus calpestò il Gioiello della Vita riducendolo in mille pezzi, rivelando quindi che quella che avevano cercato di restituirgli era una volgare imitazione. Allora Dialga, come ultima speranza per cercare di modificare la storia, portò indietro nel tempo la ragazza e un gruppo di giovani che l'avevano appena conosciuta. Essi scoprirono che Damos non aveva ingannato Arceus intenzionalmente, ma era stato ipnotizzato da un Bronzong appartenente al capo villaggio di Michina Town, un crudele uomo di nome Marcus. Ma grazie ai ragazzi, Marcus fu fermato e il Gioiello della Vita fu restituito ad Arceus prima che potessero fare ritorno nel presente. Nonostante ciò, a causa della perdita di sensi di Dialga, gli eventi del presente non erano mutati, ma lo erano quelli del passato, quindi il ragazzo che era stato spedito indietro nel tempo ricordò ad Arceus quello che era successo, riuscendo a placarne l'ira e a persuaderlo a fare ritorno nella propria dimensione, lo Spazio Origine (così come gli altri tre Pokémon, che fecero ritorno nelle rispettive dimensioni di appartenenza).

Arceus è tanto misterioso quanto le origini della vita e il nostro scopo nell'Universo, ma si può affermare senza dubbio che si tratta di una creatura dai poteri straordinari, grazie ai quali ha dato origine al nostro mondo e, forse, all'intero l'Universo. Arceus può vantare di un gran numero di record personali, in quanto: risulta il Pokémon Normale con maggiore resistenza fisica, il Pokémon Lotta con maggiore resistenza speciale, il Pokémon Veleno con maggior vitalità, il Pokémon Terra attacco speciale, difesa speciale (quest'ultima condivisa con Claydol) e velocità (a pari merito con Dugtrio), il Pokémon Roccia con maggiore attacco speciale (escludendo i leggendari MegaEvoluti), il tipo Coleottero con maggior vitalità, il Pokémon Acciaio con maggior velocità, il Pokémon Fuoco con maggior vitalità, il Pokémon Elettro con maggior resistenza (assieme a Zekrom) e difesa speciale; infine, statisticamente parlando, il Pokémon più potente in assoluto (esclusi i leggendari MegaEvoluti e ArcheoRisvegliati). Sfidare Arceus in battaglia implica una sconfitta praticamente certa, senza contare che riuscire ad affrontarlo è quasi impossibile. Nonostante la sua esistenza e la sua importanza religiosa siano messe in dubbio da alcuni, non si può certo negare che abbia avuto una grandissima importanza per il nostro insignificante pianeta... e se siete convinti che lui non esista, sperate che non vi senta, o potrebbe lanciare il suo Giudizio su di voi!

Excadrill

Artwork530.png

Spoiler

Excadrill (noto come Pokémon Sottoterra) è un Pokémon relativamente raro di tipo Terra/Acciaio che vive nelle grotte e sotto la superficie della regione di Unima, anche se raramente è stato visto nella regione diHoenn. Seppure abbiano una scarsa resistenza risultando dunque inadatti nel combattimento contro gli avversari più offensivi, gli Excadrill restano creature potenti in grado di avere facilmente la meglio contro i nemici più difensivi. Potrebbero non essere imponenti, ma i loro attacchi Giravvita e Perforcorno possono rendere queste talpe davvero micidiali!

Sebbene i Drilbur e gli Excadrill condividano molti tratti in comune con la famiglia evolutiva dei Diglett, come l'habitat e lo stile di vita, hanno anche delle differenze, per esempio, i Drilbur e gli Excadrill spendono più tempo fuori dal terreno e sono più veloci nello spostarsi sotto terra, tuttavia per sopravvivere hanno sviluppato una resistenza minore e una forza fisica e velocità maggiori, cosa resa possibile grazie ai loro enormi artigli. Per poter sfuggire ai predatori, sia i Drilbur che gli Excadrill tendono a scavare in profondità ruotando gli artigli (e la corazza sulla testa nel caso degli Excadrill) fungendo come veri e propri trapani viventi per perforare la roccia; ovviamente non sono veloci a creare tunnel come i Diglett e i Dugtrio, ma lo fanno comunque molto rapidamente ed è per questo che possono usare potenti attacchi Terremoto in battaglia, ma ciò che li rende davvero unici è il modo con cui scavano, ed è per questo che il loro attaccoGiravvita è il più potente in assoluto, senza contare che pochi altri Pokémon possono apprendere questa mossa, ovvero Rhydon, Dunsparce e Fearow, ma il motivo per cui il loro è più debole è perché usano solo una parte del corpo per attaccare, mentre i Drilbur e gli Excadrill usano tutto il corpo; sebbene questa mossa non sia potente come Terremoto, l'alta probabilità di infliggere un colpo critico può renderla davvero devastante negli scontri corpo a corpo. Come se non bastasse, gli esemplari di questa specie possono avere l'abilità Silicoforza o più comunemente Remasabbia, con cui possono diventare ancora più pericolosi durante le tempeste di sabbia.

Ciò che differenzia principalmente gli Excadrill dai Drilbur è che la cheratina che formava gli artigli è ora ricoperta da uno strato di metallo organico (motivo per cui sono classificati in parte come Pokémon Acciaiosebbene l'unico attacco di questo tipo che possono apprendere in natura sia Ferrartigli), il che li aiuta enormemente non solo a scavare e ad aumentare la loro potenza offensiva, ma consente loro anche di apprendere Aracampo e il letale Perforcorno non appena evoluti. La loro testa ora è in parte ricoperta dallo stesso strato di metallo, in questo modo quando scavano a mo di trapano, lo fanno con molta più efficacia, quindi quello che sembra essere solo un pezzo ornamentale, è ciò che consente a queste talpe di scavare più in profondità di qualsiasi Drilbur mai esistito, senza contare l'enorme aumento di forza fisica. Per questo motivo in Nord America sono comunemente usati per perforare montagne e creare gallerie autostradali, l'unico inconveniente è che si irritano facilmente se incontrano difficoltà nel perforare la roccia, ma viste le loro capacità, ciò raramente è un problema. Per difendersi dai predatori più ostinati, gli Excadrill creano dei veri e propri labirinti sotterranei che si estendono per 100 metri sotto terra, in questo modo possono facilmente depistare qualsiasi predatori e i casi in cui ciò non ha funzionato sono davvero pochissimi, ma questi potrebbero causare il collasso di strutture in superficie, il che è un vero e proprio problema non solo per i cantieri edili e strutture già terminate, ma anche per le metropolitane, dunque non è raro che questi incidenti costringano il governo a spendere molto denaro per riparare i danni il più presto possibile e riuscire a sterminare gli Excadrill è difficilissimo, visto che resistono a sostanze tossiche e i loro artigli li proteggono da esplosivi e proiettili di piccolo calibro.

Certamente gli Excadrill non sono tra i migliori combattenti, ma nonostante le loro dimensioni possono dimostrarsi Pokémon eccezionali, essendo loro i Pokémon Acciaio con la maggior vitalità (escludendo i leggendari) e disponendo di un Perforcorno in grado di spezzare le ossa degli avversari, state certi che sconfiggerli sarà tutt'altro che una passeggiate, specie se affrontati sottoterra. Potrebbero essere incapaci di sconfiggere avversari di tipo Lotta, Terra, Fuoco o Acqua, ma state certi che in altri casi possono fare davvero molto, si raccomanda di stare attenti a dove scavino anche in arene ufficiali, potrebbero causare danni e procurarvi multe molto salate!

Escavalier

200px-Artwork589.png

Spoiler

Escavalier (noto come Pokémon Cavaliere) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Coleottero/Acciaio; essi esistono quasi esclusivamente quando posseduti da allenatori, i pochi esemplari selvatici vivono nei campi erbosi e nelle paludi delle regioni di Unima e Kalos. Molto potenti e pesantemente corazzati, gli Escavalier sono creature distruttive che fanno a pezzi ogni cosa si pari loro davanti senza distinzione. Anche se sono molto lenti, state certi che solo una tempesta di fuoco può fermare questi insetti, e un loro Gigaimpatto spesso può anche richiedere urgenti cure mediche!

Karrablast e gli Shelmet rappresentano un caso unico nell'ecologia mondiale, in quanto condividono una caratteristica nota come "coevoluzione". I Karrablast sono consapevoli di avere un esoscheletro molto fragile, per potersi difendere, quindi, hanno la tendenza a rubare i gusci di altri Pokémon, in particolare degli Shelmet. Normalmente uno Shelmet non si separa mai dal proprio guscio, ma la sostanza prodotta dai Karrablast riesce facilmente ad estrarli; tuttavia se entrambe le specie vengono sottoposte a determinati campi elettromagnetici simultaneamente, le proprietà  acide del liquido prodotto dai Karrablast non solo porteranno gli Shelmet a separarsi dal guscio, ma anche a farli crescere, mentre i Karrablast diventano un tutt'uno con esso; per entrambi la mutazione è tale da poter essere considerata evoluzione, quindi gli Shelmet diventano conosciuti come Accelgor, mentre i Karrablast assumono la denominazione di Escavalier. Tale processo causa uno scambio di statistiche, ma entrambi ci guadagnano molto visto che i Karrablast ottengono una corazza che permette loro di proteggersi, mentre gli Shelmet diventano molto veloci nei movimenti. Questo processo, in natura, è quasi impossibile che avvenga, ma può essere facilmente innescato usando un apposito macchinario per scambiare un Karrablast e uno Shelmet; ovviamente, se non avete molti amici, tale evoluzione sarà  davvero complicata da ottenere.

Solo una parte del guscio degli Escavalier proviene dallo Shelmet che ne ha permesso l'evoluzione, il resto si è auto-generato (grazie al processo evolutivo) per coprire il loro corpo in maniera più efficiente. Molti ritengono che la cresta di questi Pokémon abbia ispirato le civiltà  antiche ad ornare gli elmi dei propri guerrieri con essa, come ad esempio i centurioni. Il guscio degliShelmet è già  robusto per conto proprio, ma può essere rotto se sottoposto a grande pressione, il che li rende inefficaci durante le lotte fisiche; per risolvere questo problema gli Escavalier usano il liquido, che durante il precedente stadio diKarrablast, sfruttavano con lo scopo di intorpidire la preda, ricoprendo il proprio guscio e innescando così una reazione chimica che lo indurisce e lo rende estremamente simile alle corazze tipiche dei Pokémon Acciaio, motivo per il quale rientrano anch'essi in tale tipologia. Il guscio non è il solo cambiamento che hanno ottenuto, infatti le zampe anteriori sviluppano delle estensioni simili a giavellotti, che vengono usate come potenti armi contundenti o perforanti a seconda della situazione, rendendo tali Pokémon molto violenti in lotta; queste estensioni sono in realtà  scollegate dalle zampe vere e proprie e non possiedono tessuti organici, quindi possono attaccare senza la preoccupazione di ferirsi; se invece vengono danneggiate o strappate, queste appendici ricrescono nel giro di pochi giorni. Grazie a tutti questi cambiamenti, gli Escavalierpossono apprendere una grande quantità  di mosse offensive e difensive (anche più varia rispetto ai Karrablast), ma ora non possono più imparare naturalmente le mosse Resistenza, Tagliofuria, Riduttore, Visotruce e Flagello (in compenso tali mosse sono sostituite da Anticipo, Pungiglione, Doppio Ago, Metaltestata, Ferroscudo, Contropiede e Gigaimpatto). Altra cosa che si è osservata è che l'evoluzione causa un grande aumento d'intelligenza, tanto che ora questi Pokémon diventano astuti combattenti tattici, anche se lenti nel muoversi, visto che il loro corpo è quasi completamente ricoperto dal guscio; inoltre possono ancora sferrare attacchi con estrema rapidità , tanto da riuscire ad eseguire un Gigaimpatto tale da rompere le ossa avversarie. Per finire, le proprietà  elettromagnetiche del guscio consentono a questi insetti di levitare a pochissimi centimetri da terra, il che li rende ancora più pericolosi di quanto non siano già.

Con un aspetto impressionante, che non rappresenta minimamente quanto siano realmente pericolosi, e una resistenza tale che solo gli attacchi Fuoco possono sperare di essere realmente pericolosi, gli Escavalier sono indubbiamente guerrieri indomabili in grado di distruggere gli avversari che non riescono a battere questi insetti rapidamente. Avendo una incredibile forza ed una resistenza che permette loro di incassare con facilità una quantità impressionante di colpi, non c'è da stupirsi se gli specialisti Coleottero sbavano di fronte a questi insetti. Riuscire ad allenarne uno può risultare complicato, ma se ci riuscite cercate di sopprimere la loro violenza, in modo da non causare troppi danni collaterali durante le battaglie!

Ferroseed

200px-Artwork597.png

Spoiler

Ferroseed (noto come Pokémon Spinaseme) è un Pokémon non molto comune di tipo Erba/Acciaio che vive nelle grotte delle regioni di Unima e Kalos. Unici tra le piante a causa della loro anatomia estremamente resistente, i Ferroseed sono creature molto interessanti che vanno contro le normali caratteristiche di qualsiasi pianta vista fino ad ora. Spesso queste bizzarre forme di vita della flora si rivelano essere avversari frustranti, non solo perché a causa della loro resistenza risulta difficile sconfiggerli senza l'uso di potenti attacchi speciali, ma anche perché è quasi impossibile attaccarli fisicamente senza farsi del male nel processo!

I Ferroseed e i Ferrothorn si distaccano moltissimo dalle altre piante per vari motivi, quello principale è il fatto che sono composti prevalentemente da metallo, dando loro non solo una grande quantità  di resistenze, ma anche l'immunità  al Veleno, cosa unica tra i Pokémon Erba. Questa corazza metallica si è creata dalla natura parassitaria di queste piante, che assorbono i sali minerali dalle rocce a cui si attaccano; mentre le piante hanno un sistema che permette di assorbire l'acqua, questi Pokémon ne hanno una versione migliorata con cui riescono a succhiare i sali minerali da qualsiasi formazione rocciosa tramite le spine, per questo motivo non possono fare la fotosintesi, in quanto inutile, visto che trovano nutrimento in modi alternativi. L'unica cosa che li accomuna con le altre piante sono le cellule con una parete cellulare spessa e il fatto che si riproducono tramite semi; in aggiunta, è quasi impossibile sconfiggere un Ferroseed o un Ferrothorn senza l'uso di potenti attacchi speciali, senza contare che il loro corpo ricoperto di spine rende impossibile attaccarli fisicamente senza subire danni, ragion per cui sono classificati con l'abilità Spineferrate, facendo di qualsiasi scontro contro queste piante un vero incubo, se non preparati.

I Ferroseed sono più fastidiosi che pericolosi in lotta, visto che la loro scarsissima velocità  li costringe ad assumere un ruolo difensivo in qualsiasi scontro, indipendentemente dall'avversario; fortunatamente le loro mosse, statistiche e natura li rendono perfetti a questo scopo. Se minacciati, di solito i Ferroseed sparano le spine che hanno sul corpo per difendersi per eseguire la mossa Missilspillo, ma ciò non significa che siano dei codardi, tuttavia sono ottimi per adottare strategie d'attacco basiche. Questi Pokémon in genere sono benigni e non attaccano mai se non provocati, quindi allenarli è molto facile, sebbene ci siano rari casi in cui l'esemplare risulti ostile ed aggressivo.

Nonostante per il momento siano poco più che un fastidio e abbiano una mobilità  inferiore a qualsiasi altro Pokémon Erba Acciaio, i Ferroseed restano avversari degni di nota, in grado di sopportare un gran numero di colpi, eccezion fatta per gli attacchi Fuoco, ma sono davvero pochi i Pokémon che possono rivaleggiare con loro in termini di resistenza. Ricordatevi di tenerli sempre al di fuori della portata dei bambini: questi potrebbero scambiarli per delle palle da gioco, ma toccarli è estremamente pericoloso!

Ferrothorn

Sugimori 598.png

Spoiler

Ferrothorn (noto come Pokémon Spinasfere) è un Pokémon raro di tipo Erba/Acciaio che vive nelle grotte delle regioni diUnima e Kalos. Temuti da molti allenatori per la loro incredibile difesa e per i danni che possono causare, i Ferrothorn sono esseri spietati in grado di attaccare i nemici in qualsiasi posizione, anche quelli dall'alto, specie se si trovano in un ambiente chiuso. Se volete sconfiggere questi rovi spinati è necessario usare attacchi speciali Fuoco; inoltre, anche se sono famosi per la loro resistenza, sappiate che possono facilmente spaccare le armature come fosse vetro!

Ferroseed e i Ferrothorn si distaccano moltissimo dalle altre piante per vari motivi, quello principale è il fatto che sono composti prevalentemente da metallo, dando loro non solo una grande quantità  di resistenze, ma anche l'immunità  al Veleno, cosa unica tra i Pokémon Erba. Questa corazza metallica si è creata dalla natura parassitaria di queste piante, che assorbono i sali minerali dalle rocce a cui si attaccano; mentre le piante hanno un sistema che permette di assorbire l'acqua, questi Pokémon ne hanno una versione migliorata con cui riescono a succhiare i sali minerali da qualsiasi formazione rocciosa tramite le spine, per questo motivo non possono fare la fotosintesi, in quanto inutile, visto che trovano nutrimento in modi alternativi. L'unica cosa che li accomuna con le altre piante sono le cellule con una parete cellulare spessa e il fatto che si riproducono tramite semi; in aggiunta, è quasi impossibile sconfiggere un Ferroseed o un Ferrothorn senza l'uso di potenti attacchi speciali, senza contare che il loro corpo ricoperto di spine rende impossibile attaccarli fisicamente senza subire danni, ragion per cui sono classificati con l'abilità  Spineferrate, facendo di qualsiasi scontro contro queste piante un vero incubo, se non preparati.

A differenza dei Ferroseed, i Ferrothorn sono adattati sia alle battaglie difensive che offensive, dando un enorme vantaggio contro moltissimi avversari. I Ferrothorn solitamente rimangono attaccati ai soffitti sfruttando i tre baccelli spinati che hanno sul corpo per poi attaccare gli avversari sottostanti sparando le proprie spine, dando loro un grande vantaggio. I baccelli sono formati da tessuto vegetale ricoperto da ferro che fa in modo che sia impossibile staccarli, il che è un bene visto che essi sono responsabili per la produzione di semi, ma il tratto più importante è che sono collegati con delle viti, le quali le rendono facilmente manipolabili facendo di esse la loro principale arma di battaglia come fossero dei martelli, con cui possono spaccare facilmente grossi massi; perciò tali piante sono pericolosissime anche contro i nemici corazzati e il fatto che apprendanoVigorcolpo con l'evoluzione e il fatto che sono gli unici Pokémon Erba e Acciaio in grado di apprendere Scalaroccia (per via del loro stile di vita), li rende ancora più temibili.

Anche se sono troppo lenti per svolgere un ruolo da attaccante rapido, i Ferrothorn hanno comunque un potenziale sufficiente per poter devastare qualsiasi avversario. Essendo loro i Pokémon Erba con la resistenza fisica più alta in assoluto (assieme ai Kartana) ed, escludendo i leggendari e le MegaEvoluzioni, quelli con la maggior resistenza speciale, per questo sono così difficili da abbattere. Sappiate che questi Pokémon non sono adatti per i deboli di cuore e i loro habitat non sono di certo i più frequentati da parte degli specialisti Erba, quindi averne uno richiede molta attenzione, perché se provocati possono ridurvi in poltiglia!

Klink

Giaru.png

Spoiler

Klink (noto come Pokémon Ingranaggio) è un Pokémon relativamente non molto comune di tipo Acciaio che vive nei pressi di laboratori e nella Cava Pietraelettrica della regione di Unima, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Unici tra i Pokémon artificiali a causa della loro progettazione meccanica e composizione, i Klink sono creature interessanti che possono dimostrarsi delle vere sfide per gli allenatori alle prime armi, specie quelli meno preparati. Potrebbero non essere così forti nello stadio attuale, ma questa specie può mostrarvi che due teste sono veramente meglio di una!

