Vai al commento


[Detective Pikachu e la Scuola di Investigazione] La trappola! - Prova Quattro


Post raccomandati

PZkhzWy.jpg

 

Gli studenti sono bloccati nel seminterrato insieme a Don Mattepig ed Hercule Stoutland, che aveva cercato di tendere una trappola al ladro, riuscendoci, ma coinvolgendo per errore anche gli studenti.

 

Grazie ad una lotta con Hercule Stoutland, è stato scoperto che il presunto ladro ha il pelo rossastro e gli occhi azzurri, o quantomeno che abbia delle caratteristiche simili nel corpo (dunque qualcosa che possa sembrare peluria rossa e qualche parte del corpo azzurra e brillante).

 

Ipotizzando l'identità del misterioso Pokémon, dunque, gli studenti dovranno cercare di realizzare una trappola efficace per far uscire fuori allo scoperto il ladro.

 

La trappola!

 Quarta Missione

 

Regolamento

 

Bisogna ipotizzare l'identità del Pokémon misterioso e studiare una trappola da tendegli, di qualsiasi tipo, ma ispirata al Pokémon che avete identificato. Non è necessario indovinare proprio quale Pokémon sia coinvolto (anche se dovrete comunque basarvi sulle informazioni di cui siete in possesso), l'importante è costruire una trappola efficace per il Pokémon che avete in mente che sia in linea con abitudini, aspetto o altro di quel Pokémon. Ovviamente, se indovinate il Pokémon in questione il punteggio da voi ottenuto sarà migliore!

 

Vincerà la prova chi realizzerà la "trappola" più originale ed efficace. Potete creare una trappola fisica, ma anche sfruttare l'inganno per "far uscir fuori" il ladro. Stupiteci!

 

Dovrete inviare il lavoro in questa discussione entro le 11:59 del 1/05

 

Al termine della prova, passeranno i cinque migliori tra gli studenti promossi alla Quarta Missione, ma stileremo una classifica che comprenderà anche i lavori di chi non è passato alla fase successiva o che è stato eliminato alla Prima Missione, che si tramuterà in Distintivi. Saranno assegnati Distintivi ai dieci migliori, a prescindere dal fatto che siano tra i quattordici studenti selezionati per la seconda fase o meno.

 

Vi ricordiamo che lo studente con più distintivi alla penultima missione, se eliminato, potrà rientrare in gara. Dunque, si parla proprio della prossima missione. Un sesto concorrente si aggiungerà ai cinque promossi da questa missione già dalla prossima prova.

 

Per qualasiasi domanda, potete contattare Hercule Stoutland

Link al commento
Condividi su altre piattaforme

Spoiler

Mentre Rose incominciò a perlustrare il sotterraneo, alle sue spalle, le voci del Rettore e dei suoi compagni si allontanavano sempre più. Risalire nella sua stanza per prendere ciò di cui aveva bisogno per stanare il colpevole in fuga avrebbe comportato una perdita di tempo che nessuno poteva permettersi, bisognava essere rapidi in quel frangente per non farlo scappare, certo si domandava anche chi sarebbe riuscito a passare attraverso le finestre del seminterrato, ma in quel momento decise di concentrarsi sulla riuscita del suo piano. Si ricordò di aver visto, poco prima, adagiate su uno scaffale, delle reti che probabilmente erano state usate in passato per la raccolta delle ghicocche. Infatti, dove ora sorgeva la più famosa Accademia di Polizia di tutta la nazione, prima vi era stata la vastissima tenuta del Marchese Von Ursaring, di chiara origine austriaca. Qui si producevano e raccoglievano miriadi di frutti che poi venivano venduti ai mercati di tutta la regione.Il nobile dopo la morte di sua moglie e dei loro tre figlioletti nel rogo avvenuto un giorno di maggio di molti anni prima nella dependance, ora trasformata nel famosissimo laboratorio di chimica di Stoutland Yard, aveva deciso di far dono di quella proprietà alla città per poi tornare, per sempre, nel suo paese di origine. Grazie alle sue doti di provetta ginnasta, Rose sistemò una rete aperta a quasi 3 metri di altezza da terra ancorandola con una corda ai montanti di due scaffali tra essi opposti. Nello scendere, però, mise un piede in fallo e cadde, nel rialzarsi fece una scoperta agghiacciante. Sul pavimento intravide degli strani segni, con l'aiuto della fiammella di un cerino (portava sempre dei cerini per non scaricare il cellulare) notò delle impronte prima di forma allungata e poi più circolare. All'improvviso fu tutto chiaro, prese il suo iPod, selezionò un verso del pokemon che poteva fare al caso suo (da anni collezionava versi di pokemon), lo posizionò al di sotto della trappola da lei costruita, lo accese e si mise in attesa. Dopo poco udì il rumore di passi che si avvicinavano sempre più, riconobbe alcuni suoi compagni, prima Indo, poi ovviamente Vangel che non si allontanava mai da lei, poi forse Rock, Flamio inconfondibile per la sua parlata "Aho' aspettateme che cio' paura der bujo!" e in ultimo colui che voleva attirare...Non appena quella figura arrivò nel punto prestabilito staccò la corda che reggeva la rete ai montanti e questa cadde facendo un unico prigioniero. "Ragazzi fate luce con i vostri cellulari" disse Rose e in un istante tutti illuminarono nella stessa direzione. Tra lo stupore generale in trappola era finito proprio Stoutland! Biascicava e imprecava mentre la ragazza cominciò ad ispezionare il suo corpo e all'improvviso notò che sulla sua criniera mancava un ciuffo di peli...Allora disse:" Sapevo che il verso di un cucciolo della tua specie non ti sarebbe stato indifferente", con scatto felino afferrò la coda del pokemon, la tirò forte e davanti tutti si mostrò con le sue vere sembianze...uno Zoroark dai tipici occhi blu e con una folta criniera rossa alla quale mancava, però, un ciuffo di peli. "Ora ci dirai che fine ha fatto il Rettore!" urlò Rose...

(Modificata una i in j)

Sprite by Alemat                                                                                 Sprites by Freedom                                                                         

RoseRed-Malefica       Rosered.png.f29b5bcbb0ca41d1b98cbbd7a3b2406e.png    IMG-1534.jpg   image.pngxkKdcYU.png4h66HLf.pngkKF7Xik.pngYAFEBYe.pngimage.png

 

UO6Zx6H.png

 

IMG-1535.png

 

IMG-2288.jpg

 

IMG-1537.jpg

 

 

 

Link al commento
Condividi su altre piattaforme