I Klink sono stati creati parecchi decenni fa da parte di un team di ricercatori che rivaleggiava contro quelli del "Progetto Magnemite", che all'epoca aveva avuto successo da poco. I ricercatori volevano creare una forma di vita meccanica alimentata da elettricità e in grado di usarla, ma senza farne affidamento così tanto da essere considerato un Pokémon Elettro, di conseguenza hanno usato il progetto basandosi su tecnologie di un secolo fa, dunque sfruttando gli ingranaggi come base del progetto e anche l'energia cinetica generata dalla rotazione per poi creare quella elettrica; ciò diede vita a Klink (ecco il motivo per cui sono gli unici Pokémon non Elettro in grado di apprendere Tuonoshock). In seguito si scoprì che i Magnemite potevano replicarsi per unirsi con essi ed evolversi, quindi considerarono il loro progetto una vergogna confrontato a quello rivale, di conseguenza i nuovi Klink sviluppati erano migliori di quelli vecchi, mentre quelli già creati furono tutti aggiornati in modo che tutti potessero evolversi in Klang. Un paio di decenni più tardi, con lo sviluppo di tecnologie in grado di immagazzinare grandi quantità d'energia elettrica, il vecchio gruppo di ricerca si riunì per portare il loro progetto ad un passo in avanti, tuttavia anziché modificare gli esemplari già creati, svilupparono una sottospecie di virus, che si sarebbe diffuso e che avrebbe infettato tutti i Klink e Klang del mondo; questo avrebbe permesso ai Klang di evolversi ancora una volta per sviluppare un'unità di immagazzinamento d'energia, così diedero vita a Klinklang. Sentendo che ormai il loro lavoro era compiuto, decisero di creare altri esemplari e di rilasciarli per vivere in natura.

Dal momento che i Klink richiedono energia cinetica per funzionare, devono ruotare costantemente e visto che un unico Klink non è sufficiente, questi Pokémon sono messi a coppie in modo da creare energia ruotando il compagno e viceversa, questo è il motivo principale per cui la loro famiglia evolutiva è l'unica in grado di apprendere le mosse Ingracolpo (assieme a Magearna) e Cambiomarcia. Entrambe le unità di Klink dispongono di una carica negativa e di una positiva, in questo modo le due unità riescono a generare energia elettrica più facilmente, la carica dominante inoltre è quella che determina se avranno l'abilità Più o Meno; in più, ogni unità è progettata per potersi abbinare solo a quella prestabilita, il che significa che è impossibile cambiare uno dei due ingranaggi di un Klink.

Potrebbero non apparire nulla di speciale o non possedere una grande potenza offensiva, ma si può dire con assoluta certezza che i Klink sono assolutamente unici, anche tra gli altri Pokémon artificiali. Sono sempre in coppia e non si separano mai, rendendole macchine affascinanti e mostrando a tutto il mondo cosa ha saputo fare la tecnologia del 1800. Se siete dei Meccanici, Scienziati o semplicemente degli orologiai, considerate l'idea di prendervi uno di questi bizzarri macchinari: non saranno certo forti contro Pokémon Terra, ma almeno non avranno tanti problemi come i Magnemite!

Klang

 Artwork600.png

Spoiler

Klang (noto come Pokémon Ingranaggio) è un Pokémon non molto comune di tipo Acciaio che vive nei pressi di laboratori della regione di Unima, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Molto più pericolosi ed efficienti rispetto ai Klink, i Klang sono potenti macchine in grado di fare a pezzi gli avversari più piccoli con l'uso di Ingracolpo. Anche se siete avvantaggiati in fatto di tipo, sottovalutare questi macchinari è un grave errore; se non riuscite a mantenere i loro pezzi distanti, allora nulla può impedire ad un Klang di farvi a pezzi!

I Klink sono stati creati parecchi decenni fa da parte di un team di ricercatori che rivaleggiava contro quelli del "Progetto Magnemite", che all'epoca aveva avuto successo da poco. I ricercatori volevano creare una forma di vita meccanica alimentata da elettricità e in grado di usarla, ma senza farne affidamento così tanto da essere considerato un Pokémon Elettro, di conseguenza hanno usato il progetto basandosi su tecnologie di un secolo fa, dunque sfruttando gli ingranaggi come base del progetto e anche l'energia cinetica generata dalla rotazione per poi creare quella elettrica; ciò diede vita a Klink (ecco il motivo per cui sono gli unici Pokémon non Elettro in grado di apprendere Tuonoshock). In seguito si scoprì che i Magnemite potevano replicarsi per unirsi con essi ed evolversi, quindi considerarono il loro progetto una vergogna confrontato a quello rivale, di conseguenza i nuovi Klink sviluppati erano migliori di quelli vecchi, mentre quelli già creati furono tutti aggiornati in modo che tutti potessero evolversi in Klang. Un paio di decenni più tardi, con lo sviluppo di tecnologie in grado di immagazzinare grandi quantità d'energia elettrica, il vecchio gruppo di ricerca si riunì per portare il loro progetto ad un passo in avanti, tuttavia anziché modificare gli esemplari già creati, svilupparono una sottospecie di virus, che si sarebbe diffuso e che avrebbe infettato tutti i Klink e Klang del mondo; questo avrebbe permesso ai Klang di evolversi ancora una volta per sviluppare un'unità di immagazzinamento d'energia, così diedero vita a Klinklang. Sentendo che ormai il loro lavoro era compiuto, decisero di creare altri esemplari e di rilasciarli per vivere in natura.

Al momento dell'evoluzione, l'ingranaggio con la carica elettrica dominante del Klink si aggiorna, diventando auto-sufficiente, di conseguenza, il secondo ingranaggio diventa poco più di uno schiavo dell'ingranaggio dominante che ora possiede il pieno controllo sul proprio corpo. Grazie a questo maggiore controllo anatomico, i Klang hanno un intelletto superiore, tanto da conferire loro anche la capacità di esprimere emozioni (da alcuni considerato un glitch in quanto non previsto nel suo programma originale); queste emozioni si possono interpretare dalla direzione e dalla velocità con cui girano i due ingranaggi, esempio: quando questi Pokémon iniziano a ruotare a velocità molto elevate, significa che sono arrabbiati. Inoltre, adesso che l'ingranaggio principale può rimanere separato da quello secondario, i Klang possono lanciare questo ingranaggio più piccolo per effettuare attacchi a proiettile o utilizzarlo come una pseudo-lama per triturare la carne o le armature più deboli; dopo l'attacco, l'ingranaggio torno nuovamente da Klang come fosse un boomerang (a meno che una forza esterna non lo blocchi impedendo alla forza magnetica di riunirli). Se i due ingranaggi dovessero rimanere separati per troppo a lungo, Klang si spegnerà una volta esaurita l'energia di riserva.

Anche se potrebbero non apparire sofisticati come altri Pokémon artificiali moderni, i Klang restano combattenti davvero pericolosi che possono mettere in seria difficoltà qualsiasi allenatore a causa del loro stile di combattimento unico. E' molto più facile vederli nei pressi o dentro i laboratori che in combattimenti professionali, ma se mai doveste affrontarli, usate Pokémon con resistenti armature, così i loro ingranaggi non saranno taglienti abbastanza da danneggiare corazze serie!

Klinklang

601 Klinklang

Spoiler

Klinklang (noto come Pokémon Ingranaggio) è un Pokémon raro di tipo Acciaio che vive nei pressi di laboratori della regione di Unima, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Apprezzati per la loro forte combinazione offensiva, difensiva e per la loro velocità, i Klinklang sono potenti macchine in grado di sconfiggere gli avversari più deboli così rapidamente da non venire neppure scalfiti. Se volete sconfiggerli usate i vostri migliori attaccanti speciali e colpiteli con le loro stesse debolezze, altrimenti sarà dura sconfiggere questi ingranaggi viventi!

I Klink sono stati creati parecchi decenni fa da parte di un team di ricercatori che rivaleggiava contro quelli del "Progetto Magnemite", che all'epoca aveva avuto successo da poco. I ricercatori volevano creare una forma di vita meccanica alimentata da elettricità e in grado di usarla, ma senza farne affidamento così tanto da essere considerato un Pokémon Elettro, di conseguenza hanno usato il progetto basandosi su tecnologie di un secolo fa, dunque sfruttando gli ingranaggi come base del progetto e anche l'energia cinetica generata dalla rotazione per poi creare quella elettrica; ciò diede vita a Klink (ecco il motivo per cui sono gli unici Pokémon non Elettro in grado di apprendere Tuonoshock). In seguito si scoprì che i Magnemite potevano replicarsi per unirsi con essi ed evolversi, quindi considerarono il loro progetto una vergogna confrontato a quello rivale, di conseguenza i nuovi Klink sviluppati erano migliori di quelli vecchi, mentre quelli già creati furono tutti aggiornati in modo che tutti potessero evolversi in Klang. Un paio di decenni più tardi, con lo sviluppo di tecnologie in grado di immagazzinare grandi quantità d'energia elettrica, il vecchio gruppo di ricerca si riunì per portare il loro progetto ad un passo in avanti, tuttavia anziché modificare gli esemplari già creati, svilupparono una sottospecie di virus, che si sarebbe diffuso e che avrebbe infettato tutti i Klink e Klang del mondo; questo avrebbe permesso ai Klang di evolversi ancora una volta per sviluppare un'unità di immagazzinamento d'energia, così diedero vita a Klinklang. Sentendo che ormai il loro lavoro era compiuto, decisero di creare altri esemplari e di rilasciarli per vivere in natura.

Anatomicamente i Klang cambiano davvero pochissimo con l'evoluzione, a dire il vero non cambiano affatto, ma ottengono semplicemente un secondo ingranaggio primario che agisce come un accumulatore d'energia elettrica sfruttando l'energia cinetica (facendo ruotare il primo ingranaggio primario), che poi viene immagazzinata ed usata quando necessario. Dato che i Klinklang ruotano molto rapidamente sia l'ingranaggio secondario che il secondo ingranaggio primario quando arrabbiati, accumulano molta più energia del normale riuscendo ad eseguire l'attacco Ingracolpo con una potenza nettamente superiore, caratteristica che deve essere tenuta a mente in battaglia. Il secondo ingranaggio primario possiede attorno a sé un anello dentato che levita attorno a tutto il corpo di Klinklang, sorretto dal campo magnetico generato dal secondo ingranaggio primario; oltre al poter essere usato come una vera e propria arma, questo anello può anche diffondere l'energia elettrica in un'area molto vasta, permettendo a questi Pokémon di apprendere la rara tecnica Controllo Polare e dando al loro attacco Scarica un raggio d'azione molto più ampio del normale, ecco perché sono avversari temibili contro chiunque e in qualsiasi terreno.

Sebbene non sembrino molto impressionanti, i Klinklang sono macchine pericolose in grado di fare a pezzi e fulminare in qualsiasi circostanza. Anche se i Pokémon Terra e quelli più corazzati possono resistere ai loro attacchi, non pensiate nemmeno per un istante che con ciò la vittoria sia assicurata, dal momento che i Klinklang hanno accesso a molti attacchi tanto da essere tra i pochi Pokémon in grado di apprendere Iper Raggio naturalmente, per questo per loro sarà facile sopraffare qualsiasi sprovveduto li sottovaluti o che non usi un Pokémon con alta difesa speciale!

Pawniard

200px-Artwork624.png

Spoiler

Pawniard (noto come Pokémon Lamaffilata) è un Pokémon relativamente non molto comune di tipo Buio/Acciaio che vive nei pressi di zone erbose e nelle montagne delle regioni di UnimaKalos ed Alola. Inaspettatamente maligni e molto violenti, i Pawniard sono creature pericolose che possono dimostrare che spesso le dimensioni non contano in battaglia. Anche se potrebbero apparire innocui, avvicinarsi a loro è un grave errore siccome non ci penseranno due volte ad affondare le loro lame nella carne degli avversari, arrivando addirittura ad ucciderli!

Pawniard e i Bisharp hanno lame e una struttura fisica del tutto unica rendendoli molto resistenti, tuttavia la parte interna del loro corpo è molle, quindi sono alla mercé di avversari in grado di penetrare la loro corazza. La corazza di cui sono composti è fatta di titanio, un materiale estremamente raro anche tra i Pokémon Acciaio; essa è quasi indistruttibile, anche se flessibile (ciò li rende estremamente resistenti ad attacchi fisici e al contempo molto agili e veloci). Il loro corpo presenta lame nelle braccia, gambe, testa e addirittura nel torso, la coppia che hanno lungo il torso tuttavia è estremamente importante sia per i Pawniard che per i Bisharp, questo perché le lame sono estensioni delle costole e sono essenziali per proteggere gli organi; lo sviluppo di lame all'esterno del corpo è dovuto a motivi di difesa nei combattimenti fisici: senza queste lame il corpo risulterebbe vulnerabile agli attacchi avversari, ciò impedisce agli avversari di affrontarli a testa alta.

Pawniard sono spietati: questi esseri, anche se piccoli, sono molto pericolosi e non si fanno problemi ad attaccare creature più grandi affondando le loro lame nella carne o nelle corazze dei nemici con poca fatica. I Pawniard sono molto crudeli, tanto da non esitare ad uccidere l'avversario, specie se irritati o provocati, motivo per cui sono evitati da moltissimi allenatori. Sono così fissati con la lotta e le loro lame che alla fine di ogni battaglia vanno alla ricerca di pietre su cui affilare le loro lame. Nonostante il loro carattere così violento, i Pawniard sono estremamente fedeli al proprio leader sebbene la loro società  è fondata sull'onore e sulla vendetta. I Pawniard di solito viaggiano in gruppi di medie dimensioni capeggiate da un Bisharp cruento e spietato; è interessante notare che ogni estate tutti i membri del gruppo si combattono tra loro, Bisharp incluso, per decidere chi sarà  il leader del prossimo anno, fortunatamente le loro armature li proteggono, procurando loro pochi graffi e serve per capire quando il Bisharp a capo è troppo vecchio per continuare a comandare; quando un Pawniard sconfigge il Bisharp capo, significa che sta per evolversi per diventare il nuovo capo, il vecchio Bisharp può continuare a vivere nel gruppo, ma senza un ruolo determinante. Se un solo membro del gruppo viene attaccato o minacciato, l'intero gruppo andrà  a vendicarsi se il Bisharp capo decide che ne vale la pena: nei casi peggiori la preda verrà  ridotta in un cumulo informe di carne ed ossa, altrimenti sarà  il Bisharp ad ucciderlo con un affondo dritto al cuore.

Maligni, crudeli e spietati di natura, i Pawniard sono creature potenti che grazie alle loro lame possono tener testa qualsiasi avversario fino ad ucciderlo per dissanguamento. Se non sapete controllare questi Pokémon e le loro tattiche violente allora lasciateli perdere, essendo un pericolo sia per altri Pokémon che per gli allenatori stessi, non facendosi scrupoli a fare a pezzi chiunque!

Bisharp

200px-Artwork625.png

Spoiler

Bisharp (noto come Pokémon Fildilama) è un Pokémon raro di tipo Buio/Acciaio che vive nei pressi di zone erbose e nelle montagne delle regioni di UnimaKalos ed Alola. Insensibili ed assolutamente pericolosi, i Bisharp sono macchine di morte indiscusse che possono diventare letali anche per gli allenatori veterani: se solo si avvicinano al nemico, lo decapitano all'istante, quindi combattete questi Pokémon sempre a distanza. Se credevate che i Pawniard fossero spietati, cambierete di certo opinione non appena un vostro Pokémon sarà  smembrato da un Bisharp!

Pawniard e i Bisharp hanno lame e una struttura fisica del tutto unica rendendoli molto resistenti, tuttavia la parte interna del loro corpo è molle, quindi sono alla mercé di avversari in grado di penetrare la loro corazza. La corazza di cui sono composti è fatta di titanio, un materiale estremamente raro anche tra i Pokémon Acciaio; essa è quasi indistruttibile, anche se flessibile (ciò li rende estremamente resistenti ad attacchi fisici e al contempo molto agili e veloci). Il loro corpo presenta lame nelle braccia, gambe, testa e addirittura nel torso, la coppia che hanno lungo il torso tuttavia è estremamente importante sia per i Pawniard che per i Bisharp, questo perché le lame sono estensioni delle costole e sono essenziali per proteggere gli organi; lo sviluppo di lame all'esterno del corpo è dovuto a motivi di difesa nei combattimenti fisici: senza queste lame il corpo risulterebbe vulnerabile agli attacchi avversari, ciò impedisce agli avversari di affrontarli a testa alta.

Proprio come la loro pre-evoluzione, i Bisharp possono essere descritti con una sola parola: spietati. Questi Pokémon sono molto orgogliosi e non si tirano mai indietro da una sfida, anche se sono svantaggiati, questo perché le loro lame affilatissime possono affettare anche le armature più spesse come fosse carta. Prima di ogni battaglia affilano le lame usando altre lame del loro corpo in modo da essere sempre pronti, ciò permette loro di riflettere la luce solare in modo da accecare o intimidire i nemici. Una capacità  nuova che hanno ottenuto è quella di rilasciare frammenti di metallo dalla propria corazza, potendo usare dunque l'attacco Metalscoppio. I Bisharp di solito sono a capo di un gruppo di medie dimensioni di Pawniard, i quali obbediscono ciecamente agli ordini di questi comandanti, infatti i Bisharp sono famosi per essere molto intelligenti ed in grado di pianificare strategie di battaglia molto efficaci, per questo sono considerati dei leader per natura. La loro società  è fondata sull'onore e sulla vendetta. I Pawniard di solito viaggiano in gruppi di medie dimensioni capeggiate da un Bisharp cruento e spietato; è interessante notare che ogni estate tutti i membri del gruppo si combattono tra loro, Bisharp incluso, per decidere chi sarà  il leader del prossimo anno, fortunatamente le loro armature li proteggono, procurando loro pochi graffi e serve per capire quando il Bisharp a capo è troppo vecchio per continuare a comandare; quando un Pawniard sconfigge il Bisharp capo, significa che sta per evolversi per diventare il nuovo capo, il vecchio Bisharp può continuare a vivere nel gruppo, ma senza un ruolo determinante. Se un solo membro del gruppo viene attaccato o minacciato, l'intero gruppo andrà  a vendicarsi se il Bisharp capo decide che ne vale la pena: nei casi peggiori la preda verrà  ridotta in un cumulo informe di carne ed ossa, altrimenti sarà  il Bisharp ad ucciderlo con un affondo dritto al cuore.

Terribilmente violenti e spietati, i Bisharp sono creature maligne che spesso hanno causato molto dolore agli allenatori i cui Pokémon furono vittime delle loro sanguinarie tecniche. Sconfiggere questi freddi calcolatori in uno scontro fisico è quasi impossibile e molti preferiscono dimenticare le lotte contro di essi. Fortunatamente sono pochissimi gli allenatori che ne possiedono uno e quindi è difficile che incontriate questi cruenti guerrieri!

 

Modificato da Zarxiel

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Durant

200px-Sugimori_632.png

Spoiler

Durant (noto come Pokémon Ferformica) è un Pokémon non molto comune di tipo Coleottero/Acciaio che vive nelle grotte montane delle regioni di Unima e Kalos. Rapidi e pericolosi in qualsiasi scontro fisico, i Durant sono insetti violenti che difendono il proprio territorio indipendentemente dalle dimensioni e dalla potenza dell'invasore, anche se ciò significasse sacrificare la loro vita. Per molti non sono altro che uno spuntino per gli Heatmor, ma non bisogna sottovalutare queste formiche: una dozzina di esse può farvi a pezzi solo per ottenere un pasto!

Per poter difendersi dagli Heatmor e da altri predatori, possono contare su un esoscheletro estremamente resistente in quanto composto da un tipo di metallo organico; ciò non solo protegge i loro fragili organi, ma li aiuta a sopravvivere anche in ambienti estremamente freddi e persino in luoghi dove le acque sono inquinate, visto che il corpo li salvaguarda da eventuali tossine; per farla breve, possono sopravvivere in qualsiasi zona a patto che ci sia l'ossigeno, ma a causa del loro stile di vita si limitano a frequentare zone montane. Nonostante vivano in colonie che pensano al bene comune (proprio come i Combee), i Durantnon hanno una regina e si considerano tutti ugualmente importanti. Sono soliti scavare profonde e complesse gallerie nelle profondità  delle montagne, le quali possono estendersi per oltre un miglio, e, vista la resistenza delle rocce presenti nelle zone in cui vivono, possono scavare senza correre il rischio che i tunnel crollino, rendendo queste montagne dei veri e propri labirinti. Oltre a lavorare insieme per costruirsi il nido, questi Pokémon cacciano in grandi gruppi, solitamente formati da almeno 12 membri, così da poter abbattere con facilità  anche le prede più grandi; come se non bastasse, le loro piccole dimensioni non devono trarre in inganno, visto che le mandibole sono talmente grandi e forti da poter tagliare una trave di metallo, ecco perché i membri più anziani della colonia possono apprendere Ghigliottina. Per qualsiasi allenatore avere un Durant può tornare molto utile, dal momento che non solo sono molto resistenti, ma risultano perfetti anche per gli scontri fisici; l'unico problema è che hanno una resistenza fisica molto scarsa, quindi possono essere facilmente abbattuti dai Pokémon Fuoco.

Gli Heatmor e i Durant sono famosi per essere rivali naturali da moltissimo tempo, come si può intuire dalle loro abilità  contrastanti, le quali sembrano essere progettate appositamente per combattersi a vicenda; la cosa non è così sorprendente, dato che i Durant sono formiche e gli Heatmor dei formichieri, con questi ultimi che, di conseguenza, vedono i primi come semplici prede. Si crede che nell'antichità  questi Pokémon fossero diversi e che i Durant, per proteggersi dai loro predatori Heatmor, abbiano sviluppato una corazza di metallo organica, mentre gli Heatmor, come contromisura, avrebbero invece sviluppato un organo per incendiare la propria lingua e usarla per fondere le armature dei Durant, assumendo le caratteristiche finali che noi tutti oggi conosciamo. Nonostante la lingua infuocata possa effettivamente fondere le armature, essa non è perfetta e può lasciare in vita i Durant, che in questo modo hanno il tempo di fuggire (essi compensano infatti la scarsa difesa speciale sfruttando una ben più elevata velocità ), ecco perché questi ultimi sono più veloci degli Heatmor in quasi ogni circostanza; come se non bastasse, i Durant possono apprendere Fossa in modo da arrecare gravi danni agli Heatmor, che malgrado l'alta capacità  offensiva non dispongono di una resistenza particolarmente apprezzabile, quindi i Durant potrebbero rivelarsi pericolosi per loro. Ulteriore vantaggio che contraddistingue i Durant rispetto alla loro controparteHeatmor risiede in una maggiore intelligenza, infatti quando uno di questi formichieri si avvicina ad un loro nido, viene attaccato da numerosi battaglioni fino ad essere costretto alla ritirata; quindi, anche se in un primo momento i Durant possono sembrare svantaggiati, in realtà  lottano quasi ad armi pari con i propri predatori.

Sebbene non siano molto grandi, i Durant sono comunque combattenti feroci in grado di arrecare gravi danni senza che il loro esoscheletro in metallo subisca nemmeno un graffio. Essendo i Pokémon Acciaio più veloci (escludendo le MegaEvoluzioni e i leggendari) e con mascelle in grado di far paura anche ad un Heatmor, non c'è da stupirsi se molti allenatori preferiscono stare alla larga da questi insetti. Ovviamente un pizzico di fuoco basta e avanza per arrostirle, ma se non fate in fretta potrebbero rapidamente strapparvi la carne dalle ossa!

Cobalion

Artwork638.png

Spoiler

Coboalion (noto come Pokémon Metalcuore) è un Pokémon Leggendario di tipo Acciaio/Lotta che vive all'interno delle grotte della regione di Unima, anche se ci sono stati suoi avvistamenti in Europa. Dalla forte volontà e temprato sia nella mente che nel cuore, Cobalion è una creatura coraggiosa che non teme mettere a rischio la sua vita pur di salvare gli altri. Potrebbe non apparire nulla di speciale, ma avvicinatevi incautamente a lui e vi accorgerete subito quanto sia efficace il suo attacco Spadasolenne!

Ci sono parecchie leggende circa i Pokémon Cobalion, Terrakion, Virizion e Keldeo in varie regioni europee, tuttavia questi Pokémon sono famosi soprattutto ad Unima (dove gli studiosi contemporanei li chiamano come "i Solenni Spadaccini"), ma la cosa sorprendente è l'importanza storica che hanno avuto. Oltre due secoli fa, durante la guerra per l'indipendenza Unimiana, sono scoppiate moltissime battaglie presso le foreste e le paludi di Unima (dove i soldati della regione avevano attirato i nemici europei per un attacco a sorpresa); si ritiene che durante questi eventi Cobalion, assieme ai compagni Terrakion e Virizion, che stavano vagando per le foreste di Unima, abbiano iniziato ad agire a causa dei continui conflitti, combattendo entrambe le fazioni grazie al loro attacco Spadasolenne; la cosa è peggiorata durante uno di questi scontri, in cui i soldati hanno fatto scoppiare un incendio alla Palude Mistralopoli a causa dell'uso della polvere da sparo, portando alla morte innumerevoli Pokémon, ma grazie all'intervento di Cobalion, Terrakion e Virizion i danni furono contenuti e con il tempo la zona fu ripristinata e ripopolata. Secondo le leggende, durante questo incendio il trio salvò Keldeo, ultimo della sua specie in quanto i suoi simili (inclusi i suoi genitori) morirono tra le fiamme; da allora i tre Pokémon accudirono il cucciolo insegnandogli alcuni loro segreti fino ad aver appreso come usare Spadasolenne e a diventare abbastanza forte da essere classificato come leggendario. Dopo quell'evento e dopo che la palude fu ripristinata, i conflitti nella regione cessarono quasi del tutto e quasi nessuno ha più rivisto i quattro Pokémon.

Cobalion è noto per essere una creatura estremamente leale e molto protettiva nei confronti dei più deboli, specie quando deve difenderli dagli umani, tuttavia esso sembra avere un carattere molto freddo e tutto ciò che fa è a favore della giustizia, anche se ciò dovrebbe portarlo ad uccidere un essere umano o un altro Pokémon, senza esitazione o rimorsi; questo ha portato molti a credere che il suo cuore sia formato da freddo metallo organico, lo stesso che ricopre il suo corpo. Cobalion è anche famoso per le sue capacità di condottiero e di farsi rispettare da chiunque (per questo motivo è il leader indiscusso dei Solenni Spadaccini), infatti con la sua sola presenza sembra essere in grado di farsi rispettare o addirittura farsi obbedire anche dai Pokémon più indisciplinati. Cobalion è un combattente tenace e paziente, tanto che è molto raro che attacchi per primo, invece preferisce osservare e ideare strategie per sconfiggere l'avversario, per questo è quasi impossibile avere la meglio su di lui in battaglia, anche se si è avvantaggiati di tipo.  Sebbene le capacità  di battaglia e la specializzazione di Cobalion, Terrakion, Virizion e Keldeo siano molto diverse, ci sono due caratteristiche che li accomuna tutti: la mossa Spadasolenne e l'abilità Giustizia. La mossa Spadasolenne può sembrare che impieghi solo l'uso delle corna affilate, in realtà viene eseguita producendo un certo tipo di energia che concede all'attacco proprietà uniche, riuscendo non solo a causare ingenti danni, ma anche ignorando l'evasione o la resistenza potenziata dell'avversario, risultando avere una precisione davvero sorprendente. E' attualmente ignoto il motivo per cui solo i Solenni Spadaccini, la famiglia evolutiva di Honedge e i Kartana siano in grado di apprendere questo attacco, ma si ritiene che i quattro leggendari derivino da un antenato comune. Anche l'abilità Giustizia ha capacità  interessanti, visto che ogni volta che questi Pokémon vengono colpiti da un attacco Buio la loro forza fisica aumenta; ciò è dovuto ad una reazione unica del loro cervello, che concede questo potenziamento temporaneo.

Di solito Cobalion, Terrakion, Virizion e soprattutto Keldeo, tendono a rimanere lontani dall'uomo, tuttavia pochi anni fa furono coinvolti nell'"Incidente di Roscianopoli". Secondo i testimoni, questo incidente scaturì a causa di un'interazione tra Kyurem e Keldeo in un luogo noto come Full Court, una miniera abbandonata che Kyurem usa come luogo di rifugio. Qui Keldeo cercò di dimostrare ai suoi compagni (CobalionTerrakion e Virizion) che era degno di essere un loro pari e far parte ufficialmente dei Solenni Spadaccini e sfidò apertamente Kyurem. Anche se Keldeo disse chiaramente che non aveva alcuna paura di affrontare Kyurem, la battaglia fra i due ebbe un esito negativo sul povero Keldeo il cui corno fu spezzato. Gli altri tre leggendari cercarono di salvarlo, ma Kyurem infuriato per il loro intervento riuscì a mutare per brevissimo tempo da solo in Kyurem Bianco e usò Vampagelida per congelarli. Keldeo ferito e sapendo di non avere speranza fuggì, ma Kyurem volendo finire la battaglia ad ogni costo lo seguì verso Roscianopoli, durante ciò parte della città  fu ridotta ad un deserto di ghiaccio durante la notte. Con l'aiuto di alcuni allenatori tuttavia Keldeo si fece coraggio e tornò nel campo di battaglia deciso ad affrontare Kyurem; riuscì quindi ad assumere la Forma Risoluta e ad apprendere la mossa Spadamistica. Mentre Keldeo stava per essere sconfitto Kyurem, decise di ritirarsi riconoscendo il coraggio del Pokémon; i suoi tre compagni furono accidentalmente liberati durante la lotta e quindi Keldeo divenne ufficialmente membro dei Solenni Spadaccini. Anche se gli eventi furono isolati e non ci furono conseguenze, la Full Court divenne un enorme palazzo di gelo anche per impedirne il crollo dovuto ai danni durante la lotta tra Keldeo e Kyurem.

Nonostante la diffidenza che prova per gli umani e il carattere freddo, Cobalion può essere considerato un compagno fedele ed un protettore da parte di qualsiasi Pokémon selvatico. Essendo il Pokémon Lotta con la maggior resistenza fisica in assoluto e potendo contare su un attacco Spadasolenne così potente da mettere in ginocchio quasi qualsiasi avversario, non c'è dubbio che Cobalion sia una creatura davvero potente e qualsiasi persona dovrebbe stare attenta ad avvicinarglisi se non degna. Potrebbe non essere il Pokémon più potente in assoluto, ma con una volontà di ferro e il cuore duro come l'acciaio, è davvero difficile che questo Pokémon possa essere sconfitto con facilità e state certi che non si arrenderà mai di fronte a nulla, anche se dovesse andare incontro a morte certa!

Genesect

 

200px-Artwork649.png

Spoiler

Genesect (noto come Pokémon Paleozoico) è un Pokémon Leggendario di tipo Coleottero/Acciaio che attualmente risiede nelle Colline Pokémon di Unima. I dati riguardati questa specie si sono arricchiti moltissimo poco dopo che l'organizzazione nota come Team Plasma fu sciolta. Genesect è una creatura molto strana e misteriosa che sfida tutto ciò che noi credevamo di sapere sui limiti degli insetti. Se mai doveste vederlo, fuggite immediatamente: anche se non sembra, non esiste alcun Pokémon Fossile ad oggi risorto che sia feroce quanto questo cyborg!

La storia della creazione di Genesect è triste e brutale allo stesso tempo, e ha dimostrato fino a che punto gli uomini possano spingersi per dimostrare la loro capacità  di manipolare la natura. Quando il Team Plasma era ancora in piena attività  fu ritrovato un laboratorio isolato nei pressi del lago vicino a Soffiolieve; tale struttura disponeva di strani campioni organici e resti fossili risalenti al periodo Devoniano, ma la scoperta più sorprendente fu il ritrovamento di fossili di insetti aventi un'età  superiore a quasi tutti quelli conosciuti fino a quel momento. Da tempo era diffusa l'opinione secondo la quale gli insetti avrebbero cominciato ad apparire durante questo periodo: i resti fossili trovati non solo confermarono tale teoria, ma risultarono anche molto più evoluti e complessi di quanto ci si potesse aspettare; essi avevano inoltre conservato il proprio DNA, ciò significava che, proprio come per gli Anorith, i Cranidos e altri Pokémon Fossili, anche questi insetti potevano essere resuscitati. N, l'allora leader del Team Plasma, assunse alcuni tra i ricercatori più esperti per resuscitare e potenziare questa creatura nel miglior modo possibile, ma senza alterarne troppo la genetica, in quanto voleva che essa rimanesse il più simile possibile alla sua forma originaria. Per mesi il progetto continuò lentamente all'interno del Laboratorio P&P (il laboratorio vicino a Soffiolieve), e sembrava che il DNA fosse troppo danneggiato per poter soddisfare la richiesta di N. Il capo ricercatore Dudley ritenne il progetto un fallimento, ma non si arrese, e tentò di creare un Pokémon dalla potenza straordinaria che rappresentasse la gloria del Team Plasma e dello stesso N, così nacque un organismo molto simile al suo antenato fossilizzato: Genesect.

Apparentemente il primo Genesect resuscitato era diverso da quello che noi conosciamo (o almeno così emerge dai documenti ufficiali di Dudley, in cui viene descritta una creatura differente da quella attualmente nota). Questo Pokémon, anatomicamente, era molto simile ad una formica, ma si muoveva sulle zampe posteriori, potendo assumere una posizione eretta come quella degli umani; secondo uno studio ciò sarebbe dovuto a una questione di sopravvivenza, in tal modo è in grado di muoversi più rapidamente, usare gli artigli affilati delle zampe anteriori per proteggersi e produrre uno stridio così acuto da causare gravi danni agli organismi più sensibili. Tale studio ha dimostrato che gli insetti più antichi erano anche i predatori più temuti mai apparsi sul pianeta; Dudley stesso commentò uno dei suoi esperimenti con la seguente frase: "In tutta la mia vita non ho mai visto un essere vivente farne a pezzi un altro con così tanta violenza e precisione!", questo significa che gli antenati di Genesect erano i predatori più brutali ed efficienti mai esistiti, ma fortunatamente si estinsero quando il clima iniziò a raffreddarsi; questa fu un'ulteriore scoperta di Dudley, il quale notò che questi esseri erano terribilmente vulnerabili alle temperature più estreme e scarsamente protetti contro i danni più gravi, ragion per cui decise di porre rimedio a questa debolezza. Prima della morte del primo esemplare, Dudley lo clonò per creare un corpo cibernetico più adatto alla sopravvivenza, in modo tale da poter poi replicare un esercito in grado di compiere attacchi su vasta scala. Solitamente, inserire componenti meccanici in un essere organico è difficile a causa del sistema nervoso e del cervello, ma Dudley sfruttò dei microchip che installò direttamente sul sistema nervoso, così da rendere l'operazione molto più facile. Una volta completato, Genesect divenne un predatore ancora più temibile che, pur mantenendo intatto il proprio libero arbitrio,avrebbe obbedito ciecamente a tutti gli ordini impartiti dal suo padrone (Dudley), e inoltre venne dotato di un dispositivo grazie al quale sarebbe stato in grado di parlare la lingua degli esseri umani. Per costruire l'armatura, Dudley usò una leggera lega di titanio, con cui riuscì a triplicarne la resistenza, duplicarne la forza fisica e nel contempo mantenere la velocità  di movimento. Quando il progetto fu concluso, Dudley contattò N, tuttavia il ragazzo rimase deluso dal progetto, dal momento che, anziché avere una creatura naturale come richiesto, si ritrovò davanti a un essere modificato e potenziato in modo assolutamente innaturale; ovviamente egli non aveva alcuna intenzione di impiegare un simile abominio genetico per raggiungere i suoi obiettivi, quindi annullò il progetto, chiuse il Laboratorio P&P e licenziò Dudley.

Ormai privo del suo lavoro e di uno scopo, sembrava che Dudley avesse rinunciato definitivamente a tutto, ma presto riprese a lavorare in segreto sul progetto per cercare di far cambiare idea ad N, anche se questo significava modificare ulteriormente il mostro da lui stesso creato. Alla fine applicò un ultimo aggiornamento alla creatura, il quale non solo era del tutto sconsiderato, ma anche terribilmente pericoloso: egli riuscì a rubare dei piccoli cannoni a fotoni (o Blaster Fotonici, come venivano ufficialmente chiamati) da un altro ricercatore e ad installarli sulla schiena non di uno, ma di tutti i Genesect da lui creati. Tale cannone era progettato per uso militare, e non solo poteva rilasciare un'esplosione di luce, ma anche incanalare energia elementale trasformandola in un'arma ancora più distruttiva, e dal momento che il progetto iniziale di quest'arma era stato cancellato perché ritenuta troppo pericolosa dall'esercito della difesa di Unima, i Genesect risultarono gli unici a possedere il prototipo originale di questi cannoni. Dato che l'arma era troppo complessa per poter essere usata efficientemente dai Genesect, Dudley pensò di creare dei dischi in modo da incanalare solo un tipo di energia, la quale può essere cambiata in qualsiasi momento; questi dischi sono noti come Piromodulo, Idromodulo, Voltmodulo e Gelomodulo; inserendo uno qualunque di questi moduli cambia il tipo di energia impiegata e, di conseguenza, il tipo della mossa peculiare di questi Pokémon, Tecnobotto. In circostanze normali, l'esplosione di luce sprigionata non ha caratteristiche particolari e viene quindi classificata come attacco Normale, ma con l'aggiunta di uno dei dischi può diventare, rispettivamente, di tipo Fuoco, Acqua, Elettro o Ghiaccio. Quindi essi sono delle vere e proprie macchine di distruzione di massa ambulanti, guidati solo da un istinto predatorio rimasto sopito per migliaia di anni, o come Dudley stesso commentò: "Per vaporizzare qualunque cosa e chiunque li infastidisca". Dopo mesi di esperimenti dolorosi e quant'altro, Dudley stesso capì che quello che aveva fatto era orribile, quindi abbandonò il progetto e decise che gli esemplari creati dovevano rimanere sigillati in eterno... o almeno così sperava. Anni dopo, un gruppo segreto del Team Plasma venne a sapere del progetto e tentò di rubare i Genesect creati per metterli al servizio del Team, ma accidentalmente risvegliarono le creature, che, sentendosi minacciate, distrussero il complesso per poi fuggire. Il Ministero della Difesa venne subito a sapere dell'esistenza di queste creature: tale informazione venne però tenuta nascosta al pubblico, poiché, nonostante la loro potenza sia pari (se non addirittura superiore) a quella di alcuni leggendari, sperarono che potessero integrarsi nel mondo senza causare danni, e così fu, almeno per un po' di tempo; sembrava infatti che le modifiche apportate fossero riuscite in tale impresa. Si ritiene che siano in grado di sopravvivere per decine e forse addirittura centinaia di anni, almeno finché i loro componenti meccanici non iniziano a guastarsi, ma fino ad allora è importante che essi non cadano nelle mani sbagliate.

Non si sa molto su questo essere, ma molti testimoni affermano ce ne siano due; tuttavia vi sono testimonianze riguardo a un evento che vide come protagonisti proprio i Genesect, noto come l'"Incidente di New Tork City". Alcuni anni fa la città fu attaccata dai due Genesect, ma uno di essi, riconosciuto in seguito come il leader, era cromatico, ragion per cui divenne noto come Genesect Rosso; poiché questi Pokémon erano stati resuscitati di recente, non riconoscevano più questo mondo come casa loro, quindi si diressero verso le Colline Pokémon, un rifugio per Pokémon di ogni dove. Tuttavia Genesect Rosso, deciso a conquistare il luogo in modo tale da tenerlo esclusivamente per sé, ordinò di attaccare qualsiasi umano o Pokémon osasse avvicinarsi al loro nuovo nido, causando però problemi anche nell'impianto elettrico della città . Mewtwo, venuto a sapere della cosa e avendo già  vissuto un'esperienza simile, cercò di ragionare con questi Pokémon; nel frattempo, i Genesect iniziarono a costruire un enorme alveare biomeccanico al centro delle Colline Pokémon, senza rendersi conto che le radici del loro nido stavano causando danni agli impianti elettrici, i quali avrebbero potuto esplodere da un momento all'altro. Si scatenò così una furiosa battaglia tra Genesect Rosso e Mewtwo (che fu costretto a diventare MegaMewtwo Y più di una volta). Dei giovani allenatori cercarono di approfittare della distrazione del leggendario cyborg per tentare di riparare gli impianti elettrici, ma ormai questi avevano già  dato vita a un incendio nella zona boschiva circostante; nonostante ciò tutti i Pokémon, Genesect incluso, collaborarono attivamente per spegnere le fiamme. Genesect Rosso, tuttavia, non sembrava minimamente intenzionato a volersi fermare, di conseguenza Mewtwo si vide costretto a condurlo con la forza nello spazio aperto, in modo tale da fargli capire che, sebbene fossero trascorsi millenni e la sua casa non esistesse più, quello che aveva davanti era pur sempre lo stesso pianeta che gli aveva donato la vita. Avendo compreso i propri errori, i Genesect decisero di costruire un alveare in una zona più sicura delle Colline Pokémon, mentre Mewtwo, dopo aver ripristinato la pace nel luogo, semplicemente svanì.

Paragonati ancora adesso al mostro di Frankenstein, i Genesect sono creature che devono essere rispettate, se ci tenete alla vita. Anche se nel corpo hanno la più sofisticata tecnologia del nostro tempo, non dimenticatevi che nelle loro vene scorre il sangue dei predatori più spietati e freddi mai esistiti, quindi non si faranno problemi ad uccidere per nutrirsi, anche perché, escludendo Arceus, sono i Coleotteri più potenti in assoluto (assieme a MegaPinsir, MegaScizor e MegaHeracross). Se mai vi siete chiesti che cosa succederebbe se la tecnologia più distruttiva fosse unita al predatore più pericoloso, beh, fidatevi, è meglio non sapere la risposta, altrimenti verreste ridotti in cenere a causa di un Tecnobotto!

Honedge

200px-Artwork679.png

Spoiler

Honedge (noto come Pokémon Armabianca) è un Pokémon relativamente raro di tipo Acciaio/Spettro che vive nei campi, caverne e centri/strutture spirituali nella regione di Kalos, anche se raramente è stato visto nella regione di Alola. Queste creature hanno mostrato che la possessione può trasformare gli spiriti in vere minacce, infatti gli Honedge sono abilissimi esseri nel combattimento ravvicinato. Tenetevi a distanza di sicurezza quando queste creature combattono per evitare potenziali tagli, ma sopratutto, non branditeli mai, o vi ritrovare il corpo prosciugato!

La catena evolutiva degli Honedge ha assunto una forma di possessione unica, essi infatti sono in realtà  spiriti perduti che si sono manifestati impossessandosi permanentemente di vecchie spade, ciò li rende delle vere e proprie armi viventi, ma non solo: riescono pure ad alterare il loro stato fisico per aumentare il loro calore ed affilarsi per diventare più forti, comportandosi come dei fabbri. Per ragioni sconosciute, questi Pokémon hanno una sorprendente abilità  con la spada che supera indubbiamente qualsiasi spadaccino umano nel mondo, ma la cosa incredibile è che hanno appreso tutto semplicemente impossessandosi della spada, non hanno bisogno di un allenamento o una formazione per essere in grado di usare il loro nuovo corpo così abilmente, infatti si teorizza che la catena evolutiva di Honedge sia in realtà  posseduta dalle anime di guerrieri morti in battaglia, ma non ci sono prove concrete a confermare questa teoria; tutto ciò dà  a queste creature un mix di tecniche di battaglia e capacità  sovrannaturali degne della loro forma davvero singolare, inoltre sono tra i pochi Pokémon in grado di apprendere la potente mossa Spadasolenne, una mossa che oltre a loro possono apprendere solo i leggendari Solenni Spadaccini di Unima e i Kartana. Anche se molte delle tecniche usate da questi Pokémon sono più adatte per spezzare la difesa nemica, se ben allenati possono diventare i più potenti Spettri e Pokémon Acciaio conosciuti, soprattutto se si pensa che gli Honedge e i Doublade hanno la rara abilità  nota come Nullodifesa, mentre gli Aegislash sono Pokémon assolutamente unici che non devono essere sottovalutati in battaglia. Gli allenatori devono assicurarsi di preparare strategie adeguate quando si affrontano questi Pokémon, perché hanno già  sperimentato la morte e si rifiutano di perdere nuovamente.

Ovviamente gli Honedge sono i membri più deboli della loro catena evolutiva, ma rimangono comunque potenti Pokémon fisici in grado di infliggere ingenti danni. Anche se normalmente gli Spettri apprendono molti attacchi speciali, gli Honedge e la sua catena evolutiva apprendono veramente pochissime mosse speciali, questo è dovuto al forte legame che hanno con il loro nuovo corpo per manifestarsi nel mondo dei vivi. Proprio come molti altri Spettri, gli Honedge hanno bisogno di energia vitale per sopravvivere e usano un modo subdolo per potersi nutrire: essi tendono a rimanere immobili a terra con il loro occhio chiuso, un passante vedendone uno lo scambierà  in un primo momento per una vecchia spada dimenticata, quando la vittima si appresta ad afferrare la spada, l'Honedge aprirà  l'occhio posto nella guardia, quindi lasciano il loro involucro protettivo e avvolgono il drappo di stoffa attorno alla preda per assorbirgli l'energia vitale che gli consentirà  di sopravvivere per circa altre due settimane, per poi fuggire. Questo loro metodo non solo li rende difficili da trovare, ma anche da affrontare e catturare, in quanto prediligono evitare battaglie inutili; naturalmente questa tattica è inutile in battaglia, ma non è un problema visto che sono comunque spadaccini esperti ed escluso la sua catena evolutiva, nessun altro Pokémon possiede abilità  nell'usare armi da taglio simili, ad eccezione dei Gallade. L'unica pecca degli Honedge è che la loro velocità  non è delle migliori, così come la loro difesa speciale, ma sono problemi trascurabili in una battaglia fisica.

Senza dubbio gli Honedge non sono tra gli Spettri più convenzionali, ma possono offrire un'ottimo attacco e un'ottima difesa in una squadra, tuttavia necessita del tempo prima che possano evolversi in qualcosa di molto più temibile, ma anche così possono affrontare molti avversari senza troppi problemi. Se siete preoccupati per le vostre vite nel cercare di catturare questi Pokémon, sappiate che risultano pericolosi solo per gli allenatori più giovani, ma se ne possedete uno, con il tempo l'avversario non dovrà  temere di affrontare un unico avversario, ma ben due!

Doublade

Sugimori 680.png

Spoiler

Doublade (noto come Pokémon Armabianca) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Spettro che vive nei campi, nelle caverne e nei centri/strutture spirituali della regione di Kalos, anche se raramente è stato visto nella regione di Alola. Ora potenza e danni sono raddoppiati, i Doublade sono bestie ingannevoli che sanno usare complesse tecniche di scherma come anche la Stoccata e Fuga risultando delle vere minacce per chiunque sia disarmato. Possono sconfiggere facilmente più di un Pokémon alla volta e state pur certi, quando si parla di lavoro di coppia, queste creature non hanno rivali!

La catena evolutiva degli Honedge ha assunto una forma di possessione unica, essi infatti sono in realtà  spiriti perduti che si sono manifestati impossessandosi permanentemente di vecchie spade, ciò li rende delle vere e proprie armi viventi, ma non solo: riescono pure ad alterare il loro stato fisico per aumentare il loro calore ed affilarsi per diventare più forti, comportandosi come dei fabbri. Per ragioni sconosciute, questi Pokémon hanno una sorprendente abilità  con la spada che supera indubbiamente qualsiasi spadaccino umano nel mondo, ma la cosa incredibile è che hanno appreso tutto semplicemente impossessandosi della spada, non hanno bisogno di un allenamento o una formazione per essere in grado di usare il loro nuovo corpo così abilmente, infatti si teorizza che la catena evolutiva di Honedge sia in realtà  posseduta dalle anime di guerrieri morti in battaglia, ma non ci sono prove concrete a confermare questa teoria; tutto ciò dà  a queste creature un mix di tecniche di battaglia e capacità  sovrannaturali degne della loro forma davvero singolare, inoltre sono tra i pochi Pokémon in grado di apprendere la potente mossa Spadasolenne, una mossa che oltre a loro possono apprendere solo i leggendari Solenni Spadaccini di Unima e i Kartana. Anche se molte delle tecniche usate da questi Pokémon sono più adatte per spezzare la difesa nemica, se ben allenati possono diventare i più potenti Spettri e Pokémon Acciaio conosciuti, soprattutto se si pensa che gli Honedge e i Doublade hanno la rara abilità  nota come Nullodifesa, mentre gli Aegislash sono Pokémon assolutamente unici che non devono essere sottovalutati in battaglia. Gli allenatori devono assicurarsi di preparare strategie adeguate quando si affrontano questi Pokémon, perché hanno già  sperimentato la morte e si rifiutano di perdere nuovamente.

Gli Honedge ad un certo punto arrivano in uno stadio della loro vita in cui diventano estremamente forti e quindi si evolvono come la maggior parte di qualsiasi Pokémon; ma quello che la gente non sa è che gli Honedge non cambiano veramente durante l'evoluzione, ma si scindono in due parti formando il temuto duo noto come Doublade. Anche se in un primo momento la gente crede che la loro massa sia inalterata, in realtà  appena evoluti assorbono ioni metallizzati tramite l'energia spirituale che filtrano, in questo modo riescono a potenziare e completare le due spade, quindi avranno il doppio della massa di prima e avranno due menti per pensare. Nonostante le due spade abbiano una mente ciascuna, sono tranquillamente in grado di agire indipendentemente, questo perché le due menti sono collegate da un forte legame psichico, ecco perché ogni loro attacco è perfettamente coordinato e in grado di fare a pezzi gli avversari con facilità . Esattamente come gli Honedge, i Doublade sono spadaccini esperti che attaccano all'unisono riuscendo a distruggere le difese di qualsiasi avversario, sia esso umano o Pokémon. L'unico svantaggio dovuto all'evoluzione è che i Doublade necessitano del doppio dell'energia spirituale che avevano bisogno prima dell'evoluzione per poter sopravvivere, ma questo è un problema minore in quanto non hanno bisogno di ricorrere a trucchi subdoli per ottenerla come facevano prima. Gli allenatori, se vogliono sfruttare queste creature al meglio, devono sapere che nel caso in cui i loro attacchi vengano bloccati o essi vengano confusi, i Doublade si ritroveranno per un breve periodo di tempo indifesi, tuttavia è difficile che ciò accada visto che loro sono in grado di tagliare anche un'armatura leggera senza difficoltà  e ridurre letteralmente il nemico a fettine.

Con il doppio del divertimento nel combattere, anche la forza è raddoppiata, per questo i Doublade sono dei veri mostri in lotta che si rivelano sempre delle minacce da affrontare in ogni situazione; inoltre sono gli Spettri più resistenti fisicamente (assieme alla loro evoluzione Aegislash in Forma Scudo) in assoluto, ma vista la loro scarsa velocità  e difesa speciale, sono molto vulnerabili ad attacchi basati sull'energia, tuttavia eccetto questo difetto, i Doublade possono sconfiggere con facilità  i loro avversari usando avanzate tecniche di scherma. Se mai aveste la fortuna di trovare una Neropietra, non pensateci due volte prima di usarla: certo non avrete più due "esseri" in battaglia, ma un unico corpo con due cervelli è molto più pericoloso!

Aegislash

20940b_cd75091cb8664a41bd9c6a720359ab46~mv2.png20940b_08a3ff1bf5df4217b5813db749cb55ae~mv2.png

Spoiler

Aegislash (noto come Pokémon Spadareale) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Acciaio/Spettro che vive nei campi, nelle caverne e nei centri/strutture spirituali nella regione di Kalos, anche se raramente è stato visto nella regione di Alola. Sempre armati e pronti per la lotta, gli Aegislash sono spiriti devastanti che possono fare a pezzi i loro avversari e resistere ai colpi più duri. Anche se ci vuole del tempo per abituarsi alle loro capacità  del tutto uniche, qualsiasi allenatore che sappia sfruttare bene questa spada e scudo degni di un re, allora non dovrà  temere alcun avversario!

La catena evolutiva degli Honedge ha assunto una forma di possessione unica, essi infatti sono in realtà  spiriti perduti che si sono manifestati impossessandosi permanentemente di vecchie spade, ciò li rende delle vere e proprie armi viventi, ma non solo: riescono pure ad alterare il loro stato fisico per aumentare il loro calore ed affilarsi per diventare più forti, comportandosi come dei fabbri. Per ragioni sconosciute, questi Pokémon hanno una sorprendente abilità  con la spada che supera indubbiamente qualsiasi spadaccino umano nel mondo, ma la cosa incredibile è che hanno appreso tutto semplicemente impossessandosi della spada, non hanno bisogno di un allenamento o una formazione per essere in grado di usare il loro nuovo corpo così abilmente, infatti si teorizza che la catena evolutiva di Honedge sia in realtà  posseduta dalle anime di guerrieri morti in battaglia, ma non ci sono prove concrete a confermare questa teoria; tutto ciò dà  a queste creature un mix di tecniche di battaglia e capacità  sovrannaturali degne della loro forma davvero singolare, inoltre sono tra i pochi Pokémon in grado di apprendere la potente mossa Spadasolenne, una mossa che oltre a loro possono apprendere solo i leggendari Solenni Spadaccini di Unima e i Kartana. Anche se molte delle tecniche usate da questi Pokémon sono più adatte per spezzare la difesa nemica, se ben allenati possono diventare i più potenti Spettri e Pokémon Acciaio conosciuti, soprattutto se si pensa che gli Honedge e i Doublade hanno la rara abilità  nota come Nullodifesa, mentre gli Aegislash sono Pokémon assolutamente unici che non devono essere sottovalutati in battaglia. Gli allenatori devono assicurarsi di preparare strategie adeguate quando si affrontano questi Pokémon, perché hanno già  sperimentato la morte e si rifiutano di perdere nuovamente.

Anche se tecnicamente i Doublade allo stato brado sono considerati lo stadio adulto degli Honedge, se esposti alle radiazioni di una Neropietra, la loro energia spirituale viene notevolmente potenziata, quindi i due corpi si uniranno nuovamente per formarne uno, dando origine alla devastante arma nota come Aegislash. Sebbene possiedano un unico corpo, gli Aegislash mantengono i due cervelli anche dopo l'evoluzione, ma sono comunque molto più intelligenti di prima, inoltre le abilità  di lotta sono notevolmente migliorate sia in termini offensivi che difensivi. Siccome gli Aegislash sono formati dalla stessa massa delle due spade di quando erano dei Doublade (mantenendo comunque i due cervelli), la spada risulterà  essere molto più resistente e combatterà  con l'esperienza di due esperti spadaccini, ciò consente loro di apprendere mosse ancora più potenti come Aeroassalto Zuccata (anche se non potranno più usare la mossa Ferrostridio). Altro vantaggio difensivo che garantisce l'evoluzione è la fusione dei grossi foderi dando origine ad un enorme e resistentissimo scudo che protegge quasi tutto il loro corpo principale (ovvero la lama); questo scudo non solo permette l'uso della loro mossa peculiare Scudo Reale, ma anche la possibilità  di usare la loro abilità  peculiare Accendilotta, con la quale queste creature decidono se usare tecniche offensive o difensive cambiando forma: nella loro Forma Scudo hanno capacità  offensive molto scarse, ma hanno una resistenza incredibile, mentre nella loro Forma Spada hanno altissime capacità  offensive, ma scarsissime capacità  difensive, per questo possono schiacciare con estrema facilità  i loro avversari. Quando vorranno attaccare infatti rimuoveranno lo scudo dal corpo, lasciandosi esposti, tuttavia ciò dà  loro la possibilità  di attaccare con grande efficacia anche i nemici più forti. Gli Aegislash possono rimanere per tempo indeterminato nella loro Forma Spada in lotta, per poter tornare nella Forma Scudo invece dovranno usare la mossa Scudo Reale o un'altra tecnica difensiva; la loro mossa peculiare funziona proprio come Protezione, ma riduce anche la forza fisica del nemico che attacca subito dopo l'impatto, questo perché il loro scudo è intriso di energia spirituale, ecco perché è così difficile colpirli e difficilmente qualsiasi allenatore riuscirà  a trovare uno Spettro migliore di questo in termini difensivi. A Kalos si dice che queste creature rimangano solo con persone coraggiose e capaci di comandare come fossero dei re, per questo erano così importanti in passato per i vecchi sovrani, anche in battaglia, siccome potevano usare i loro poteri spettrali per influenzare le menti degli avversari e dei nemici del re. Riuscire a vederne uno selvatico è quasi impossibile, ma se dovesse accadere allora state attenti, potrebbero avere addirittura secoli di esperienza.

Anche se sono rari e difficili da trovare, gli Aegislash sono esseri devastanti che possono decimare i loro nemici con facilità. Essendo i Pokémon Spettro più resistenti in generale nella Forma Scudo (in difesa fisica tale primato lo condivide con Doublade con entrambi i tipi e con Probopass con i Pokémon Acciaio) naturalmente escludendo i leggendari, ma di certo queste spade demoniache sono il peggior incubo di qualsiasi allenatore, specie se hanno strategie limitate. Se mai doveste affrontarne uno, iniziate a pregare... solo gli allenatori più esperti possono sconfiggere queste armi possedute senza subire danni fatali!

Klefki

200px-Artwork707.png

Spoiler

Klefki (noto come Pokémon Portachiavi) è un Pokémon raro di tipo Acciaio/Folletto che vive in campi erbosi e foreste delle regioni di Kalos ed Alola, anche se raramente è stato visto nella regione di Hoenn. Considerati da molti i Folletti più bizzarri conosciuti, queste vivaci creature nonostante le piccole dimensioni possono dimostrare di avere grandi sorprese in battaglia; anche se le loro doti combattive lasciano a desiderare, sottovalutare questi Folletti ossessionati dalle chiavi è un errore gravissimo: potreste impazzire nel cercare di attaccare l'avversario protetto da una strana energia derivante questa creatura!

Klefki rappresentano un grande mistero tra i Folletti in quanto non sono assolutamente collegabili a nessuna forma di vita biologica, ma ad un oggetto artificiale: un portachiavi. Si crede che tale creatura abbia sviluppato questa forma per adattarsi al mondo moderno, molti scienziati suppongono infatti che in realtà  i Klefki non sono altro che una forma di forza fatata senziente che si è manifestata in un oggetto divenendo un costrutto, proprio come i Carbink; vari esperti sostengono che in antichità  queste creature si presentassero come pezzi di metallo informi o addirittura liquido; con il passare del tempo sembra che abbiano avuto una certa simpatia per le porte e le serrature, motivo per cui hanno poi adattato la loro forma alle chiavi e ai portachiavi. Con il tempo hanno anche iniziato a rubare le chiavi che ritenevano esteticamente le migliori, in modo da sembrare sempre di più un portachiavi. Ci sono varie storie riguardanti i Klefki, ma la più famosa narra che nel cuore della notte entrano nelle case altrui rubando tutte le chiavi che trovano causando vari problemi;questa leggenda non è del tutto veritiera siccome loro rubano solo le chiavi dall'aspetto migliore, anzi sono diventati molto utili per la gente: gli allenatori di questi Pokémon tendono ad affidare loro le chiavi di casseforti e simili sapendo con certezza che lotteranno con la vita pur di non farle cadere in mani sconosciute, ma ciò ha portato la gente a catturarne un gran numero, motivo per cui ora allo stato brado sono molto rari.

Klefki sono noti per avere una grande intelligenza e memoria, tanto da ricordarsi alla perfezione cosa apre ogni singola chiave che portano, tuttavia la loro pecca è che non possono far molto in lotta e statisticamente sono mediocri, perfino in natura cercano di far tintinnare le chiavi per spaventare i predatori, anche se con scarso successo, ma nonostante tutto i Klefki dispongono di ben due mosse peculiari che possono renderli ottimi supporti in lotta. La prima di queste mosse è nota come Blocco Fatato che apprendono non appena nati: questa mossa crea una barriera di forza fatata tutta attorno al campo di battaglia per breve tempo; grazie ad essa nessun Pokémon può scappare ed interferisce con il meccanismo di richiamo delle Poké Ball. La seconda mossa che apprendono con il tempo si chiama Truccodifesa, è una variante di Protezione, ma anziché proteggere da attacchi diretti, protegge da mosse di stato. Considerando che tramite l'uso di MT possono apprendere anche Protezione, i Klefki possono quindi essere ottimi Pokémon difensivi in grado di dare del filo da torcere anche dalle squadre più agguerrite.

Sicuramente i Klefki non sono tra i Folletti più forti, ma sono interessanti creature che fanno amicizia in fretta con l'uomo senza bisogno di allenamento. Per poterli usare decentemente in battaglia ci vorrà  molta pazienza e addestramenti adeguati, ma vedrete che ne varranno la pena; in alternativa potreste usarli come dei custodi per le vostre chiavi più importanti, in questo modo non correrete il rischio di perderle!

Silvally

20940b_c381761cc5d5482e95c1dd0feebfdeab~mv2.png

Spoiler

Silvally (noto come Pokémon Multigene) è un Pokémon eccezionalmente raro di tipo Normale (ma che può assumere un tipo qualsiasi a seconda della forma) posseduto solo da pochissimi allenatori e ricercatori della regione di Alola. Progettati per essere l'arma finale mai creata dai ricercatori Pokémon della regione di Alola, i Silvally sono bestie feroci i cui poteri permettono loro di adattarsi a qualsiasi battaglia, rivelandosi una forza pericolosa contro cui combattere. Sebbene le loro capacità non eguaglino quelle di Arceus, questi versatili esseri sono ancora in grado di abbattere qualsiasi Pokémon e solo un pazzo oserebbe mancare di rispetto alla potenza di questi cyborg creati per uccidere le Ultracreature!

I Tipo Zero e la loro evoluzione Silvally, sono diversi da qualsiasi altra specie Pokémon in quanto non solo sono artificiali, ma sono forme di vita completamente sintetiche. I Tipo Zero furono originariamente creati in risposta alla minaccia che rappresentavano le Ultracreature e gli Ultravarchi, che permettevano a questi esseri extradimensionali di giungere alla nostra dimensione. Siccome la varietà delle Ultracreature che potevano emergere da questi portali era totalmente ignota prima dell'inizio della creazione dei Tipo Zero, si decise di creare una forma di protezione contro questi esseri che potevano rivelarsi una minaccia per gli abitanti della regione di Alola e del resto del mondo, per questo motivo gli scienziati della Fondazione Æther decisero di creare una forma di vita in grado di gestire qualsiasi minaccia che sarebbe potuta uscire da questi portali warp, quindi l'obiettivo principale di questi esseri sintetici era quello di diventare una forza di combattimento anti-UC, e fu così che il Sistema Primevo fu sviluppato. Per la creazione di questo programma, gli scienziati presero ispirazione dall'abilità di Arceus di cambiare il proprio tipo, quindi iniziarono a raccogliere tessuti cellulari proveniente da Pokémon di tutti i tipi e li integrarono insieme ad un'interfaccia robotica per creare un cyborg, noto con il nome in codice "Ultra Killer", in possesso di uno scheletro ed un apparato boccale robotici e masse di tessuto vivente accuratamente coltivate ed innestate sul telaio meccanico, dando loro un aspetto simile al mostro di Frankenstein. Questi organismi complessi furono poi chiamati Omnitipo e fu allora che s'intraprese il passo successivo del progetto: installare il Sistema Primevo. Questo sistema di scansione dati fu progettato per agire sulle cellule somatiche dell'ospite e mutarle in risposta a diversi dischi ROM contenenti informazioni codificate sulla struttura cellulare e sulle forme di vita dei Pokémon dei vari tipi, sperando di creare una connessione naturale fra la massa cellulare ed il sistema, così che potessero cambiare tipo a piacimento. Tuttavia, quando agli unici prototipi di Omnitipo fu installato il Sistema Primevo, essi dimostrarono un grave rigetto dei tessuti, andando totalmente fuori controllo e rendendoli ingestibili. Incapaci di placare il loro comportamento selvaggio, queste bestie furono dotate di una maschera di controllo per mantenerle in uno stato stabile, per poi essere bollati come dei fallimenti; in seguito il loro nome fu cambiato da Omnitipo a Tipo Zero, in modo da riflettere il fatto che siano incapaci di sfruttare il sistema di combattimento e di versatilità con cui erano stati progettati, risultando di fatto inutili. Fortunatamente per loro, sembra che due dei tre esemplari siano riusciti ad andarsene dall'Æther Paradise dove erano rinchiusi, uno fu ottenuto da Iridio, figlio dell'ex-direttrice di quest'organizzazione, Samina, mentre il secondo fu ottenuto da un allenatore sconosciuto che ha contribuito alla sconfitta di Samina e alla protezione del mondo dalle Ultracreature, o almeno quelle che non sono riuscite a trovare persone con cui convivere in armonia.

Mentre inizialmente si credeva che i Tipo Zero fossero incapaci di controllare il loro potere e di farlo funzionare con i loro tessuti viventi, fu Iridio a scoprire come questi esseri potevano controllare le loro abilità: con l'amicizia. Come Iridio stesso ha scoperto, se mentre queste creature si allenano e vengono trattate con amore e rispetto da un essere umano al punto da stabilire un legame d'affetto, riescono a distruggere la loro maschera di controllo che hanno in testa, trovando anche un vero motivo per controllarsi e permettendo alle loro abilità sopite di risvegliarsi, consentendone l'evoluzione. Rinominati come Silvally da Iridio, queste creature sviluppano una grande cresta piumata ed una pelliccia più chiara sul collo e sulla testa che li distingue dai Tipo Zero, mentre nei loro occhi è visibile un istinto selvaggio non presente nella loro pre-evoluzione. Sebbene statisticamente le loro capacità combattive rimangano invariate (eccezion fatta per la velocità, che aumenta notevolmente a causa della rimozione della pesante maschera di controllo), continuano ad avere una natura selvaggia, tuttavia obbediranno ciecamente all'allenatore che lo ha fatto evolvere. Il loro corpo si è perfettamente unito al Sistema Primevo installato, permettendo a questi esseri di cambiare il proprio tipo in base alla ROM installata all'interno del Sistema Primevo attaccato alla loro testa, in modo che le cellule somatiche del loro corpo mutino istantaneamente, cambiando anche colore del sistema a seconda della ROM inserita, inoltre possono sfruttare ciò anche per eseguire la loro mossa peculiare, Multiattacco, che apprendono con l'evoluzione. Questo attacco consiste nel convogliare nel Pokémon dell'energia elementale per poi attaccare ferocemente l'avversario con gli artigli, infliggendogli gravi danni; similmente alla mossa Giudizio di Arceus, il tipo di questo attacco dipende dalla ROM che il Pokémon possiede, di conseguenza è l'unica mossa che i Silvally potranno sfruttare con il potenziamento della STAB, aumentandone ulteriormente la potenza. E' anche interessante notare che con l'evoluzione possono apprendere la mossa Anticura molto prima rispetto ai Tipo Zero e che possono anche apprendere le mosse Rogodenti, Fulmindenti, Gelodenti, Morso, Sgranocchio e Monito. Nel complesso, questo è il potere con cui era stato inizialmente progettato il Sistema Primevo e sapendo che queste bestie hanno bisogno di amore e gentilezza per dare il massimo, come ogni altro Pokémon, si spera che eventuali futuri tentativi di crearne altri tengano conto di ciò sia per il bene della gente che di questi stessi Pokémon.
Feroci, liberi di usare le loro abilità e sicuramente capaci di sconfiggere qualsiasi nemico, i Silvally sono potenti bestie che possono mostrare cosa sia veramente in grado di fare la scienza se usata correttamente. E' improbabile che gli allenatori riescano a trovare ed impiegare questi esseri in battaglia, ma basta pensare alla loro potenza per capire quanto siano impressionanti, tanto da essere i Pokémon Veleno (assieme ai Nihilego), Coleottero (assieme ai Buzzwole e ai Pheromosa), SpettroFuoco (in questi ultimi due casi assieme ai Blacephlon), Erba (assieme ai Kartana), Elettro (assieme ai Xurkitree), Ghiaccio e Folletto (escludendo per tutti MegaEvoluzioni e leggendari) più potenti. Se mai vi capitasse di affrontare un allenatore che ne possiede uno, preparatevi a tutto: anche se statisticamente potrebbero non essere così incredibili in nessun campo, ciò non significa che non possano usare le ROM per sfruttare le debolezze dei vostri Pokémon prima ancora di capire che tipo hanno assunto!

Togedemaru

Togedemaru-SL.pngArtwork777.png

Spoiler

Togedemaru (noto come Pokémon Ricciopalla) è un Pokémon relativamente raro di tipo Elettro/Acciaio che vive nei terreni accidentati della regione di Alola. Sebbene sembrino troppo carini e coccolosi per essere una minaccia reale, in realtà i Togedemaru sono intrepidi roditori in grado di usare mosse di tipo Elettro per stordire ed irritare gli avversari. Se siete alla ricerca di un buon Pokémon domestico da avere in casa, essi potrebbero essere una scelta interessante, ma non provate a spaventarli o a farli arrabbiare, specie se avete il parquet o finiranno per danneggiare la casa quando si appallottolano per difendersi!
I Togedemaru sono un tipo di riccio che s'è adattato per avere caratteristiche fisiche simili a quelle dei Sandslash. Queste adorabili creaturine si nutrono principalmente di bacche e di piccoli tuberi, di conseguenza non rappresentano alcuna minaccia, sebbene si dica che la loro carne sia squisita, motivo per cui sono cacciati sia dagli umani che dai Pokémon, ma per difendersi dagli attacchi diretti possiedono un robusto guscio sviluppato nutrendosi involontariamente dei metalli presenti nel suolo vulcanico, che conferisce loro un livello di protezione da renderli difficili da danneggiare con attacchi convenzionali (sebbene in battaglia non siano poi così resistenti); inoltre quando si sentono minacciati o in pericolo, si appallottolano per poi innescare una reazione elettrica che irrigidirà e rizzerà improvvisamente i loro peli, formando degli aculei che li aiutano a difendersi dagli attacchi diretti, perciò la maggior parte degli esemplari è classificata con l'abilità Spineferrate, di conseguenza possono risultare difficili da cacciare per chiunque non disponga di una qualche forma di corazza, tuttavia ci sono esemplari che hanno parecchio spazio non protetto fra un aculeo e l'altro, permettendo agli avversari di colpire queste zone meno protette per aggirare questa loro difesa.
Per poter rimediare tale problema, questi esemplari sfruttano maggiormente l'offensiva: essi hanno la capacità di assorbire l'energia elettrica per usarla come arma di battaglia. Questa specie infatti ha vari aculei aggregati che formano una sorta di piccolo parafulmine che per alcuni serve a raccogliere l'elettricità (ecco perché è facile vederli all'aria aperta durante i temporali, sperando di venire colpiti dai fulmini), in modo da caricare più velocemente una sacca che hanno sulla schiena che possono poi scaricare quando vogliono per rilasciare lungo un'ampia area attorno a loro attacchi di tipo Elettro. Questi mammiferi non possiedono un grande potere offensivo per infliggere grandi danni con la loro elettricità, quindi la usano in maniera rapida per stordire i nemici e fuggire dai predatori e dagli avversari prima che possano contrattaccare, ma spesso attaccarli mentre rotolano potrebbe causare una conclusione sconvolgente. La loro predilezione di stordire gli avversari può essere notata anche dalla loro mossa peculiare Elettropizzico, che consiste nel'appallottolarsi ed elettrificare i loro aculei mentre sono rizzati per poi rotolare contro l'avversario, causandogli una forte scossa elettrica; tale attacco, oltre ad essere abbastanza forte nonostante le loro dimensioni, può aiutarli a vanificare l'offensiva nemica, visto che nel 30% dei casi circa causa tentennamento, il che è una mossa perfetta per dare tempo a questi esserini di attaccare nuovamente o di fuggire. Tutto ciò e alle sue capacità difensive, spiega perché un Togedemaru è uno dei due Pokémon Dominanti dell'Osservatorio Hokulani nell'isola di Ula Ula della regione di Alola, vivendo in questo terreno montano in attesa di allenatori che intendono sfidare la prova di tipo Elettro.
Sebbene i Togedemaru non siano tra i Pokémon più potenti, possono comunque rivelarsi utili contro tutti coloro che non riescono ad aggirare le loro fastidiose capacità di combattimento. Con una velocità inaspettata e avendo a disposizione la mossa Elettropizzico, ottima per contrastare i nemici incapaci di resistere al suo effetto secondario, questi piccoli roditori possono combattere in maniera tale da sorprendere i loro avversari. Se volete divertirvi con loro però, fate di tutto per non spaventarli: solitamente non faranno nulla per far del male al loro allenatore, ma potreste accidentalmente portarli a colpirvi e lasciarvi storditi per un po', cosa che di certo non vi farà piacere!

Solgaleo

Artwork791.png

Spoiler

Solgaleo (noto come Pokémon Solare) è un'Ultracreatura Leggendaria di tipo Psico/Acciaio originaria di un Ultramondo. Venerato come l'Emissario del Sole e con la forza della luce dalla sua parte, Solgaleo è una potente divinità la cui luce radiante può anche dissipare le notti più buie ed illuminare dove le tenebre regnano sovrane. Sebbene in pochi potranno mai vedere questa bestia, se dovesse capitare, rendetele omaggio, altrimenti potreste scoprire il potere delle stelle che possiede nella maniera più violenta possibile!

I Cosmog e le loro evoluzioni sono creature incredibilmente preziose, dal momento che sono gli unici Pokémon leggendari noti ad avere una famiglia evolutiva, ciò è possibile che sia dovuto alla loro relazione con gli Ultramondi, inoltre i Cosmog e le loro evoluzioni, assieme a Necrozma, sono anche gli unici Pokémon noti originari degli Ultramondi in grado di aprire portali per altri mondi, anche se come facciano rimane ancora un mistero. I Cosmog e le loro evoluzioni sono stati venerati sin dall'antichità a causa di questo loro potere e per via della luce che hanno portato nel nostro mondo, motivo per cui i nativi di Alola chiamavano Solgaleo "La Bestia che Divora il Sole". Questo essere, assieme a Lunala, era l'unica Ultracreatura ad essere riuscita a sconfiggere i quattro Numi Locali insieme nei tempi antichi, ma era anche l'unica che sembrava benevola dato che portò grande prosperità alla regione, al punto che il Re di Alola fece costruire l'Altare ed il Lago Solare/Lunare, quest'ultimo inoltre fu il luogo dove questo essere e Lunala rinacquero come Cosmog per la prima volta sulla Terra. Fra tutte le Ultracreature note che sono comparse nel nostro mondo casualmente tramite l'apertura di vari Ultravarchi aperti dal potere di Necrozma, solamente le forme completamente evolute dei due Cosmog: Solgaleo e Lunala, sono le uniche Ultracreature capaci di portare veramente prosperità alla regione, motivo per il quale furono venerati come divinità, sebbene col tempo le leggende e la verità sulla vera natura della loro pre-evoluzione fu perduta fino ai tempi moderni, quando la loro vera identità fu rivelata in seguito agli eventi dell'Ultracrisi.

Solgaleo è considerato l'Emissario del Sole, ed è in suo onore che gli antichi abitanti di Alola crearono il Flauto Solare, uno strumento in grado di suonare una potente melodia, che secondo le leggende, assieme al suo gemello, il Flauto Lunare, può evocare questa possente bestia extrauniversale nel momento del bisogno. Solgaleo emette costantemente luce dal suo corpo e dalla sua criniera fluente tanto simile al Sole, motivo per cui viene associato ad esso; grazie alla sua luce può illuminare perfino le notti più buie come fosse mezzogiorno, finendo anche per alterare il ciclo diurno, anche se gli effetti non sono mai permanenti. Secondo il popolo antico di Alola, quando il Cosmoem maschio si evolve in questa bestia, porta il suo nucleo centrale a comprimersi al punto in cui avviene una reazione a catena molecolare che quando compresso al massimo fa sì che si espanda, incendiando il nucleo che diventa questa bestia luminosa come il Sole. In questo stadio è classificato di tipo Psico/Acciaio a causa della sua dipendenza dalla luce per attaccare, inoltre statisticamente diventa più forte in ogni campo, in particolare quelli fisici. Con l'evoluzione ottiene anche l'abilità Metalprotezione, abilità dovuta alla sua alta concentrazione di metalli che ne ricopre il corpo, con cui riesce a riflettere la luce, annullando pure mosse ed effetti nemici che indeboliscono le sue caratteristiche di combattimento, anche se gli effetti siano gli stessi dell'abilità Corpochiaro, che tuttavia funziona in modo diverso. Non appena evoluto ottiene accesso alla sua mossa peculiare Astrocarica: questa consiste nell'aprire il terzo occhio per raccogliere energia negativa. Sebbene usi questa tecnica per aprire un portale che conduce agli Ultramondi, può anche usare l'energia raccolta per irradiarla nel proprio corpo in modo che assuma la Fase Sole Nascente, per poi sollevarsi in volo e schiantarsi sul nemico con la forza di una meteora, infliggendo danni di tipo Acciaio; tramite l'uso dell'energia negativa, l'attacco infligge danni ignorando completamente le abilità del nemico, permettendo a Solgaleo d’infliggere danni senza doversi preoccupare di eventuali capacità o caratteristiche particolari, inoltre questa stessa mossa funge da base per la sua Mossa Z peculiare (sebbene possa essere eseguita anche da Necrozma Criniera del Vespro), vale a dire Supercollisione Solare, che di base ha gli stessi effetti, ma con una potenza notevolmente maggiore, capace di devastare qualsiasi tipo di avversario. E' stato infine notato che sia Solgaleo che Lunala alla fine del loro ciclo vitale rinascono come Cosmog, ma come ciò sia possibile non è del tutto chiaro. Nel complesso, Solgaleo è una bestia meravigliosa, con la luce del Sole dalla sua parte anche nelle notti più buie e sarà sempre in grado di brillare per proteggere i deboli e gli innocenti dalle avversità che altri mondi possono portare.

Parlando di Solgaleo, è importante tener conto del ruolo che ha avuto durante i recenti eventi dell'Ultracrisi. La Fondazione Æther, un gruppo originariamente dedicato alla protezione e alla salvaguardia dei Pokémon, ha attraversato una fase pericolosa a seguito della scoperta degli Ultravarchi da parte del Professor Paver, marito di Samina, l'attuale direttrice dell'organizzazione. Durante un esperimento, Paver fu risucchiato da un Ultravarco e non fece più ritorno, Samina allora iniziò a svolgere ricerche sugli Ultravarchi nel disperato tentativo di ritrovare suo marito, scoprendo per caso l'esistenza delle Ultracreature, ciò portò allo sviluppo delle creature note come Tipo Zero, come arma di difesa in caso di un’invasione da parte delle Ultracreature. Durante le ricerche atte a far tornare suo marito, ella conobbe un gruppo di persone note come Ultrapattuglia, un gruppo di umani provenienti da un altro universo e che erano alla ricerca di aiuto per domare il Pokémon leggendario noto come Necrozma, nel timore che potesse invadere quest'universo per rubarne la luce, come fece con il loro. La donna iniziò a raccogliere risorse e assistenza nella speranza di risolvere gli errori commessi in passato, perciò Samina assunse il capo del Team Skull, Guzman, in modo che potessero rapire i Pokémon selvatici e degli allenatori per ottenere i fondi e per preservali in criostasi, mentre si preparava a salvare il suo mondo. Lei riuscì ad ottenere uno dei Cosmog di cui parla la leggenda con l'intento di usarlo per aprire un Ultravarco, studiare le Ultracreature e raggiungere l'Ultramegalopoli, universo dove risiedeva Necrozma. Vittima della sua stessa ambizione egoistica, essa iniziò ad ignorare i propri figli Lylia ed Iridio. Disgustato da ciò che era diventata la madre, Iridio rubò uno dei tre esemplari di Tipo Zero e fuggì di casa, mentre Lylia rimase, ma dopo che anch'ella venne a sapere le intenzioni della madre e della Fondazione Æther riguardo Cosmog, lo prese e tentò di fuggire; Cosmog usò Teletrasporto per portarla all'isola di Mele Mele, dove venne ritrovata dal Professor Kukui e divenne la sua assistente. Da quel momento si è sempre portata Cosmog dietro dentro una borsa, in quanto non poteva permettere che altri lo vedessero, nonostante l'insistenza della creaturina nell'andare disperatamente nei templi dei Pokémon protettori delle isole, sapendo che lì sarebbe stato al sicuro, anche se nessuno capì le sue intenzioni. Tuttavia con il tempo lei riuscì a farsi vari amici, nonostante la sua paura generale nei confronti dei Pokémon, in seguito però Lylia e Cosmog furono rapiti e portati dalla folle Samina, la quale usò il potere di Cosmog per entrare in un Ultravarco per cercare Necrozma, assieme a Guzman che l'assisteva. Ormai drenato dai suoi poteri, Cosmog sembrò ritrovarsi in uno stato dormiente, anche se in realtà si era evoluto in Cosmoem. In seguito, la ragazza ed un allenatore suo amico riuscirono ad ottenere il Flauto Solare ed il Flauto Lunare e si recarono all'Altare Solare/Lunare nel tentativo di rievocare uno dei Pokémon leggendari che un tempo scacciò le Ultracreature, ma con loro sorpresa i flauti non evocarono nessun Pokémon: Cosmoem invece ne assorbì il potere derivante dall'altare riuscendo ad evolversi in uno dei due Pokémon leggendari (quale dei due però è ignoto a causa delle scarse testimonianze oculari). Tuttavia, prima che potessero viaggiare negli Ultramondi, videro Samina e Guzman venire espulsi da un Ultravarco che si era aperto sull'altare, dal quale emerse Necrozma risvegliato. Essendo alla ricerca della luce che l'altro leggendario emanava, i due combatterono brevemente, ma alla fine Necrozma riuscì ad usare i suoi poteri per assorbirne la luce ed impossessarsi completamente dell'avversario, ottenendo una forma quasi del tutto simile ad esso, ma mantenendo la propria mente. Nonostante l'allenatore al fianco di Lylia riuscì a sconfiggere l'essere, esso prima di fuggire aprì una serie di Ultravarchi su tutta Alola, facendo sì che la regione fosse invasa dalle Ultracreature, senza che nessuno sapesse cosa fare a riguardo. Grazie all'ausilio di una particolare tuta e dell'altro leggendario che fino a quel momento aveva aiutato l'Ultrapattuglia, l'allenatore riuscì a raggiungere il loro universo d'origine, l'Ultramegalopoli, dove in cima alla Torre Megalopoli, si trovò faccia a faccia con Necrozma, ora completamente ripristinato avendo assorbito luce a sufficienza per tornare temporaneamente alla sua forma originaria, UltraNecrozma. Nonostante la sua piena potenza, il leggendario fu alla fine sconfitto e ferito al punto da perdere il controllo della luce assorbita e facendolo tornare alla sua forma precedente (perdendo dunque il controllo sul Pokémon impossessato, dato che ormai era troppo debole per mantenerlo in quello stato) e si schiantò nuovamente sulla regione di Alola, anche se come sia successo non è del tutto noto. Al termine dell'incidente, tutti i danni causati furono aggiustati, Samina tornò ad essere la direttrice della Fondazione Æther, ormai tornata mentalmente stabile, Guzman sciolse il Team Skull, mentre l'Ultrapattuglia fece ritorno al loro universo, salvo alcune occasioni per aiutare a contenere le Ultracreature in libertà per la regione a causa degli eventi dovuti alla crisi. Cosa sia successo a Necrozma è tutt'ora un mistero, ma alcuni sostengono che sia nascosto in qualche parte nel nostro mondo, in attesa del momento migliore per ripristinare nuovamente i suoi poteri.

Dotato del potere del sole e degli elementi ad esso collegati, indubbiamente Solgaleo è un’imponente bestia che dispone di un potere fuori da questo mondo, con cui riesce a far risplendere anche i cuori più scuri e titubanti. Essendo il Pokémon Acciaio con la più alta vitalità in assoluto e avendo una serie di attacchi impressionanti e devastanti a sua disposizione, Solgaleo è senza dubbio un essere che merita d'essere rispettato, nonostante prediliga la luce del sole rispetto a quella lunare. Consideratevi fortunati se mai doveste avere l'occasione di vedere questa bestia, e fate di tutto per non offenderla: anche se ha a cuore l'incolumità dell'umanità, se necessario può mostrare cosa può fare il potere del Sole nelle zampe di un alieno leggendario!

Celesteela

Bamboiselle-SL.png

Spoiler

Celesteela (noto come Pokémon Decollo), conosciuto anche come UC 04 Propulsus, è un’Ultracreatura di tipo Acciaio/Volante originaria dell'Ultravalle. Sebbene possano sembrare tranquilli per alcuni e non rappresentino alcuna minaccia, i Celesteela restano potenti creature le cui enormi capacità offensive e difensive possono renderli avversari considerevoli in battaglia. Le loro mosse potrebbero apparire insensate, specie considerando la loro classificazione di tipo, ma ciò è l'ultima cosa di cui dovreste preoccuparvi: avvicinatevi troppo ad uno di loro e vi ritrovate inceneriti, se mai dovesse prendere il volo!

Le Ultracreature sono un tipo di Pokémon da altri universi identificati come Ultramondi. Periodicamente, nella regione di Alola può capitare che si aprano dei portali warp collegati al loro mondo, e mentre nella stragrande maggioranza dei casi ciò non causa alcun problema, se qualcuno dovesse accidentalmente entrare in un Ultramondo ed uscirne, l'energia dell'Ultravarco a cui sono stati esposti potrebbe renderli un faro che attrae questi esseri. Sfruttando gli Ultravarchi per uscire da un Ultramondo, queste creature perseguitano le persone irradiate da questa energia nel disperato tentativo di poter tornare a casa, per poi scoprire, con grande rammarico, che era solo un abitante di quel mondo in cui ora sono prigionieri, questo è il destino di tutte le Ultracreature avvistate nella regione di Alola. Nonostante il loro aspetto terrificante, le Ultracreature sono comunque Pokémon e mentre le normali Poké Ball difficilmente riescono a catturarli, una nuova tecnologia è stata sviluppata dando vita alle UC Ball, in grado di catturarli efficacemente. Anche se questi esseri possiedono enormi poteri e sono completamente estranei nel nostro mondo, senza un luogo dove andare, spesso iniziano ad avere atteggiamenti violenti e attaccano tutto ciò che non conoscono, rendendoli potenziali minacce per Pokémon e soprattutto umani. Nonostante la loro forma e le loro abilità si differenzino moltissimo, tutte le normali Ultracreature condividono l'abilità Ultraboost: questa loro abilità è dovuta alle radiazioni degli Ultravarchi che hanno usato per arrivare in questo mondo; sebbene tale energia sia molto più potente prima della cattura, essi ne conservano ancora il potere per combattere, potenziando drasticamente le loro migliori caratteristiche ogni volta che sconfiggono un avversario. Sebbene siano estremamente pochi gli allenatori che avranno mai l'occasione di incontrare queste bestie - per di più ormai tutti gli esemplari noti presenti alla regione di Alola sono stati catturati - se un giorno dovessero arrivarne altre, state attenti mentre le cercate nella speranza di catturarle.

Nonostante i Celesteela siano classificati di tipo Acciaio/Volante, a causa della loro spessa corazza metallica di cui è composta gran parte del loro corpo e della loro abilità naturale di volare in cielo, alcuni sospettano che siano elettromagnetici; in realtà l'unica cosa alimentata dall'elettromagnetismo da queste creature sono le loro braccia, spiegando come facciano a controllarle nonostante siano divise dal corpo. Questi arti in realtà contengono un gas che generano assorbendo materiale organico dalle loro braccia per poi elaborarlo per creare un fumo organico altamente infiammabile; utilizzando un meccanismo organico presente all'interno di questi arti, essi possono generare una scintilla che accenderà il gas, facendo decollare le braccia e di conseguenza il corpo a causa del forte legame elettromagnetico che li tiene uniti, grazie a questa spinta possono volare a grande distanza e sembra che i Celesteela possano creare un impulso tanto potente da fuggire dalla forza gravitazionale del pianeta per volare nello spazio, se lo desiderano. Nonostante il loro tipo sia dovuto sia al loro materiale corporeo che al modo in cui si muovono, in realtà questi esseri hanno un’anatomia più simile a quella delle piante, in particolare alle canne di bambù, essi infatti producono gran parte dell'energia di cui hanno bisogno tramite la fotosintesi e sono in grado d’individuare luoghi dove c'è molta luce solare grazie alle due macchie fotosensibili presenti sulla sommità del nodulo di controllo primario del loro sistema nervoso, che somiglia ad una testa, per questo motivo possono apprendere numerose mosse di tipo Erba, che altrimenti non potrebbero conoscere, come Gigassorbimento o Semebomba; inoltre possono evitare la ruggine quando assorbono l'acqua, ed essa viene a contatto con la loro corazza, grazie a dei microscopici fori in cui il liquido passa attraverso il materiale metallico. Similmente ad altre piante, essi tentano di avvicinarsi quanto più possibile al sole alzandosi, in modo da essere più esposti alla luce solare, anziché rimanere bloccati in una zona dove la luce entra a malapena. Tuttavia, considerando le dimensioni di questi esseri ed il loro potere con cui possono bruciare un’intera foresta, si può dire che non sono adatti a vivere come altre piante terrestri, una volta però che i Celesteela trovano una zona adeguata in cui fare la fotosintesi, radicheranno le braccia per terra per assorbirne le sostanze nutritive, nonostante le loro enormi dimensioni; spesso assorbono tutto il nutrimento della zona nel giro di due giorni, lasciando la zona dove si sono nutriti completamente sterile. Ciò può renderli una vera minaccia per l'ecosistema locale, specie perché si stanziano su terreni ricchi per sopravvivere, e considerando il loro corpo blindato e la grande varietà dei loro attacchi, le speranze di dissuaderli nell'abbandonare la zona sono pressoché nulle. E' stato osservato che in queste creature da poco esposte agli effetti dell'abilità Ultraboost appena giunti in questo mondo, grazie all'energia a cui sono stati esposti nell'Ultravarco, aumenta notevolmente la loro resistenza fisica (diventando circa il doppio della norma).
Come si può intuire dalla loro anatomia simile ad una pianta, queste creature possiedono un’intelligenza limitata e non sono di certo tra i migliori pensatori, tuttavia risultano più intelligenti della maggior parte dei Pokémon Terra e di altri Pokémon vegetali. Il nodulo di controllo primario del loro sistema nervoso può spostarsi sia verso l'alto che verso il basso per valutare le condizioni ambientali, ma se lo sfruttano anche per altri scopi, come la comunicazione, è ancora ignoto. Riuscendo a determinare le variazioni di temperatura, essi tendono ad evitare zone estremamente fredde in quanto rallentano il loro metabolismo e rende più difficile per loro far fronte ad un luogo alieno come la Terra, tuttavia amano gli ambienti caldi, visto che la loro corazza metallica che ricopre le parti interiori molli agisce come un potente scudo termico in grado di riflettere il calore esterno facilmente, sebbene non sia sufficiente da sopportare i danni degli attacchi di tipo Fuoco, che risultano molto dannosi. Se attaccati, in genere questi esseri rimangono sul posto e usano il loro robusto corpo per distruggere il nemico o semplicemente ne assorbono l'energia finché esso non cadrà stremato, sperando che li lasci in pace. Tutto ciò può rendere difficile rintracciare e gestire questi esseri, ma oltre ad essere molto protettivi verso se stessi quando minacciati, solitamente hanno un carattere piuttosto benigno e raramente risultano delle minacce per altre forme di vita, eccezion fatta per chiunque si trovi nei dintorni durante un loro decollo o per le piante nella zona da cui assorbono tutto il nutrimento dal suolo.
Nonostante non siano molto intelligenti rispetto ad altre Ultracreature, i Celesteela restano torreggianti figure che possono indubbiamente intimidire chiunque, indipendentemente da dove li troviate. Sebbene statisticamente non hanno nulla di particolare rispetto ad altri Pokémon di tipo Acciaio o Volante, ciò permette loro di adattarsi a molteplici scenari di battaglia, ed è per questo che meritano d'essere temuti. Se mai doveste trovare una di queste bestie, statene alla larga e non disturbatele: anche se non hanno alcun interesse nel farvi del male, se mai dovessero avere bisogno di andarsene in fretta, le fiamme che emanano dal corpo al massimo potranno far risparmiare alla vostra famiglia le spese per la cremazione!

 

Modificato da Zarxiel

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Kartana

Sugimori 798.png

Spoiler

Kartana (noto come Pokémon Spadatratta), conosciuto anche come UC 04 Sectio, è un’Ultracreatura di tipo Erba/Acciaio originaria dell'Ultraforesta. Nonostante siano i più piccoli fra tutte le Ultracreature note, i Kartana restano potenti esseri in grado di lacerare i loro nemici senz’alcuna fatica. Queste piccole creature possono sembrare amichevoli, ma sarebbe saggio stare attenti prima di toccarle: sebbene sembrino fatti di carta, avvicinarsi a loro potrebbe farvi provare il più doloroso taglio con la carta che potreste mai immaginare!

Le Ultracreature sono un tipo di Pokémon da altri universi identificati come Ultramondi. Periodicamente, nella regione di Alola può capitare che si aprano dei portali warp collegati al loro mondo, e mentre nella stragrande maggioranza dei casi ciò non causa alcun problema, se qualcuno dovesse accidentalmente entrare in un Ultramondo ed uscirne, l'energia dell'Ultravarco a cui sono stati esposti potrebbe renderli un faro che attrae questi esseri. Sfruttando gli Ultravarchi per uscire da un Ultramondo, queste creature perseguitano le persone irradiate da questa energia nel disperato tentativo di poter tornare a casa, per poi scoprire, con grande rammarico, che era solo un abitante di quel mondo in cui ora sono prigionieri, questo è il destino di tutte le Ultracreature avvistate nella regione di Alola. Nonostante il loro aspetto terrificante, le Ultracreature sono comunque Pokémon e mentre le normali Poké Ball difficilmente riescono a catturarli, una nuova tecnologia è stata sviluppata dando vita alle UC Ball, in grado di catturarli efficacemente. Anche se questi esseri possiedono enormi poteri e sono completamente estranei nel nostro mondo, senza un luogo dove andare, spesso iniziano ad avere atteggiamenti violenti e attaccano tutto ciò che non conoscono, rendendoli potenziali minacce per Pokémon e soprattutto umani. Nonostante la loro forma e le loro abilità si differenzino moltissimo, tutte le normali Ultracreature condividono l'abilità Ultraboost: questa loro abilità è dovuta alle radiazioni degli Ultravarchi che hanno usato per arrivare in questo mondo; sebbene tale energia sia molto più potente prima della cattura, essi ne conservano ancora il potere per combattere, potenziando drasticamente le loro migliori caratteristiche ogni volta che sconfiggono un avversario. Sebbene siano estremamente pochi gli allenatori che avranno mai l'occasione di incontrare queste bestie - per di più ormai tutti gli esemplari noti presenti alla regione di Alola sono stati catturati - se un giorno dovessero arrivarne altre, state attenti mentre le cercate nella speranza di catturarle.

L'anatomia generale dei Kartana è ancora un mistero relativo nonostante tutte le ricerche compiute su queste creature, ciò è dovuto al fatto che solo toccare il loro corpo è incredibilmente pericoloso e folle per chiunque, sia esso vivo o meno; ciò che è stato determinato però, è che sono composti da una sostanza sottile simile alla carta che risponde anche allo stesso modo in base alle condizioni ambientali, reagendo negativamente sia all'umidità che al calore, inoltre questi esseri sono soliti tentare la fuga disperatamente se dovessero vedere uno di questi elementi, ciò è dovuto al fatto che questi hanno un effetto negativo sull'anormale composto organico che ricopre il loro corpo, il quale garantisce loro una colorazione lucida e rende i loro bordi estremamente taglienti. Qualsiasi cosa entri in contatto con i bordi del loro corpo verrà tagliato con facilità, specialmente i bordi delle braccia dei Kartana, tanto che è stato avvistato un esemplare tagliare una torre in acciaio con le braccia, motivo per cui sono gli unici Pokémon in grado di apprendere naturalmente la mossa Taglio. Questo composto organico ha la capacità di resistere a grandi forze fisiche agendo come un ammortizzatore a livello microscopico, conferendo a questi esseri un’enorme resistenza fisica oltre alla loro già alta forza fisica, ma anche con tutta questa resistenza, i Kartana prediligono schivare gli attacchi nemici piuttosto che subirli, il che è semplice visto che il loro corpo simile a carta consente a questi esseri di volteggiare per aria, aggirando con agilità i colpi nemici per poi contrattaccare in modo da infliggere danni gravissimi a quasi ogni Pokémon. L'unica cosa che può minacciarli sono avversari dalla grande resistenza fisica, in grado di sopportare facilmente i loro attacchi senza venire fatti a pezzi in un colpo. E' stato osservato che in queste creature da poco esposte agli effetti dell'abilità Ultraboost appena giunti in questo mondo, grazie all'energia a cui sono stati esposti nell'Ultravarco, aumenta notevolmente la loro forza fisica (diventando circa il doppio della norma).
Sebbene siano incredibilmente pericolosi per qualsiasi forma di vita con cui entrano in contatto, in realtà i Kartana non sono assolutamente minacciosi, anzi tendono ad avere un atteggiamento amichevole verso altri esseri. Questi organismi sono stati avvistati svolazzare in alcuni ambienti in cerca di altre creature con cui giocare e quando trovano qualcuno disposto a guardarli inizieranno ad usare le loro capacità per intrattenere il loro nuovo amico, spesso tagliando cose per dimostrare la loro potenza o qualsiasi altra cosa che possa farli apparire divertenti con cui giocare, spesso però ciò porta i loro spettatori a volerli toccare, cosa che loro non permettono a causa del corpo tagliente ed ogni volta che provano ad abbracciare o anche solo toccare qualcuno, questo finisce per subire una grave ferita, portando un’enorme vergogna ed imbarazzo ai Kartana, visto che hanno portato il loro nuovo amico a fuggire agonizzando. Ciò porta questi esseri ad avere interazioni limitate, perciò devono essere avvolte da un materiale altamente resistente ai tagli per poter essere toccate quando catturate, visto che non hanno alcun controllo sulle loro capacità di tagliare, finendo per squartare qualsiasi cosa senza volerlo. Ultimamente ci sono stati progressi nella creazione di abiti appositi realizzati con un nanomateriale in grado di resistere perfettamente agli effetti del corpo tagliente come le lame di questi esseri. Test sul campo hanno dimostrato che questi indumenti riescono a sopportare un lieve contatto con loro per pochi minuti, sebbene la protezione rimanga comunque limitata; si spera che vengano compiuti maggiori risultati sulla creazione di abiti più resistenti al corpo di questi esserini, in modo che possano trovare qualcuno con cui giocare senza preoccuparsi di ferirlo.
Sebbene sia difficile dimostrare a loro alcuna forma di affetto fisico differentemente dalla maggior parte degli altri Pokémon, le capacità che i Kartana possiedono in natura derivano dalla loro costituzione fisica, che può risultare molto vantaggiosa in alcuni momenti. Essendo i Pokémon Erba con la maggior forza fisica e, assieme a Ferrothorn, con la maggiore resistenza fisica in assoluto, i Pokémon Acciaio con la maggiore forza fisica e anche, assieme a Silvally, i Pokémon Erba più potenti in assoluto, non c'è da sorprendersi se chiunque osi affrontarli finisca per essere fatto a pezzi da questi guerrieri d'origami. Se mai doveste trovare una di queste creaturine svolazzanti, fate di tutto per mantenere le distanze: sebbene siano molto amichevoli nei confronti di coloro su cui vogliono far colpo, non è da escludere che abbracciarli possa accidentalmente tagliarvi in due, e solo la vostra famiglia potrà riunirvi dentro la bara del vostro funerale!

Necrozma

20940b_10b6e34c86f249aa8db7c9d6f64bc9c6~mv2.webp

Spoiler

Necrozma (noto come Pokémon Prisma) è un'Ultracreatura Leggendaria di tipo PsicoPsico/Acciaio o Psico/Spettro (a seconda della forma assunta) che pare sia originaria dell'Ultramegalopoli, uno dei tanti Ultramondi esistenti. Feroce per natura e distruttivo ogni oltre comprensione, Necrozma è una creatura terrificante la cui forza è temuta anche da coloro che un tempo lo veneravano per la prosperità che portava. Anche se molte forme di vita hanno i loro lati positivi, di sicuro non vorrete mai cercare di stringere amicizia con questo essere: osate solo avvicinarvi a lui e non esiterà a vaporizzarvi con uno spettacolo di luci e laser; sebbene sia una scena magnifica, il prezzo è la vostra morte!
Anche se le esatte origini di Necrozma sono avvolte nel mistero perfino per chi lo considera una divinità, secondo la storia tramandata dagli abitanti dell'Ultramegalopoli è un essere paragonabile ad una divinità che fu mutilato a causa dell'avarizia dell'uomo, infatti prima aveva una forma molto più potente e divina e che oggi possiamo vedere molto di rado rispetto a quando era completo. La luce che scorreva in lui formava gran parte del proprio corpo, donando un immenso potere a chiunque ne venisse irradiato. Proprio come Solgaleo e Lunala, anch'esso è capace di usare dell'energia negativa concentrata per aprire degli Ultravarchi, capacità che gli permise di viaggiare in numerosi universi per illuminarli con la propria luce, permettendo la prosperità in essi e dando un potere inimmaginabile, da cui derivano perfino i Cerchi Z e i Pokémon Dominanti che esistono nel nostro universo. Il popolo dell'Ultramegalopoli lo adorava al punto da offrirgli dei tributi, sperando che potesse aiutare il loro mondo, proprio per questo riuscirono ad avere un avanzamento tecnologico nettamente superiore al nostro, grazie al favore di questa splendente creatura; con il passare del tempo però, gli abitanti di quello stesso universo iniziarono a diventare avidi, pretendendo sempre più potere da Necrozma, mettendolo a dura prova. Alla fine ciò lo portò a subire danni gravissimi, causando la distruzione del suo stesso corpo e facendogli assumere quello che oggi noi consideriamo la sua forma normale. Il processo provocò un dolore immane all'essere che, privato della sua stessa luce, s'infuriò al punto da assorbire la luce presente nell'universo per lasciarne solo la quantità minima per permettere alle forme di vita di sopravvivere, portando l'Ultramegalopoli a rimanere nell'oscurità totale. In seguito si diresse nel nostro universo, ad Alola, dove aprì innumerevoli Ultravarchi, ma in questo stato indebolito gli abitanti della regione, assieme ai Numi Locali e a due misteriosi leggendari di un altro universo, riuscirono a costringerlo a ritirarsi nel proprio universo, dove gli abitanti affrontarono la creatura per secoli riuscendo a sigillarla all'interno della Torre Megalopoli. La sua prigionia comunque non avrebbe contenuto il suo potere a lungo, ed in un disperato atto nel trovare un modo di sconfiggere Necrozma e placare la sua furia, gli abitanti formarono l'Ultrapattuglia per trovare qualcuno in un altro universo che avrebbe potuto sconfiggerlo o distruggerlo. Approfittando della situazione per riscattarsi dalla perdita del marito, Samina, la direttrice della Fondazione Æther, decise di aiutarli fornendo loro le UC Ball e assistenza per le loro ricerche, solamente per aggirarli e tentare di diventare la Prescelta di Necrozma (con l'aiuto di Guzman, ex leader del Team Skull) per il proprio tornaconto, il che causò gli eventi che portarono all'Ultracrisi. Samina fallì e Necrozma, ormai risvegliato, si recò nel nostro universo, assorbì il potere di Solgaleo o Lunala (l'identità esatta non è chiara, essendoci prove contraddittorie), per poi portare il nostro universo in un'oscurità temporanea; aprì anche innumerevoli Ultravarchi per causare un'invasione di Ultracreature, mentre esso fuggì verso l'Ultramegalopoli. I Kahuna delle isole insieme ai Numi Locali riuscirono a contenere le Ultracreature, mentre un allenatore, la cui identità è incerta, si recò all'Ultramegalopoli dove ritrovò l'essere che fece ricorso a tutta la sua potenza, nonostante ancora mancassero pezzi del proprio corpo (i quali altri non erano che i Cerchi Z, Supercerchi Z e i cristalli Z), per questo provò un'immensa agonia durante la trasformazione. Fortunatamente, l'allenatore riuscì a sconfiggere Necrozma anche nel pieno dei suoi poteri, e tornò nella sua forma precedente, quella danneggiata, liberando il Pokémon leggendario posseduto per fuggire nuovamente nel nostro universo, dove si schiantò sul Monte Lanakila, tuttavia quando il cratere fu scoperto pubblicamente, lui non era più là, e l'Ultracrisi terminò non appena il nostro universo recuperò la propria luce.
Necrozma è un essere incredibilmente bizzarro ed affascinante, il quale non possiede alcun tipo di tessuto vivente nel suo corpo, ma è solo un costrutto fisico ed energetico animato grazie al prisma più grande possedente una mente senziente formata da energia luminosa e psichica, diversa da qualsiasi forma di luce conosciuta, tanto da essere chiamata ultraluce. Nella sua forma normale ha i piccoli arti inferiori ed è composto da vari prismi giganteschi, il più grande dei quali forma la sua coda altrimenti vuota. Il passaggio della luce attraverso la fessura esposta dietro la coda di Necrozma crea un modello unico di luce rifratta che esce da una piccola apertura nella parte anteriore della struttura che ne forma la testa, la quale crea un display di colori che sembrano formare una sorta di volto rudimentale, ma potrebbe trattarsi di una coincidenza che queste luci formino qualcosa di simile ad una faccia. Quest'entità non sembra aver bisogno di mangiare o respirare e pare sia alimentata solo dalla luce sfruttando gli enormi cristalli prismatici che ha sul dorso delle mani, che utilizza come condotti per assorbire e rifrangere quest'energia per ottenere specifiche lunghezze d'onda della luce trasformandola in ultraluce, che viene usata per alimentarsi e per sostenere il proprio corpo; senza di essa non sarebbe capace di liberare il proprio corpo da detriti minori che potrebbero posarsi sui suoi prismi, potendo addirittura coprirlo impedendogli di assorbire altra luce, oscurando del tutto il corpo e facendolo entrare in uno stato di coma. Il fatto che questo essere possa sopravvivere pur non avendo alcun tessuto organico, facendo uso solamente dell'ultraluce che genera, è un qualcosa di mai visto nel mondo Pokémon. Ciò che rende questa bestia interessante è che la forma cristallina dei suoi prismi interni possiede una composizione chimica che sembra essere impossibile da generare sulla Terra, a testimonianza del fatto che esso sia originario di un Ultramondo. Nonostante tutto, la sua anatomia gli dà accesso a delle capacità particolari, tra cui un’abilità e mosse totalmente esclusive: dal momento che i cristalli prismatici che ne formano il corpo sono molto resistenti e sono in grado di rifrangere qualsiasi tipo di energia, questo essere è classificato con l'abilità Scudoprisma, in quanto ha la capacità di disperdere parzialmente l'energia e la forza cinetica degli attacchi superefficaci con cui viene colpito, riducendo la loro potenza del 25% circa. Per attaccare sfrutta la struttura interna unica della sua coda per generare potenti attacchi basati su proiettili o raggi laser. Uno di questi focalizza l'energia del proprio corpo verso l'esterno attraverso il suo prisma centrale, riuscendo a generare globi instabili di ultraluce per poi lanciarli come proiettili che esplodono, generando un geyser energetico di ultraluce per danneggiare i nemici; questa mossa è nota come Geyser Fotonico, ed è sufficientemente potente da essere un'arma temibile, dato che la sua potenza dipende dalla forza offensiva maggiore di Necrozma, permettendo alla creatura di sfruttare tanto la propria forza fisica quanto la sua potenza energetica quando necessario. La mossa può essere potenziata ulteriormente, diventando la sua Mossa Z peculiare quando si trova in una forma differente da quella basica, nota come Fotodistruzione Apocalittica, per generare un attacco ancora più spietato e potente con più particolarità. Quando la luce entra dalla parte posteriore del prisma che compone la coda dell'essere e viene immagazzinata, l'energia psichica contenuta nell'ultraluce del suo corpo viene energizzata e la spara riflettendola dalla parte che sembra la testa come una sorta di raggi ottici, riuscendo a rispettare i tre requisiti necessari per generare un vero e proprio raggio laser grazie alla luce che passa attraverso Necrozma; dal momento che questa passa attraverso la parte anteriore del prisma, riesce a sfruttarne le sfaccettature e le anomalie strutturali dei cristalli facendo sì che il laser venga rifratto in un arcobaleno di colori che pian piano perde d'intensità man mano che viene emesso dal prisma, creando uno spettacolo di luci e laser potenzialmente letale; questa mossa è nota come Prismalaser e visto l'enorme impiego d'energia che l'essere deve usare, ha bisogno di ricaricarsi dopo ogni utilizzo, ma è molto più potente di un normale Iper Raggio ed è perfettamente capace di eliminare qualsiasi nemico osi ostacolare il suo cammino.

Necrozma è incredibilmente potente anche nel suo stato danneggiato, nonostante ciò lo porti ad usare un'energia più limitata di quanto potesse in passato; ad ogni modo, l'essere è capace di elevare le sue capacità di assorbire la luce in maniera inimmaginabile attaccandosi a grandi fonti d'energia luminosa per assorbirle, così facendo non solo riesce a drenare la luce di interi universi, ma può addirittura impossessarsi del corpo di organismi basati sulla luce, il che gli permette di assumere tre forme distinte oltre a quella normale. Le prime due si basano sulla possessione di due specifiche Ultracreature: Solgaleo e Lunala, dato che entrambi irradiano energia luminosa e possiedono la forma energetica giusta per permettere a Necrozma di impossessarsene. Entrando in questa stato, Necrozma prende il totale controllo della vittima e divide i segmenti del proprio corpo per attaccarli ad essa, mentre un campo energetico di ultraluce li irradia per unire efficacemente i due esseri, con la mente di Necrozma che domina in maniera assoluta. Quando Necrozma s'impossessa di Solgaleo con la forza o tramite l'ausilio del dispositivo noto come Necrosolix, Necrozma assume la forma Criniera del Vespro, diventando di tipo Psico/Acciaio, ma mantenendo la propria abilità, inoltre ottiene accesso alla mossa e Mossa Z peculiari di SolgaleoAstrocarica e Supercollisione Solare; acquisisce anche un enorme aumento della propria forza fisica, un considerevole potenziamento della sua resistenza fisica, uno moderato a quella speciale, una leggera riduzione della potenza dei suoi attacchi speciali ed una lieve diminuzione della sua velocità, potenziando Necrozma dal punto di vista fisico, rendendolo un essere ancora più feroce, capace di lacerare i nemici usando i quattro arti che ha sulla schiena. Quando invece s'impossessa di Lunala, sempre tramite la forza o con l'ausilio del dispositivo noto come Necrolunix, Necrozma assume la forma Ali dell'Aurora, diventando di tipo Psico/Spettro, ma mantenendo la propria abilità, inoltre ottiene accesso alla mossa e Mossa Z peculiari di LunalaRaggio d'Ombra e Deflagrazione Lunare; acquisisce anche un enorme potenziamento della propria resistenza agli attacchi speciali, un considerevole aumento della potenza dei suoi attacchi speciali, una forza e resistenza fisica leggermente superiori ed una lieve diminuzione della sua velocità, potenziando Necrozma dal punto di vista speciale, rendendolo un vero e proprio mostro devastante da fronteggiare, dato che espelle continuamente la propria energia mentre afferra i nemici con i suoi enormi artigli per finirli brutalmente.

L'ultima e la più potente forma di Necrozma, che altro non è che la sua vera forma, è nota con il nome di UltraNecrozma, anche se assumerla non è così facile visto che è incapace di contenere così tanta energia senza provocargli un'immensa agonia; tuttavia esiste un cristallo Z particolare, l'UltraNecrozmium Z che pare essere un pezzo fondamentale del suo corpo prima che venisse mutilato parecchi secoli fa e prima di diventare l'ammasso di pezzi rotti che oggi conosciamo. Nonostante sia incapace di immagazzinare l'ultraluce efficacemente per sfruttarla appieno nella sua normale forma, quando assume una delle sue forme fuse può usare il cristallo Z per riparare temporaneamente i danni subiti dal proprio corpo, assimilando del tutto l'ospite con un processo chiamato Ultraesplosione, le cui funzionalità somigliano molto a quelle della MegaEvoluzione. Questo processo riorganizza i pezzi del suo corpo, mentre l'ultraluce si espande e li ricollega per formare una creatura massiccia e draconica: la sua vera forma. In questa forma Necrozma può usare completamente tutti i suoi poteri, facendogli assumere anche il suo tipo originale, Psico/Drago, e ottenendo l'abilità Cerebroforza a causa della connessione che lega il suo nucleo centrale con il resto del corpo, riuscendo addirittura a mantenere le capacità della forma assunta precedentemente; inoltre, rispetto alla sua forma normale ottiene un aumento catastrofico della forza fisica, una velocità incredibilmente superiore, una maggiore potenza nell'uso degli attacchi speciali, un leggero aumento della sua resistenza agli attacchi speciali ed una lieve riduzione alla sua resistenza fisica (dal momento che le parti fisiche ora sono sparse per il corpo). Ora Necrozma è capace di rilasciare proiettili e raggi laser dal corpo a piena potenza, e nonostante non sia resistente quanto le sue forme fuse dato che ora è formato quasi interamente da ultraluce, rimane tra i Pokémon più potenti conosciuti, arrivando a surclassare le forme note di Arceus. Senza alcun dubbio, esso è una forza inarrestabile a cui pochi possono tenere testa e sebbene sia improbabile che Necrozma riesca ad ottenere tale forma permanentemente, di sicuro chiunque sia sulla nostra Terra che negli Ultramondi rimarrà strabiliato dalla sua luce accecante e dalle sue capacità combattive.

Nonostante tutto il suo potere, osservando il suo comportamento è chiaro che Necrozma è un essere sofferente e che la mancanza di ultraluce stabile nel corpo lo rende addirittura feroce e facilmente irritabile. Nonostante la creatura possa sembrare tranquilla in un primo momento, è in realtà chiaro il dolore che prova, tanto che talvolta si mette a colpirsi da solo, similmente ad un neonato, dimostrando l'enorme agonia che gli provoca tale forma. Si ritiene che questo dolore sia dovuto alla mancanza di un'energia diretta al suo prisma centrale, facendo sì che l'energia psichica al suo interno cambi a livelli irregolari, causando la sua natura irascibile, motivo per il quale spesso attacca ferocemente chiunque osi soltanto avvicinarsi a lui, indipendentemente da quanto innocuo ed innocente sia. Nonostante ciò non bisogna malgiudicare questo essere, visto che ha sofferto una tortura tremenda per millenni e non ha quasi nessun modo per contenere la propria agonia. Quando assume una delle sue forme fuse, il flusso di ultraluce si stabilizza, causandogli molto meno dolore, ma rimane sempre molto feroce e difficile da tenere a bada, anche se fa uso del potere del suo ospite, anche perché non è in grado di mantenere queste forme a lungo senza l'ausilio del Necrosolix o del Necrolunix, i quali aiutano i pezzi di Necrozma ad adattarsi alla forma senza che provi alcun dolore; inoltre permettono anche di calmarlo quando assume la sua vera forma, visto che altrimenti il corpo danneggiato non sarebbe capace di contenere tutto quel potere, e solo tramite il cristallo Z ad esso associato riesce ad usufruire di tutto il suo potere senza farsi del male. Sembra che se dovesse assumere una forma riuscendo a rimanere libero dal dolore sia alquanto docile, senza che rischi di causare ulteriori danni, placando addirittura la sua sete di luce, quindi, nonostante sia l'Ultracreatura più pericolosa esistente, ha pur sempre un cuore e lo dimostrerà non appena ha modo di liberarsi della sofferenza che lo ha tormentato per così tanto tempo.
Considerato una potente divinità di luce che supera in potenza la maggior parte dei Pokémon conosciuti, Necrozma ora è un essere danneggiato e brutale, capace di assorbire la luce di un intero universo per usarla contro chiunque osi imprigionarlo o distruggerlo. Essendo il Pokémon Spettro più potente nella sua forma Ali dell'Aurora (assieme a Giratina e Lunala ed escludendo Arceus), di sicuro sono in pochi quelli capaci di fermare quest'essere tormentato dal dolore, specie se ha della luce da divorare. Se mai doveste avere la sfortuna di incontrare questo costrutto senza avere una squadra di Pokémon capace di tenergli testa, l'unica opzione sensata sarebbe fuggire, nella speranza che esso non vi insegua per spegnere la flebile luce della tua vita!

Magearna

20940b_63a00f12e59541299b17284cca3c2e6c~mv2.png20940b_b1f9059d86294a2cb5c326c64231bf33~mv2.png

Spoiler

Magearna (noto come Pokémon Artificiale) è un Pokémon Leggendario di tipo Acciaio/Folletto che vive nell'Altopiano Nebula vicino al Regno di Azoth. Unico nel design e con poteri davvero particolari, Magearna è una creatura riflessiva e tanto cara, la cui mancanza di tessuto vivente non le impedisce di fare amicizia con gli altri e riempire loro la vita di felicità. Se doveste mai incontrare questa stupenda creatura, cercate di essere ben educati e trattarla amichevolmente e con rispetto, in quanto dovete sapere che questa meraviglia meccanica può fare molto di più che qualche spettacolo visivo in battaglia!
Per poter parlare a fondo della natura e delle abilità di questa macchina, è prima necessario parlare di un recente evento in cui è stata partecipe: l'"incidente di Azoth", che ha fornito informazioni riguardo la sua creazione. La creazione di questo essere meccanico è avvenuta circa 500 anni fa, e fu creata da Nikolaus tramite la scienza arcana come dono per la principessa del Regno di Azoth. Sebbene Magearna fu progettata come una creatura pacifica e amorevole, al suo interno vi risiede la Cuoreanima, un dispositivo alimentato dall'energia vitale di altri Pokémon, che non solo ha donato una mente e delle emozioni a questo Pokémon, ma era anche la chiave per un’arma devastante costruita dalla stessa persona come sistema difensivo per il regno, con la quale sarebbe stato possibile trasformare il castello in una fortezza volante, potendo proteggere il regno da qualsiasi attacco nemico. Nikolaus presto comprese l'enorme pericolo che avrebbe potuto costituire quell'arma nelle mani sbagliate, così rapì Magearna per lasciarla vivere in pace nell'Altopiano Nebula (un luogo abitato dai Pokémon feriti dall'uomo dove potevano vivere in armonia); lì fu trovato da Volcanion, che proteggeva il luogo dai bracconieri, e strinse amicizia con questo Pokémon meccanico. Nell'era moderna, Magearna finì per essere rapito dalle forze del Regno di Azoth capeggiate da Alva, tutore e amico dell'attuale principe del Regno di Azoth; in realtà però il principe venne ingannato da Alva, che gli disse che la creatura doveva tornare al regno in quanto era la sua casa, ma in realtà Alva bramava la Cuoreanima per attivare il sistema difensivo e trasformare il castello in una fortezza volante. Volcanion e Magearna furono inseguiti per tutto il Regno di Azoth e nell'Altopiano Nebula nel tentativo di sfuggire alla cattura, assieme ad un gruppo di allenatori e alla principessa del Regno di Azoth, finendo per riuscire a legare durante il loro viaggio, alla fine però Magearna fu catturato dalle forze di Alva e la sua Cuoreanima rimossa, così Alva riuscì ad usarlo per attivare l'arma distruttiva presente all'interno del castello, sebbene l'essenza di Magearna ancora all'interno fece di tutto per impedire il funzionamento dell'arma tentando in ogni modo di impedire che essa venisse usata, specie all'Altopiano Nebula. Purtroppo Alva riuscì ad usare il suo Pokémon per neutralizzare la sua resistenza ipnotizzando la Cuoreanima, così riuscì ad usare l'arma di distruzione contro l'Altopiano Nebula, seppure continuò a resistere fino a dissipare la volontà della Cuoreanima. Nonostante riuscì a scatenare l'attacco, i Pokémon selvatici si salvarono grazie all'intervento di Zygarde nella sua Forma Perfetta, che con un Dragopulsar riuscì a deviare l'attacco, salvando la zona dalla distruzione totale; in seguito gli allenatori e la principessa che avevano aiutato Volcanion, riuscirono ad entrare nella fortezza grazie proprio a Volcanion, a quel punto Alva tentò la fuga, ma si schiantò nel peggiore dei modi, in quanto il suo "jetpack" rimase danneggiato dagli attacchi del Greninja di uno degli allenatori; il motivo per cui aveva tentato la fuga era perché gli invasori riuscirono a rimuovere la Cuoreanima dall'arma, portando la fortezza a perdere quota e a precipitare sopra l'Altopiano Nebula, Volcanion a quel punto usò il suo attacco Esplosione per distruggere completamente la fortezza, mentre tutte le persone e i Pokémon a bordo riuscirono a fuggire e mentre loro pensavano che Volcanion fosse morto nell'esplosione, esso in realtà era sopravvissuto. Sebbene Magearna sembrava aver perso tutti i suoi ricordi e la sua personalità, dal momento che la sua volontà fu dissipata dalla Cuoreanima, appena vide Volcanion ancora vivo riuscì a ripristinare la sua memoria. In seguito all'incidente, Alva, miracolosamente sopravvissuto, fu arrestato, mentre i resti della fortezza furono seppelliti sotto l'Altopiano Nebula, gli allenatori invece ripresero la loro strada ed il principe decise di partire per la sua personale avventura e vedere il mondo al di fuori del suo regno.
Magearna di per sé è una creatura estremamente dolce e cordiale, sebbene non abbia la capacità di comunicare con il linguaggio umano, riuscendo solo ad emettere suoni robotici, ma riesce comunque a capire sia il linguaggio umano che qualsiasi altro tipo di comunicazione verbale, rispondendo sempre nella maniera più educata e dignitosa possibile. Anche se un tempo la creatura era dipinta con brillanti colori dorati e rossi, con il tempo i colori si sono sbiaditi, lasciando la colorazione argentata presente tutt'oggi, ma eccetto questo, tutto il resto del suo corpo è rimasto invariato da quando è stato creato, inclusa la sua personalità gentile, che lo porta a compiere azioni che molti riterrebbero impossibili per un Pokémon artificiale, ma si pensa che ciò sia un effetto della Cuoreanima, dal momento che è stata alimentata dalla forza vitale di centinaia di Pokémon, rendendola simile ad un'anima artificiale, che concede a questa macchina una propria personalità, capacità di percepire e capire il dolore, pensieri, emozioni e sentimenti degli altri, oltre al potere di esercitare la forza fatata, in quanto è questa l'energia di cui è stata imbevuta la Cuoreanima. Sebbene Magearna sia fisicamente incapace di esprimere la paura sul suo volto, quando si sente minacciato o teme un attacco, può ritirarsi all'interno della sua gonna metallica assumendo un aspetto simile ad una Poké Ball gigante; inoltre la sua avanzata struttura gli permette di usare alcuni trucchi divertenti, come la creazione di mazzi di fiori direttamente dalle sue mani, sebbene sia comunque in grado di difendersi e di combattere, una precauzione presa da Nikolaus, motivo per cui può usare varie mosse, tra cui Ingracolpo, appresa anche dalla famiglia evolutiva di Klink; per di più l'abilità di questa creatura, siccome è concessa dalla Cuoreanima, viene chiamata allo stesso modo, in pratica gli permette di convertire la sua forza fatata per alimentare i suoi sistemi d'arma ogni volta che vede un Pokémon venire sconfitto in battaglia, aumentando quindi la potenza dei suoi attacchi speciali, inoltre grazie alla sua struttura meccanica è anche l'unico Pokémon in grado di apprendere la mossa Cannonfiore, che consiste nello sparare un raggio alimentato puramente da forza fatata, nonostante la sua grande potenza però, questa tecnica mette a dura prova i suoi sistemi d'armamento, riducendo la potenza dei suoi attacchi speciali (dimezzandola circa); ad ogni modo Magearna è una macchina in grado di rivelarsi una vera minaccia in battaglia, sebbene prediliga giocare con gli altri piuttosto che fare del male.
Nonostante non ami molto il combattimento, Magearna resta una macchina potente in grado di causare molti danni a tutti coloro che provano a fare del male ai suoi amici. Anche se probabilmente sarete costretti ad andare lontano per vedere questa creazione, il fascino e la gentilezza che dà sono tali da far valere la pena il viaggio. Se siete allergici al polline, non avvicinatevi molto se mai doveste ritrovarvi nei pressi del Regno di Azoth o all'Altopiano Nebula, altrimenti verrete sopraffatti da un’allergia quando questa macchina non voleva fare altro che sorprendervi facendovi apparire davanti un mazzo di fiori quando meno ve lo aspettate!

Stakataka

Artwork805.png

Spoiler

Stakataka (noto come Pokémon Bastione), conosciuto anche come UC Structura, è un’Ultracreatura di tipo Roccia/Acciaio originaria di un Ultramondo ignoto. Sebbene la loro somiglianza con oggetti inanimati possa trarre in inganno chiunque non sappia della loro esistenza, gli Stakataka sono di fatto esseri unici e potenti le cui difese sono praticamente impenetrabili e la cui forza fisica è superiore di quanto non sembri. Anche se non sono di certo le creature più veloci esistenti, ciò non è assolutamente un problema: dopotutto, chi ha bisogno della velocità quando si ha la resistenza di un castello e si può colpire con forza qualsiasi avversario ignaro?!
Le Ultracreature sono un tipo di Pokémon da altri universi identificati come Ultramondi. Periodicamente, nella regione di Alola può capitare che si aprano dei portali warp collegati al loro mondo, e mentre nella stragrande maggioranza dei casi ciò non causa alcun problema, se qualcuno dovesse accidentalmente entrare in un Ultramondo ed uscirne, l'energia dell'Ultravarco a cui sono stati esposti potrebbe renderli un faro che attrae questi esseri. Sfruttando gli Ultravarchi per uscire da un Ultramondo, queste creature perseguitano le persone irradiate da questa energia nel disperato tentativo di poter tornare a casa, per poi scoprire, con grande rammarico, che era solo un abitante di quel mondo in cui ora sono prigionieri, questo è il destino di tutte le Ultracreature avvistate nella regione di Alola. Nonostante il loro aspetto terrificante, le Ultracreature sono comunque Pokémon e mentre le normali Poké Ball difficilmente riescono a catturarli, una nuova tecnologia è stata sviluppata dando vita alle UC Ball, in grado di catturarli efficacemente. Anche se questi esseri possiedono enormi poteri e sono completamente estranei nel nostro mondo, senza un luogo dove andare, spesso iniziano ad avere atteggiamenti violenti e attaccano tutto ciò che non conoscono, rendendoli potenziali minacce per Pokémon e soprattutto umani. Nonostante la loro forma e le loro abilità si differenzino moltissimo, tutte le normali Ultracreature condividono l'abilità Ultraboost: questa loro abilità è dovuta alle radiazioni degli Ultravarchi che hanno usato per arrivare in questo mondo; sebbene tale energia sia molto più potente prima della cattura, essi ne conservano ancora il potere per combattere, potenziando drasticamente le loro migliori caratteristiche ogni volta che sconfiggono un avversario. Sebbene siano estremamente pochi gli allenatori che avranno mai l'occasione di incontrare queste bestie - per di più ormai tutti gli esemplari noti presenti alla regione di Alola sono stati catturati - se un giorno dovessero arrivarne altre, state attenti mentre le cercate nella speranza di catturarle.

Gli Stakataka sono unici fra tutte le Ultracreature conosciute, per il semplice fatto che in realtà è una legione di esseri, proprio come gli Spiritomb. Ogni Stakataka è composto da un gran numero di creature individuali, guidate indipendentemente, che agiscono e pensano insieme al punto da sembrare un'unica entità, ma questo comportamento sembra sia dovuto al bisogno di proteggersi usando la superiorità numerica, dato che singolarmente sono talmente deboli da non poter neppure attaccare in nessun modo. Gli Stakataka sono composti da due tipi distinti di creature, ciascuna con uno scopo specifico: il primo tipo compone le zampe di queste creature, e sono entità cubiche che possiedono un grosso occhio tondeggiante che serve per esaminare l'ambiente circostante tramite il campo magnetico di esseri ed oggetti che hanno attorno; ciò non è il modo principale con cui gli Stakataka vedono, ma serve solamente per vedere il terreno circostante, in modo da evitare di rimanere bloccati cadendo in un'eventuale buca. Queste entità cubiche sono legate fra loro tramite un forte legame elettrico, ma non tanto da impedirne lo spostamento, così che ciascun essere riesca a regolare la propria posizione per facilitare la camminata, ma non essendo appunto un legame molto forte possono comunque scivolare e staccarsi, costringendoli a strisciare molto lentamente per muoversi. Il corpo principale invece è composto da esseri più simili a mattoni con due lati principali, uno difensivo e uno oculare; i lati oculari, proprio come suggerisce il nome, vengono usati dagli Stakataka per vedere ciò che li circonda, sfruttando anche il campo elettromagnetico emanato dalle altre forme di vita e dagli oggetti, ma differentemente dalle unità che compongono le zampe, queste sono più complesse ed efficienti, tanto da riuscire a distinguere le forme attorno ad oggetti e creature, anche quelle più complesse, che invece le unità delle zampe non riescono a distinguere bene. Nonostante le unità a mattoni abbiano l'occhio in un solo lato, essi possono ruotare, per vedere il proprio interno o il proprio esterno per individuare eventuali nemici che provano ad invadere la sua cavità interna. Il lato opposto invece è più protetto, motivo per il quale la maggior parte delle unità espongono questo lato verso l'esterno, mentre sono pochi quelli che mantengono il lato oculare all'esterno per vedere eventuali assalti nemici; tuttavia, durante l'esecuzione degli attacchi speciali, molte più unità espongono il proprio lato oculare, ciò per assicurarsi che non vengano interrotti. Anche le unità del corpo principale sono connesse fra loro tramite legami elettrici, ma sono nettamente più forti rispetto a quelli delle zampe, il che permette alle unità a mattone di muoversi solo lungo degli assi specifici, perciò è quasi impossibile che possano staccarsi. Entrambi i tipi di unità sono formati da un materiale organico simile alla pietra coperti da una sorta di fungo alieno che si condensa e si indurisce man mano che cresce, perciò esse sono protette ulteriormente da uno strato metallico prodotto da questo fungo presente al loro centro, ciò va anche a creare uno scudo difensivo interno che impedisce a tutti loro di frantumarsi e causa l'emanazione di una brillante luce blu, la quale è la causa del legame elettrico che lega il corpo principale. Tutto ciò rende un'autentica impresa ferire uno Stakataka in qualunque maniera, e le sue incredibili difese servono per mantenere al sicuro le legioni di unità che compongono questo essere; come se non bastasse, il potenziamento dell'Ultraboost avvenuto negli esemplari non appena arrivati nel nostro universo a causa dell'elevata esposizione all'Ultraenergia, ha ulteriormente incrementato la loro resistenza fisica (che è raddoppiata rispetto alla norma).

Sebbene abbiano un'imponente forma fisica, gli Stakataka in realtà tendono ad avere un carattere alquanto timoroso e non amano essere visti, perciò sfruttano la loro struttura fisica combinata per fingersi un oggetto ed evitare i predatori. Nel nostro universo la loro somiglianza con gli edifici li ha aiutati moltissimo a mimetizzarsi semplicemente rimanendo immobili, distesi a terra o fingendosi un qualche edificio per confondersi con l'ambiente circostante, ma mentre ciò funziona perfettamente per rovine o altri siti archeologici abbandonati, la loro presenza è facilmente individuabile nelle città moderne, perciò tale forma suggerisce che gli umani del loro universo abbiano capacità edili più limitate rispetto a noi e/o con materiali che ancora non sono stati scoperti. Fortunatamente gli Stakataka anche quando scoperti fanno del loro meglio per non farsi prendere dal panico, e tentano di allontanarsi con quello che possiamo definire il galoppo più lento del mondo, mentre usano il loro corpo come scudo per difendersi da eventuali attacchi fino a quando non trovano un nuovo posto dove riposarsi con poche perdite. Essi riescono addirittura a sostituire le unità distrutte tramite la riproduzione asessuata, anche se è piuttosto complicato, visto che ciascuna unità può riprodurre solo un'altra unità del suo stesso tipo, il che potrebbe causare complicazioni nel caso dovessero subire gravi danni. Nonostante il loro carattere timoroso, è sconsigliato far arrabbiare o disturbare uno Stakataka, dato che nonostante la loro lentezza possono usare potenti attacchi fisici usando le loro stesse unità come vere e proprie armi, riuscendo addirittura a schiacciare i loro avversari con una forza che pochi altri Pokémon possono eguagliare; gli allenatori non dovrebbero avere problemi ad usare ciò a proprio vantaggio, se mai dovessero riuscire a catturare una di queste creature. Inoltre la loro indole tranquilla li rende molto facili da allenare, specie se li si aiuta a superare la loro timidezza.

Di certo non potranno mai vincere una gara di velocità, tuttavia gli Stakataka restano dei colossi dall'imponente difesa capaci di rivelarsi una seria minaccia se non si ha modo di penetrare le loro difese. Essendo i Pokémon Acciaio con la maggior resistenza fisica (escludendo le MegaEvoluzioni) e possedendo occhi capaci di vedere letteralmente sia tutto ciò che hanno attorno che ciò che hanno all'interno, è sconsigliato provocarli in combattimento se mai si fosse interessati ad aggiungere uno di questi esseri alla propria collezione, altrimenti si rischia di essere schiacciati dal loro imponente ed impenetrabile corpo. Se volete sfruttarli al meglio è sconsigliato usarli unicamente come arredamento domestico: di sicuro possono tenere alla larga eventuali vicini ficcanaso, anche se non è il massimo quando si viene a sapere che ha sfondato il giardino e la casa del vicino solo perché esso ha deciso di entrare in quello che di sicuro non era di sua proprietà!

 

Modificato da Zarxiel

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

postato Lairon, domani tocca ad Aggron, Beldum, Metang e Metagross.

Nota: Ho fatto una piccola correzione su Aron, li avevo detto che Lairon usava i rottami umani per la corazza, quando invece smette di usare le costruzioni umane per crearla, mi sono confuso XD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Bene, ho corretto sia Registeel che Shieldon! Molto interessante Registeel! E i più faccio notare che ho corretto un pezzettino che potrebbe essere presente anche negli altri Regi, verso la fine del secondo paragrafo di Registeel:

Spoiler

Cosa accadde (prima c'era "accede") dopo è un mistero,

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme
1 ora fa, Giuls92 ha scritto:

Bene, ho corretto sia Registeel che Shieldon! Molto interessante Registeel! E i più faccio notare che ho corretto un pezzettino che potrebbe essere presente anche negli altri Regi, verso la fine del secondo paragrafo di Registeel:

  Nascondi contenuto

Cosa accadde (prima c'era "accede") dopo è un mistero,

 

Grazie per la segnalazione, ho già provveduto a correggere Regice :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

postati Lucario e Magnezone, domani Probopass, Dialga, Heatran ed Arceus e richiedo la cancellazione del post

Giuls92 (15 novembre)

Ti ho corretto tutto finora direttamente dal tuo post, con Modifica, quindi non ci devi rimettere mano se non in caso tu vedessi qualcosa che non ti torna o per apportare altre modifiche a tuo piacimento xD

Inoltre domani apro il sondaggio per la prossima

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

postati Probopass, Dialga, Heatran e Arceus, quindi 4° gen finita, domani inizio la 5° con Excadrill, Escavalier, Ferroseed e Ferrothorn

Tra poco apro il nuovo sondaggio visto che la gen 6 è già fatta (comprende solo la linea di Honedge e Klefki che ho fatto nelle analisi Spettro e Folletto, quindi questa volta il sondaggio lo faccio con la 5° gen)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

postati Klinklang, Pawniard, Bisharp e Durant, domani finisco l'analisi Acciaio con Cobalion, Genesect, Honedge, Doublade, Aegislash e Klefki (e ovviamente il sondaggio chiuderà una volta che li ho postati)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Postati: Cobalion, Genesect, Honedge, Doublade, Aegislash e Klefki, quindi analisi Acciaio FINITA, domani inizio la Normale :D

 

NOTA PER GIULS: Avvertimi se modifichi: il secondo paragrafo (le origini dei Solenni Spadaccini), la seconda parte del terzo paragrafo (quello che parla della mossa Spadasolenne e dell'abilità Giustizia) e il quarto (che parla del film) di Cobalion, visto che questi sono condivisi con Virizion e Keldeo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme

Letti Beldum, Metang e Metagross, che mi interessavano molto.

Che dire, tutte e tre sono bellissime descrizioni, solo, i Metagross non sono solo mostri da combattimento, sanno anche essere Pokémon amichevoli. (Ovvio, se sotto il controllo di un allenatore). Lo conferma anche l'anime negli speciali della MegaEvoluzione, dove quello di Rocco 'festeggia' la vittoria assieme a Chespin.

E poi, mi viene un dubbio... come hai scritto, i Metagross hanno bisogno di mangiare una preda alla settimana/al mese per ottenere energia e riuscire così a usare i propri poteri psichici per fluttuare... ma volendo, non potrebbero mangiare altre sostanze in grado di fornirgli queste energie? Perché vedere il proprio Pokémon mangiare un povero Pidgey selvatico, beh...

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altre piattaforme